Facebook, stop ai cookie traccianti. In attesa della Timeline

Il social network modifica con discrezione i dati archiviati nei computer degli utenti. Ma il futuro potrebbe riservare sorprese anche maggiori

Roma – Dopo aver risposto alle accuse di tracciamento perenne (tramite cookie permanenti) con la paternale del volerlo fare “per il bene” dei suoi utenti, Facebook ha ora cambiato parzialmente rotta mettendo mano al codice e modificando il comportamento dei suddetti cookie. Che ora almeno non permetto di identificare univocamente l’utente.

Spiega il cambio di rotta – non annunciato – di Facebook Nik Cubrilovic, lo stesso smanettone autoproclamatosi “hacker” che aveva scoperto il tracciamento continuo degli utenti non loggati: dei sette cookie attualmente mantenuti nella cache del browser (i cookie permanenti datr , lu , p , L , act e i cookie di sessione a_user e a_xs ), il social network ha ora fatto in modo di cancellare quello di sessione deputato a tenere traccia dell’ID utente ( a_user ).

Il fatto che a_user non venisse in precedenza eliminato una volta chiusa la sessione era un baco di programmazione, spiega Facebook, e ora che il bug è stato risolto l’identificazione univoca dell’utente non loggato non sarà più accessibile ai tecnici del sito in blu.

Commenta positivamente la modifica del sistema di cookie anche Cubrilovic, che sottolinea come gli ingegneri di Facebook abbiano in sostanza “modificato quanto potevano in merito alla questione del logout”. Restano in campo, comunque, tutte le modifiche annunciate alla appena conclusasi conferenza F8 e che si possono riassumere con l’introduzione della nuova Timeline in luogo delle bacheche utente attuali.

Con il varo di questa nuova modalità di condivisione , saranno moltissime le applicazioni in grado di aggiornare silentemente e automaticamente le informazioni condivise dagli utenti sul proprio profilo . Comprendere la portata di questi cambiamenti sarà fondamentale per usarle consapevolmente, e per questo già fioccano le guide per “difendersi” dalla condivisione eccessiva dei propri gusti, preferenze, letture.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • eMTAjURJV scrive:
    VEcAEIPXLcy
    I hate my life but at least this makes it beaarlbe.
  • Orgasmatron scrive:
    "del 4 o 6 per cento al massimo"
    Oh, poverini... pensa addirittura se guadagnassero lo 0% rispetto al periodo precedente, cioè tanti soldi come prima... un fallimento!Bisogna sempre crescere, sempre crescere... uno 0% di crescita ormai significa fallimento nell'ottica moderna. Peccato però che se qualcuno cresce, qualche altro chiude. Ma a quelli che crescono non gliene fotte nulla degli altri, e si lamentano di crescite basse...
    • ces scrive:
      Re: "del 4 o 6 per cento al massimo"
      - Scritto da: Orgasmatron
      Oh, poverini... pensa addirittura se
      guadagnassero lo 0% rispetto al periodo
      precedente, cioè tanti soldi come prima... un
      fallimento!
      Bisogna sempre crescere, sempre crescere... uno
      0% di crescita ormai significa fallimento
      nell'ottica moderna. Peccato però che se qualcuno
      cresce, qualche altro chiude. Ma a quelli che
      crescono non gliene fotte nulla degli altri, e si
      lamentano di crescite
      basse...Bel nick, però tieni conto che AMD si trova a fronteggiare un mostro come Intel, se non crescono sono loro quelli che chiudono battenti, non certo altri.
  • max scrive:
    mi spiace per G.F. di Dresda
    è la fab di silicio più avanzata in Europa e l'unica potenzialmente in grado di competere con i "mostri" asiatici e statunitensi.. ma non sembra ancora all'altezza...
    • ces scrive:
      Re: mi spiace per G.F. di Dresda
      - Scritto da: max
      è la fab di silicio più avanzata in Europa e
      l'unica potenzialmente in grado di competere con
      i "mostri" asiatici e statunitensi.. ma non
      sembra ancora
      all'altezza...Purtroppo è la ragione principale per cui Intel continuerà a dominare incontrastata e a venderci i suoi prodotti a prezzi spropositati :
Chiudi i commenti