NVIDIA e AMD nella terra delle GPU di mezzo

I due principali produttori di GPU discrete annunciano nuovi prodotti pensati per la fascia di mercato di medio livello. Nel caso di NVIDIA si parla anche del debutto di una nuova architettura di processore

Roma – La prima GPU ad adottare la nuova architettura Maxwell di NVIDIA è la GeForce GTX 750 (Ti), scheda acceleratrice discreta per la fascia media del mercato con cui la corporation californiana puntualizza dove vuole andare a parare con Maxwell: il focus, in questa nuova generazione di GPU, è sul risparmio dei consumi e sull’efficienza energetica complessiva.

Presentata nella doppia incarnazione “liscia” o Ti, la GPU GeForce GTX 750 è realizzata con lo stesso processo produttivo (28 nm) delle schede basate su architettura Kepler ma adotta una nuova configurazione logica delle unità di esecuzione delle istruzioni. Il risultato è un chip di dimensioni inferiori che però è due volte più efficiente di Kepler e offre un incremento prestazionale del 135 per cento per core.

Maxwell vs. Kepler

Le schede GeForce GTX 750 e GTX 750 Ti sono il 50 per cento più veloci della precedente generazione basata su Kepler, spiega NVIDIA, hanno integrato un quantitativo di RAM GDDR5 di 1 e 2 Gigabyte e consumano soltanto 60W di energia senza la necessità di prese di alimentazioni aggiuntive. I consumi ridotti e il focus sull’efficienza permettono alle due schede di funzionare con livelli di rumorosità inferiori – una manna per chi preferisce costruirsi un PC silenzioso o chi ha necessità di un sistema mini-PC magari da mettere sotto il televisore.

I primi test prestazionali dicono che Maxwell offre vantaggi oggettivi e concreti rispetto a Kepler, e anche se la vecchia architettura viene spinta al massimo delle sue possibilità con la mostruosa GeForce GTX Titan Black (una versione pompata e GPGPU-ready della GTX 780 Ti che era a sua volta una versione riveduta e corretta della Titan originale) le prospettive per le future iterazioni di Maxwell non possono che essere rosee.

E AMD? La corporation delle Radeon non sta certo a guardare e risponde al rilascio delle due GTX 750 con l’uscita di Radeon R7 265 , una GPU discreta di fascia media che va a giocarsela con le nuove GeForce Maxwell, con dalla sua un leggero vantaggio economico e il supporto alle librerie esclusive di AMD (Mantle, TrueAudio) che tanto stanno facendo discutere in questo periodo.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • firmaware scrive:
    aggiornamenti?
    Alla fine la gran parte dei prodotti viene aggiornato sì e no un paio di volte poi è abbandonato. Tra falle, bug e backdoors sono un colabrodo, tanto la gran parte degli utenti non se ne rende conto.L'unica possibiltà sta nel firmaware custom, sempre che le aziende non abbiano blindato i loro prodotti, vorrai mica che uno smanettone faccia una versione migliore e più funzionale di quella decisa a tavolino e venduta dalla ditta.
  • Serendipipi scrive:
    Professionalità
    "che Belkin ha provveduto a realizzare dopo essere stata informata dal problema".Ma che produttore attento e professionale: sono gli altri ad informarlo che le proprie implementazioni sono mal fatte...
    • yuppe scrive:
      Re: Professionalità
      - Scritto da: Serendipipi
      "che Belkin ha provveduto a realizzare dopo
      essere stata informata dal
      problema".
      Ma che produttore attento e professionale: sono
      gli altri ad informarlo che le proprie
      implementazioni sono mal
      fatte...Mi sembra che sia la norma. Anzi molto spesso le falle non vengono neanche sistemate.
  • Meditate gente meditate scrive:
    La vulnerabilità della domotica...
    ...o la vulnerabilità della domenica? Meditate gente, mediate.
  • polimero scrive:
    che standard usano?
    immagino non X10 visto che è lentissimo (e lasciamo perdere la questione sicurezza :D)
  • 2014 scrive:
    chissà che sistema operativo
    usano?Quello senza macchia, e senza virus?:D
    • aphex_twin scrive:
      Re: chissà che sistema operativo
      - Scritto da: 2014
      usano?
      Quello senza macchia, e senza virus?
      :DLa risposta la deduci dalla mancanza di commenti. :D
      • ... scrive:
        Re: chissà che sistema operativo
        - Scritto da: aphex_twin
        - Scritto da: 2014

        usano?

        Quello senza macchia, e senza virus?

        :D

        La risposta la deduci dalla mancanza di commenti.

        :D[img]http://i414.photobucket.com/albums/pp223/digilaut/Funny-gif-hahaha-no-transformers_zps4e7f0fd5.gif~original[/img]
    • bubba scrive:
      Re: chissà che sistema operativo
      - Scritto da: 2014
      usano?
      Quello senza macchia, e senza virus?
      :DiOS?Belkin URGES such users to download the latest app from the App Store (version 1.4.1)
  • Jack scrive:
    Domotica e cloud
    La domotica non deve passare attraverso un sistema cloud: troppo facili gli attacchi già se tutto è sicuro, troppi livelli possono sapere se uno è in casa o fuori, e per quanto tempo, troppo facile per troppi soggetti scoprire le abitudini delle persone.
  • bubba scrive:
    la cosa piu "curiosa" e' un altra...
    apparentemente (io non ne avevo mai sentito parlare :P) sta linea di oggetti e' in giro da un anno... e sul forum loro ci sono gazillioni di accidenti verso i cosi e il supporto tecnico, perche' la gestione dei suddetti e' inaffidabile (hanno pure shutdownato il cloud server)... e NON per le questioni di sicurezza :PFigurarsi dopo il bulletin del cert, come saranno contenti gli utenti ..gh
  • ... scrive:
    Eh beh
    "che in caso di violazione della rete locale sarebbero in balia degli attaccanti"Eh sì... i centrocampisti e i difensori no, però eh.
  • prova123 scrive:
    Visto come gestiscono la sicurezza ...
    la domotica è utile solo per innaffiare le piante ... con l'innaffiatoio pronto dietro la porta!! Pensa te che cialtroni!!!
Chiudi i commenti