Facebook, trimestrale in salsa mobile

Il gigante blu allontana lo spauracchio dei mancati guadagni nella pubblicità in mobilità. A dare qualche pensiero è piuttosto il social gaming in contrazione

Roma – “Voglio sfatare questo mito, che Facebook non riesca a trarre profitti dal mercato mobile. E siamo solo all’inizio”. Parola del CEO Mark Zuckerberg, durante la telefonata con gli analisti di Wall Street per commentare gli ultimi risultati trimestrali della sua corazzata social. Il 14 per cento dei profitti nel settore pubblicitario proviene dagli utenti che ogni giorno accedono a Facebook da smartphone e tablet .

Alla fine dello scorso settembre l’azienda di Menlo Park ha registrato 604 milioni di utenti attivi in mobilità – cifra mensile – un incremento del 61 per cento rispetto allo stesso periodo nell’anno 2011. Un fatturato di circa 150 milioni di dollari nell’area advertising, appunto il 14 per cento del totale di 1,09 miliardi dell’intera raccolta pubblicitaria , il 36 per cento in più dalla fine del settembre 2011.

La piattaforma californiana è a tutti gli effetti un organismo che vive di introiti pubblicitari, dal momento che l’86 per cento del totale del fatturato proviene dal settore advertising (destkop e mobile ). Nell’ultima performance finanziaria, Facebook ha fatturato complessivamente 1,2 miliardi di dollari, un incremento del 32 per cento rispetto ai 954 milioni alla fine del terzo trimestre dell’anno precedente.

Un risultato che ha superato di pochissimo le attese degli analisti a Wall Street. Il valore borsistico di Facebook ha chiuso a quota 19,42 dollari ad azione, praticamente la metà del prezzo circolato a maggio dopo la sua Initial Public Offering (IPO) . Aumentati invece i costi operativi – maggiorati del 64 per cento rispetto allo stesso periodo nel 2011 – per una cifra complessiva di 885 milioni di dollari.

Da una parte, il lancio di feature come Gifts e Offers svela il tentativo di gettarsi nella mischia del commercio elettronico, come a slegarsi dal fondamentale vincolo della pubblicità. Allo stesso tempo, Facebook nutre grandissime aspettative dalla piattaforma Exchange , che permetterà ai vari inserzionisti di confezionare campagne mirate in base alle abitudini di navigazione di milioni di utenti in blu.

Ma l’azienda di Mark Zuckerberg dovrà fronteggiare il problema social gaming, un’area di guadagno che non ha soddisfatto il CEO. I profitti derivanti dai pagamenti di Zynga sono crollati del 20 per cento rispetto allo scorso anno. Il contributo complessivo dell’azienda di Austin è passato dal 12 per cento del 2011 ad un più modesto 7 per cento al settembre di quest’anno .

Una situazione drammatica per uno degli alleati più forti di Facebook, che ha annunciato difficoltà per 90 milioni di dollari all’inizio di questo mese. Il CEO Mark Pincus ha ora varato un giro di licenziamenti per 100 impiegati negli uffici del quartier generale texano, oltre che un’ondata di revisione dei costi nelle operazioni di data hosting e advertising . Mentre il social network californiano si gode il suo miliardo di utenti attivi al mese .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Davidoff scrive:
    Tutto bello ma....
    A parole sembra una buona proposta e forse (ma ho dubbi) per una costituzione, quindi principi generali, potrebbe anche funzionare. Però prendiamo un campo in cui tutti qui siamo più o meno esperti, rete e servizi: Diciamo che venga scoperta una estesa rete di pedofili che opera attraverso internet (versione tecnologica di quello che successe in Belgio) e si alzasse l'organizzazione scema di turno e dicesse: Monitoriamo tutte le comunicazioni telematiche per PROTEGGERE I NOSTRI FIGLI ora immaginate il corpo elettorale italiano e fatevi due conti.La democrazia assoluta a parole è un concetto bellissimo ma quando si analizzano bene fatti si vede che:1) Determinati campi molto specifici non possono essere decisi in questo modo perché le conoscenze per legiferare sono troppo specifiche e non alla portata dell'intero corpo elettorale.2) Proposte altamente populistiche passerebbero sempre senza colpo ferire mentre proposte magari necessarie ma non certo gradevoli rischierebbero costantemente la bocciatura.Sicuramente ora mi attirerò parecchie antipatie qui ma il problema italiano non è la classe politica ma il paese che la vota. Fino ad una legislatura fa si votava con un maggioritario ibrido e non vi erano listini e liste bloccate ma la classe dirigente che la gente ha votato era esattamente quella attuale. Prima ancora si votava con un proporzionale con preferenze e abbiamo eletto gente come De Michelis e Cirino Pomicino. Non vi viene per nulla il dubbio che siano gli italiani a volere certa gente al governo?
    • shevathas scrive:
      Re: Tutto bello ma....

      Monitoriamo tutte le comunicazioni telematiche
      per PROTEGGERE I NOSTRI FIGLI ora immaginate il
      corpo elettorale italiano e fatevi due
      conti.
      E' quello che mi fa orrore, i politici che votano di pancia pensando di dare soddisfazione immediata all'opinione pubblica invece che di testa, ovvero pensando anche alle conseguenze a corto, medio e lungo termine delle loro azioni.
      La democrazia assoluta a parole è un concetto
      bellissimo ma quando si analizzano bene fatti si
      vede
      che:
      1) Determinati campi molto specifici non possono
      essere decisi in questo modo perché le conoscenze
      per legiferare sono troppo specifiche e non alla
      portata dell'intero corpo
      elettorale.questo è un falso problema, generalmente la legge fissa alcuni paletti e lascia l'attuazione ad un regolamento scritto dai tecnici o tenendo conto del parere dei tecnici. Il fatto è che con il regolamento in certi casi puoi "aggirare" la legge. Ad esempio la legge potrebbe dire che tutti hanno diritto ad un collegamento a larga banda, come specificato nel regolamento allegato. E nel regolamento scrivi che un collegamento a larga banda è un collegamento la cui massima velocità teorica è di 56Kbps.
      2) Proposte altamente populistiche passerebbero
      sempre senza colpo ferire mentre proposte magari
      necessarie ma non certo gradevoli rischierebbero
      costantemente la
      bocciatura.
      Se i padri costituenti hanno escluso la possibilità di fare referendum su argomenti di tipo fiscale o legati alla politica estera una ratio c'era.
      Sicuramente ora mi attirerò parecchie antipatie
      qui ma il problema italiano non è la classe
      politica ma il paese che la vota. Fino ad una
      legislatura fa si votava con un maggioritario
      ibrido e non vi erano listini e liste bloccate ma
      la classe dirigente che la gente ha votato era
      esattamente quella attuale. Prima ancora si
      votava con un proporzionale con preferenze e
      abbiamo eletto gente come De Michelis e Cirino
      Pomicino. Non vi viene per nulla il dubbio che
      siano gli italiani a volere certa gente al
      governo?Ma all'italiano medio, quello che tampina il politico perché accelleri una pratica o chiuda un occhio sulla nuova veranda, piace illudersi con la balla del popolo onesto governato da delinquenti.
      • Osvy scrive:
        Re: Tutto bello ma....
        - Scritto da: shevathas- Scritto da: Davidoff

        Sicuramente ora mi attirerò parecchie
        antipatie

        qui ma il problema italiano non è la classe

        politica ma il paese che la vota. Fino ad una

        legislatura fa si votava con un maggioritario

        ibrido e non vi erano listini e liste
        bloccate ma

        la classe dirigente che la gente ha votato
        era

        esattamente quella attuale. Prima ancora si

        votava con un proporzionale con preferenze e

        abbiamo eletto gente come De Michelis e
        Cirino Pomicino. Non vi viene per nulla il dubbio
        che

        siano gli italiani a volere certa gente al

        governo?

