Google, Chrome sarà un OS

Il lancio sul mercato del sistema operativo open source di Mountain View avverrà nel 2010. Windows e Linux sono avvisati

La lieta novella è giunta nella notte: Google sta per dare vita a Google Chrome OS , primo sistema operativo targato Mountain View. Il lancio è previsto per la seconda metà del 2010.

Il primo obiettivo fissato da BigG per il suo ultimo pargolo è il raggiungimento di una consistente fetta del mercato dei netbook . Capace di girare sia su processori ARM che x86, Google Chrome OS è un sistema operativo leggero basato su un kernel Linux: “Stiamo ultimando il nostro OS – spiega Sundar Pichai di Google – in modo da renderlo snello, veloce e quindi capace di catapultare gli utenti sul Web pochi secondi dopo l’avvio”.

Entro la fine dell’anno Google rilascerà per intero il codice sorgente, come fatto in precedenza per Android. Nel frattempo, per la gioia dei suoi competitor, si metterà in contatto con i maggiori produttori di notebook in miniatura per riempire gli scaffali il più possibile.

Google Chrome OS dovrebbe interfacciarsi perfettamente con tutte le applicazioni cloud-based prodotte nel Googleplex: in particolar modo Gmail, GTalk, Calendar e Docs, finalmente liberate dalla dicitura beta che le accompagnava da ormai parecchio tempo. “Tuttavia – ha precisato Matthew Glotzbach – per chi dovesse sentire la mancanza del marchio beta abbiamo reso possibile la sua reintroduzione dal pannello di controllo di Gmail”. (G.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Billo Gatesso e Linusso Torvaldis scrive:
    Siamo in società apposta....
    Come da oggetto. E quel simpaticone di Stallman può dire quello che vuole. Tanto Mono e Linux lo comandiamo noi, mica lui.
  • Pizzuco scrive:
    www.rai.tv
    E intanto il sito www.rai.tv, zitto zitto quatto quatto, ha tutti i filmati in Silverlight!!! Con Mono 2.4 vanno anche sul mio Firefox 3.5 a 64 bit su linux x86-64...Questa cosa non s'ha da fare...Io pago il canone ad una Società pubblica e non voglio finanziarne unaltra a fini di lucro (Microsoft) per i contenuti prodotti dallo Stato!!! Si deve creare conoscenza da condividere e qui non centra sinistra o destra, si parla di Valori Umani. Valori Culturali. Full Stop!Non dobbiamo permettere che questo ci imponga Mono... Dobbiamo sensibilizzare la Rai come utenti/cittadini canone-paganti.Come mai nessuno, oltre ad Ogg-Theora, parla di Dirac/Schroedinger (http://diracvideo.org/) che è libero, basato sulla tecnologia a filtri Wavelet (al posto della DCT), modulare (facilmente adattabile in caso di scontro con dei brevetti): è adatto sia per il web che per il video iperprofessionale a bande altissimeÈ libero da royalty in tutti i sensi: lha creato la BBC e lha messo a disposizione (Rai: ma dove sei invece di finanziare la Microsoft contribuisci alla tecnologia libera con i nostri soldi!!!)La BBC finanzia inoltre le nuove tecnologie di broadcast P2P del futuro (dette P4P: guardate gli sponsor in fondo a questa pagina http://www.p2p-next.org/ almeno ci sono UniRoma, ST Microelectronics, )Rai dove sei?????!!!!!R&D invece di altroCarlo-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 luglio 2009 18.24-----------------------------------------------------------
    • cucu scrive:
      Re: www.rai.tv
      - Scritto da: Pizzuco
      E intanto il sito www.rai.tv, zitto zitto quatto
      quatto, ha tutti i filmati in Silverlight!!! Con
      Mono 2.4 vanno anche sul mio Firefox 3.5 a 64 bit
      su linux
      x86-64...
      Guarda che silverlight fa solo da contenitore, se vuoi lo puoi ancora vedere con mplayer, non hanno mica ricodificato i video.Dirac non so riguardo ai brevetti, però con Ogg Theora per il momento non riesce a comprimere e mantenere la qualità come ad esempio h.264. E' un dato di fatto per avere qualità alta con ogg crei file più grandi che vuol dire più banda e maggiori costi. Poi Nokia ha anche detto tra le ragioni per cui non vuole Ogg nello standard html5 è che forse ci sono dei brevetti sopra.
  • PauLoX scrive:
    Perché il software libero non deve dipen
    Traduzione italiana dell'articolo fatta dal gruppo ufficiale di traduzione GNU.http://tinyurl.com/rdjjoo
    • cucu scrive:
      Re: Perché il software libero non deve dipen
      - Scritto da: PauLoX
      Traduzione italiana dell'articolo fatta dal
      gruppo ufficiale di traduzione
      GNU.

