Firefox OS si vende per 25 dollari

Mozilla si prepara a lanciare uno smartphone "ultra-ultra-economico" in due paesi asiatici. Provando a rubare spazio (e vendite) ai cosiddetti feature-phone

Roma – Gli utenti mobile che vivono in India e Indonesia potranno presto acquistare un terminale Firefox OS con una spesa di soli 25 dollari americani, un prezzo che ridefinisce il concetto di smartphone ultra-economico e contribuisce a ridurre le distanze – quantomeno sul piano dei costi – tra smartphone evoluti e feature-phone a scarso contenuto tecnologico.

Lo smartphone Firefox OS da 25 dollari dovrebbe arrivare entro l’anno, sostiene Mozilla , grazie alla partnership tra la fondazione statunitense (che ci mette il software) e il produttore OEM cinese Spectrum Communications, che realizzerà in concreto l’hardware. Al momento i terminali Firefox OS sono già disponibili nei paesi emergenti dell’America Latina e anche in Europa, sebbene si parli di livelli di prezzo comunque maggiori dei 25 dollari dei terminali destinati all’India e sud-est asiatico.

Mozilla è in piena fase espansiva per quel che riguarda la distribuzione del suo OS mobile basato su tecnologie HTML (CSS, JS e altre), e un prodotto dal costo così contenuto certamente non farà piacere a Google e ai produttori interessati ai mercati emergenti che fanno uso del sistema operativo Android.

Un terminale Firefox OS da 25 dollari non sarà prevedibilmente una fuoriserie, a livello di prestazioni o specifiche hardware, nondimeno si tratta di un prodotto perfettamente in linea con le previsioni di ARM sull’arrivo di smartphone più che economici fino ai 20 dollari di costo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Il Punto scrive:
    Le intenzioni.
    "A generare l'attacco sarebbe stato un utente austriaco di 19 anni, il primo a scoprire il mancato filtraggio JS di TweetDeck e ad avvertire pubblicamente tutti sull'esistenza del problema. Ora l'utente si difende, parla di incidente involontario e dice di aver avuto le migliori intenzioni possibili".Attaccare con un worm un servizio con le migliori intenzioni possibili..., a me sembra una scusa che neanche si regge in piedi :sSe voleva dare una mano con le migliori intenzioni possibili potevabenissimo fare una segnalazione allo staff.
    • ... scrive:
      Re: Le intenzioni.
      - Scritto da: Il Punto
      "A generare l'attacco sarebbe stato un utente
      austriaco di 19 anni, il primo a scoprire il
      mancato filtraggio JS di TweetDeck e ad avvertire
      pubblicamente tutti sull'esistenza del problema.
      Ora l'utente si difende, parla di incidente
      involontario e dice di aver avuto le migliori
      intenzioni
      possibili".

      Attaccare con un worm un servizio con le migliori
      intenzioni possibili..., a me sembra una scusa
      che neanche si regge in piedi
      :s
      Se voleva dare una mano con le migliori
      intenzioni possibili
      poteva
      benissimo fare una segnalazione allo staff.Potrebbe benissimo aver semplicemente fatto una prova e poi il worm s'è diffuso da solo a macchia d'olio.
  • ... scrive:
    Fantastico
    Un worm Javascript... dev'essere proprio un sito fatto bene!
Chiudi i commenti