        Ma all'italiano medio, quello che tampina il
        politico perché accelleri una pratica o chiuda un
        occhio sulla nuova veranda, piace illudersi con
        la balla del popolo onesto governato da delinquenti.Sono decenni che dico che non siamo migliori dei nostri politici (anche se un po' adesso hanno esagerato...), per cui mi accodo a quanto sopra, almeno in 3 siamo d'accordo
        • DuDe scrive:
          Re: Tutto bello ma....
          - Scritto da: Osvy
          Sono decenni che dico che non siamo migliori dei
          nostri politici (anche se un po' adesso hanno
          esagerato...), per cui mi accodo a quanto sopra,
          almeno in 3 siamo
          d'accordo4 se continuiamo a votare chi ci promette il posto al comune, dove vogliamo andare?
      • Davidoff scrive:
        Re: Tutto bello ma....
        Beh in un'ottica di democrazia assoluta la figura del tecnico che scrive il regolamento mi sembra una cosa aliena in quanto riporterebbe ad una variante di democrazia parlamentare o ad una dittatura dei "migliori". La figura del tecnico che va a scrivere il regolamento attuativo di una legge come la scegli? O elezioni o il più bravo (si spera) e si tornerebbe quindi ad una democrazia parlamentare sotto nome diverso. Per questo dico che una democrazia assoluta per quanto idealmente bella come idea non sia comunque applicabile. Il problema nelle democrazie parlamentari è la selezione della classe dirigente che purtroppo raramente è migliore del popolo che la vota.
        • shevathas scrive:
          Re: Tutto bello ma....
          - Scritto da: Davidoff
          Beh in un'ottica di democrazia assoluta la figura
          del tecnico che scrive il regolamento mi sembra
          una cosa aliena in quanto riporterebbe ad una
          variante di democrazia parlamentare o ad una
          dittatura dei "migliori". La figura del tecnico
          che va a scrivere il regolamento attuativo di una
          legge come la scegli? O elezioni o il più bravo
          (si spera) e si tornerebbe quindi ad una
          democrazia parlamentare sotto nome diverso. Per
          questo dico che una democrazia assoluta per
          quanto idealmente bella come idea non sia
          comunque applicabile.
          non è applicabile anche perché i cittadini non sono dei tuttologi e non sono in grado di fare osservazioni appropriate in tutte le materie. E se metti degli incompetenti a scrivere regolamenti e norme di attuazione il rischio di tirar fuori farloccate solenni diventa una certezza.Giocoforza devi appoggiarti a tecnici, e qui sorge il problema di come scegliere tali tecnici. Elezione pura (chiunque può essere eletto senza alcun vincolo sul CV?) Mi immagino gli effetti del "commandante antichemtrails" nella commissione tecnica dell'enav (ente nazionale aviazione civile). :s

          Il problema nelle democrazie parlamentari è la
          selezione della classe dirigente che purtroppo
          raramente è migliore del popolo che la
          vota.quoto.
        • panda rossa scrive:
          Re: Tutto bello ma....
          - Scritto da: Davidoff
          Beh in un'ottica di democrazia assoluta la figura
          del tecnico che scrive il regolamento mi sembra
          una cosa aliena in quanto riporterebbe ad una
          variante di democrazia parlamentare o ad una
          dittatura dei "migliori". La figura del tecnico
          che va a scrivere il regolamento attuativo di una
          legge come la scegli? O elezioni o il più bravo
          (si spera) e si tornerebbe quindi ad una
          democrazia parlamentare sotto nome diverso. Per
          questo dico che una democrazia assoluta per
          quanto idealmente bella come idea non sia
          comunque applicabile.Tu confondi parlamento con governo.E' il parlamento, quello che approva le leggi, che verrebbe eliminato.Il governo, col tecnico che scrive, quello necessariamente resta.Poi invece di presentare i testi alle camere, presenta i testi alla cittadinanza per l'approvazione.Cosi' prima di fare le leggi, interroga la cittadinanza per avere l'orientamento.
          Il problema nelle democrazie parlamentari è la
          selezione della classe dirigente che purtroppo
          raramente è migliore del popolo che la
          vota.Con una democrazia assoluta, il problema non si pone.Il primo ministro che sgarra viene immediatamente sfiduciato.
          • Davidoff scrive:
            Re: Tutto bello ma....
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Davidoff

            Beh in un'ottica di democrazia assoluta la
            figura

            del tecnico che scrive il regolamento mi
            sembra

            una cosa aliena in quanto riporterebbe ad una

            variante di democrazia parlamentare o ad una

            dittatura dei "migliori". La figura del
            tecnico

            che va a scrivere il regolamento attuativo
            di
            una

            legge come la scegli? O elezioni o il più
            bravo

            (si spera) e si tornerebbe quindi ad una

            democrazia parlamentare sotto nome diverso.
            Per

            questo dico che una democrazia assoluta per

            quanto idealmente bella come idea non sia

            comunque applicabile.

            Tu confondi parlamento con governo.
            E' il parlamento, quello che approva le leggi,
            che verrebbe
            eliminato.
            Il governo, col tecnico che scrive, quello
            necessariamente
            resta.

            Poi invece di presentare i testi alle camere,
            presenta i testi alla cittadinanza per
            l'approvazione.

            Cosi' prima di fare le leggi, interroga la
            cittadinanza per avere
            l'orientamento.


            Il problema nelle democrazie parlamentari è
            la

            selezione della classe dirigente che
            purtroppo

            raramente è migliore del popolo che la

            vota.

            Con una democrazia assoluta, il problema non si
            pone.
            Il primo ministro che sgarra viene immediatamente
            sfiduciato.Beh forse hai poco chiara la divisione dei poteri tra governo e parlamento. Il governo non emana leggi ma proposte di legge che poi gira al parlamento. Nel parlamento poi possono venir bocciate, emendate, approvate. Il parlamento invece può autonomamente tramite commissioni creare testi di legge e votarli o un singolo parlamentare può fare lo stesso. L'istituto del decreto legge serve per provvedimenti urgenti che non possono attendere il normale iter parlamentare (ovviamente salvo abusi).Il fatto che il parlamento italiano non sia in grado di produrre leggi senza che il governo le proponga è un'anomalia e non la norma.Riguardo la sfiducia immediata penso sia un grave errore, diciamo che sia necessario un provvedimento molto impopolare, aumento tasse per un evento straordinario, quanti primi ministri avrebbero il coraggio di farlo? La tua visione del popolo italiano è molto positiva mentre la mia magari è troppo disincantata ma ho visto milioni di italiani votare in massa per un piduista se permetti mi fido poco.Comunque quello che proponi non è una democrazia diretta ma una democrazia aparlamentare in cui accentri il potere esecutivo e legislativo nel governo (ricorda molto il fascismo, se escludi che lì c'era un parlamento fantoccio o comunque un regime dittatoriale) in questo modo però non elimini tutte le intermediazioni ma solo un passaggio. Quello di cui c'è realmente bisogno in Italia è un'evoluzione civile della popolazione, il resto verrà da se. Leggo e approvo spesso i tuoi post strettamente informatici e ti propongo un'idea:Qui tutti più o meno (rupolo escluso) ci intendiamo di informatica.Anche chi ha minime nozioni di programmazione sa che la parallelizzazione può migliorare le prestazioni nell'esecuzione di un task.Ora in Italia abbiamo due camere (magari gli diamo una sfoltita come numero) non si potrebbe pensare una commissione che smisti i provvedimenti tra le camere? Avendo quindi una singola lettura e votazione?Prendendo sempre spunto dal mondo informatico, tutti conosciamo il detto "meno roba c'è meno se ne può rompere?" perché allora non dare una sfoltita e una razionalizzata ai codici civile e penale? Ed applicare una norma che vieti di legiferare su un argomento senza aumentare il numero di leggi a meno che lo stesso non sia un argomento nuovo? Insomma se legifero su "privacy" la nuova legge non deve mantenere rimandi alla vecchia ma sostituirla completamente in modo da avere un corpus legislativo omogeneo senza mostri come argomenti gestiti da 20 leggi diverse.
          • panda rossa scrive:
            Re: Tutto bello ma....
            - Scritto da: Davidoff
            Beh forse hai poco chiara la divisione dei poteri
            tra governo e parlamento. Il governo non emana
            leggi ma proposte di legge che poi gira al
            parlamento. Nel parlamento poi possono venir
            bocciate, emendate, approvate. Il parlamento
            invece può autonomamente tramite commissioni
            creare testi di legge e votarli o un singolo
            parlamentare può fare lo stesso. L'istituto del
            decreto legge serve per provvedimenti urgenti che
            non possono attendere il normale iter
            parlamentare (ovviamente salvo
            abusi).Conosco perfettamente come funziona il tutto.Il concetto di base e' che comunque il parlamento approva le leggi.Chi scrive le leggi e' un altro film.L'ipotesi utopistica e' che un domani sparisca il parlamento in quanto organo di approvazione delle leggi.Le leggi verranno votate dal popolo, sempre e comunque.Chi non vota verra' considerato astenuto.Chi e' interessato a quella legge, vota.Niente quorum.
            Il fatto che il parlamento italiano non sia in
            grado di produrre leggi senza che il governo le
            proponga è un'anomalia e non la
            norma.L'italia e' tutta una anomalia.Del resto e' la repubblica piu' giovane d'europa e pure la piu' marcia.
            Riguardo la sfiducia immediata penso sia un grave
            errore, diciamo che sia necessario un
            provvedimento molto impopolare, aumento tasse per
            un evento straordinario, quanti primi ministri
            avrebbero il coraggio di farlo?Quello che c'e' adesso lo sta facendo.Del resto non si puo' non approvare una finanziaria.Semplicemente si proporranno diverse ipotesi di finanziaria, tutte finalizzate ad incassare tot e la gente ne sceglie democraticamente una.
            La tua visione del popolo italiano è molto
            positiva mentre la mia magari è troppo
            disincantata ma ho visto milioni di italiani
            votare in massa per un piduista se permetti mi
            fido poco.Dimentichi che la gente si e' fatta incantare da stampa e tv di regime.Adesso con internet stiamo eliminando stampa e tv di regime.E il risultato sara' che piu' nessun imbonitore potra' essere eletto con le frottole.
            Comunque quello che proponi non è una democrazia
            diretta ma una democrazia aparlamentare in cui
            accentri il potere esecutivo e legislativo nel
            governo (ricorda molto il fascismo, se escludi
            che lì c'era un parlamento fantoccio o comunque
            un regime dittatoriale) in questo modo però non
            elimini tutte le intermediazioni ma solo un
            passaggio.Uno alla volta li eliminiamo tutti, i passaggi.La tecnologia rendera' completamente inutile l'intermediazione.
            Quello di cui c'è realmente bisogno in Italia è
            un'evoluzione civile della popolazione, il resto
            verrà da se.


            Leggo e approvo spesso i tuoi post strettamente
            informatici e ti propongo
            un'idea:

            Qui tutti più o meno (rupolo escluso) ci
            intendiamo di
            informatica.
            Anche chi ha minime nozioni di programmazione sa
            che la parallelizzazione può migliorare le
            prestazioni nell'esecuzione di un
            task.Lo sa anche ruppolo, te lo dico io.
            Ora in Italia abbiamo due camere (magari gli
            diamo una sfoltita come numero) non si potrebbe
            pensare una commissione che smisti i
            provvedimenti tra le camere? Avendo quindi una
            singola lettura e
            votazione?Tutto si puo' fare.Tanto oggi quelli che ci sono votano in base all'sms che ricevono dal capo, manco sanno di che parla la legge che vanno ad approvare.Peggio di cosi'...
            Prendendo sempre spunto dal mondo informatico,
            tutti conosciamo il detto "meno roba c'è meno se
            ne può rompere?" perché allora non dare una
            sfoltita e una razionalizzata ai codici civile e
            penale? Ed applicare una norma che vieti di
            legiferare su un argomento senza aumentare il
            numero di leggi a meno che lo stesso non sia un
            argomento nuovo? Insomma se legifero su "privacy"
            la nuova legge non deve mantenere rimandi alla
            vecchia ma sostituirla completamente in modo da
            avere un corpus legislativo omogeneo senza mostri
            come argomenti gestiti da 20 leggi
            diverse.Bravo, cosi' dopo videotecari ed editori verrano i magistrati e gli avvocati a maledire la tecnologia.Quelli ci tocca tenerli buoni ed eliminarli per ultimi, o aspettare con calma che la natura faccia il suo corso.
          • b cognome scrive:
            Re: Tutto bello ma....
            - Scritto da: panda rossa
            Conosco perfettamente come funziona il tutto.
            Il concetto di base e' che comunque il parlamento
            approva le
            leggi.
            Chi scrive le leggi e' un altro film.E cioè? Nella tua visione chi dovrebbe scriverle?Dei professionisti riconosciuti del settore, che però non hanno interessi nel settore stesso oltre che essere di forti princìpi e non soggetti a influenza dei poteri forti (chiesa, corporazioni, sindacati, industriali, partiti, farmaceutiche, ...)?Chi scrive le leggi importante anche più di chi le vota, perché possono dirti che sei libero di scegliere, ma se le proposte sono tutte XXXXXXXX...
            L'ipotesi utopistica e' che un domani sparisca il
            parlamento in quanto organo di approvazione delle
            leggi.

            Le leggi verranno votate dal popolo, sempre e
            comunque.
            Chi non vota verra' considerato astenuto.
            Chi e' interessato a quella legge, vota.
            Niente quorum.Attenzione, niente quorum vuol dire che faranno certe proposte di legge il giorno di ferragosto giusto per manovrare i risultati.Ammesso e non conXXXXX che l'italia faccia un balzo tecnologico di 10 anni tutto in un colpo, resta il problema che fare una votazione è molto costoso in temini di personale e di tempo (necessari anche per taroccare le schede)
          • krane scrive:
            Re: Tutto bello ma....
            - Scritto da: b cognome
            - Scritto da: panda rossa

            Conosco perfettamente come funziona il tutto.

            Il concetto di base e' che comunque il

            parlamento approva le leggi.

            Chi scrive le leggi e' un altro film.
            E cioè? Nella tua visione chi dovrebbe scriverle?
            Dei professionisti riconosciuti del settore, che
            però non hanno interessi nel settore stesso oltre
            che essere di forti princìpi e non soggetti a
            influenza dei poteri forti (chiesa, corporazioni,
            sindacati, industriali, partiti, farmaceutiche,
            ...)?Ci vorrebbe l'elmo del comando:[img]http://www.forumilgirasole.eu/public/media/Ziopaperoneelelmodelcomando.jpg[/img]
      • Lia scrive:
        Re: Tutto bello ma....
        - Scritto da: shevathas

        Ma all'italiano medio, quello che tampina il
        politico perché accelleri una pratica o chiuda un
        occhio sulla nuova veranda, piace illudersi con
        la balla del popolo onesto governato da
        delinquenti.accelleri con due elle? sei un XXXXXXXXX
  • bye scrive:
    liquid feedback
    http://files.meetup.com/209895/liquid%20feedback.pdfqui una bella presentazione:https://docs.google.com/present/edit?id=0AVA3n6vRlkTxZGRzNXJ2cDZfMWNiM2tqbmd0Almeno qualcuno ci prova a trovare nuovi metodi di democrazia.Poi concordo che molte persone non sanno nemmeno usare un PC quindi sarà ancora lontana la cosa...
    • bye scrive:
      Re: liquid feedback
      qui un'altro tentativo di qualcosa di diverso:http://piemonte.indymedia.org/attachments/mar2008/frattale.pdf
      • Osvy scrive:
        Re: liquid feedback
        - Scritto da: bye
        qui un'altro tentativo di qualcosa di diverso:
        http://piemonte.indymedia.org/attachments/mar2008/Ho letto solo l'intestazione, e già ho un paio di contestazioni "logiche":1) "dove il particolare è una replicazione del globale, affinchè il particolare goda della massima autonomia decisionale"Dove ha "scovato" l'autore quell'"affinché": chi lo dice che "il particolare è una replicazione del globale" AFFINCHE' "il particolare goda della massima autonomia decisionale"? Ha parlato col Creatore?Non comprendo questo legame. E' una ipotesi che "dà per scontata" una tesi che è tutt'altro che scontata (anzi, in questo caso è addirittura "indimostrabile", non puoi chiedere né al frattale né al creatore il "perché" della sua struttura; che poi la si leghi ad una "massima autonomia decisionale", nell'ambito delle strutture frattali che si trovano in natura, mi pare un volo filosofico/pindarico)2) "Se l'ordine frattale è il sistema utilizzato dalla natura per strutturare i suoi organismi e fenomeni, dove l'ordine inizia da un punto solo e dove il particolare è una replicazione del globale, similmente la "Democrazia frattale" inizia con l'elezione del Presidente d'Italia, dal quale dipenderà la nomina e la direzione di tutta la pubblica amministrazione statale impostata sulla autonomia decisionale, ordinata su 3 livelli scalari"praticamente una monarchia?... dico, un Presidente che nomina e dirige tutta la pubblica amministrazione statale... tra l'altro, la "amministrazione" è un qualcosa che "esula" dalla politica. Per fortuna che l'amministrazione statale è fatta da dipendenti, che restano lì anche se cambia il governo, altrimenti si paralizzerebbe ad ogni elezione tutto l'apparato burocratico/amministrativoBoh, quando ho tempo leggerò il resto...
      • Osvy scrive:
        Re: liquid feedback
        - Scritto da: bye
        qui un'altro tentativo di qualcosa di diverso:
        http://piemonte.indymedia.org/attachments/mar2008/"Se un fine non precede un progetto, e un progetto non è un insieme di parti preordinate gerarchicamente a costituire un tutto, allora questo tutto non può che essere una molteplicità di parti riunite a formare una quantità priva di ordine. Quindi qualunque sistema ordinato, Universo compreso, non può che essere un insieme di parti riunite in una sola unità atta a servire un fine"si, confermo: siamo nella pura filosofia (anche con spruzzi di astrologia, a sto punto...)
    • bye scrive:
      Re: liquid feedback
      qui un altro tentativo di democrazia:http://piemonte.indymedia.org/attachments/mar2008/frattale.pdf
    • bye scrive:
      Re: liquid feedback
      - Scritto da: bye
      http://files.meetup.com/209895/liquid%20feedback.p

      qui una bella presentazione:
      https://docs.google.com/present/edit?id=0AVA3n6vRl

      Almeno qualcuno ci prova a trovare nuovi metodi
      di
      democrazia.
      Poi concordo che molte persone non sanno nemmeno
      usare un PC quindi sarà ancora lontana la
      cosa...--------------------------------qui un altro tentativo di democrazia:http://piemonte.indymedia.org/attachments/mar2008/frattale.pdf
  • Joliet Jake scrive:
    Il miglior esempio di democrazia...
    ...degli ultimi 300 anni.E ovviamente nessuno ne parla. Perchè se si sparge troppo la voce, magari qualche altro popolo prende l'esempio e magari fa la stessa "rivoluzion2, senza spargere una goccia di sangua, con il popolo che dice la sua, con i politici che si nascondono con la coda fra le gambe, con i banchieri che se ne tornano a casa con le pive nel sacco e senza quattrini.Io marchierei questo giorno al pari di quello della Rivoluzione Francese.
    • Osvy scrive:
      Re: Il miglior esempio di democrazia...
      - Scritto da: Joliet Jake
      ...degli ultimi 300 anni.