      http://tinyurl.com/rdjjooQueste dichiarazioni sono state fatte prima di questa notizia:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2664363&m=2664615#p2664615
  • errno scrive:
    Tanto ti fregano con i brevetti
    In pratica vogliono gli schiavetti che gli creino la portabilità, poi quando uno (come ad es. TomTom) implementa quel codice nei suoi dispositivi, ecco che tornano all'assalto.Il .NET è sempre stato un aborto troppo winzozzcentrico, al giorno d'oggi con tutti i framework multipiattaforma che si trovano, investire le proprie risorse in quella trappola e' come darsi una martellata sui cosiddetti.
    • coniglio scrive:
      Re: Tanto ti fregano con i brevetti
      XXXXXXX, il tuo post è davvero delirante!Ma come sei messo?!
      • errno scrive:
        Re: Tanto ti fregano con i brevetti
        - Scritto da: coniglio
        XXXXXXX, il tuo post è davvero delirante!

        Ma come sei messo?!Taci, animatore Redmond -------------
        • coniglio scrive:
          Re: Tanto ti fregano con i brevetti
          - Scritto da: errno
          - Scritto da: coniglio

          XXXXXXX, il tuo post è davvero delirante!



          Ma come sei messo?!

          Taci, animatore Redmond -------------ok, ho la risposta: sei messo molto male!
      • errno scrive:
        Re: Tanto ti fregano con i brevetti
        - Scritto da: coniglio
        XXXXXXX, il tuo post è davvero delirante!

