Gartner: XP deve vivere

Mentre si allarga la petizione, due importanti analisti si rivolgono a Microsoft

Roma – Gartner e Burton Group non hanno dubbi: per presevare la fiducia del proprio pubblico e il proprio business nei sistemi operativi Microsoft deve iniziare a pensare di estendere almeno fino a tutto il 2008 la disponibilità di XP sul mercato senza vincoli per i consumatori.

L’ analisi è chiara. “Sarebbe saggio”, sostiene Michael Silver di Gartner, perché le applicazioni homegrown e quelle di softwarehouse minori o non più operative non sono supportate da Vista, nonostante quello che viene ritenuto un ottimo sforzo per gestire i problemi di compatibilità.

La proposta degli esperti è dunque quella di dare ad XP un anno di vita in più rispetto a quanto previsto in origine, sebbene già nello stato attuale, come ben sanno i lettori di Punto Informatico , la “morte” di XP non appaia del tutto imminente.

Ciò che Microsoft va ripetendo sull’argomento, e che gli esperti sembrano dare per scontato, è che ascolterà quello che vogliono gli utenti. Un atteggiamento che potrebbe fomentare il movimento di chi proprio non vuole che tramonti “l’era XP”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Roberto scrive:
    2 ESEMPI
    Io per esempio sono entrato in contatto con un portatile dell'acer e con un fisso della fujitsu-siemens (se non sbaglio)e in entrambi a computer spento rimaneva la spia della scheda di rete accesa e io che non capivo il perchè! Però ste cose sono volute, cioè non è possible che ci sia un problema/svista tecnica che ti impedisca il completo spegnimento del pc.
    • attonito scrive:
      Re: 2 ESEMPI
      staccare la spina dell'alimentatore dal muro, no?
    • Alf scrive:
      Re: 2 ESEMPI
      Basta modificare dal bios l'opzione per il power-on da scheda di rete.queste critiche sono stupide, sono vantaggi apportati dall'Hardware per sopperire a necessità richieste dal mercato... Basta informarsi (leggere il libretto d'utilizzo) per disattivarli, o ancora meglio staccare la ciabatta. La batteria tampone serve proprio a questo.
  • pentolino scrive:
    Per esempio l' imac
    L' imac ha una caratteristica curiosa, in pratica consuma più o meno lo stesso se è in standby o spento (pochi watt ma certo non zero); io per questo motivo già da prima di avere l' imac ho sempre usato una ciabatta con interruttore: quando spengo il computer stacco la ciabatta e buonanotte a tutti.A parte che tra hub usb e compagnia bella sti computer sembrano degli alberi di natale: ok che i led non è che consumino poi tanto però che cavolo, tutte quelle lucine mi sembrano davvero uno spreco...
    • battagliacom scrive:
      Re: Per esempio l' imac
      infatti, io per esempio quando mi allontano per un tempo considerevole dal pc spengo veramente tutto tranne il case, per esempio, hai presento la lucina che si accende quando tieni attivato il bloc num sul tastierino numerico? Ecco, io spengo anche quella.
  • grilletto sparato scrive:
    azz
    cazz. io ho sempre staccato la spina
    • Nello Gala scrive:
      Re: azz
      Quoto xchè lo faccio anch'io...ma ho xp e linux, mika vista!se tanto mi da tanto , riattacando la spina, ammesso che si riaccende, mi chiederebbe il key!!!!!!!!!!!!!!- Scritto da: grilletto sparato
      cazz. io ho sempre staccato la spina
  • anonimo scrive:
    Discorso simile qui [link]
    Un australiano ha fatto un discorso simile quando sono stati vietati in Australia gli alimentatori che non fossero Switch, con lo scopo di risparmiare energia:http://www.sound.westhost.com/articles/external-psu.htmIl punto è: per 2 watt?? cosa volete che sia una centrale da 30 MW in un intero stato...Le periferiche ormai supportano lo spegnimento, quindi da spente consumano nulla, mentre gli alimentatori sono sempre più efficienti. Che problema sono 2W, ragioniamo invece sul fatto che gli alimentatori hanno efficienze spesso sui 70%, meno se il venditore riesce ad appiopparne uno grosso da 5,6,700W.Si risparmia prima sui grandi numeri, poi man mano sugli sprechi più rilevanti. Pensare alle briciole mentre ci sono altri problemi è da sciocchi.
    • er pecoraro scrive:
      Re: Discorso simile qui [link]

