Fujitsu si separa da PC e mobile

Le due divisioni del colosso giapponese a partire da febbraio vivranno di vita propria. Una mossa che prelude all'avvento del mecha dei PC?

Roma – Per guadagnare in efficienza e tentare di rincorrere una posizione più appetibile sul mercato mobile e sul mercato del PC, per affrontare anni di profondi cambiamenti per entrambi i settori, Fujitsu ha annunciato lo spinoff delle due divisioni dedicate l’una a notebook e PC e l’altra agli smartphone.

Le due aziende, che nasceranno ufficialmente nel mese di febbraio del prossimo anno, consentiranno all’azienda “di chiarire le responsabilità nella gestione, di agevolare decisioni più rapide della dirigenza e di ottenere una maggiore efficienza”: aspetti fondamentali nel momento in cui la diffusione sempre più di massa e sempre più ubiqua di PC e smartphone “ha reso progressivamente sempre più difficile differenziarsi e ha reso sempre più serrata la competizione con i nuovi produttori globali”.

Fujitsu lascerà dunque che la propria divisione mobile viva di vita propria in Fujitsu Connected Technologies e tenti di farsi largo in uno scenario mobile estremamente complesso , con le sue stagnazioni, le sue conferme di lusso e le nuove esigenze dei mercati emergenti.

La divisione PC e notebook, che da febbraio farà capo a Fujitsu Client Computing Limited, affronterà una conginutura affatto positiva sperando nella ripresa. Nei mesi scorsi, caratterizzati da sommovimenti che hanno interessato l’assetto degli storici produttori giapponesi, circolava un’ indiscrezione che tratteggiava un futuro comune per Fujitsu, Vaio e Toshiba: lo spinoff annunciato dall’azienda potrebbe rappresentare un primo passo in questa direzione.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti