Falla in Windows, MS minimizza

Il big di Redmond ha confermato l'esistenza di una falla nello stack TCP/IP di Windows ma ne ha sminuito la gravità. Gli utenti al passo con le patch di sicurezza dovrebbero stare tranquilli


Redmond (USA) – Microsoft si è avvalsa del suo nuovo servizio Advisory per rispondere alla recente segnalazione, da parte della società di sicurezza francese FrSIRT , di una falla che può rendere Windows vulnerabile ad attacchi di tipo denial of service (DoS).

In questo avviso di sicurezza il big di Redmond ha confermato che nell’implementazione TCP/IP di Windows esiste una vulnerabilità che “può consentire ad un aggressore di impostare da remoto un timer a sua scelta per una connessione TCP”. Microsoft ha tuttavia minimizzato la pericolosità del problema sostenendo che questo è già stato risolto da una patch rilasciata lo scorso aprile; la società ha inoltre detto che le versioni di Windows XP SP2 e Windows Server 2003 SP1 non sono vulnerabili.

FrSIRT ha di recente riportato come un attacco DoS che sfrutti la falla possa bloccare il traffico di rete di un’intera rete locale.

“Non siamo a conoscenza di tentativi di attacco volti a sfruttare la vulnerabilità né di clienti che si siano imbattuti nel problema”, ha spiegato Microsoft nel proprio advisory.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Istinti?
    Da quel che si legge nell' articolo, non sarebbe più corretto parlare di "riflessi"? A parte tutto il concetto di istinto non è poi così univocamente definito, come insegnano i moderni studi etologici.
    • Anonimo scrive:
      Re: Istinti?
      E' corretto: schema di comportamento scarsamente variabile individualmente, anche molto complesso, biologicamente orientato a fini specifici.Nel mondo animale (cosi' come in quello vegetale) l'istinto e' un impulso (presumibilmente innato e tramandato generazionalmente) atto ad un fine: ad esempio la preservazione della specie. Nel robot "inseriscono" questo impulso per un fine specifico, che possa essere quello di fermare il carrello che sta andando fuori binario piuttosto che sparare al talebano che sta per giustiziare il cane del marine. :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Istinti?
        - Scritto da: Anonimo
        che sparare al talebano che sta per giustiziare
        il cane del marine. :Dsperiamo che li facciano presto questi robot, alemno ci togliamo dalla palle 'sti talebani di cacca!
Chiudi i commenti