      E ovviamente nessuno ne parla.forse perché ne avevano già parlato in abbondanza in precedenza? In effetti, dalle mie "fonti 2.0" che impazziscono per 'ste cose, io avevo capito che era già "sucXXXXX ed approvato", ah ma allora non l'hanno fatta ancora questa costituzione online???forse perché l'Islanda ha una popolazione di 320mila abitanti? Cioè, ha la stessa importanza di una media provincia italiana, le cui varie iniziative non vanno di certo in bocca a tutto il mondo..
      Perchè se si
      sparge troppo la voce, magari qualche altro
      popolo prende l'esempio e magari fa la stessa
      "rivoluzion2, senza spargere una goccia di
      sangua, con il popolo che dice la sua, con i
      politici che si nascondono con la coda fra le
      gambe, con i banchieri che se ne tornano a casa
      con le pive nel sacco e senza quattrini.stai fresco
      Io marchierei questo giorno al pari di quello
      della Rivoluzione Francese."quale" giorno? aspettiamo almeno l'approvazione...comunque, ironia (o sarcasmo) a parte, è una cosa a cui guardare con (la giusta) attenzione
  • panda rossa scrive:
    Elimineremo anche questi parassiti.
    Tutti gli intermediari sono parassiti.Compresi, i politici.Soprattutto i politici.La rete rendera' inutili gli intermediari.La rete rendera' inutili anche i politici.Sono pronto a scommettere che l'Islanda o la Svizzera, nei prossimi 50 anni riusciranno nell'impresa di diventare le prime democrazie senza parlamento.Saranno i cittadini a votare, direttamente dalle loro case o dai loro smartphone.
    • b cognome scrive:
      Re: Elimineremo anche questi parassiti.
      Si me lo vedo il televoto per decidere la politica estera: "mandiamo le truppe in Bulgaria?"Poi ci sarà la pubblicità prima del voto con le topmodel che dicono di invarede la bulgaria perché è pieno di gnocca e tutti a votare!
      • Osvy scrive:
        Re: Elimineremo anche questi parassiti.
        - Scritto da: b cognome
        Si me lo vedo il televoto per decidere la
        politica estera: "mandiamo le truppe in Bulgaria?"
        Poi ci sarà la pubblicitàPoi? Non c'è già stata?... ;-)
        prima del voto con le
        topmodel che dicono di invarede la bulgaria
        perché è pieno di gnocca e tutti a votare!se dobbiamo invadere qualcuno per la gnocca, perorerei la causa Ucraina, sarà per il freddo, ma si conservano davvero alla grande :-)
    • xxx scrive:
      Re: Elimineremo anche questi parassiti.
      - Scritto da: panda rossa
      Tutti gli intermediari sono parassiti.
      Compresi, i politici.
      Soprattutto i politici.

      La rete rendera' inutili gli intermediari.
      La rete rendera' inutili anche i politici.

      Sono pronto a scommettere che l'Islanda o la
      Svizzera, nei prossimi 50 anni riusciranno
      nell'impresa di diventare le prime democrazie
      senza
      parlamento.

      Saranno i cittadini a votare, direttamente dalle
      loro case o dai loro
      smartphone.Convinto pure io della bontà di questo percorso...La cosa che mi fa paura è il pensiero di come sempre sia necessario un periodo di transizione prima di avere un sistema efficacie e quanti errori saranno necessari per ottenerlo.Ribadisco, credo che se le possibilità rimarranno tali(mezzi diffusi a tutti per citarne uno)il percorso avrà il suo logico decorso e fine con la cancellazione della classe politica(almeno com'è oggi), dubito solo che la cosa sarà indolore...
    • shevathas scrive:
      Re: Elimineremo anche questi parassiti.
      - Scritto da: panda rossa
      Tutti gli intermediari sono parassiti.
      Compresi, i politici.
      Soprattutto i politici.

      La rete rendera' inutili gli intermediari.
      La rete rendera' inutili anche i politici.

      Sono pronto a scommettere che l'Islanda o la
      Svizzera, nei prossimi 50 anni riusciranno
      nell'impresa di diventare le prime democrazie
      senza
      parlamento.
      ??? come può esistere una democrazia, sia essa rappresentativa o diretta, senza parlamento ?
      Saranno i cittadini a votare, direttamente dalle
      loro case o dai loro
      smartphone.con il rischio che si voterebbe il nome della legge e non il contenuto.
      • krane scrive:
        Re: Elimineremo anche questi parassiti.
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da: panda rossa

        Tutti gli intermediari sono parassiti.

        Compresi, i politici.

        Soprattutto i politici.

        La rete rendera' inutili gli intermediari.

        La rete rendera' inutili anche i politici.

        Sono pronto a scommettere che l'Islanda o la

        Svizzera, nei prossimi 50 anni riusciranno

        nell'impresa di diventare le prime democrazie

        senza parlamento.
        ??? come può esistere una democrazia, sia essa
        rappresentativa o diretta, senza parlamento ?Il parlamento coincide con la cittadinanza.

        Saranno i cittadini a votare, direttamente

        dalle loro case o dai loro smartphone.
        con il rischio che si voterebbe il nome della
        legge e non il contenuto.Non vedo assolutamente questa possibilita', sarebbe comunque molto meglio di adesso in cui non si ha la possibilita' di votare ne' la legge per il nome ne' per il contenuto
      • panda rossa scrive:
        Re: Elimineremo anche questi parassiti.
        - Scritto da: shevathas
        ??? come può esistere una democrazia, sia essa
        rappresentativa o diretta, senza parlamento
        ?Sara' un parlamento composto dal 100% della popolazione maggiorenne che invece di sedere in una poltrona dell'emiciclo, continua a fare quello che fa, e quando c'e' da votare clicca su SI o su NO.Dov'e' il problema?Ti fa tanta paura la democrazia assoluta?
        • shevathas scrive:
          Re: Elimineremo anche questi parassiti.

          Sara' un parlamento composto dal 100% della
          popolazione maggiorenne che invece di sedere in
          una poltrona dell'emiciclo, continua a fare
          quello che fa, e quando c'e' da votare clicca su
          SI o su
          NO.
          c'è molto da votare. E ci dovrebbe essere molto da leggere e da studiare prima di premente un si o un no "ad XXXXXXXm". Giova ricordare le polemiche presentatesi puntualmente prima e dopo ogni referendum.Per il resto giochi per "XXXXXXX" le persone se ne possono fare innumerevoli; fra i più frequenti:-
          offuscamento con tecnicismi del testo dell'articolo.-
          inserire un titolo accattivante della legge e negli articoli inserire commi in perfetta antitesi a quanto riportato nel titolo.-
          legge che esprime dei principi in termini molto generici e vaghi, da poterci leggere tutto e il contrario di tutto e lasciado l'attuazione a regolamenti emanati da qualcun altro.
          Dov'e' il problema?
          Ti fa tanta paura la democrazia assoluta?forse si. Temo la massa che mira solo a svuotare il piatto senza pensare a come riempirlo anche domani.
          • b cognome scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas+1
          • becker scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas

            Sara' un parlamento composto dal 100% della

            popolazione maggiorenne che invece di sedere
            in

            una poltrona dell'emiciclo, continua a fare

            quello che fa, e quando c'e' da votare
            clicca
            su

            SI o su

            NO.


            c'è molto da votare. E ci dovrebbe essere molto
            da leggere e da studiare prima di premente un si
            o un no "ad XXXXXXXm". Giova ricordare le
            polemiche presentatesi puntualmente prima e dopo
            ogni
            referendum.
            Perchè i politici che sono notoriamente degli ignoranti e puttanieri si studiano i testi della legge(rotfl). Votano perchè glielo dice il loro capo partito per i suoi interessi privati (discorso che vale per tutti gli schieramenti)
            Per il resto giochi per "XXXXXXX" le persone se
            ne possono fare innumerevoli; fra i più
            frequenti:

            -
            offuscamento con tecnicismi del testo
            dell'articolo.
            -
            inserire un titolo accattivante della legge
            e negli articoli inserire commi in perfetta
            antitesi a quanto riportato nel
            titolo.
            -
            legge che esprime dei principi in termini
            molto generici e vaghi, da poterci leggere tutto
            e il contrario di tutto e lasciado l'attuazione a
            regolamenti emanati da qualcun
            altro.
            Allora secondo te emeglio rimanere allo stato attuale, dove i parlmentari votano leggi truffaldine, ambigue tra di loro senza nessuno ostacolo.

            Dov'e' il problema?

            Ti fa tanta paura la democrazia assoluta?

            forse si. Temo la massa che mira solo a svuotare
            il piatto senza pensare a come riempirlo anche
            domani.lo fanno già i politici eletti al parlamento.Al parlamento ci sono una massa di puttanieri, ignoranti, nullafacenti. corrotti. Quindi coaa perdiamo se invece del parlamento vota tutta la popolazione e via i rappresentanti..Penso che vale la pena provare..
          • Osvy scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: becker
            - Scritto da: shevathas

            c'è molto da votare. E ci dovrebbe essere molto

            da leggere e da studiare prima di premente un si

            o un no "ad XXXXXXXm". Giova ricordare le

            polemiche presentatesi puntualmente prima e dopo

            ogni referendum.

            Perchè i politici che sono notoriamente degli
            ignoranti e puttanieri si studiano i testi della
            legge(rotfl).Loro forse no. Ma noi si, altrimenti dove starebbe la differenza?... Come potrai votare SI o NO se non conosci la materia? Ed è possibile che potrai conoscere tutte le materie? Quindi, tipicamente, avrai bisogno di "affidarti" a qualcuno che studi per te le questioni, mentre tu magari ne studierai alcune bene. Quindi, per poter capire come votare, dovrai affidarti a qualcun altro, diciamo gente di cui condividi "l'impostazione", un "insieme di persone che condividono principi e fini", diciamo un partito?... ;-) e via "organizzando"..
            Votano perchè glielo dice il loro
            capo partito per i suoi interessi privati
            (discorso che vale per tutti gli schieramenti)no, non per tutti tutti eh
          • panda rossa scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: becker

            - Scritto da: shevathas



            c'è molto da votare. E ci dovrebbe
            essere
            molto


            da leggere e da studiare prima di
            premente un
            si


            o un no "ad XXXXXXXm". Giova ricordare
            le


            polemiche presentatesi puntualmente
            prima e
            dopo


            ogni referendum.



            Perchè i politici che sono notoriamente degli

            ignoranti e puttanieri si studiano i testi
            della

            legge(rotfl).

            Loro forse no. Ma noi si, altrimenti dove
            starebbe la differenza?... Come potrai votare SI
            o NO se non conosci la materia? Ed è possibile
            che potrai conoscere tutte le materie? Quindi,
            tipicamente, avrai bisogno di "affidarti" a
            qualcuno che studi per te le questioni, mentre tu
            magari ne studierai alcune bene. Quindi, per
            poter capire come votare, dovrai affidarti a
            qualcun altro, diciamo gente di cui condividi
            "l'impostazione", un "insieme di persone che
            condividono principi e fini", diciamo un
            partito?... ;-) e via
            "organizzando"..Con la differenza che pero' io sono libero di cambiare schieramento in base alle mie idee e non a quelle del partito.Su alcuni temi io posso pensarla in un modo, su altri temi in un altro.Al momento non c'e' nessuno che rappresenti le mie idee al 100% e questo credo che valga per chiunque.
          • panda rossa scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas
            c'è molto da votare. E ci dovrebbe essere molto
            da leggere e da studiare prima di premente un si
            o un no "ad XXXXXXXm". Quindi meglio avere dei rappresentanti parlamentari che leggono e studiano prima di votare "ad XXXXXXXm".Mi spiace che ci siano solo 7000 caratteri altrimenti potrei farti un lungo elenco di voti ad XXXXXXXm effettuati dai nostri onorevoli ...
            Giova ricordare le
            polemiche presentatesi puntualmente prima e dopo
            ogni
            referendum.Hai ragione. Neghiamo i referendum.Mettiamo un bel cartello "non disturbare il manovratore" e che la gente s'incu...
            Per il resto giochi per "XXXXXXX" le persone se
            ne possono fare innumerevoli; fra i più
            frequenti:

            -
            offuscamento con tecnicismi del testo
            dell'articolo.
            -
            inserire un titolo accattivante della legge
            e negli articoli inserire commi in perfetta
            antitesi a quanto riportato nel
            titolo.
            -
            legge che esprime dei principi in termini
            molto generici e vaghi, da poterci leggere tutto
            e il contrario di tutto e lasciado l'attuazione a
            regolamenti emanati da qualcun
            altro.Si, va bene, e noi siamo scemi.Ci sono i forum appositi dove verranno discussi gli emendamenti e dove chi e' in grado di capire mette in evidenza le magagne.Ed in ogni caso, qualunque legge, anche la piu' giusta e sacrosanta, se viene scritta male, in modo da lasciare aperte interpretazioni contrastanti, non la facciamo passare.

            Dov'e' il problema?

            Ti fa tanta paura la democrazia assoluta?

            forse si. Temo la massa che mira solo a svuotare
            il piatto senza pensare a come riempirlo anche
            domani.Se molto democraticamente, la maggioranza dovesse scegliere di affidare il destino della nazione ad un dittatore, cosi' sia.
          • krane scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas

            Quindi meglio avere dei rappresentanti

            parlamentari che leggono e studiano prima di

            votare "ad XXXXXXXm".

