Giù i prezzi di Athlon e Opteron

AMD deprezza tutta la linea di Athlon XP-M, i cui modelli scendono sotto i 200 dollari, e introduce i primi ribassi anche nella giovane famiglia di chip hi-end Opteron, con tre modelli in arrivo


Sunnyvale (USA) – Con la speranza di sostenere il buon andamento nelle vendite fatto registrare dai propri processori mobile – che in USA, secondo NPD Group, sono riusciti a ritagliarsi un quarto del mercato dei notebook consumer – AMD ha attuato un deciso taglio dei prezzi degli Athlon XP-M.

Nella famiglia Desktop Replacement, dedicata ai notebook full-size, AMD ha ridotto i prezzi di un fattore compreso fra l’8% e il 30%; nella famiglia Mainstream, dedicata ai notebook consumer e di fascia media, la variazione di prezzo è compresa fra il 6% e il 26%; nella famiglia Low Voltage, dedicata alla fascia dei portatili thin-and-light, i tagli vanno invece dall’11% al 19%.

Rispondendo alle sforbiciate che Intel ha recentemente dato ai prezzi degli Xeon, AMD ha introdotto i primi ribassi nella propria linea di chip Opteron dual e single processor, e in particolare ai modelli 244 (-13%), 242 (-24%), 240 (-9,5%), 144 (-35%) e 142 (-33%).

Secondo alcune fonti, la riduzione dei prezzi degli Opteron di fascia medio-bassa dovrebbe anticipare l’arrivo, nelle prossime settimane, di due nuovi modelli della serie 100 e 200, con tutta probabilità il 146 e il 246, e di un nuovo modello della serie 800, probabilmente l’846.

Dal mese di aprile, mese del debutto di Opteron, alla fine dello scorso trimestre, AMD ha venduto un numero di processori a 64 bit compreso fra gli 8.000 e i 10.000: una quantità che alcuni noti analisti hanno giudicato un po’ sotto le aspettative ma che il CEO di AMD, Hector Ruiz, ha definito “superiore a al numero di chip a 64 bit venduti dal nostro concorrente durante tutto il 2002”. Ruiz si riferisce chiaramente a Intel e alle vendite di Itanium, un processore che sta faticosamente tentando di ritagliarsi una fetta del lucroso mercato dei sistemi a 64 bit, ancora ampiamente dominato dalle piattaforme RISC.

Il chipmaker di Sunnyvale ha poi ritoccato, di un fattore compreso fra l’11% e il 16%, anche il prezzo degli Athlon MP , una linea di chip multiprocessore ormai vicina alla pensione.

Per conoscere nel dettaglio tutti i prezzi del nuovo listino all’ingrosso di AMD è possibile visitare questa pagina .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Un appunto per l'autore.
    guarda che e' un troll, arm non e' mai stata comprata da intel
  • Anonimo scrive:
    Re: Un appunto per l'autore.
    - Scritto da: Anonimo
    ARM è stata acquistata da Intel, e comunque
    in linea generaleVisto che sono totalmente ignorante in proposito, ma molto interessato a questi argomenti, Punto-Informatico è una delle fonti per me più utili e interessanti, compresi i forum.Potrebbe gentilmente l'autore di questo post o qualcun altro fornire qualche riferimento alla fonte della sua notizia.Grazie,Antonio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un appunto per l'autore.
    E questo dove l'hai letto, sulle scatole di patatine? :-) Intel è solo una licenziataria di SCO, niente più. NON ha mai acquistato ARM.- Scritto da: Anonimo
    ARM è stata acquistata da Intel, e comunque
    in linea generale, se queste società
    lavoreranno assieme per definire interfaccie
    comuni prive di royalty, alle altre resterà
    solo da raccoglirne i frutti.
    Dunque nessuna preoccupazione da parte di
    Intel e Microsoft.
  • Anonimo scrive:
    Un appunto per l'autore.
    ARM è stata acquistata da Intel, e comunque in linea generale, se queste società lavoreranno assieme per definire interfaccie comuni prive di royalty, alle altre resterà solo da raccoglirne i frutti.Dunque nessuna preoccupazione da parte di Intel e Microsoft.
Chiudi i commenti