Francia, meno tasse per i videogiochi

Bruxelles accetta la linea francese: i titoli che promuovono originalità, creatività e diversità culturale devono essere detassati. Realizzarli costerà meno. Solo in Francia, in Italia nulla cambia

Parigi – Il mondo del software è dominato dai videogiochi? I videogames trasmettono valori, cultura e stimolano la creatività? Se tutto questo è vero, perché non dovrebbero godere del regime fiscale di cui già godono i film in lingua? Con questo ragionamento le autorità francesi hanno ottenuto dall’Unione Europea il via libera a tagliare del 20 per cento le tasse sulla produzione videoludica, ergo a spingere verso l’alto le case editrici transalpine .

videogiochi Non è stata una cosa facile: la Commissione Europea ha investigato per quasi un anno sulle tesi presentate da Parigi. Il timore, infatti, è che come accade spesso in vari paesi europei, il taglio fiscale fosse di fatto un incentivo ad un settore industriale nazionale a discapito del libero mercato europeo. Così non è, però, proprio perché sono entrati in gioco fattori che comprendono la preservazione e l’accrescimento della diversità culturale , un valore essenziale per l’Unione Europa, e che di questi tempi va acquisendo una centralità sempre maggiore. Non è un caso, peraltro, che proprio la Francia sia la massima promotrice di questa “visione” dello “stare insieme in Europa”.

La detassazione interesserà quindi esclusivamente quei videogiochi dei quali siano riconoscibili le caratteristiche di originalità e per un periodo di quattro anni , al termine del quale si deciderà se rinnovare lo sconto fiscale o meno.

“Le autorità francesi – ha spiegato il Commissario al Mercato Neelie Kroes – hanno modificato la propria proposta affinché prenda in esame in modo specifico i videogiochi con contenuti culturali e minimizzi le possibili distorsioni alla concorrenza sul mercato europeo”.