      Il punto è: per 2 watt?? cosa volete che sia una
      centrale da 30 MW in un intero
      stato...2 watt sembrano pochi a confronto anche di una lampadina a risparmio energetico ma devi pensare che sono ininterrotti 24/7365(giorni)*24(ore)*2(W) = 17,5 kWcirca 1,5 kW al mese3 kW in piu' a bolletta insommaovviamente -minimo- perchè il pc di solito è acceso e consuma di piu'ovviamente è poco, ma visto che il costo dell'energia aumenta all'aumentare dei consumi, si potrebbe verificare il caso in cui si sale di fascia proprio per una strzata come gli sprechi degli alimentatori.
    • Malcolm scrive:
      Re: Discorso simile qui [link]

      Si risparmia prima sui grandi numeri, poi man
      mano sugli sprechi più rilevanti. Pensare alle
      briciole mentre ci sono altri problemi è da
      sciocchi.Non sono d'accordo. Se un problema si può risolvere facilmente, non farlo è da sciocchi.Quindi è da sciocchi è lasciare un PC a consumare inutilmente, quando con una ciabatta da 5 euro dotata di interruttore, il problema sarebbe risolto. Tutt'altra cosa è progettare alimentatori con una resa più elevata. Per quanto giusta, questa non è certo cosa di cui possano occuparsi gli utenti, non credi?
  • Fabi3tto scrive:
    Re: Spegnere il PC
    A parte che la batteria installata sulla scheda madre dura BEN piu' di qualche minuto.E se ti dura solo qualche minuto, c'e' qualcosa che non va e dovresti sostituirla.Inoltre, ben piu' importante, e' da parecchio tempo che la password di sicurezza del BIOS non viene cancellata anche se quella batteria si scarica perche' memorizzata in una memoria non volatile.Quindi quantomeno hai un pc difettoso oppure preistorico e quindi il tuo discorso non vale per tutti i pc.
    • henryg scrive:
      Re: Spegnere il PC
      Non, non è così.Se la scheda madre assorbisse tutta la corrente che normalmente fa in "standby", la batteria al litio durerebbe qualche frazione di secondo.. :)E' un'altra cosa, la batteria serve per mantere la data/ore ed aclune impostazioni, una batteria al lition nuovo, è in grado di farlo per mesi o anni.Quando il pc è accesso, in qualche modo si "ricarica", infatti usando spesso il pc non ne ho mai sostituita una in 12 anni.Il discorso è che il pc spento tramite il SO, non è realmente spento, ci sono tensioni a vari livelli su molti circuiti dell'alimentatore switching e della scheda madre,tensione che circola nei compomenti si traduce in corrente e quindi assorbimento.Per spengere realmente un pc e non assorbire niente, basta farlo con l'interruttore dietro il caso, nell'alimentatore, se presente, altrimento staccando la spina.Può essere molto comodo avere una ciabata che alimenta tutta la "roba" del pc, monitor, pc, casse, stampante etc. con un'interruttore, in modo che si stacca tutto insieme, facilmente.Anche il monitor "soffre" dello stesso problema, lo switching interno, non è mai realmente spento se non quando si stacca la spina..
      • henryg scrive:
        Re: Spegnere il PC
        Raga scusati i vari errori di battitura..ho una tastiera con le pile scaricha e fa brutti scherzi..
      • Roberto scrive:
        Re: Spegnere il PC
        e in pià anche le casse potrebbero avere questi problemi.Ad esempio le mie se le spengo dall'interruttore e metto le cuffie comunque riesco a sentire la musica dalle cuffie e regolarne il volume.E quindi questo vuol dire che c'è un consumo pure quì e non di poco.(Anche se sinceramente ho un piccolo dubbio che possano essere solo le mie di casse ad avere questi problemi.)
  • davide impegnato scrive:
    Panzane salva-Gates
    Ma quante stupidate che girano. Adesso salta fuori anche che tra computer "spento" e in standby i consumi sono gli stessi!? ma non scherziamo! i consumi in standby sono superiori, basta collegare un gruppo di continuità al computer per rendersene conto! la verità è che con questa affermazione si vuole giustificare la scelta di Microsoft di mettere lo standby come opzione predefinita, in modo tale che il riavvio del sistema risulti molto più veloce di quello che in realtà è! infatti, con sistemi Vista su computer OEM da 1400 euro, Vista può impiegare anche 10 minuti ad avviarsi. Al contrario, una politica che preveda l'utilizzo dell'ibernazione sarebbe decisamente più costruttiva, ma non così performante come mamma Microzoz vuol far credere che sia.
