Google acquista per il monitoraggio domestico

La nuova operazione di Mountain View è destinata a rafforzare la posizione e le possibilità di Nest nella domotica. Per il momento senza minacce per la privacy

Nest Labs, da poco divisione di Google, ha annunciato l’acquisto di Dropcam, azienda che offre un servizio di monitoraggio domestico basato sul WiFi e sull’archiviazione dei dati sulla cloud.

Si tratta di un’operazione da 555 milioni di dollari che punta a rendere Google ed il suo sistema operativo Android sempre più centrale per la domotica. L’azienda del termostato intelligente e del rilevatore di fumo, recentemente entrata a far parte della scuderia Google, lavorerà dunque a stretto contatto con Dropcam per sviluppare prodotti e servizi che permettano agli utenti di restare connessi con le proprie abitazioni .

I servizi di sorveglianza di Dropcam (che hanno un prezzo che oscilla tra i 149 e i 199 dollari, a seconda della qualità video offerta), particolarmente di successo tra le famiglie con figli, che li usano per vegliare sui più piccoli, saranno gestiti da Nest e non direttamente da Google: per il momento, dunque, non parrebbe avere senso paventare una nuova frontiera di invasione della privacy da parte di Mountain View e di nuovi spazi da occupare con la pubblicità.

D’altronde, il co-fondatore di Nest Matt Rogers ha già spiegato che Dropcam rientrerà nella policy di privacy di Nest, che esplicitamente afferma che i dati non possono essere condivisi con nessuno (compresa Google) senza il permesso degli utenti.

L’operazione di acquisizione, per essere portata a termine, deve ricevere l’approvazione delle autorità.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti