Faceless, le cam senza volto

Un thriller sci-fi, che ruota attorno al concetto di grande fratello, denuncia l'assoluta inosservanza della legge britannica in merito alla videosorveglianza. A metà tra net-art e cinema di denuncia

Roma – Nel 2004, le cam CCTV registrate nel centro di Londra avevano superato i tre milioni . Il progetto FACELESS, segnalato ieri da jaromil su cyber~rights, è iniziato nel 2002 quando la sua autrice, Manu Luksch, ha scoperto una legge del 1998 che le dava il diritto di richiedere qualunque filmato girato da quelle cam che la ritraesse . È cominciata allora una ricerca che continua ancora oggi, fatta di qualche successo, qualche sorpresa e culminata nella realizzazione di un vero e proprio film che racconta una storia che sembra fiction, ma non è.

Al centro della vicenda c’è la stessa Manu, che interpreta una giornalista dell’anno 2055 che un bel giorno scopre di avere una faccia : nel futuro, la preponderante presenza delle cam a circuito chiuso ha annullato il concetto stesso di privacy, e i cittadini sono ormai abituati a vivere senza poter disporre del proprio viso. La scoperta di Manu la condurrà gradualmente verso altre verità, fino a svelare una complessa trama di quella che l’autrice stessa definisce una “fiaba fantascientifica”.

Nella realtà, il film è stato girato aderendo ad un manifesto , scritto sempre da Manu Luksch e pubblicato nel 2004, intitolato The Filmmaker as Symbiont: opportunistic infections of the surveillance apparatus : nel testo si propone l’idea di sfruttare una legge del 1998, nota come Data Protection Act , per ottenere dalle istituzioni relative tutti i filmati che comprendano il soggetto richiedente. Nel testo si legge che, secondo l’autrice, vista la massiccia presenza di camere di sorveglianza, le abituali apparecchiature dei creatori di video sono ormai divenute ridondanti (oltre che proibite).

L’idea è quella di sfruttare le immagini delle cam per creare delle storie, imponendo dei limiti alla manipolazione delle stesse: ad esempio l’audio, che non esiste nei sistemi a circuito chiuso, è vietato, mentre vengono fissate linee guida precise per il rispetto dell’altrui privacy . La particolarità dei video acquisiti è la mancanza di tutte le facce: eccetto quella del richiedente, devono essere tutte oscurate. I video risultanti sono quindi pieni di individui senza tratti riconoscibili, a parte l’abbigliamento, oscurati da un cerchietto o da un quadratino scuro che ne protegge l’anonimato.

Un'immagine dal sito Tra gli aspetti più interessanti della vicenda, tuttavia, c’è la estrema difficoltà incontrata nel procacciarsi il materiale in questi anni: in molti casi le domande non hanno ricevuto alcuna risposta, oppure hanno fatto cascare dalle nuvole gli addetti che avrebbero dovuto conoscere la legge. In alcuni casi sono state richieste somme ingenti per fornire i video , nonostante la legge chiarisca che il contributo massimo debba aggirarsi sulle 10 sterline (quasi 15 euro), giustificato dalla necessità di un grosso lavoro di editing sui video prima di essere consegnati.