    • Lulu scrive:
      Re: Panzane salva-Gates
      - Scritto da: davide impegnato
      Ma quante stupidate che girano. Adesso salta
      fuori anche che tra computer "spento" e in
      standby i consumi sono gli stessi!? ma non
      scherziamo! i consumi in standby sono superiori,
      basta collegare un gruppo di continuità al
      computer per rendersene conto! http://www.energystar.gov/index.cfm?c=computers.pr_crit_computersInvece di essere paranoici coma al solito basta informarsi un attimo....Anche per i pc come per gli elettrodomestici esistono le categorie di consumo energetico.Computer di Categoria A EnergyStarStandby (Off Mode):
  • Lieutenant scrive:
    Re: Spegnere il PC
    L'unica cosa che salvo del tuo discorso è l'ultima frase.Il resto... è quantomeno discutibile.
  • klava scrive:
    3 watt però non sono tanti
    bisogna anche pensare ai benefici imho
    • henryg scrive:
      Re: 3 watt però non sono tanti
      Ho misurato, con un amperomentro, il mio, sia in standby (con i dischi fermi) che spento consuma cmq 3-4w !Ottimo per lo standby, comodo se si lascia tutti i programmi ed i documenti aperti(pagine internet comprese.) e li ritrovi li in 10 sec. di warmup, ma troppi quando è spento !Così, quando me lo ricordo, lo spengo con l'interruttore posto dietro l'alimentatore.Questo andrebbe fatto..Purtroppo tutti gli apparecchi che non hanno un vero interruttore di spegnimento, sono SEMPRE sotto tensione, ed inevitabilmente consumano qlc.Quindi, TV, Stereo etc. ricordatevi sempre di spengerli dall'interruttore principale e non tenerli perennemente in standby.Vista l'enorme diffusione di questi apparecchi, ormai presenti in numero elevato in ogni casa, il risparmio energetico mondiale ne risentirebbe in maniera sensibile.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: 3 watt però non sono tanti
      prendiamo i 3 watt e moltiplichiamoli per i vari standby che ho in casa:1 - trasformatore 12v del campanello di casa2 - standby videoregistratore3 - standby console4 - standby televisore sala5 - standby televisore cucina6+7 - standby lettore DivX (ho verificato che il Kiss-1100 consuma 7 watt in standby)8 - standby PC9 - standby monitor PC10 - standby stampantevedi che arrivi almeno a 30 watt (eliminati con appositi interruttori)
    • Malcolm scrive:
      Re: 3 watt però non sono tanti
      - Scritto da: klava
      bisogna anche pensare ai benefici imhobenefici? Basta non usare s-vista. Con XP puoi tranquillamente staccare il PC dalla ciabatta.
  • afiorillo scrive:
    Ma porca zozza....
    De Andreis, per favore controlli quello che scrivono i suoi collaboratori! Che diamine c'azzecca Windows Vista col consumo da "spento" dei computer??Allora, se si vuole accusare Vista di qualcosa, lo si faccia sul fatto che, per impostazione predefinita, il comando presente sul menu Start non spegne il PC ma lo mette in "sospensione ibrida" (questa sì, che consuma corrente).Ma non si scriva, per favore, che "a PC spento" si consumano 3 Watt "se c'è Vista", che è una boiata immane. Se il PC è spento, è spento a prescindere dal sistema operativo montato, e la modalità con la quale è "spento" dipende dalle specifiche ACPI adottate dall'hardware e dal BIOS presente sulla motherboard. Peggio mi sento, il comportamento delle periferiche USB (magari connesse tramite HUB) non ha proprio nulla a che vedere col sistema operativo, ma per carità!La prossima volta, meno FUD e più informazione, grazie.
  • Mr.Mechano scrive:
    Alimentatore AT
    Chi si ricorda gli alimentatori AT che aveva un bell'interruttore meccanico che andava posto davanti al PC e che segava realmente la corrente? Mi sono spesso chiesto perché eliminarlo. Forse problemi di sicurezza dato che si portava fuori dall'alimentatore la 110/220v della rete?Forse comodità e sicurezza per i dati e il lavoro dato che lo standard ATX permette di mandare un interrupt software invece che togliere brutalmente la corrente al PC?
    • lroby scrive:
      Re: Alimentatore AT
      - Scritto da: Mr.Mechano
      Chi si ricorda gli alimentatori AT che aveva un
      bell'interruttore meccanico che andava posto
      davanti al PC e che segava realmente la corrente?


      Mi sono spesso chiesto perché eliminarlo. Forse
      problemi di sicurezza dato che si portava fuori
      dall'alimentatore la 110/220v della
      rete?