            Mi spiace che ci siano solo 7000 caratteri

            altrimenti potrei farti un lungo elenco di

            voti ad XXXXXXXm effettuati dai nostri

            onorevoli ...
            questi "onorevoli" son piovuti da marte o
            qualcuno li ha votati ?Questi sono piovuti da mare, non li ha votati nessuno.
          • panda rossa scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas
            come riconoscere una legge scritta male da una
            legge scritta bene ? To' guarda, manco a farlo apposta PI ha appena pubblicato la risposta alla tua domanda.http://punto-informatico.it/3632961_2/PI/News/ddl-diffamazione-rete-nel-mirino.aspxAh, nessuno ha votato quelli che hanno scritto questa porcheria.
          • shevathas scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.

            Io a questo giro, il piacere di poter scrivere
            una preferenza non ce l'ho
            avuto.
            La persona che avrei voluto far sedere la' me
            l'hanno inserita circa al trentesimo posto della
            lista, e non e' stata
            eletta.
            hai votato il partito o sei rimasto a casa ? Se, da come capisco dalla tua replica hai votato il partito, beh li hai eletti anche tu.

            e chi scrive in quei forum ? come ridurre il

            "rumore", come evitare "astroturfing". Gli
            slogan

            sono belli, ma talvolta bisogna sedersi con
            calma

            e vedere come realizzarli. Altrimenti si
            scade

            nel solito, patetico e inconcludente, pane e
            f..a

            per tutti.

            In svizzera fanno referendum su tutto e non mi
            pare che succeda nulla di patetico o
            inconcludente.
            ricorrono frequentemente ai referendum ma i referendum non sostituiscono in toto l'attività legislativa del parlamento.Per il resto i problemi di comunicazione politica e di informazione verso la popolazione rimangono.

            Se due persone riescono a far dire ad una legge
            due cose opposte, allora e' scritta
            male.se una persona ha interesse a fraintendere riesce a franintenderti l'impossibile.
            Se invece quello che dice la legge e' chiaro per
            tutti, allora la legge e' scritta
            bene.
            No, il gergo legale, così come il gergo informatico, è un linguaggio settoriale dove le parole hanno significati diversi da quelli del senso comune. Nel suo scopo è un linguaggio più preciso. Tanto per fare un esempio in italiano comune i termini "visto", "ritenuto", "considerato" sono pressapoco sinonimi. In legal-burocratese invece hanno significati diversi; "visto" significa: nella legge è scritto pari pari questo, "considerato" significa: la legge mi permette di fare valutazioni e quindi io ho valutato questo. Tutto questo per dire che leggere un testo legale non lo puoi leggere come se fosse un articolo di giornale ma devi leggerlo come testo scritto in "legalese".
            Con la differenza che dopo aver sentito la sua
            campana, va a votare con la sua testa e non deve
            ubbidire a nessun
            capobastone.

            Prova ad indire un referendum se ci credevano
            tutti che quella la' era la nipote di mubarak, e
            vediamo che cosa vota la gente, anche se il loro
            onorevole di riferimento giura che e'
            vero!iniza a raccogliere le firme.
          • panda rossa scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas

            Io a questo giro, il piacere di poter
            scrivere

            una preferenza non ce l'ho

            avuto.

            La persona che avrei voluto far sedere la' me

            l'hanno inserita circa al trentesimo posto
            della

            lista, e non e' stata

            eletta.



            hai votato il partito o sei rimasto a casa ? Se,
            da come capisco dalla tua replica hai votato il
            partito, beh li hai eletti anche
            tu.Ho votato in modo di favorire la persona che volevo io e invece ho contribuito a far eleggere un corrotto di quella lista a discapito di un altro corrotto dell'altra lista.E non venirmi a dire che ho contribuito allo schifo attuale perche' quando la scelta e' tra liquame e sterco, o uno dei due a scelta di altri se ti astieni, non e' scegliere.Un applefan ha maggiori poteri decisionali di un elettore italiano.Fino a ieri! Da domani si cambia musica!

            In svizzera fanno referendum su tutto e non
            mi

            pare che succeda nulla di patetico o

            inconcludente.


            ricorrono frequentemente ai referendum ma i
            referendum non sostituiscono in toto l'attività
            legislativa del
            parlamento.
            Per il resto i problemi di comunicazione politica
            e di informazione verso la popolazione rimangono.I parlamenti esistono perche' non c'era la tecnologia per una partecipazione collettiva.Oggi questa tecnologia c'e' e domani qualcuno eliminera' i parlamenti.

            Se due persone riescono a far dire ad una
            legge

            due cose opposte, allora e' scritta

            male.

            se una persona ha interesse a fraintendere riesce
            a franintenderti l'impossibile.Benissimo.Impareremo a scrivere leggi ancora migliori.

            Se invece quello che dice la legge e' chiaro
            per

            tutti, allora la legge e' scritta

            bene.


            No, il gergo legale, così come il gergo
            informatico, è un linguaggio settoriale dove le
            parole hanno significati diversi da quelli del
            senso comune. Nel suo scopo è un linguaggio più
            preciso. Tanto per fare un esempio in italiano
            comune i termini "visto", "ritenuto",
            "considerato" sono pressapoco sinonimi. In
            legal-burocratese invece hanno significati
            diversi; "visto" significa: nella legge è scritto
            pari pari questo, "considerato" significa: la
            legge mi permette di fare valutazioni e quindi io
            ho valutato questo. Tutto questo per dire che
            leggere un testo legale non lo puoi leggere come
            se fosse un articolo di giornale ma devi leggerlo
            come testo scritto in
            "legalese".Il gergo legalese si estinguera' assieme ai dinosauri che lo parlano.E non sara' una gran perdita.
          • shevathas scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.

            Il gergo legalese si estinguera' assieme ai
            dinosauri che lo
            parlano.
            E non sara' una gran perdita.Il legalese non si estinguerà, così come non puoi pretendere che si estinguano gli altri linguaggi tecnico/settoriali. Ogni settore specifico funziona meglio se le persone che vi fanno parte possono usare un linguaggio più preciso rispetto alla lingua comune. Così come avviene nell'informatica. Router e Modem sono due cose distinte, Server, Web Server, DNS server sono cose distinte ma per la gente comune sono la stessa cosa. Come reagiresti se ti venisse chiesto di non parlare strano, di non dire cose come "fai un ping alla macchina" o "configura un host virtuale sul server ?"Il problema non è il legalese, il problema è che devi studiare per comprendere il linguaggio tecnico preciso usato per la scrittura e la lettura delle leggi.La tua posizione sul legalese è la stessa dell'ignorante convinto che se invece di "if", di "while" e di "do ... while" si scrivesse "se", "finquando", "fai ... fino a che" gli italiani sarebbero immediatamente capaci di programmare in C.
          • DuDe scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas

            Il gergo legalese si estinguera' assieme ai

            dinosauri che lo

            parlano.

            E non sara' una gran perdita.

