Google Apps, siti per tutti

Google Apps, siti per tutti

BigG ha presentato anche in Italia le novità del suo anti-Office. I dettagli
BigG ha presentato anche in Italia le novità del suo anti-Office. I dettagli

Dopo il calendar e il talk, è la volta dei siti. Google arricchisce il servizio per la produttività aziendale con la funzionalità Sites che consente anche a qualunque dipendente, anche se sfornito di conoscenze sui linguaggi di programmazione, di creare un sito Web per collaborare nei programmi di lavoro.

Il dirigente Google Il servizio è in funzione da oggi su tutte le versioni: standard, premium, education e team. Gli utenti delle aziende e delle scuole che non utilizzano Google Apps, possono visitare il sito http://sites.google.com e registrarsi a Team Edition, utilizzando l’indirizzo e-mail aziendale o scolastico. Per chi già utilizza Google Apps, invece, è possibile accedere a Google Sites una volta che gli amministratori lo attiveranno dal pannello di controllo di Google Apps.

Ispirato nella struttura e nella grafica ai comuni blog, il sito puo’ essere utilizzato come punto di raccolta di video, calendari, presentazioni, allegati e testi che si vogliono condividere con i colleghi. Il servizio di siti si basa sulla tecnologia JotSpot, realizzata dall’azienda omonima, entrata lo scorso anno nell’orbita del colosso di Mountain View. “Ci siamo mossi con l’obiettivo di dare a chiunque la possibilità di creare uno spazio Web con la stessa semplicità con cui viene generato un documento elettronico”, ha spiegato a Punto Informatico Carlo Marchini, responsabile Google Enterprise Italia.

La logica che ha mosso l’iniziativa è di penetrare nel mercato aziendale spingendo dal basso: il dipendente ha accesso gratuito al servizio e, se la cosa funziona, invita altri a fare lo stesso. Il passaggio successivo è la presa di consapevolezza da parte dell’azienda, che magari finisce con il sottoscrivere l’opzione premium di Google Aps.

“L’autore del sito ha il potere esclusivo di scegliere la struttura e il tema e di invitare altri colleghi”, ha dichiarato Gabriele Carzaniga, responsabile tecnico Google Enterprise Italia. “Inoltre, solo lui puo’ stabilire le gerarchie, divise tra owners, autorizzati ad apportare contenuti e modificare quelli esistenti, collaboratori, che possono aggiungerne di nuovi, ma non modificarli, e semplici visitatori”.

Il sito puo’ essere impostato come una intranet per centralizzare informazioni aziendali o con la struttura di una directory, in cui vengono condivise competenze, esperienze e obiettivi. Funzionalità aggiuntive permettono di: inserire contenuti provenienti dagli altri prodotti di Google, come YouTube, Google Documenti, Google Calendar e Picasa; caricare file di qualsiasi dimensione; personalizzare la grafica delle pagine. “Per il momento il servizio è solo in lingua inglese, ma prevediamo di lanciare la versione italiana nel giro di qualche mese”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 feb 2008
Link copiato negli appunti