      Forse comodità e sicurezza per i dati e il lavoro
      dato che lo standard ATX permette di mandare un
      interrupt software invece che togliere
      brutalmente la corrente al
      PC?Io me li ricordo benissimo,con quel tipo di alimentatori non potevi permettere al s.o. di spegnere completamente il PC e non potevi usufruire della funzione di start up del pc via tastiera e/o mouse.LROBY
  • dubrox scrive:
    Scoperta dell'acqua calda
    Ma quelli di AF Digitale sono degli ignoranti o cosa?Si sa che da tempo gli alimentatori e le schede madri usano un sistema di alimentazione continuo pensato per permettere operazioni del tipo "wake on lan".E poi se proprio si vuole sensibilizzare verso l'economia e l'uso intelligente dell'energia bisogna dirla tutta:a consumare in continuazione, anche da spenti, ci sono pure la stragrande maggioranza degli elettrodomestici. Il consumo dei ~3W è causato, in gran parte, dal trasformatore che possiedono tutti gli apparati elettronici alimentati tramite corrente alternata.Faccio alcuni esempi solo per dare l'idea:- è ormai abitudine di molti lasciare i televisori in standby in modo da poter usare il telecomando in qualsiasi momento senza dover fare lo "sforzo" di muoversi fino all'interruttore... beh, questa abitudine comporta lo spreco di 3W (il valore di 3W è approssimativo);- la maggior parte dei forni a microonde hanno un'orologino che tengono acceso anche quando vengono spenti. Beh, per sta funzione fantastica bisogna mantenere alimentato un trasformatore che consumerà i suoi 3W;- che dire dei carica batterie per cellulari? Quei trasformatori lasciati attaccati alla presa di corrente, anche se non stai caricando il cellulare, ciucciano la sua parte (infatti si scaldano pure);- i citofoni moderni, anche quando non hanno la lucina accesa, usano un trasformatore per mantenere la circuiteria operativa. Nei citofoni vecchio stile invece il citofono era più che altro un interruttore che quindi non produce consumi se non viene usato;- oltre al già menzionato PC, date un'occhiata alla stampante, gli speaker esterni e altri gingilli per computer... tutti hanno un trasformatore, spesso esterno, che anche quando l'apparato è spento, continua a consumare energia.Comunque non è necessario fare dei test per dimostrare quello che ho detto: il fatto che un trasformatore reale assorba potenza anche se non è collegato a un utilizzatore è un concetto che si impara studiando elettrotecnica, quindi posso solo pensare che nello staff di AF Digitale nessuno abbia mai studiato sta materia.La ciabatta con l'interruttore generale potrebbe quindi essere una buona soluzione in molti casi :)Buona giornata.
    • DMJ scrive:
      Re: Scoperta dell'acqua calda
      Appunto come dicevo, è questione di alimentatori switching. ;) Quelli classici non consumano anche se connessi alla rete.Strano per AF Digitale scadere con un articolo così banale.
      • afiorillo scrive:
        Re: Scoperta dell'acqua calda
        - Scritto da: DMJ
        Appunto come dicevo, è questione di alimentatori
        switching. ;) Quelli classici non consumano
        anche se connessi alla
        rete.
        Strano per AF Digitale scadere con un articolo
        così
        banale.Non è questione di switching o non switching, anche un alimentatore che "inizia" con un normalissimo trasformatore elettromeccanico consuma corrente senza utilizzatori collegati.L'unico modo per evitare consumi "non desiderati" è il vecchio e sempre buon sistema di mettere un interruttore che apra il circuito della 220 a monte del trasformatore (ma a valle del fusibile, per fare le cose fatte bene).
  • unoqualunqu e scrive:
    E le stampanti?
    Gli hub di rete, ecc. E' tutto un colabrodo di consumi. Per fortuna l'energia costa sempre più cara e qualcuno è costretto ad accorgersene. Magari si cominciano a spegnere i boiler delle toilette poi via via fino ai pc...
  • DMJ scrive:
    [OT] Case
    Perdonate l'ot, ma qualcuno sa che case è quello dell'immagine nell'articolo? O si tratta solo di un concept design?
  • DMJ scrive:
    Che scoperta!
    Ma non è colpa della mobo, sono gli alimentatori switching che consumano anche da "spenti". Basterebbe fare in maniera tale che il circuito del psu, una volta spento, si disconnetta dall'alimentazione. Si potrà pur implementare in qualche modo!E' giusto porre attenzione su pc spenti o apparecchi in standby in generale che consumano, ma perché non parlare di pc lasciati accesi inutilmente (soprattutto nelle aziende) durante la pausa pranzo o addirittura la notte! Almeno si usi lo standby o l'ibernazione se proprio non si ha voglia di riavviare il sistema.
    • DMJ scrive:
      Re: Che scoperta!
      Mi autorispondo collegandomi al post di Wargames.In effetti lasciare la mobo alimentata serve nel caso da lui citato, come anche per funzioni tipo Wake On Lan e simili.E comunque non è indispensabile la ciabatta, per ovviare tutti gli alimentatori di decente qualità hanno lo switch meccanico per disconnetterli dalla rete elettrica.
      • ShutMeDown scrive:
        Re: Che scoperta!
