Giocano a rimpiattino! Piove sulle majors

Un distributore di video-on-demand sulla rete accusa le grandi del cinema di far di tutto per controllare il mercato internet, calpestando diritti e rallentando i concorrenti


Roma – Si inasprisce la battaglia per il controllo del mercato della distribuzione via internet di video e opere cinematografiche dopoché una importante azienda di video-on-demand su internet ha denunciato AOL Time Warner, Vivendi Universal e Sony per concorrenza sleale.

Secondo Intertainer , società americana spalleggiata da giganti del calibro di Microsoft, General Electric e Intel, le majors del cinema stanno abusando della propria posizione nel fare cartello e controllare il prezzo della distribuzione digitale sulla rete.

L’accusa è che questo da un lato abbia impedito a Intertainer e ad altre aziende di prendere accordi commercialmente sensati per la distribuzione dei film e dall’altro stia consentendo alle majors di prendersi il tempo necessario a creare le proprie reti di distribuzione, come il sistema Movielink, che dovrebbe partire entro l’anno .

Il CEO di Intertainer, Jonathan Taplin, ha furiosamente dichiarato: “Qui dobbiamo capire se avremo un modello in cui le persone che non sono comprate dalle majors potranno sopravvivere o no. Dobbiamo decidere se vogliamo che tutti i media di questo paese siano o meno possedute da cinque aziende”.

Va detto che Movielink , così come Movies.com , è già al centro di una indagine del ministero della Giustizia americano volta a capire se effettivamente sia uno strumento utilizzato dalle majors per schiacciare i (potenziali) rivali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nadia alan scrive:
    aste immobiliare
    salve vorrei un informazione riguarda le case che erano dell'inpdap e ora sono dell'inps ad anzio quando sara' fissata l'asta?.
  • marco scrive:
    acquisto immobile occ.
    (anonimo)Informo che chi ha intenzione di acquistare imm. occ. all'asta inpdap sappia che il contratto all'inquilino si rinnova di 9 anni dalla data di scadenza dello stesso e allo steso valore e non dal 2001 io lo ho saputo solo dopo averlo acquistato .
  • Anonimo scrive:
    it's the italian way
    e' da ieri che il sito del ministero e' FERMO!ammesso che abbia mai funzionato...ammesso (tanto per ridere) che un'asta di questo genere abbia senso in Italia, il paese in cui appena gli immobili dello stato vengono messi in vendita, ti accorgi che i pezzi migliori sono stati affittati pochi giorni prima da ministri, senatori, portaborse,lacche' e tutti i partecipanti al circo..che presa per culo colossale!ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: it's the italian way
      IO dirrei:dass ist immer die gleiche SCHEISSE. dove ti guardi in giro sempre la stessa merda.. Hai propio ragione, la democrazia sempre e solo sulla carta. Silvano Panichi trefonti@tin.it
Chiudi i commenti