Fotovoltaico, coi virus è meglio

Un agente patogeno opportunamente ingegnerizzato aumenterebbe l'efficienza delle celle fotovoltaiche di almeno un terzo. E non costerebbe quasi nulla implementarlo nel processo produttivo standard

Roma – Una team di ricerca del MIT promette di fornire risposta a quanti sono alla ricerca di un modo fattibile ed economico per incrementare l’efficienza di produzione energetica delle celle fotovoltaiche. Merito di un virus geneticamente modificato e dei nanotubi di carbonio.

In particolare gli scienziati del MIT hanno scoperto che è possibile utilizzare il virus M13 – che in genere infetta i batteri – per controllare l’assemblamento di nanotubi sulla superficie della cella fotovoltaica da “migliorare”.

L’utilizzo dei nanotubi per applicazioni fotovoltaiche è uno strumento bifronte, visto che il materiale si dispone sulle celle in una configurazione doppia – una dotata delle proprietà di un semiconduttore elettrico e l’altra di quelle di un metallo.

I due tipi di nanotubi tendono ad avere effetti contrastanti sulla trasformazione della luce solare in energia, dicono dal MIT, ma integrando nel mix grappoli di M13 si arriva all’assemblaggio di strutture organizzate con i nanotubi semiconduttori e quelli metallici ben separati tra di loro .

I risultati degli esperimenti sin qui condotti hanno portato a un incremento dell’efficienza nella produzione energetica dell’8-10,6% – quasi un terzo rispetto ai valori delle celle tradizionali. I ricercatori dicono di poter aumentare ulteriormente l’efficienza, e promettono altresì che il loro metodo di miglioramento non richiede che l’aggiunta di singolo passaggio all’attuale filiera produttiva delle celle fotovoltaiche.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Cavallo Pazzo scrive:
    @SETI
    Ero convinto che fosse un virus per PC...
  • silvan scrive:
    Ricerca inversa
    Prima inventiamo un mezzo, ammesso che ci sia, adatto ad affrontare spazi immensi valutabili in anni luce e poi andiamo a cercare vita extraterrestre. Ora, per paragonarci a Cristoforo Colombo, siamo al livello di cercare di scoprire l'America avanzando nell'oceano Atlantico di una molecola all'anno.
  • Latomato scrive:
    Osservate la foto
    Osservate la foto delle antenne...http://www.seti.org/view.image?Id=1895notate niente di strano?Puntano tutte verso la stessa direzione... e se gli alieni trasmettono dall'altro lato, come facciamo a sentirli?
    • panda rossa scrive:
      Re: Osservate la foto
      - Scritto da: Latomato
      Osservate la foto delle antenne...
      http://www.seti.org/view.image?Id=1895
      notate niente di strano?

      Puntano tutte verso la stessa direzione... e se
      gli alieni trasmettono dall'altro lato, come
      facciamo a
      sentirli?http://it.wikipedia.org/wiki/Pendolo_di_Foucault
    • Pinco scrive:
      Re: Osservate la foto
      Non ho capito se scherzi oppure no, ma se non scherzi ecco perchè:http://it.wikipedia.org/wiki/Antenna#Antenne_ad_array
      • Latomato scrive:
        Re: Osservate la foto
        - Scritto da: Pinco
        Non ho capito se scherzi oppure no, ma se non
        scherzi ecco
        perchè:

        http://it.wikipedia.org/wiki/Antenna#Antenne_ad_arAmmetto che il tono non era sufficientemente sarcastico, ovvio che scherzavo, anche mio nonno ha una parabola motorizzata, figuriamoci in quella "dish farm" e poi con quello che hanno speso per costruirla...SMILE! :D
  • AMEN scrive:
    BOINC
    Non dimentichiamo che dal progetto Seti@home è nata la piattaforma Boinc, utilizzata quotidianamente da decine di progetti e da decine di migliaia di volontari che donano le proprie cpu/gpu per la ricerca nei campi più disparati.Esempi? Rosetta@home, poem@home, milkyway@home, ecc, eccPunto di riferimento obbligato: http://www.boincitaly.org/
    • Mark scrive:
      Re: BOINC
      Io la sto usando per Seti@Home, Rosetta@Home e Quantum Monte Carlo at Home :-)
    • Max scrive:
      Re: BOINC
      - Scritto da: AMEN
      Non dimentichiamo che dal progetto Seti@home è
      nata la piattaforma Boinc, utilizzata
      quotidianamente da decine di progetti e da decine
      di migliaia di volontari che donano le proprie
      cpu/gpu per la ricerca nei campi più
      disparati.
      Esempi? Rosetta@home, poem@home, milkyway@home,
      ecc,
      ecc
      Punto di riferimento obbligato:
      http://www.boincitaly.org/Io sto usando porn@home :p
  • Luther_Blissett scrive:
    Provocazione:
    Che senso ha buttare soldi nel SETI, se messaggi extraterrestri sono GIA' stati ricevuti?http://www.nsa.gov/public_info/_files/ufo/key_to_et_messages.pdf
    • Luther_Blissett scrive:
      Re: Provocazione:
      Prima che qualche troll si scateni, ci tengo a precisare:Il documento pubblicato NON si riferisce ovviamente a fatti reali, si tratta solo di un ESERCIZIO MATEMATICO.
  • Seba scrive:
    Mah... SETI@home mica muore...
    Capisco che Il Corrire (o era Repubblica?) dica che il progetto SETI muore, ma PI... dai su bastava andare su http://setiathome.berkeley.edu ..."As noted in the Scientific American and elsewhere, the Allen Telescope Array was recently forced into hibernation. While we are sad to see this happen, SETI@home receives its data elsewhere, so our project is not directly affected. Dr. Eric Korpela wrote a helpful Q&A about this in the SETI@home Staff Blog."Tra l'altro leggendo le FAQ qui: http://setiathome.berkeley.edu/forum_thread.php?id=63888"Q. How does this closure affect SETI@home? A. It really doesn't. While some of our projects (Fly's Eye experiment) have used the ATA, SETI@home doesn't use any data from ATA. We also don't currently receive any funding from the SETI Institute, and are not affected by their budget."Mah... Capisco che SETI institute e SETI@home siano due cose diverse, anche se legate, ma quelli di SETI@home dicono chiaramente che l'ATA mica lo usavano più di tanto...O mi sono perso qualcosa??Ciao,S
    • v1doc scrive:
      Re: Mah... SETI@home mica muore...
      - Scritto da: Seba


      Mah... Capisco che SETI institute e SETI@home
      siano due cose diverse, anche se legate, ma
      quelli di SETI@home dicono chiaramente che l'ATA
      mica lo usavano più di
      tanto...

      O mi sono perso qualcosa??Non sono esperto ma Arecibo permette solo di dare unocchiata solo nelle nostre vicinanze.L Allen Telescope Array avrebbe permesso, una volta terminato, di dare unocchiata molto più in la.Questa stupida decisione di tagliare i fondi appare ancora più miope alla luce delle recenti scoperte di Kepler:http://www.universetoday.com/wp-content/uploads/2011/02/Kepler-Comparison-2.jpg
      • Seba scrive:
        Re: Mah... SETI@home mica muore...
        Adesso finalmente è chiaro. Comunque generalmente ho letto in giro che SETI "muore". Non è corretto. Viene sicuramente tarpato. allora.Grazie.Seba
    • FDG scrive:
      Re: Mah... SETI@home mica muore...
      - Scritto da: Seba
      O mi sono perso qualcosa??Certo, questi segnali da analizzare li devi raccogliere in qualche modo.
    • entromezzanotte scrive:
      Re: Mah... SETI@home mica muore...
      - Scritto da: Seba
      Capisco che Il Corrire (o era Repubblica?) dica
      che il progetto SETI muore, ma PI... dai su
      bastava andare su http://setiathome.berkeley.edu
      ...

      "As noted in the Scientific American and
      elsewhere, the Allen Telescope Array was recently
      forced into hibernation. While we are sad to see
      this happen, SETI@home receives its data
      elsewhere, so our project is not directly
      affected. Dr. Eric Korpela wrote a helpful Q&A
      about this in the SETI@home Staff
      Blog."
      Ah, ecco ! C'era qualcosa che proprio non mi tornava leggendo l'articolo: il SETI@home installato sul mio PC usa come fonte dati diversi telescopi. Se uno dei tanti telescopi chiude... come si può dire che chiude tutto il progetto ?
  • iRoby scrive:
    Arecibo
    Ma non avevano risposto ad Arecibo?[yt]zbLYL7JIj8U[/yt]Comunque a me il progetto SETI sembrano soldi buttati...P.S. Tra l'altro sono un grande appassionato di Corrado Malanga...Non mi interessa cosa dicono di lui, è troppo affascinante tutto il suo materiale!Per gli appassionati di fantascienza, è al di là di ogni realtà o fantasia.Senza contare come sfora in metafisica, spiritualità e religione. La teoria della coscienza universale, con i due Creatori, di cui uno che migra ad altra dimensione perdendo componente animica, è semplicemente unica e appassionante.
    • AMEN scrive:
      Re: Arecibo
      - Scritto da: iRoby

      Comunque a me il progetto SETI sembrano soldi
      buttati...
      Il progetto Seti ha generato anche questo:http://boinc.berkeley.edu/Che tutto mi sembra, tranne tempo buttato.
      • Pino scrive:
        Re: Arecibo
        - Scritto da: AMEN
        - Scritto da: iRoby



        Comunque a me il progetto SETI sembrano soldi

        buttati...


        Il progetto Seti ha generato anche questo:
        http://boinc.berkeley.edu/
        Che tutto mi sembra, tranne tempo buttato.Sono soldi buttati nel XXXXX, IMHO.
        • AMEN scrive:
          Re: Arecibo
          - Scritto da: Pino



          Il progetto Seti ha generato anche questo:

          http://boinc.berkeley.edu/

          Che tutto mi sembra, tranne tempo buttato.

          Sono soldi buttati nel XXXXX, IMHO.Ma almeno sai di cosa si sta parlando?
        • FDG scrive:
          Re: Arecibo
          - Scritto da: Pino
          Sono soldi buttati nel XXXXX, IMHO.Il calcolo distribuito? Stai scherzando?
          • fox82i scrive:
            Re: Arecibo
            Diciamo che rispetto ad altri programmi riesce a gestire CPU multi-core in modo corretto
  • lellykelly scrive:
    soldi buttati
    la logica e il caso tendono ad avallare la tesi per cui non saremo soli ad aver infestato un pianeta.attualmente però non è stato trovato nulla e questo fa altresì presupporre che potrebbe volerci troppo tempo (potremmo essere estinti) perchè avvenga una rilevazione ripetitiva, figurarsi un contatto.è pur vero che i dadi insegnano a non arrendersi, pure domani potrebbe avvenire una rilevazione, ma, queste cose accadono solo nei film.mantenere un apparato del genere per tutto questo tempo ha fatto spendere molti soldi al governo U.S. e ai privati, solo per una fissazione di pochi a danno della colletività, visto che i soldi del governo potevano essere dirottati per fini più concreti e immediati.ovvio che la ricerca va fatta, ma ci sono delle priorità, e quella di cercare altre forme di vita intelligenti, non lo è.IMHO
    • Fetente scrive:
      Re: soldi buttati
      Già cercare forme di vita intelligenti qui sulla Terra, è un'impresa terribilmente difficile!
    • krane scrive:
      Re: soldi buttati
      - Scritto da: lellykelly
      la logica e il caso tendono ad avallare la tesi
      per cui non saremo soli ad aver infestato un
      pianeta.
      attualmente però non è stato trovato nulla e
      questo fa altresì presupporre che potrebbe
      volerci troppo tempo (potremmo essere estinti)
      perchè avvenga una rilevazione ripetitiva,
      figurarsi un
      contatto.
      è pur vero che i dadi insegnano a non arrendersi,
      pure domani potrebbe avvenire una rilevazione,
      ma, queste cose accadono solo nei
      film.
      mantenere un apparato del genere per tutto questo
      tempo ha fatto spendere molti soldi al governo
      U.S. e ai privati, solo per una fissazione di
      pochi a danno della colletività, visto che i
      soldi del governo potevano essere dirottati per
      fini più concreti e immediati.Tipo ALTRI bombardieri ? Perche' sono in gran parte fondi militari...
      ovvio che la ricerca va fatta, ma ci sono delle
      priorità, e quella di cercare altre forme di vita
      intelligenti, non lo è.
      IMHO
      • lellykelly scrive:
        Re: soldi buttati
        tipo tagli gli apparati bellici e risolvi in tempi decenti i disastri causati da terremoti, uragani, ecc, welfare a manetta e tutte quelle cose che vengono prima.
        • anonimissim o scrive:
          Re: soldi buttati
          Fai prima a trovare gli ufo...... ;)
          • krane scrive:
            Re: soldi buttati
            - Scritto da: anonimissim o
            Fai prima a trovare gli ufo...... ;)Infatti (rotfl)
        • iRoby scrive:
          Re: soldi buttati
          Il Giappone non ha bisogno di aiuto per il terremoto. Ha una banca centrale di proprietà dello Stato, può stampare denaro a deficit e ricostruire.Cosa che noi italiani per l'Aquila non possiamo fare e siamo costretti a lasciare la gente terremotata o indebitarci con la BCE.Fare riferimento alla serie "Il Più Grande Crimine" di Paolo Barnard.http://www.paolobarnard.info/interventi_indice.php
          • marco scrive:
            Re: soldi buttati
            ma basta con questa ca****te, studiate le basi di economia!
          • iRoby scrive:
            Re: soldi buttati
            Attenzione non si parla di signoraggio. Stampare a deficit è un concetto differente proprio dei libri di economia che citi...
          • marco scrive:
            Re: soldi buttati
            ah ok scusa, pensavo fossero XXXXXXX come il problema del signoraggio, basta che la banca di proprietà dello stato stampi il doppio dei soldi ed il giappone ha risolto i suoi problemi, a sto punto vai a dirgli di stamparti qualche miliardo di yen da regalarci che rimettiamo a nuovo anche l'aquila, tanto a loro non costa nulla...
Chiudi i commenti