        purtroppo gli interruttori degli alimentatori sono in genere posti dietro al computer, in una posizione scomoda e se manovrati "alla cieca" c'è anche il rischio di spostare l'interruttore per selezionare l'alimentazione da 220 a 110 volt...comunque per un consumo di 2 watt/ora parliamo di una spesa elettrica annuale di circa 2,60 euro.
    • Shu scrive:
      Re: Che scoperta!
      - Scritto da: DMJ
      E' giusto porre attenzione su pc spenti o
      apparecchi in standby in generale che consumano,
      ma perché non parlare di pc lasciati accesi
      inutilmente (soprattutto nelle aziende) durante
      la pausa pranzo o addirittura la notte! Hai ragione. Ma perché partire raccogliendo la polvere quando hai ancora i macigni da spostare?A cosa serve un processore a 3 GHz e una scheda video DX10 su un PC da ufficio? A consumare i suoi 250 W (minimi) anche quando l'utente non fa niente.Per la maggior parte dei lavori da ufficio (e sto parlando del 90%, non del 51%) basterebbero i mini PC che sono passati anche qui su PI: 40-50 W di consumo massimo, 15 di consumo minimo.A quel punto hai un risparmio costante minimo di 250 W, ma che arriva anche a 500 W. Altro che i 2,5 W del PC spento. Stiamo parlando di due ordini di grandezza.Se spegnendo il PC di notte si risparmiano 3 euro l'anno di corrente, usandone di piu` parsimoniosi nelle 8 ore di lavoro se ne risparmiano 300-500, di euro/anno.
      • lroby scrive:
        Re: Che scoperta!
        - Scritto da: Shu
        A cosa serve un processore a 3 GHz e una scheda
        video DX10 su un PC da ufficio? A consumare i
        suoi 250 W (minimi) anche quando l'utente non fa
        niente.sono sicurissimo che 250W per una cpu da 3ghz,1 svga compatibile DX10 (quindi si presume ultra moderna e performante quindi ciuccia corrente) e tutto il resto dell'architettura che quasi sicuramente sarà adeguata alla cpu ed alla svga non basterebbero..non bastavano nemmeno per gli assemblati (BELLI) di qualche anno fà.. oppure tempo 6 mesi di uso dall'acquisto e si rompono e via a cambiarli.. come succede ANCHE nell'azienda dove lavoro.LROBY
        • DMJ scrive:
          Re: Che scoperta!
          Non esageriamo, quelli sono dati millantati dai produttori di psu per spingere ad acquistare alimentatori sempre più grossi.Mi diverto spesso a controllare i consumi effettivi di svariate configurazioni in idle e full con un wattmetro.Alcuni esempi:- Scheda madre Asus P5KR- CPU Intel Core 2 Duo E6550- RAM 4 banchi DDR2 1GB 800MHZ- Scheda video ATI X1950GT 512Mb DDR3- HD 2 dischi SATA-II in raid-0- 2 drive DVD-RW- Scheda acquisizione video- 3 ventole Noctua/Scythe 120x120x25Consumo in idle (pc a regime minimo):103 WConsumo in full (cpu e vga al massimo regime, usando Orthos e AtiTool):198 W- Pentium IV 3GHz 800fsb- 2Gb ram DDR400- 2 hd sata raid-0- 2 dvd-rw- Video ATI Radeon9200 128MB- tv tuner- ventoleidle: 104W full: 178W- Sempron 2200- 1Gb ram DDR- 1 hd PATA- 2 dvd-rw- video geforce2 64pro- scheda wi-fi pciidle: 103W full: 118W - Athlon 1000 Thunderbird- 640Mb ram- 1 hd PATA- dvd-rom, cd-rw- video geforce2 V7100 32MB- lan pciidle: 62W full: 124W- Scritto da: lroby
          sono sicurissimo che 250W per una cpu da 3ghz,1
          svga compatibile DX10 (quindi si presume ultra
          moderna e performante quindi ciuccia corrente) e
          tutto il resto dell'architettura che quasi
          sicuramente sarà adeguata alla cpu ed alla svga
          non
          basterebbero..
          non bastavano nemmeno per gli assemblati (BELLI)
          di qualche anno fà.. oppure tempo 6 mesi di uso
          dall'acquisto e si rompono e via a cambiarli..
          come succede ANCHE nell'azienda dove
          lavoro.
          LROBY
          • Lorenzo scrive:
            Re: Che scoperta!
            Scusa ma sembrano un po' basse queste misure , o gli alimentatori non danno i watt dichiarati o c'è qualcosa che non va , il cosfi come e' nei vari casi ?
          • DMJ scrive:
            Re: Che scoperta!
            Se non ricordo male era circa 0.8 / 0.9Ti garantisco che i consumi sono quelli da me indicati, seguo da tempo la questione su forum dedicati all'argomento, e molti utenti hanno potuto misurare i loro consumi reali constatando che sono molto più bassi di quelli indicati dai psu calculator che si trovano in rete.- Scritto da: Lorenzo
            Scusa ma sembrano un po' basse queste misure , o
            gli alimentatori non danno i watt dichiarati o
            c'è qualcosa che non va , il cosfi come e' nei
            vari casi
            ?
  • Wargames scrive:
    Incompetenti!!
    Io direi che un articolo del genere é INUTILE!! CERTO CHE LA SCHEDA MADRE RIMANE ALIMENTATA!! C'é una ragione tecnica per questo: se il PC deve essere acceso tramite una sequenza di tasti della tastiera (il mio per esempio con CTRL+ESC si accende -
    funzione built-in della mia scheda madre Asus) o tramite una scheda di rete (wake-on-LAN) o tramite un modem COME FA SE E' SPENTO TOTALMENTE?!Ah quanti soldi buttati in lavori inutili...
    • klava scrive:
      Re: Incompetenti!!

