Fisco, tutto pronto per la precompilata IVA

Fisco, tutto pronto per la precompilata IVA

L'Agenzia delle Entrate ha annunciato il prossimo approdo alla Precompilata IVA, ennesimo passo verso un Fisco più automatico, semplice e digitale.
L'Agenzia delle Entrate ha annunciato il prossimo approdo alla Precompilata IVA, ennesimo passo verso un Fisco più automatico, semplice e digitale.

Tutto è pronto per l'avvio della fase sperimentale con cui il Fisco italiano metterà a disposizione delle aziende la cosiddetta “Precompilata IVA“. Sulla scia di quella che è la dichiarazione dei redditi precompilata, il Fisco predispone altresì una precompilata per la dichiarazione IVA, la quale sarà composta sulla base di fatture elettroniche e corrispettivi.

Precompilata IVA

Si tratta di un passo ulteriore verso un Fisco “amico”, più semplice e al servizio dell'utente, nel quale l'utilizzo intelligente dei dati in possesso renderà più facile il pagamento delle imposte e faciliterà gli adempimenti. Spiega l'Agenzia delle Entrate:

Utilizzando i dati provenienti dalle fatture elettroniche, dalle comunicazioni transfrontaliere e dai corrispettivi giornalieri, l’Agenzia mette a disposizione degli operatori Iva, in un'area web dedicata, le bozze dei registri Iva e delle comunicazioni delle liquidazioni periodiche (Lipe) a partire dalle operazioni effettuate dal 1° luglio 2021. A far data dalle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2022, sarà disponibile anche la bozza della dichiarazione annuale Iva. Per i soggetti che convalidano, nel caso in cui le informazioni proposte dall'Agenzia delle entrate siano complete, oppure integrano nel dettaglio i dati proposti nelle bozze, viene meno l’obbligo di tenuta dei registri Iva.

Occorre chiaramente passare per una prima fase sperimentale nel quale il sistema imparerà a gestire i dati, le eccezioni ed un ampio volume di informazioni, cercando di ottimizzare ogni passaggio per arrivare ad un automatismo effettivamente efficace e funzionale. “Ciascun soggetto passivo Iva, direttamente oppure tramite l'intermediario che abbia la delega all'utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica, potrà accedere, tramite un applicativo web dedicato all'interno del portale Fatture e corrispettivi, ai documenti Iva precompilati ed effettuare una serie di operazioni, quali ad esempio visualizzare, consultare, stampare e salvare i dati, estrarre le bozze dei documenti e inviare le comunicazioni delle liquidazioni periodiche e la dichiarazione annuale Iva“. Continua l'Agenzia delle Entrate: “Nell'applicativo web dedicato sarà disponibile una sezione informativa che guiderà, passo per passo, i contribuenti nell’utilizzo di tutte le funzionalità previste“.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 07 2021
Link copiato negli appunti