GeForce 800M, le nuove GPU per il gioco in mobilità

NVIDIA presenta le novità destinate ai laptop a uso videoludico. Una commistione di architetture vecchie e nuove pensate per migliorare l'efficienza energetica oltre alle prestazioni

Roma – NVIDIA ha ufficializzato il debutto delle GeForce 800M , nuova linea di GPU discrete per computer portatili destinata ad aggiornare la precedente generazione di GeForce 7xxM con un focus che include performance maggiorate ma anche (e soprattutto) efficienza energetica marcatamente superiore.

La nuova linea di GeForce portatili comprende modelli più performanti ancora basati sulla “vecchia” architettura Kepler (GTX 880M, GTX 870M, GTX 860M) accanto a GPU progettate a partire dalla nuova microarchitettura Maxwell (GTX 860M, GTX 850M), mentre il processo produttivo di 28 nm è comune a entrambe.

Il numero di CUDA core inclusi nelle nuove GeForce varia dai 1.536 del modello più performante (GTX 880M Kepler) ai 640 di quello più economico (GTX 850M Maxwell), così come variano i clock della GPU, il bus di memoria e il quantitativo di RAM GDDR5 on-board (2-4 GB). Resta identica la velocità a cui viaggiano i chip di memoria (2.500MHz) e le funzionalità aggiuntive incluse nelle GPU (escluso il supporto SLI mancante nella GTX 850M Maxwell).

Riguardo le succitate capacità, NVIDIA sottolinea la presenza di una novità esclusiva della nuova linea GeForce 800M: Battery Boost , questo il nome della funzionalità, è pensata per gestire in maniera efficiente le necessità energetiche dei componenti di sistema (CPU, GPU, memoria) per raggiungere un livello di performance grafiche prefissato (30 fps il valore di default) pur risparmiando sul consumo dell’energia stivata nella batteria del portatile.

I laptop basati su GeForce 800M avranno batterie che garantiranno autonomie estese, sostiene NVIDIA , saranno più sottili e leggeri di quelli con GeForce 7xxM e garantiranno incrementi prestazionali che vanno dal +15 per cento della GTX880M Kepler (rispetto alla GPU equivalente della precedente generazione) al notevolissimo +60 per cento della GTX 850M Maxwell.

Tra i primi laptop a montare le nuove GeForce portatili ci saranno i due modelli aggiornati della linea Blade prodotta da Razer, con il modello da 14 pollici dotato di uno schermo ultra definito (3200×1800 pixel con pannello IPS di IGZO) e GeForce GTX 870M con 3 gigabyte di RAM accanto a un processore Core i7 di Intel. Il prezzo per giocare in mobilità a 60 frame al secondo su display ultra definito è di 2.199 dollari, extra esclusi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo T. scrive:
    CVD
    XXXXXponte, il fuffarolo più amato dalle colonne di tecnologia della stampa generalista.
    • bubba scrive:
      Re: CVD
      - Scritto da: Paolo T.
      XXXXXponte, il fuffarolo più amato dalle colonne
      di tecnologia della stampa
      generalista.ha parlato l'Esperto in macacologia comparata :)
  • aldo scrive:
    Seguono l'evoluzione del settore
    L'hardware c'è già a prezzi stracciati. Il software invece no. Il software costa e quello dovrebbero continuare a supportarlo.
    • 2014 scrive:
      Re: Seguono l'evoluzione del settore
      - Scritto da: aldo
      L'hardware c'è già a prezzi stracciati. Il
      software invece no. Il software costa e quello
      dovrebbero continuare a
      supportarlo.gratis ovviamente...
  • r1348 scrive:
    OLPC is not dead!
    http://news.squeak.org/2014/03/12/olpc-is-not-dead/
  • Etype scrive:
    ......................
    Obbiettivo lodevole ma....Nei Paesi più poveri devi prima creare le basi per cose più importanti,una casa,l'acqua,una scuola,cibo,cure,un lavoro,una società nuova...dopo puoi portare l'informatica.Che se ne fa un bambino di un tablet,un computer,ecc se poi vive dentro una baracca e a malapena può mangiare ?
  • prova123 scrive:
    Ma a livello pratico l'organizzazione...
    continua a operare... anche questi chiederanno 9 euro al mese ?
  • bertuccia scrive:
    Un altro bel regalo del "filantropo"
    già, proprio lui, il Draga in persona.in principio il progetto OLPC era basato su Linsux.Ovviamente Gates non poteva accettare la potenziale minaccia della diffusione di linux nei paesi emergenti, così tutto d'un tratto il progetto OLPC da 100$ diventò da 175$, poiché doveva essere in grado di far girare anche Windows, e presumibilmente pagarne le licenzeAprile 2007 - Two big changes announced - the $100 OLPC is now the $175 OLPC, and it will be able to run Windows. http://www.zdnet.com/blog/hardware/175-olpc-deals-blow-to-open-source-guarantees-microsofts-continued-dominance/379un altro bel regalo del Draga, oltre ad aver tenuto per 20 anni nel medioevo informatico il mondo occidentale.Per fortuna è solo un brutto ricordo
    • bubba scrive:
      Re: Un altro bel regalo del "filantropo"
      - Scritto da: bertuccia
      già, proprio lui, il Draga in persona.