      Io direi che un articolo del genere é INUTILE!!
      CERTO CHE LA SCHEDA MADRE RIMANE ALIMENTATA!! E' buffo c'e' anche scritto nell'articolo degli incompetenti :DForse varrebbe la pena leggerlo :D
    • djeijing scrive:
      Re: Incompetenti!!
      - Scritto da: Wargames
      Io direi che un articolo del genere é INUTILE!!
      CERTO CHE LA SCHEDA MADRE RIMANE ALIMENTATA!! C'é
      una ragione tecnica per questo: se il PC deve
      essere acceso tramite una sequenza di tasti della
      tastiera (il mio per esempio con CTRL+ESC si
      accende -
      funzione built-in della mia scheda
      madre Asus) o tramite una scheda di rete
      (wake-on-LAN) o tramite un modem COME FA SE E'
      SPENTO
      TOTALMENTE?!
      La vera domanda che quelli di AF digitale si dovevano fare è:perchè esistono dei software dove si può modificare il bios attraverso Windows e non si sfrutta questa cosa per disabilitare di default i wake-on-* ?Non sò i vostri bios ma il mio ultimo PC desktop, se disabilitavi tutto, le porte USB non si accendevano e probabilmente molta altra circuiteria inutile...
    • ubik scrive:
      Re: Incompetenti!!
      immagino che sia fondamentale x te poter accendere il pc tramite ctrl+esc anziché pigiando il pulsante ... e anche il wake on lan, usatissimo sia a casa sia al lavoro da tutti gli italiani (e non solo loro) ....
      • Bool scrive:
        Re: Incompetenti!!
        Eh sì, sono davvero incompetenti questi di Punto Informatico... però con "computer spento" loro e tutti noi intendiamo "spingere il pulsante on-off" e non "metti in standby" come invece intendi tu...Ed ecco che l'articolo prende tutta un'altra piega! :-)
        • ninjaverde scrive:
          Re: Incompetenti!!
          Attenzione però....Il pulsante ON-OFF satacca completamente la circuiteria?Questo pulsante è un tantino equivoco!In teoria dovrebbe disabilitare tutto.Ma è vero?Fate una semplice prova:mettete un amperometro in serie ad un cavetto dell'alimentazione.Si potrebbe pensare di adottare un amperometro a pinza, ma la corrente (probabilmente) non verrebbe segnalata poichè solo di 10 - 20 mA (0,01 - 0,02 - 0,03 A) o giù di lì.Del resto qui si parla di PULSANTE e non di un INTERRUTTORE. Il pulsante agisce su di un circuito "in ascolto" che deve naturalmente essere alimentato.Lo stanby naturalmente risparmia molta meno energia, in quanto parte dei circuiti della scheda madre sono attivi.
    • mack scrive:
      Re: Incompetenti!!
      NN CAPISCI UN CAZZO.
    • cris scrive:
      Re: Incompetenti!!
      Sara' utile il tuo di lavoro... ALMENO si ha una dimensione degli inutili sprechi che qualche sapientone come te comporta lasciando il pc alimentato
  • Nome e scrive:
    Premesso che uso una ciabatta anch'io
    per i motivi menzionati nell'articolo, occhio ai carichi che ci attaccate sopra, su impianti mal bilanciati si possono avere delle bruttissime sorprese. Si vedono a giro degli obrobri con 16 prese sopra che sono un autentico attentato per gli impianti più vecchi o mal realizzati.
    • Ste scrive:
      Re: Premesso che uso una ciabatta anch'io
      Bhè ciabatta o non ciabatta se l'impianto è fatto male i rischi si corrono sempre...ma non solo con il PC! Basta anche un forno per far bruciare casa.Perlomeno in caso di corto con la ciabatta (se protetta da fusibile) forse si riesce a salvare il PC.Di solito le ciabatte sono da 1,5Kw di picco, dopodichè il fusibile salta. Se una presa domestica non regge 1,5Kw...c'è da preoccuparsi.Spesso i problemi maggiori si hanno nelle case in affitto, perchè i padroni sono riluttanti a fare interventi costosi, che però competerebbero loro. Il risultato è che gli impianti sono a dir poco fatiscenti.Cmq i problemi non sono dati solo dall'impianto domestico: anche l'Enel (o chi per lei) ce la mette tutta con sbalzi di tensione e frequenze di erogazione instabili. Fenomeni che negli ultimi anni ho visto aumentare a dismisura, almeno nel quartiere dove risiedo.
  • ShutMeDown scrive:
    Cosa c'entra Vista?
    "il celebre magazine ha analizzato i consumi di sistemi informatici su cui era montato Windows Vista scoprendo che consumano anche quando sono spenti"se un computer è spento cosa c'entra che ci sia Vista? Potrebbe esserci anche Linux o un hard-disk non formattato privo di OS e i consumi da spento restano esattamente gli stessi...non lamentatevi di troll e flame se poi siete i primi a dare il "LA" per scatenarli.
    • pippo scrive:
      Re: Cosa c'entra Vista?

