Google, al lavoro in catamarano

Big G sperimenta una via originale: un traghetto al posto della navetta per portare i dipendenti in ufficio. Per non ingolfare in traffico e sfuggire all'ira dei concittadini

Roma – Google ha messo a disposizione dei dipendenti di San Francisco un catamarano come mezzo di trasporto per arrivare in ufficio. Se i comuni mortali sono abituati a destreggiarsi nel traffico e i più fortunati ad affidarsi alle navette organizzate dalle aziende, da lunedì i Googler residenti sulla Baia californiana hanno il privilegio di sperimentare il viaggio via mare a bordo del Triumphant .

Triumphant

Quattro viaggi al giorno, due al mattino da San Francisco a Redwood City e due nel pomeriggio invertendo la rotta, con un massimo di 150 persone a bordo è la tabella di marcia del catamarano che Big G ha affittato da una compagnia privata (il mezzo in questione sul sito ha un prezzo di un milione di dollari). A quanto pare, Mountain View paga normalmente il prezzo per l’attracco al porto come ogni altro utente privato, ipotesi possibile poiché trattasi di un test, anche se per ora non si sa quanto durerà e se il servizio sarà esteso.

L’originale scelta di Big G giunge dopo le polemiche sollevate dai residenti di San Francisco e delle zone limitrofe, infuriate per il proliferare delle società hi-tech che qui stabiliscono il proprio quartier generale alzando notevolmente il reddito medio della popolazione e generando, quindi, un’impennata dei costi. Così, dopo che alcuni vecchi residenti sono stati sfrattati, l’ira dei manifestanti si è scagliata contro i bus aziendali, colpevoli di sfruttare le fermate dei mezzi pubblici e rallentare il traffico cittadino. Per calmare le acque, il sindaco di San Francisco Ed Lee si è accordato con alcune delle compagnie sotto tiro come la stessa Google e Genentech per un programma pilota di diciotto mesi che porterà nelle casse della città 1,5 milioni di dollari.

Le parti hanno dichiarato che il progetto darà preziosi vantaggi, con la riduzione dei veicoli su strada e il conseguente beneficio per l’ambiente. Prima dell’avvio, il programma deve essere accettato dalla San Francisco Municipal Transportation Agency (si decide il 21 gennaio) ma per il via definitivo si dovrà attendere fino alla primavera. Un problema che non riguarda i dipendenti di Big G, che nel frattempo si crogioleranno a bordo del Triumphant.

Alessio Caprodossi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Provare per credere scrive:
    Nel mobile non si butta via niente
    "Nel mobile non si butta via niente, nemmeno Windows 8"No dai, Windows 8 no... :s
  • nushuth scrive:
    ancora senza connettività mobile...
    Ancora una volta, asus insiste nello sfornare PC convertibili senza connettività mobile.E ancora una volta giaceranno invenduti nei magazzini.....
    • nome e cognome scrive:
      Re: ancora senza connettività mobile...
      - Scritto da: nushuth
      Ancora una volta, asus insiste nello sfornare PC
      convertibili senza connettività
      mobile.

      E ancora una volta giaceranno invenduti nei
      magazzini.....Se hai in tasca uno smartphone cosa te ne fai della connettività mobile sul pc?
      • nushuth scrive:
        Re: ancora senza connettività mobile...
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: nushuth

        Ancora una volta, asus insiste nello
        sfornare
        PC

        convertibili senza connettività

        mobile.



        E ancora una volta giaceranno invenduti nei

        magazzini.....

        Se hai in tasca uno smartphone cosa te ne fai
        della connettività mobile sul
        pc?non tutti usano lo smartphone e il tablet solamente per cazzeggiare su facebook... c'e' anche gente che lavora. siamo sempre meno, ma qualcuno ancora lo fa...Immagina di essere un agente di commercio, il classico rappresentante... te ne vai dal cliente e gli devi chiedere la password wifi per connettere il pc e caricargli l'ordine, e gia ci fai una figura barbina.Puoi sempre fare il tethering con lo smartphone, ma considera questo:il solito agente di commercio, litiga tutti i giorni con la batteria del telefono, non dura mai abbastanza. prosciugare la batteria ulteriormente anche per il tethering non ha senso. senza contare che quasi tutti gli operatori mobili te lo bloccano.Inoltre proprio per ragioni di durata della batteria, ce ne sono molti che preferiscono avere un pc/tablet con connettività internet e un telefono cellulare tradizionale (con la batteria che dura due settimane...)Vero è che puoi sempre comprarti una "chiavetta internet".. ma tempo due giorni, prendi contro a qualcosa mentre è inserita nel tablet e rompi la porta USB. E comunque sia... fai un prodotto votato alla portabilità estrema.. e poi risparmiano sulla connettività mobile? che senso ha portarlo ovunque e non potersi connettere?non ultimo.... il transformer book costerà non meno di un migliaio di euro, probabilmente dai 1200 ai 1500 a seconda dell'equipaggiamento. per una cifra del genere, la scheda HSDPA o LTE che ha un costo all'ingrosso di circa 30 dollari, io LA PRETENDO...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 gennaio 2014 22.24----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 gennaio 2014 22.24----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 gennaio 2014 22.27-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti