Facebook, un bot implacabile contro le app

Il bot del social network sta facendo strage di applicazioni potenzialmente segnate come spam dagli utenti. Gli sviluppatori insorgono ma Facebook consiglia di non collezionare troppi feedback negativi

Roma – Un nuovo giustiziere si aggira per i meandri del social network in blu: è il bot progettato per mettere automaticamente al bando quelle applicazioni considerate come spam dagli utenti. Gli sviluppatori protestano ma Facebook dice di aver fatto tutto in accordo con il feedback ricevuto dagli utenti.

Recentemente la percentuale di “app” Facebook messe al bando è cresciuta in maniera sostanziale, e la causa del fenomeno va ricercata negli aggiustamenti fatti al bot ammazza-app che lo hanno reso più aggressivo di quanto non fosse in passato.

Facebook spiega che il bot ora integra “un nuovo sistema di enforcement che prende maggiormente in considerazione il feedback degli utenti”, e se una applicazione ha collezionato un eccessivo feedback negativo di persone che si sono viste “spammare” le cartelle dei messaggi allora è altamente probabile che quella app verrà disabilitata o privata di certe funzionalità.

Gli sviluppatori in buona fede, per protestare contro la messa al bando automatica, possono sempre “fare appello” attraverso un apposito link, dice Facebook, mentre sono in sviluppo nuovi strumenti di analisi per monitorare il feedback degli utenti e porre rimedio agli eventuali futuri “picchi” di feedback negativi.

Tutto risolto dunque? Non proprio: alcuni sviluppatori già dicono di aver perso fiducia in Facebook come “piattaforma” di gestione del traffico utente, pensando per il futuro a sfruttare il social network per acquisire “clienti” e migrare il traffico altrove.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • NS256 scrive:
    Sembra la moto di TRON, peccato che..
    Quando avevo 12 anni (1994) mi ero costruito io stesso una cosa simile, utilizzando una batteria da 9 volt, tre led rossi ad alta efficienza, l'adeguata resistenza e il classico interuttorino rosso con levetta in alluminio tanto diffuso. nastrato per bene tutto ai raggi della bici e avevo la mia "moto di tron"
  • bertuccia scrive:
    può acquistare
    no.spedizione solo negli USA
  • Pedalare in bicicletta accanto a te scrive:
    Ennesimo articolo inutile
    Come da oggetto. :(
    • OldDog scrive:
      Re: Ennesimo articolo inutile
      - Scritto da: Pedalare in bicicletta accanto a te
      Come da oggetto. :(In questo caso non direi, visto che se usi la bicicletta di sera aumentano di molto la visibilità laterale della bicicletta, a occhio direi più di un catarifrangente montato sui raggi.Il prezzo è contenuto, se l'energia richiesta deriva dal movimento sono pure a impatto minimo. :)
      • Stefano scrive:
        Re: Ennesimo articolo inutile

        se l'energia richiesta
        deriva dal movimento sono pure a impatto minimo.Per 3 dollari al paio ne dubito fortemente.
        • OldDog scrive:
          Re: Ennesimo articolo inutile
          - Scritto da: Stefano

          se l'energia richiesta

          deriva dal movimento sono pure a impatto minimo.

          Per 3 dollari al paio ne dubito fortemente.Battery NOT included? ;-)In effetti costerebbe di più la sola batteria a bottone... mah, sul sito d'origine non è che dicano di più in termini di funzionamento.
          • Stefano scrive:
            Re: Ennesimo articolo inutile

            In effetti costerebbe di più la sola batteria a
            bottone..Le batterie che trovi incluse nei vari gadget made in cina non sonole stesse che compri da noi nei negozi.La sigla e' la stessa, ma il contenuto e' un altro paio di maniche....
    • ndr scrive:
      Re: Ennesimo articolo inutile
      Ennesimo commento inutile. Triste
Chiudi i commenti