Georgia Tech, sfuggire alle censure

Georgia Tech, sfuggire alle censure

L'ateneo statunitense mette a punto un sistema per lo scambio di informazioni sui network sociali in grado di aggirare censure e filtri di stato. Potere della steganografia e dell'automazione dei task web
L'ateneo statunitense mette a punto un sistema per lo scambio di informazioni sui network sociali in grado di aggirare censure e filtri di stato. Potere della steganografia e dell'automazione dei task web

Negli States bypassare le censure telematiche è divenuto una sorta di sport nazionale, e mentre l'agenzia DARPA finanzia il progetto SAFER a scopi militari, altri pensano allo scambio di informazioni tra utenti bloccati dietro filtri di stato o altro genere di controllo dall'alto. Al Georgia Tech si sono rivolti alle tecniche steganografiche per camuffare contenuti invisi al potere all'interno di popolari network sociali come Flickr, Twitter e altri.

Collage , il sistema che i ricercatori del Georgia Tech School of Computer Science presenteranno in dettaglio nel corso della prossima conferenza Usenix sulla sicurezza, impiega una serie di strumenti e procedure atte a sfuggire agli occhiuti controlli dei censori di stato – siano essi cinesi , australiani o quant'altro. È una tecnologia poco adatta alla condivisione di grandi quantità di dati, dicono gli autori dello studio, ma teoricamente sufficiente a nascondere e far circolare post di blog e messaggi testuali all'interno di una rete di dissidenti o attivisti.

Collage consta di due diversi componenti : il primo è il “vettore” del messaggio incaricato di nascondere il testo all'interno del web sociale basato su contenuti generati dagli utenti; il secondo è un meccanismo di “aggancio” che permette ai netizen interessati di raccogliere il messaggio nascosto sul web con un traffico di bit di copertura .

Alla base del sistema c'è la steganografia, una tecnica in grado di nascondere contenuti segreti all'interno di immagini o testo recentemente salita alla ribalta con la vicenda delle spie russe dormienti scovate a piede libero sul territorio statunitense. Gli utenti processano i contenuti da camuffare sul web, lasciando poi a uno strumento chiamato Selenium il compito di automatizzare i task necessari alla loro condivisione – visita delle pagine web, completamento dei form, click dei pulsanti, download.

L'utilizzo di un sistema come Collage non garantisce la totale trasparenza della condivisione carbonara nei confronti dei governi dittatoriali o delle censure di stato, avvertono i ricercatori, ma a loro dire è improbabile che gli organismi di censura si imbarchino nel blocco di una gran quantità di contenuti “legittimi” su cui il sistema basa le sue chance di successo.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 07 2010
Link copiato negli appunti