      in principio il progetto OLPC era basato su
      Linsux.
      Ovviamente Gates non poteva accettare la
      potenziale minaccia della diffusione di linux nei
      paesi emergenti, così tutto d'un tratto il
      progetto OLPC da 100$ diventò da 175$, poiché
      doveva essere in grado di far girare anche
      Windows, e presumibilmente pagarne le
      licenze
      <b

      Aprile 2007 </b
      - <b
      Two big changes announced - thele famose old news dei macachi.tra l'altro pure fake, fondamentalmente.http://wiki.laptop.org/go/Software_components
      Per fortuna è solo un brutto ricordogli olpc ci sono ancora. il Draga pure :
  • get the facts scrive:
    peccato davvero
    ecco perche non ne sentivo piu parlare ! avevo sempre seguito il progetto(sotto sotto speravo di comprarmi qualche netbook a 100$, ora qualche netbook android ci si avvicina come prezzo)la cosa tupenda era che andava a manovella rendendoti indipendente dalla corrente elettrica,peccato davvero,i maglini dicevano che era una trovata per intel che doveva bolognare chip oramai vecchi e poco potenti
    • bertuccia scrive:
      Re: peccato davvero
      - Scritto da: get the facts

      sotto sotto speravo di comprarmi
      qualche netbook a 100$ :|
      la cosa tupenda era che
      andava a manovella rendendoti indipendente dalla
      corrente elettrica :| :|only at Punto-Informatico
    • 2014 scrive:
      Re: peccato davvero
      - Scritto da: get the facts
      ecco perche non ne sentivo piu parlare ! avevo
      sempre seguito il
      progetto
      (sotto sotto speravo di comprarmi qualche netbook
      a 100$, ora qualche netbook android ci si
      avvicina come prezzo)la cosa tupenda era che
      andava a manovella rendendoti indipendente dalla
      corrente
      elettricaNon ti preoccupare ci pensa renzie, per le sQuole italiote :D
    • bubba scrive:
      Re: peccato davvero
      - Scritto da: get the facts
      ecco perche non ne sentivo piu parlare ! avevo
      sempre seguito il
      progetto
      (sotto sotto speravo di comprarmi qualche netbook
      a 100$, vivevi in nigeria? i $100 mica erano per te... tu lo pagavi anche 3 volte tanto..ora qualche netbook android ci si
      avvicina come prezzo)la cosa tupenda era che
      andava a manovella rendendoti indipendente dalla
      corrente
      elettrica,presente solo poi nei "beta" dei primi tempi... dopo han messo il pannello solare..
      peccato davvero,i maglini dicevano che era una
      trovata per intel che doveva bolognare chip
      oramai vecchi e poco
      potentidifficile che Intel vendesse dei AMD geode o dei VIA C7 :P
Chiudi i commenti