Più nello specifico, secondo la Commissione è proprio il fatto che la misura copra uno spettro tutto sommato ridotto del mercato complessivo dei videogiochi a rendere possibile la detassazione. A funzionare anche la proposta francese di includere nella detassazione i sub-contractor, vale a dire le aziende terze a cui le imprese videoludiche assegnano porzioni dei propri progetti. Qualora non fossero state incluse, infatti, gli editori avrebbero iniziato a spostare quelle produzioni al proprio interno “a svantaggio dei sub-contractor europei”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pippo scrive:
    ROTFL
    Adesso che i Radiohead hanno fatto marcia indietro tutti a dire che il cd faceva schifo!!Complimenti alla coerenza!!
  • contenuto ingiurioso scrive:
    Non lo voglio manco gratis!
    Mi è bastato vedere il video tratto da questo album per farmi passare la voglia: "Gneeeeee, gneeeee gniueeeee!!", ma che è sta lagna!! No no, grazie. Non mi faccio problemi se averlo in cd o in mp3, se pagarlo 30 euri o fare l'offerta! Tenetevelo tranquillamente che abbiamo risolto il problema che mi sono rotto il caXXo sia dei Radiohead che dei vari 50Cent che mi fissano con la loro faccia da (_I_) dallo schermo della tv quasi a sfottermi di quanto sia da coglioni spaccarsi la schiena nella vita mentre loro campano alla grande e trombano altrettanto alla grande vendendo dell'autentica fuffa. Ci vuole la miseria! Una bella crisi economica globale e in un colpo solo ci liberiamo sia delle major che di tutto il loro ridicolo teatrino. Una bella crisi globale e vedrete che a un sacco di gente passerà la voglia di ascoltare musica (anche quella piratata) e di vestirsi e atteggiarsi da coglioni!Sgrunt!! Kkkrrrrrsput!!Dio Paramount!!! Porca Riaa!!Uuffff!Oh, adesso sto proprio bene!
  • Rockonomics scrive:
    Leggete bene la dichiarazione...
    ..dice: "I doubt it would work the same way ever again. La chiave è quel "the same way". Se fate due conti, anche sulle cifre ipotizzate da ComScore, il guadagno per i Radiohead c'è stato eccome (http://rockonomics.wordpress.com/2007/11/06/its-up-to-us-e-infatti/)Evidentemente, si proveranno altre strade...Ma non credo proprio che la band tornerà sui suoi passi. Nessuno sale su una barca che affonda, men che meno chi ci è appena sceso. Ricordate questa dichirazione di Yorke, datata 2005? "Mi piacciono le persone che lavorano nella mia casa discografica, ma è maturo il tempo in cui chiedersi se noi abbiamo bisogno di loro. E sì, credo ci darebbe un piacere perverso mandare affanculo questo modello di business decadente.
  • Io blocco il P2P scrive:
    MODERATORE FIGLIO DI PUTTANA
    OGNI POST CHE CANCELLI DEVE IMPAZZIRTI UNA CELLULA FINO A USCIRE UN CANCRO NON DIAGNOSTICATO, PEZZO DI MERDA!
  • Io blocco il P2P scrive:
    LA GENTE
    è ingorda e inarrestabile, affamati, rognosi e insaziabili.E io vi blocco, stritolo il vostro muletto, uccido i vostri sogni di musica e film gratis.
  • Anonimo scrive:
    Gabbati!
    Non i musicisti, ma chi ha dato dei soldi dicendo: "lo faccio anche per sostenere questo nuovo modo di vendere musica".E' stata solo una bella trovata di marketing, l'effetto sorpresa e l'idea che fosse una mossa anti major hanno fatto vendere, ma non si potrebbe mai ripetere una seconda volta, proprio perche' manca l'effetto novita', quindi la gente la seconda volta, gia' sapendo come funziona, non sborserebbe piu' una lira e oltretutto l'iniziativa non avrebbe cosi' tanta pubblciita' gratuita dai giornali per la novita' del metodo.Insomma, chi credeva fosse una rivoluzione si metta il cuore in pace, e' stato solo un one-off.Non dite che e' colpa degli utenti p2p o di chi l'ha scaricato gratis, non e' colpa di nessuno, era il piano originale... dopotutto... it's marketing, baby!
  • nenno scrive:
    eh !?
    la settimana scorsa su repubblica.it il cantante in un'intervista diceva l'esatto opposto !promuoveva la forma di commercio online e sottolineava il successo per mostrare l'inutilita' delle grandi case discografiche.che si mettano d'accordo ! :)
    • Il Panettiere scrive:
      Re: eh !?
      - Scritto da: nenno
      la settimana scorsa su repubblica.it il cantante
      in un'intervista diceva l'esatto opposto
      !
      promuoveva la forma di commercio online e
      sottolineava il successo per mostrare
      l'inutilita' delle grandi case
      discografiche.
      che si mettano d'accordo ! :)Commercio online? Sicuro che non stava pensando a mettere le musichette su iTunes Music Store ?accendi il cervello.
      • nenno scrive:
        Re: eh !?
        come preferisci.Secondo te guadagnano di piu' vendendo loro stessi i propri brani oppure appoggiandosi all'iTunes Music Store pagando le varie commissioni?ecco l'articolo:http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/spettacoli_e_cultura/sfida-radiohead/sfida-radiohead/sfida-radiohead.html
  • MeX scrive:
    ...adesso posso dire...
    ... ve l'avevo detto. :D
    • Colorblind scrive:
      Re: ...adesso posso dire...
      Bravo, te si che ne sai a pacchi
    • MeX scrive:
      Re: ...adesso posso dire...
      infatti io mi riferivo proprio all'evento, mettendo in guardia i più adducendo che non è un modello di business valido... per adesso ne abbiamo avuto tutti la conferma... poi magari i gruppi che decidi tu si imporranno secondo questo modello... ma per adesso i fatti dimostrano la mia tesi.
      • krane scrive:
        Re: ...adesso posso dire...
        - Scritto da: MeX
        infatti io mi riferivo proprio all'evento,
        mettendo in guardia i più adducendo che non è un
        modello di business valido... per adesso ne
        abbiamo avuto tutti la conferma... poi magari i
        gruppi che decidi tu si imporranno secondo questo
        modello... ma per adesso i fatti dimostrano la
        mia tesi.Da chi abbiamo avuto conferma di cosa ? Questo hanno detto chiaro e tondo che non confermano ne' smentiscono nulla.
      • Malcolm scrive:
        Re: ...adesso posso dire...
        quali fatti? Io vedo solo parole e nient'altro. I fatti sono i numeri, e questi non si sanno...
      • Reolix scrive:
        Re: ...adesso posso dire...
        - Scritto da: MeX
        infatti io mi riferivo proprio all'evento,
        mettendo in guardia i più adducendo che non è un
        modello di business valido... per adesso ne
        abbiamo avuto tutti la conferma... poi magari i
        gruppi che decidi tu si imporranno secondo questo
        modello... ma per adesso i fatti dimostrano la
        mia
        tesi.No, le cifre dicono tutt'altro riguardo alle vendite del disco, se poi vogliamo dire che l'incasso è minore rispetto alle vendite dei precedenti album o a quello che si aspettavano io ti rispondo che:1) Il prezzo (il non prezzo..)lo hai deciso tu (la band)2) Hanno fatto alcune scelte discutibili, sia tecniche che che non3) Se credevanoi di incassare fior di milioni di eurini con 50 centesimi sono fuori e questo ci riporta al motivo PRINCIPALE per cui il diritto d'autore è nato, se lo conosci....Bye
  • Athlon64 scrive:
    Davvero peccato
    Io l'ho scaricato, pagando 5 Euro (+ le spese). Un album davvero stupendeo, più bello anche del celebre "OK Computer".Peccato che non si ripeterà...
    • Paoletta scrive:
      Re: Davvero peccato
      - Scritto da: Athlon64
      Io l'ho scaricato, pagando 5 Euro (+ le spese).
      Un album davvero stupendeo, più bello anche del
      celebre "OK
      Computer".

