Facebook: PR pagati, ma non per mentire

Continua la coda al veleno per il social network che ha cercato di portare sulle prime pagine le mancanze di Google sul tema privacy. Finendo per trascinare se stesso al centro dell'attenzione

Roma – Facebook ha sì confermato di essere dietro la società di PR Burson-Marsteller che suggeriva alla stampa storie su Google e privacy: ma ha cercato di spiegare che non si tratta di una macchina del fango , ma solo della volontà di portare all’attenzione pubblica situazioni da essa ritenute pericolose per la privacy degli utenti. In ogni caso, ha ammesso che potendo tornare indietro si comportarterebbe in maniera diversa.

“Nessuna macchina del fango è stata autorizzata o voluta – ha detto il portavoce di Facebook – ma volevamo semplicemente che terzi verificassero l’utilizzo fatto dei dati caricati dagli utenti su Facebook da parte di Google Social Circles . Allo stesso modo avevamo già condannato simili utilizzi in passato”. Per porre all’attenzione dell’opinione pubblica tali situazioni, quindi, era stata assunta Burson-Marsteller, e non per montare notizie false o tendenziose. L’agenzia di PR, peraltro, non ha perso occasione per dire, pur non spiegando perché ha accettato il caso, che si è limitata a seguire gli ordini anche se contravvenivano al suo codice di comportamento . Le due al centro del polemiche, insomma, stanno cercando di scaricarsi reciprocamente addosso le responsabilità.

Che l’intero episodio rappresenti di fatto un enorme errore di comunicazione da parte di Facebook, in ogni caso, l’hanno capito anche a Palo Alto: per quanto potessero avere o meno un fondo di verità, le storie sul nuovo tentativo di social newtork di Google Social Circle sono state accantonate per concentrare l’attenzione mediatica sul metodo scelto dal social network per diffonderle . Eppure qualche dubbio il servizio lo lascia sicuramente aperto, soprattutto se si pensa a tutte le problematiche conseguenti a Google Buzz e al suo includere gli utenti in una rete sociale automatica.

FB, d’altronde, avrebbe avuto tutta la forza e la capacità di comunicazione per sferrare un “attacco diretto” all’avversario e il suo stesso portavoce ha ammesso che avrebbero “dovuto agire in maniera trasparente e seria”. Avrebbe, insomma, fatto meglio a fare come adesso, invitando a valutare da sé, con il proprio account Google aperto, il link del servizio che fornisce automaticamente in un’unica pagina tutti i contatti dell’utente. O almeno tutti quelli autonomamente rintracciabili online con differenti ricerche. Con questo servizio Google si macchierebbe inoltre, dice adesso direttamente Facebook, di scarse previsioni a tutela della privacy.

Sbagliata, insomma, la valutazione iniziale, ribadita da Burson-Marsteller, per cui si era scelto di agire in questo modo per permettere agli utenti una valutazione autonoma della vicenda, senza cioè che fosse considerata una disfida Google-Facebook.

Ora è invece evidente che la scelta di FB di un “sotterfugio” abbia generato negli osservatori la convinzione che il sito in blu stesso stia sul chi vive: sia nei confronti di un nemico giudicato sempre più pericoloso anche nel proprio regno, quello del social network, sia perché l’argomento che viene contestato alla concorrente diretta, la gestione della privacy e dei dati degli utenti, non si può certo definire il suo punto di forza, tanto che è stato più volte costretto a riformare le proprie policy in materia e a sottoporsi ad una revisione periodica da parte delle autorità. Insomma, alcuni osservatori hanno parlato senza mezzi termini di bue che dice cornuto all’asino .