      "il celebre magazine ha analizzato i consumi di
      sistemi informatici su cui era montato Windows
      Vista scoprendo che consumano anche quando sono
      spenti"

      se un computer è spento cosa c'entra che ci sia
      Vista? Potrebbe esserci anche Linux o un
      hard-disk non formattato privo di OS e i consumi
      da spento restano esattamente gli
      stessi...
      Così possono dire che non è sicuro nemmeno da spento :D
    • lroby scrive:
      Re: Cosa c'entra Vista?
      - Scritto da: ShutMeDown
      "il celebre magazine ha analizzato i consumi di
      sistemi informatici su cui era montato Windows
      Vista scoprendo che consumano anche quando sono
      spenti"Magari erano in standby invece che spenti e non l'hanno notato :DLROBY
    • kotaro scrive:
      Re: Cosa c'entra Vista?
      - Scritto da: ShutMeDown
      "il celebre magazine ha analizzato i consumi di
      sistemi informatici su cui era montato Windows
      Vista scoprendo che consumano anche quando sono
      spenti"

      se un computer è spento cosa c'entra che ci sia
      Vista? Potrebbe esserci anche Linux o un
      hard-disk non formattato privo di OS e i consumi
      da spento restano esattamente gli
      stessi...

      non lamentatevi di troll e flame se poi siete i
      primi a dare il "LA" per
      scatenarli.Veramente non c'entra nulla, se leggi bene, la rivista stava eseguendo delle misure per un articolo sui consumi di vista, quando ha scoperto che il pc consumava anche "spento"...
    • Miss K Lorina scrive:
      Re: Cosa c'entra Vista?
      Non c'entra probabilmente nulla, però è anche vero che io ho istruito i miei PC (fisso e portatile) con su Linux per spegnersi se chiedo di spegnersi e per andare in standby quando chiedo lo standby (su disco o su RAM a mia scelta), mentre ho visto diversi portatili con Vista, andare in standby a prescindere da ciò che l'utente chiedeva. Se la stessa accade anche sui fissi, il bilancio energetico di Vista non ne giova decisamente.
      • afiorillo scrive:
        Re: Cosa c'entra Vista?
        - Scritto da: Miss K Lorina
        [...] mentre ho visto diversi portatili con
        Vista, andare in standby a prescindere da ciò che
        l'utente chiedeva. [...]Marca e modello, per favore. Mai vista una cosa del genere.
        • Lieutenant scrive:
          Re: Cosa c'entra Vista?
          - Scritto da: afiorillo
          Marca e modello, per favore. Mai vista una cosa
          del genere.Installa Vista su un qualsiasi PC. Noterai che la funzione predefinita del pulsante con l'universalmente riconosciuto simbolo di spegnimento è in realtà la funzione di stand-by.Se vuoi una marca, citane una a caso. Tanto non dipende dal portatile ma da Vista.
        • NAPLES NARCOS scrive:
          Re: Cosa c'entra Vista?
          a me è successo con il Dell Latitude D410 su cui ho messo Vista, con XP invece andava normalmente.ho notato però che dipendeva da un problema software perchè dopo un update della bios il comportamento è tornato alla normalità.forse il simpatico bart qui sopra ha avuto un problema del genere.
      • Blackstorm scrive:
        Re: Cosa c'entra Vista?
        - Scritto da: Miss K Lorina
        Non c'entra probabilmente nulla, però è anche
        vero che io ho istruito i miei PC (fisso e