      Peccato che non si ripeterà...Non si ripetera' perche' lo hai pagato 5 Euro (+ le spese).
      • nattu_panno_dam scrive:
        Re: Davvero peccato
        Non penso sia così. Sul p2p di fan ne hanno pochi, e quei pochi valutano se l' album sia valido per l' acquisto. Il sistema che hanno usato poi per acquistare il brano era pessimo: un solo formato, venduto solo con carta di credito, senza possibilità di ascoltare qualche minuto in anticipo, su un sito patetico (ho avuto problemi con i cookie, e una delle mie carte me la dava invalida), e altro che ora non mi viene in mente.Personalmente questo album è abbastanza malriuscito, se lo avessi ascoltato in anticipo prima di dargli 4, non li avrei nemmeno spesi.
        • Stef scrive:
          Re: Davvero peccato

          Personalmente questo album è abbastanza
          malriuscito, se lo avessi ascoltato in anticipo
          prima di dargli 4, non li avrei nemmeno
          spesi.Guarda che nessuno ti ha obbligato a spendere 4...Semplicemente te lo scaricavi GRATIS (senza spendere un soldo) te lo ascoltavi quanto volevi e se ti andava, tornavi sul sito e ci lasciavi 4!Lo stesso potevano fare "quelli del P2P"... Andavano sul sito, se lo scaricavano GRATIS e se lo ascoltavano quanto volevano!
          • Tonino scrive:
            Re: Davvero peccato
            Aggiungendo il fatto che in p2p rischi di scaricarti virus, porno, ecc. solo perchè i file sono rinominati!Per questo avevano fatto che potevi pagare dopo averlo scoltato..Per me è il fatto che la stragrande maggioranza non ha dato neanche un centesimo!!!
          • Malcolm scrive:
            Re: Davvero peccato
            rotfl. l'ignoranza di cosa sia internet regna padrona, purtroppo... i virus li scarichi dal p2p, sei convinto? Magari mettere un firewall no, eh?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 dicembre 2007 20.21-----------------------------------------------------------
          • nattu_panno_dam scrive:
            Re: Davvero peccato
            Ho fatto male a fidarmi, già. Comunque nel caso tu li acquistassi a 0 finivi sicuramente nelle statistiche come un qualcuno che non aveva intenzione di pagare quello che poi normalmente ascolta. Un' altra dimostrazione di quanto sballate siano le statistiche raccolte dai radiohead, dato che probabilmente metà dei fan che le hanno scaricate a 0, sono gli stessi che poi hanno "ricomprato" pagato qualcosa. Un doppione insomma.
        • Wolf01 scrive:
          Re: Davvero peccato
          infatti, ultimamente si vendono cd con una sola, al massimo 2 canzoni belle, e la si fa pagare per l'intero cd come se fossero tutte insieme a valere quel prezzoalla faccia dell'arte... i miei soldi non valgono più nientese facessero cd monocanzone al prezzo di 2 o 3 allora vedrebbero veramente cosa vende e cosa noaltro che J-Ax che piagnucola a MTV "ragazzi comprate la nostra musica, non scaricatela, dobbiamo pur vivere anche noi artisti".. finitela di produrre feccia con la caramella in mezzo e vedrete che avrete ritorni economici migliorisecondo me tutti i cd venduti, per il costo che hanno, dovrebbero avere la qualità di greatest hits con tonnellate di materiale aggiuntivo dentro, altro che una scarna confezioncina in plastica con un libricino di 4 pagine
          • nattu_panno_dam scrive:
            Re: Davvero peccato
            Mah, probabilmente son stronzate che devono dire per contratto, almeno spero per loro.Per quanto riguarda il cd con l' enciclopedia Treccani inclusa, non li comprerei per 2 motivi:- non ho un cd player portatile, e comunque ormai è un media scomodo;- non saprei dove mettere tutta quella roba, che forse leggerei una volta per curiosità;- sono interessato soltanto ai brani, e in che formato sono.
          • Reolix scrive:
            Re: Davvero peccato
            - Scritto da: nattu_panno_dam
            Mah, probabilmente son stronzate che devono dire
            per contratto, almeno spero per
            loro.

            Per quanto riguarda il cd con l' enciclopedia
            Treccani inclusa, non li comprerei per 2
            motivi:

            - non ho un cd player portatile, e comunque ormai
            è un media
            scomodo;
            - non saprei dove mettere tutta quella roba, che
            forse leggerei una volta per
            curiosità;
            - sono interessato soltanto ai brani, e in che
            formato
            sono.Senza probabilmente, il che fà capire la spina dorsale di questi "artisti"......
        • Abusivo scrive:
          Re: Davvero peccato

          Il sistema che hanno usato poi per acquistare il
          brano era pessimo: un solo formato, venduto solo
          con carta di credito, senza possibilità di
          ascoltare qualche minuto in anticipo, su un sito
          patetico (ho avuto problemi con i cookie, e una
          delle mie carte me la dava invalida), e altro che
          ora non mi viene in
          mente.Per i tuoi 4 euro non si sono sforzati abbastanza?
          • Ectoplasmos i plus scrive:
            Re: Davvero peccato
            Peggio, è come se avessi sbagliato ad aquistare qualcosa, dato che sulla confezione non era riportato nulla sul contenuto, se non il nome del prodotto.
      • Athlon64 scrive:
        Re: Davvero peccato

        Non si ripetera' perche' lo hai pagato 5 Euro (+
        le
        spese).Ah, perché ti sembra che abbia pagato poco? Guarda che quei 5 Euro gli entrano senza mediazioni, non hanno costi di produzione del supporto, di distribuzione, ricarico del negoziante... e soprattutto non vanno alla major. Su un CD da 15-20 Euro sai quanto va agli artisti? Non più di 1-2 Euro...
      • belle malaise scrive:
        Re: Davvero peccato
        ma secondo me quanto abbiano pagato o no i fan c'entra poco.. loro vogliono una distribuzione anche tradizionale, visto che internet non arriva a tutti. I loro distributori difficilmente avrebbero accettato una distribuzione gratuita parallela alla loro nei negozi, che per altro non serve molto come pubblicità per chi compra offline, visto che non permette neanche di essere conteggiati nelle classifiche musicali. Per ora internet è cool ma non è un canale al passo con le dimensioni di questo tipo di business.
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Davvero peccato
      - Scritto da: Athlon64
      Un album davvero stupendeo, più bello anche del
      celebre "OK
      Computer".
      Meglio di cosa? Sei sicuro di aver ascoltato gli mp3 giusti? :s
    • memedesimo scrive:
      Re: Davvero peccato
      - Scritto da: Athlon64
      Io l'ho scaricato, pagando 5 Euro (+ le spese).
      Un album davvero stupendeo, più bello anche del
      celebre "OK
      Computer".

      Peccato che non si ripeterà...ok computer gli da due giri a sta roba imho
    • libellula scrive:
      Re: Davvero peccato
      Anch'io l'ho scaricato più o meno alla stessa cifra; iniziativa lodevole, sinceramente dal puntodi vista musicale mi aspettavo molto di più: secondo me un album così così.- Scritto da: Athlon64
      Io l'ho scaricato, pagando 5 Euro (+ le spese).
      Un album davvero stupendeo, più bello anche del
      celebre "OK
      Computer".

      Peccato che non si ripeterà...
  • kralin scrive:
    peccato
    ieri avevo provato a scaricarlo infatti...che tristezza...
    • Il Panettiere scrive:
      Re: peccato
      - Scritto da: kralin
      ieri avevo provato a scaricarlo infatti...

      che tristezza...e quanto hai pagato ?30¢ "in italia, perché pagare il giusto!? si cerca sempre di pagare MENO, che furbi sti italiani ... "
      • Reolix scrive:
        Re: peccato
        - Scritto da: Il Panettiere
        - Scritto da: kralin

        ieri avevo provato a scaricarlo infatti...



        che tristezza...

        e quanto hai pagato ?
        30¢

        "in italia, perché pagare il giusto!? si cerca
        sempre di pagare MENO, che furbi sti italiani ...
        "(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
  • belle malaise scrive:
    -_-
    non hanno mai ritrattato; hanno sempre detto che gli è dispiaciuto lasciare la EMI, e che il download gratuito era un modo per mettere nella rete il loro album prima che lo facessero gli altri per una volta.
    • sprecone scrive:
      Re: -_-
      - Scritto da: belle malaise
      non hanno mai ritrattato; hanno sempre detto che
      gli è dispiaciuto lasciare la EMI, e che il
      download gratuito era un modo per mettere nella
      rete il loro album prima che lo facessero gli
      altri per una
      volta.insomma vuoi dire che ho buttato via 'sti 5 euro eh?
      • Paoletta scrive:
        Re: -_-
        - Scritto da: sprecone
        - Scritto da: belle malaise

        non hanno mai ritrattato; hanno sempre detto che

        gli è dispiaciuto lasciare la EMI, e che il

        download gratuito era un modo per mettere nella

        rete il loro album prima che lo facessero gli

        altri per una

        volta.

        insomma vuoi dire che ho buttato via 'sti 5 euro
        eh?Non li hai buttati, li hai dati a qualcuno che no ha davvero bisogno per sostenere i costi della ferrari e dela piscina.
      • belle malaise scrive:
        Re: -_-
        io gli ho dato 0 ahah e penso che non comprerò nemmeno il cd visti i soldi che vogliono per un concerto
        • belle malaise scrive:
          Re: -_-
          e gliene ho pure comprati due di biglietti :
        • Abusivo scrive:
          Re: -_-

          io gli ho dato 0 ahah Ti senti maledettamente furbo, eh?
          • belle malaise scrive:
            Re: -_-
            nient'affatto avevo fatto così solo perché ho tutti i loro cd e sicuramente finirò per comprargli pure questo quando esce ( avevano detto subito che sarebbe uscito anche nei negozi tradizionali) mi sembra stupido pagarlo due volte. Certo visto che ora gli ho dato 120 euro per i concerti, il cd aspetterà.
Chiudi i commenti