A queste valutazioni si aggiunge la considerazione per cui quella che appariva come una guerra fredda tra i due giganti ICT si sia sempre più surriscaldata . Forse, quest’Internet è diventata “troppo piccola” per tutte e due le aziende che ormai si pestano in piedi su advertising, email , social network, mobile e, con l’ accordo FB-Miscrosoft , anche sulla ricerca online.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Oracle Guru scrive:
    nessuna perdita di dati?
    speriamo, l'ultimo post bello lungo e i relativi commenti sono spariti per il momento e anche la cache di google puntare a un riferimento inesistente (a che serve la cache allora?!?).Dopo le tre giornate di Amazon, le due di Blogspot.Bingo.
    • Zombie Hunter scrive:
      Re: nessuna perdita di dati?
      Non è del tutto vero che solo spariti solo post e commenti.Io avevo aperto un nuovo blog non pubblico su cui testare un template su cui sto lavorando e una volta "ripristinato" il tutto mi sono accorto che tutto il blog con tanto di post è sparito dalla bacheca! Una bella menata...Per fortuna che non lavoro online e ho tutto il codice in locale :/
      • Pisello scrive:
        Re: nessuna perdita di dati?
        Gestisco un blog su Blogger da anni e non è mai capitata una cosa simile.Inoltre, è sufficiente prendere piccole e poche precauzioni come:download del codice HTML (Template) per un eventuale ripristino;download del blog intero per ripristinarlo in caso di perdite di post, commenti ed altre menate...Per il sottoscritto è come non fosse sucXXXXX nulla!
  • MacUserFrom 89 scrive:
    Dalle "nuvole" è facile precipitare!
    Penso che sia decisamente precario un "futuro sulla nuvola" su cui si sta pure investendo in termini di hardware.Mi auguro che gli attacchi ai server si moltiplichino ed aprano gli occhi a chi pensa che avere i propri dati e documenti "sempre" in mani altrui e solo "saltuariamente" nelle proprie sia una rivoluzione per l'utenza e non una restaurazione delle logiche di controllo.Mi auguro pure che la nuvola che sta allestendo Apple non si allinei a quella di Mountain View ed anzi se ne "discosti emblematicamente".
    • ruppolo scrive:
      Re: Dalle "nuvole" è facile precipitare!
      Il cloud di Apple sarà una cosa completamente differente. L'utente avrà le sue applicazioni nei suoi computer, come anche tutti i dati. La nuvola servirà come complemento dei servizi, non come sostituzione. Questo darà la garanzia di disponibilità continua dei propri strumenti e dei propri dati. Google invece sta già mostrando i risvolti negativi del cloud computing. Ma loro se lo possono permettere, visto che la fornitura di servizi gratuiti li pone nella condizione privilegiata di poter declinare ogni responsabilità verso gli utenti per qualsiasi genere di danno o disservizio.
  • anonimo scrive:
    E' un guasto bello lungo
    Non è ancora in funzione, c'era una pagine su google code che è andata giù e sù parecchie volte.Comunque questa notizia dovevate metterla più in alto, imboscata qua sotto oltre le notizie vecchie la noteranno in pochi.
    • Sgabbio scrive:
      Re: E' un guasto bello lungo
      E il modo demente di gestire le notizie di questo sito ormai decadente.Comunque il danno è ingente almeno per quanto riguarda i post che sono andati perduti.
      • sadness scrive:
        Re: E' un guasto bello lungo
        in questo momento riesco ad accedere ma ho un botto di problemi l'ultimo post inserito non è più visibile ,il link di molti vecchi post sono rotti e i guadagni adsense si sono ridotti ........ e pensare che avevo scelto blogger prprio per stare tranquillo
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: E' un guasto bello lungo
        Non è andato perso nulla. E tu combatti come una mucca (CIT.).
        • Sgabbio scrive:
          Re: E' un guasto bello lungo
          - Scritto da: Luca Annunziata
          Non è andato perso nulla. Infatti non sono spariti i post fatti di recente! Ma per favore!
          E tu combatti come una mucca (CIT.).Non nasconderti dietro ha note citazioni videoludiche per evitare di rispondere alle critiche.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            È probabile, come hanno scritto, che verranno ripristinati i contenuti assenti al momento, ma gradualmente. Mi "nascondo" o faccio quello che mi pare: è un mondo libero. Potrei spiegarvi la logica che c'è dietro quel posizionamento, perché domani è domenica e la notizia resta meno fresca di altre, perché ci pareva avesse più senso fare così. Ma tanto mi risponderete che c'è ben altro dietro. Francamente? È un gioco che non mi appassiona. :)
          • anonimo scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            - Scritto da: Luca Annunziata
            È probabile, come hanno scritto, che verranno
            ripristinati i contenuti assenti al momento, ma
            gradualmente.


            Mi "nascondo" o faccio quello che mi pare: è un
            mondo libero.

            Potrei spiegarvi la logica che c'è dietro quel
            posizionamento, perché domani è domenica e la
            notizia resta meno fresca di altre, perché ci
            pareva avesse più senso fare così. Ma tanto mi
            risponderete che c'è ben altro dietro.


            Francamente? È un gioco che non mi appassiona. :)c'è ben altro dietro :@
          • pjt scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            - Scritto da: Luca Annunziata
            È probabile, come hanno scritto, che verranno
            ripristinati i contenuti assenti al momento, ma
            gradualmente.Sono riapparsi i post, ma i commenti lasciati giovedì sono ancora uccel di bosco, e temo che tali resteranno... :(
          • Sgabbio scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            - Scritto da: Luca Annunziata
            È probabile, come hanno scritto, che verranno
            ripristinati i contenuti assenti al momento, ma
            gradualmente.Solo da ieri mattina hanno rientegrato i post, ma non ancora i commenti di quest'ultimi.
            Mi "nascondo" o faccio quello che mi pare: è un
            mondo libero.Mi spiace ma questa frase è fuori luogo, soprattutto se tale persona è il redattore di un sito web... Questo mica è Giornalettismo, eh ?
            Potrei spiegarvi la logica che c'è dietro quel
            posizionamento, perché domani è domenica e la
            notizia resta meno fresca di altre, perché ci
            pareva avesse più senso fare così. Ma tanto mi
            risponderete che c'è ben altro dietro.Che praticamente mettete molte notizie a caso se non sono super mega trolleggianti.E' questa la realtà che non provate nemmeno a smentire con i fatti! Mi spiace vedere come questa testata, un tempo con i contro attributi, sia caduta cosi in basso.Tra l'altro la logica di mettere la notizie in home page senza ordine cronologico è una cosa assurda.
            Francamente? È un gioco che non mi appassiona. :)Semplicemente perchè non hai yes man come certi personaggi più o meno noti che gironzolano in rete e perchè c'è tutto l'interesse di appiattire punto informatico come un posto di bimbiminkia ...
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            Hai dimenticato le zie chimiche.
          • ruppolo scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            Però gli articoli in ordine cronologico non sarebbe una cattiva idea...
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            Abbiamo un'idea migliore. ;)
          • anonimo scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            - Scritto da: Luca Annunziata
            Abbiamo un'idea migliore. ;)Cosa ti dà tutta questa sicurezza che sia addirittura migliore?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            perchè piuttosto che imporre un metodo, è meglio offrire 2 o più di 2 :)
          • anonimo scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            - Scritto da: Luca Annunziata
            perchè piuttosto che imporre un metodo, è meglio
            offrire 2 o più di 2
            :)Sì ma io pur sapendo che c'è il modo di vederle in ordine cronologico sono ormai abituato ad aprire il sito direttamente.Anche perché per i feed devo cliccare, trovarmi davanti la pubblicità e cliccare ancora.Per andare invece nell'ordine cronologico devo scendere in basso, scegliere il giorno e caricare la pagina.Fra l'altro che ne so quando ci sono articoli nuovi?Come era prima invece sapevi che a mezzanotte c'erano gli articoli, quindi per le prossime 24 ore eri a posto. Se però non andava blogger aprivi PI e guardavi le notizie Flash.Per me era più comodo prima. Forse a voi va meglio caotizzare così durante il giorno uno apre il sito più volte e gli potete sparare più pubblicità.
          • anonimo scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            Per esempio oggi se vado giù per vedere gli articoli in ordine cronologico si ferma a venerdì, se ci sono articoli nuovi al lunedì dovrebbe essere già disponibile la data di oggi. Aveva senso un tempo avere solo i giorni precedenti in cui le notizie venivano pubblicate tutte insieme.E per i feed vale quanto ho detto sopra.
          • Funz scrive:
            Re: E' un guasto bello lungo
            - Scritto da: Luca Annunziata
            Abbiamo un'idea migliore. ;)consigliare un aggregatore di feed? ;)
Chiudi i commenti