Le richieste di Manu mettono in luce la carenza nell’applicazione di una legge importante come il Data Protection Act : “Le mie domande hanno spesso ricevuto risposte inadeguate” spiega alla BBC . La sua conclusione è molto seria: “Ci sono molti aspetti di questa legislazione che vengono chiaramente ignorati ogni giorno – spiega – e come artista cerco di lavorare su queste immagini in modo da porre la questione a chiunque sia coinvolto. Siamo ripresi continuamente, e il Data Protection Act riguarda tutti noi”.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fred scrive:
    supernotizia: La posta di mediadefender
    mi spiace per chi non macina l'inglese, pero' questa e' grossa, mi aspetto un bel titolone per Lunedi' o Martedihttp://torrentfreak.com/mediadefender-emails-leaked-070915/se volete prelvare l'archivio in questione andate su thepiratebay.org e cercate la stringa mediadefender, il torrent velocissimo e' un rar da circa 140mb contenente testo.
  • Fra tritone scrive:
    mpaa illegale
    Di illegale ci son solo quei BABBEI della MPAA
    • Money Talks scrive:
      Re: mpaa illegale
      - Scritto da: Fra tritone
      Di illegale ci son solo quei BABBEI della MPAAQuesta è un'accusa molto grave, cittadino-consumatore. Quali prove hai per sostenerla? Quali leggi puoi citare?
      • athosG scrive:
        Re: mpaa illegale
        Se consideriamo la ns Costituzione e la "Dichiarazione dei diritti dell'uomo" i fondamenti sui quali legiferare diventa evidente che i "pirati" sono tutti coloro che sulla cultura speculano, coloro che hanno completamente ribaltato lo scopo dichiarato del "diritto d'autore". Un esempio?: rootkid Sony, 70 anni dopo la morte dell'autore, DRM, TVB, TC.......chi è illegale? chi vuole democraticamente cambiare quelle leggi che riducono il mandato costituzionale o chi con l'ausilio della tecnologia il mandato lo aggirano?
        • Money Talks scrive:
          Re: mpaa illegale
          Troppo vago, cittadino-consumatore. Appellarsi a fumose costituzioni scritte da ingenui sognatori e dichiarazioni pensate a tavolino da gente senza alcun senso pratico è inutile.Come dovresti sapere, cittadino-consumatore, sono molte le cose che varie costituzioni frettolosamente garantiscono senza poi spiegare come, praticamente, dovrebbe essere possibile farlo.Fortunatamente, cittadino-consumatore, le leggi sono un'altra cosa e il processo legislativo si basa sulla Regola d'Oro: chi ha l'oro detta le regole. Proprio per questo motivo i pericolosi criminali populisti che si autodefiniscono "pirati" saranno giustamente annientati dalla potenza della Legge unita all'incommensurabile forza dell'Economia.Non schierarti dalla parte dei perdenti, cittadino-consumatore. Lo dico per il tuo bene. I trasgressori saranno severamente ed esemplarmente puniti.
          • plao scrive:
            Re: mpaa illegale
            ...sei ironico, vero?
          • ba1782 scrive:
            Re: mpaa illegale
            Direi di si :P
          • Manuel scrive:
            Re: mpaa illegale
            mamma mia adesso ho veramente paura... senti un po,cittadino-perdente, la smetti di chiamare gli altri cittadino-consumatore? Ma chi ti credi di essere? Siamo tutti uguali e tu non puoi fare finta di parlare da una posizione di superiorità perchè non sei superiore ne a me ne a nessun altro... quindi le tue parole non sono oro... come non è sempre chi ha l'oro a dettare le leggi...mi sa ke sei tu ad essere un perdente,cittadino-perdente, perchè non hai ancora imparato a confrontare te stesso agli altri... tu continua a pendere dalle labbra di qualcuno io non ci voglio neanche provare!
          • Number 6 scrive:
            Re: mpaa illegale
            WHOOOOOOOSH!Questo era il rumore del sarcasmo che volava alto sopra la tua testa, mi sa...
      • soulista scrive:
        Re: mpaa illegale
        - Scritto da: Money Talks
        - Scritto da: Fra tritone

        Di illegale ci son solo quei BABBEI della MPAA

        Questa è un'accusa molto grave,
        cittadino-consumatore. Quali prove hai per
        sostenerla? Quali leggi puoi
        citare?le MPAA e RIAA non sono illegali, perchè giustamente si fanno riscrivere le leggi ingrassando i politici.Sono IMMORALI: c'é una profonda differenza.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: mpaa illegale
          - Scritto da: soulista
          le MPAA e RIAA non sono illegali, perchè
          giustamente si fanno riscrivere le leggiNon sono mica le uniche... decreto Salva-Previti ti dice niente?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 settembre 2007 16.31-----------------------------------------------------------
  • taddeo scrive:
    Dean Garfield
    Se avesse continuato a fare il gatto, avrebbe evitato di dimostrare la sua abissale ignoranza al mondo intero :) ...
    • Gigi scrive:
      Re: Dean Garfield
      - Scritto da: taddeo
      Se avesse continuato a fare il gatto, avrebbe
      evitato di dimostrare la sua abissale ignoranza
      al mondo intero :)
      ...[img]http://imagecache2.allposters.com/images/pic/adc/10220411A~Garfield-Never-Wrong-Posters.jpg[/img]
    • beppe foligno scrive:
      Re: Dean Garfield
      Anche Grillo ha fatto spinge forte verso la pirateria nei suoi spettacoli.Forse sono i cognomi animaleschi che spingono verso l'anti-copyright.Quasi quasi cambio cognome all'anagrafe. Non sia mai che così trovo il coraggio di urlare anch'io al mondo che il copyright è in netto contrasto con la libertà di parola...
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Dean Garfield
        - Scritto da: beppe foligno
        Anche Grillo ha fatto spinge forte verso la
        pirateria nei suoi
        spettacoli.
        Forse sono i cognomi animaleschi che spingono
        verso
        l'anti-copyright.Bruno Vespa e Maurizio Mosca non hanno mai spinto contro il copyright...
    • plao scrive:
      Re: Dean Garfield
      (rotfl)grandiosa questa!!!!
Chiudi i commenti