            Il legalese non si estinguerà, così come non puoi
            pretendere che si estinguano gli altri linguaggi
            tecnico/settoriali. Ogni settore specifico
            funziona meglio se le persone che vi fanno parte
            possono usare un linguaggio più preciso rispetto
            alla lingua comune. Così come avviene
            nell'informatica. Router e Modem sono due cose
            distinte, Server, Web Server, DNS server sono
            cose distinte ma per la gente comune sono la
            stessa cosa. Come reagiresti se ti venisse
            chiesto di non parlare strano, di non dire cose
            come "fai un ping alla macchina" o "configura un
            host virtuale sul server
            ?"
            Il problema non è il legalese, il problema è che
            devi studiare per comprendere il linguaggio
            tecnico preciso usato per la scrittura e la
            lettura delle
            leggi.
            La tua posizione sul legalese è la stessa
            dell'ignorante convinto che se invece di "if", di
            "while" e di "do ... while" si scrivesse "se",
            "finquando", "fai ... fino a che" gli italiani
            sarebbero immediatamente capaci di programmare in
            C.Vero, ma tutti quei termini tecnici sono a senso unico, nel senso che significano una cosa ben precisa, ecco, la stessa precisione non c'e' nel legalese Vorrei ricordare che la legge regola il vivere civile e quindi e' obbligatorio conoscerla, la stessa cosa non e' vera per l'informatica, un non tecnico puo' non sapere e ignorare cosa diamine e' un router, non gli serve saperlo, mentre per la legge no! non puoi dire in tribunale che quella legge non la conoscevi o non l'hai capita, una legge deve essere scritta in maniera chiara e non interpretabile, diversamente e' una XXXXXXXta.
          • panda rossa scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas

            leggere tutto il messaggio please.

            <b
            e devo digitare

            l'indirizzo


            sul browser, non devo accederci
            cliccando


            indirizzi nella posta. </b


            se io scrivo a mano nel browser "http://
            www.miabanca.it" mi spieghi che pishing possono
            farmi ?Hai ragione.

            Talmente chiaro e' il linguaggo usato che
            sono

            anni che stiamo cercando di spiegare ai

            videotecari di smetterla di chiamare ladro
            chi

            scarica.

            ma non eri a favore dell'abolizione del legalese
            ? o se a te conviene la distinzione fra
            "violatori delle norme sul diritto d'autore" e
            "ladri" deve tornare in auge
            ?A te sembra che una copia sia equivalente, sia dal punto di vista concettuale che da quello pratico, ad un furto?Devo spiegarlo anche a te che senza SOTTRAZIONE DEL BENE, il reato di furto non sussiste?
          • Osvy scrive:
            Re: Elimineremo anche questi parassiti.
            - Scritto da: shevathas

            Sara' un parlamento composto dal 100% della

            popolazione maggiorenne che invece di sedere
            in

            una poltrona dell'emiciclo, continua a fare

            quello che fa, e quando c'e' da votare
            clicca su SI o su NO.


            c'è molto da votare. E ci dovrebbe essere molto
            da leggere e da studiare prima di premere un si
            o un no "ad XXXXXXXm".Concordo, la questione sta tutta qui. E se uno non vuole votare "ad XXXXXXXm", c'è ancora di più da studiare. Questione "chiusa" per me.Anzi, magari no: i "faciloni del web 2.0", prima di pensare a modifiche di così grande portata, dovrebbero provare a fare una cosa molto più semplice: fare un po' di politica "locale", tipo consiglio comunale,così da accorgersi quanto c'è da sudare intanto per "avere il consenso alle proprie idee", e poi anche solo per una semplice delibera, o per il lavoro di una commissione urbanistica, per dire.Certo, molto si può fare (prima di tutto, eleggere persone oneste, e non quelle che in qualche modo "fanno comodo al proprio portafogli", e qui il discorso tra ricchi e poveri spesso "si pialla": anche se con gradi di responsabilità differenti, l'etica assume spesso una consistenza "elastica"...), ma altrettanto "non tutto si può fare" (opinione mia, ovvio). La democrazia rappresentativa è pessima, ma non vedo modi alternativi reali per la maggioranza delle esigenze.Certo, se siete per dimezzare il numeri dei parlamentari, diminuirne gli stipendi (ma non si può pensare che un parlamentare non sia "ben pagato" eh), togliere i vitalizi e gli altri schifosi privilegi, trovate la mia porta SPALANCATA!!!Aggiungiamoci, come prodromi di quello che è possibile di questa "democrazia diretta", l'obbligo delle trasmissioni video (web) dei vari Consigli, ad ogni livello (ma secondo me vi annoierete moltissimo ad assistere ad una seduta di un consiglio comunale...), e l'obbligo di pubblicazione web di tutti gli atti, specie quelli di spesa.

            Dov'e' il problema?

            Ti fa tanta paura la democrazia assoluta?

            forse si. Temo la massa che mira solo a svuotare
            il piatto senza pensare a come riempirlo anche
            domani.In genere, all'inizio cerca di prendere il piatto altrui,salvo che dopo un po' di tempo, saranno vuoti entrambi... :-)
    • anonimo anonimo scrive:
      Re: Elimineremo anche questi parassiti.
      E come impedisci di ledere qualche diritto fondamentale, tipo delle leggi che tolgono ai disabili (minoranze) a favore di tutti gli altri?Vabbè, più sul livello... una bella legge "Belen la deve dare a chi gliela chiede"? Che discorsi ...
      • panda rossa scrive:
        Re: Elimineremo anche questi parassiti.
        - Scritto da: anonimo anonimo
        E come impedisci di ledere qualche diritto
        fondamentale, tipo delle leggi che tolgono ai
        disabili (minoranze) a favore di tutti gli
        altri?
        Vabbè, più sul livello... una bella legge "Belen
        la deve dare a chi gliela chiede"? Che discorsi
        ...Tu, quando a scuola hanno spiegato la costituzione avevi fatto XXXX?
    • Get Real scrive:
      Re: Elimineremo anche questi parassiti.
      Pia illusione.In molto meno di 50 anni la Rete come la conosciamo non esisterà più.La Svizzera che tu porti ad esempio è già ora costretta ad adottare l'acquis communitaire, senza passare dal referendum. La sua democrazia diretta è già in gran parte annullata.Che ci piaccia o no, l'oliigarchia economica guadagna sempre più terreno ogni anno che passa.Rassegnati.
      • krane scrive:
        Re: Elimineremo anche questi parassiti.
        - Scritto da: Get Real
        Pia illusione.
        In molto meno di 50 anni la Rete come la
        conosciamo non esisterà più.
        La Svizzera che tu porti ad esempio è già ora
        costretta ad adottare l'acquis communitaire,
        senza passare dal referendum. La sua democrazia
        diretta è già in gran parte annullata.
        Che ci piaccia o no, l'oliigarchia economica
        guadagna sempre più terreno ogni anno che
        passa.
        Rassegnati.Guarda che non e' la prima volta che succede eh !Se passano il segno si trucidano come sucXXXXX tante volte il passato.
Chiudi i commenti