        portatile) con su Linux per spegnersi se chiedo
        di spegnersi e per andare in standby quando
        chiedo lo standby (su disco o su RAM a mia
        scelta), mentre ho visto diversi portatili con
        Vista, andare in standby a prescindere da ciò che
        l'utente chiedeva. Se la stessa accade anche sui
        fissi, il bilancio energetico di Vista non ne
        giova
        decisamente.A parte che l'articolo parla di cosumi a pc spento, ma a me risulta che ci siano le opzioni per spegnere il pc senza alcun problema, da Vista, portatile o meno. Ma cmq qst non è l'argomento.
        • lroby scrive:
          Re: Cosa c'entra Vista?
          - Scritto da: Blackstorm
          - Scritto da: Miss K Lorina

          Non c'entra probabilmente nulla, però è anche

          vero che io ho istruito i miei PC (fisso e

          portatile) con su Linux per spegnersi se chiedo

          di spegnersi e per andare in standby quando

          chiedo lo standby (su disco o su RAM a mia

          scelta), mentre ho visto diversi portatili con

          Vista, andare in standby a prescindere da ciò
          che

          l'utente chiedeva. Se la stessa accade anche sui

          fissi, il bilancio energetico di Vista non ne

          giova

          decisamente.

          A parte che l'articolo parla di cosumi a pc
          spento, ma a me risulta che ci siano le opzioni
          per spegnere il pc senza alcun problema, da
          Vista, portatile o meno. Ma cmq qst non è
          l'argomento.L'avvento delle GUI all'interno dei s.o. ha fatto si che la maggior parte degli utenti sia diventata mouse dipendente e che come il mouse si rompe questi non sappiano nemmeno spegnere il proprio pc se non togliendo brutalmente corrente. escludendo l'ovvietà che dice che si può perfino programmare il tasto di accensione per mandarlo in spegnimento completo.. quindi anche senza mouse lo si può fare.. è dai tempi di Win98/ME che io creo sul desktop una bella iconina per spegnere il pc (con tanto di simbolo dell'interruttore :D) a cui associo una shortcut da tastiera.. quando devo andare via mi basta premere la shortcut e me ne vado.. + veloce di cosi..su XP e Vista ho recentemente scoperto che si può pure fare la stessa cosa anche per riavviarlo :D troppo comoda la vita per chi sà godersela :)LROBY
      • lroby scrive:
        Re: Cosa c'entra Vista?
        - Scritto da: Miss K Lorina
        Non c'entra probabilmente nulla, però è anche
        vero che io ho istruito i miei PC (fisso e
        portatile) con su Linux per spegnersi se chiedo
        di spegnersi e per andare in standby quando
        chiedo lo standby (su disco o su RAM a mia
        scelta), ..[CUT]il mandare il pc in riposo con fotografia dell'attuale situazione della RAM sul disco fisso si chiamare mandarlo in ibernazione e non consuma corrente.. Standby è solo il mantenere il pc in dormiveglia lasciando alimentate solo le memorie per permettere un risveglio + rapido.LROBY
    • cris scrive:
      Re: Cosa c'entra Vista?
      Se ti leggessi la fonte (c'e' il collegamento ) capiresti forse che viene menzionato vista per il semplice motivo che viene fatto un test anche in stand by quindi e' FONDAMENTALE il sistema operativo ;)
Chiudi i commenti