Facebook: non è meglio leggere prima di condividere?

Facebook: non è meglio leggere prima di condividere?

Quando si andrà a condividere un link incontrato su Facebook, la piattaforma suggerirà di leggerne i contenuti prima di procedere con la condivisione.
Quando si andrà a condividere un link incontrato su Facebook, la piattaforma suggerirà di leggerne i contenuti prima di procedere con la condivisione.

Una delle principali piaghe del mondo dei social network (ma va anche ben oltre la sola sfera digitale delle piattaforme) è la mancanza di approfondimento sui temi da parte degli utenti. Le discussioni restano così debellate da un vizio di forma: si commenta prima ancora di aver letto gli articoli che volevano essere uno spunto di dibattito. Pur se in grosso ritardo rispetto a quanto questa piaga è emersa in tutta la sua forza, ora Facebook cerca di porre un freno al problema.

Facebook: prima leggi, poi condividi

L'azione di Facebook non sarà una soluzione definitiva, ma almeno metterà ognuno di fronte al problema: condividere un link prima ancora di averlo letto, oppure leggere e formarsi un'opinione autonoma potrebbe essere cosa buona e giusta? Quando si andrà a condividere un link, semplicemente, l'interfaccia deciderà cosa si intende fare: non si procederà automaticamente a condivisioni impulsive (che molti danni hanno fatto soprattutto in termini di complottismo), ma si proporrà almeno una facoltà di scegliere. Questa, del resto, è l'intelligenza: avere la possibilità di scegliere ed esercitare questa facoltà.

Facebook sceglie dunque di perseguire la via inaugurata da Twitter, che già da alcune settimane porta avanti medesima iniziativa. Lo scopo è quello di favorire la lettura dei link, portando peraltro maggior traffico ai siti di news invece di assorbire tutte le spore di una condivisione impulsiva e priva di significato che non sia quello di aumentare gli effetti delle echo chamber su specifici argomenti ed attorno a specifici utenti sempre pronti a recepirne le vibrazioni più taglienti. Un'opzione offerta alle masse affinché le condivisioni non siano basate solo su titolo e immagine di copertina, ma sui fatti descritti e sul giudizio personale effettivo: una cosa tanto normale da essere rivoluzionaria entro un perimetro dove fino ad oggi proprio i titoli più pusillanimi hanno raccolto i maggiori risultati.

La nuova pop-up servirà a poco? Resta un passo in avanti, un piccolo battito d'ali che in certi contesti può avere importanti ricadute. Ogni modifica virtuosa va presa per quel che è: il tentativo di ricostruire un dibattito collettivo efficace, che tolga alle condivisioni compulsive quelle autostrade che tante scorie stanno lasciando sul proprio percorso.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 05 2021
Link copiato negli appunti