        Ma come sei messo?!Taci, animatore Redmond!
  • richard scrive:
    Il titolo dellarticolo è sbagliato
    Cosa c'entra che non farà la guerra a Linux?Linux è il kernel e non ha detto niente in tal senso. Mono è multipiattaforma. Dovevate scrivere non farà la guerra a Mono al massimo, anche se pure così è fuorviante.Ma dire semplicemente: "Microsoft mette C# e CLI sotto Community Promise" ? Troppo poco sensazionalistico?
    • Il Profeta scrive:
      Re: Il titolo dellarticolo è sbagliato
      Che ci vuoi fare... PI sta diventando uno schifo! Il 60% dei commenti viene cancellato, anche se sono loro stessi i primi a fomentare le folle con questi titoloni ad effetto (come giustamente dici tu...).
      • pabloski scrive:
        Re: Il titolo dellarticolo è sbagliato
        e nonostante tutto ciò, i commenti inutili di dovella alias nome e cognome invadono il forum :D
  • pabloski scrive:
    Re: Furba la Microsoft :
    non la vedrei così nerapiuttosto MS con .net ha fallito il suo obiettivo di trasformare tale framework nel dominatore del mondo software e anzi sempre più software house migrano verso qt per creare applicazioni multipiattaformariguardo linux non vedo come lato server non rubi clienti paganti a MS, visto che lato server ti serve assistenza e quindi si pagasui PC è così, ma l'attuale situazione di rivoluzione nel settore netbook/mid/smartphone fa presagire un ridimensionamento massiccio per il settore pc...del resto già oggi si parla di netbook al 25% e in soli due anni, un bel risultato insommase fossi in loro non dormirei e comincerei a considerare realistiche le minacce poste da intel con moblin, da nokia che vuole entrare nel settore del computing ultraportable e da google che vuol fare poker in tutti i settori a partire dai cellulari fino ai nettopl'uso di .net può rivelarsi un'arma a doppio taglio, perchè se da un lato porta tecnologia MS in linux, dall'altro permette a QT di fiondarsi su .net e convincere così gli sviluppatori windows ad usare tale accoppiatadel resto come hai detto tu stesso, se io programmatore windows voglio creare un'applicazione multipiattaforma non posso stare a lottare con le deficienze e le mancanze di mono, quindi opterà per il framework .net ma usare qualcosa di più serio per la gui e la gestione dati
    • George2giga scrive:
      Re: Furba la Microsoft :
      Ma dopotutto Mono altro non e' se non un mezzo per permettere a sviluppatori .net di smanettare in mondo linux sentendosi a casa, niente di piu'.
  • Pizzuco scrive:
    La Community Promise ha valore legale???
    Scusate la domanda:ma la Community Promise (CP) ha valore legale?Oppure, come la parola fa invece pensare, si tratta solo di mero Opportunismo di marketing/commerciale/di penetrazione/di base installata/di sviluppatori che conoscano la piattaforma/and so on... del momento? Ed essendo "solo" una promessa quando vuole la Signora se la può rimangiare?!!!Potreste chiarire/ribadire il concetto???!!!Io mi sento molto preso per i fondelli dal termine "promessa" (quasi si trattasse di una divinità che si concede all'Umanità) e mi sono fatto un'idea circa Microsoft come di una Compagnia senza molto coraggio e senza la capacità di prendere una Vera Decisione!Questa vaghezza mi dà fastidio. E non penso di essere il solo..., no?Al contrario ti fanno la pulce se salvi (contemporaneamente?) nel file system FAT32 (o VFAT) i nomi dei file sia lunghi che 8.3: non ho parole! Ma non esisteva anche un'utility DOS Norton/Symantec che permettava di associare ai file DOS 8.3 dei lunghi commenti/nomi file (salvando tali informazioni in un file più o meno nascosto nella stessa directory cui si riferiva) che potrebbe rappresentare una prior art? Qualcuno se la ricorda???Carlo-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 luglio 2009 12.05-----------------------------------------------------------
    • pabloski scrive:
      Re: La Community Promise ha valore legale???
      si, è stato ribadito da più fonti che si tratta di un contratto legale anche se ha lo strano nome di "promise"nella pratica è un contratto vincolante e non estinguibile, il che vuol dire che in futuro ms non potrà rimangiarselol'unica problema potrebbe essere legato a quella clausola appositamente inserita per XXXXXXX la comunità OSS, ma chiaramente nelle prossime settimane Stallman e soci lo rigireranno sopra e sotto per trovare eventuali tranelli
    • richard scrive:
      Re: La Community Promise ha valore legale???
      - Scritto da: Pizzuco
      Scusate la domanda:

      ma la Community Promise (CP) ha valore legale?
      Sì ha valore legale.A: Yes, the CP is legally binding upon Microsoft. The CP is a unilateral promise from Microsoft and in these circumstances unilateral promises may be enforced against the party making such a promise. Because the CP states that the promise is irrevocable, it may not be withdrawn by Microsoft. The CP is, and will be, available to everyone now and in the future for the specifications to which it applies. As stated in the CP, the only time Microsoft can withdraw its promise against a specific person or company for a specific Covered Specification is if that person or company brings (or voluntarily participates in) a patent infringement lawsuit against Microsoft regarding Microsoft's implementation of the same Covered Specification. This type of "suspension" clause is common industry practice."
      • Pizzuco scrive:
        Re: La Community Promise ha valore legale???
        Grazie per le Vostre importanti ed essenziali precisazioni.Penso che con un nome così ("Promise") non si possa che affiancargli sempre (nei secoli dei secoli!) la precisazione che non si tratti di una bufala, ma di un qualcosa di più serio... nonostante sottolineo il nome!Carlo
        • nome e cognome scrive:
          Re: La Community Promise ha valore legale???
          - Scritto da: Pizzuco
          Grazie per le Vostre importanti ed essenziali
          precisazioni.

          Penso che con un nome così ("Promise") non si
          possa che affiancargli sempre (nei secoli dei
          secoli!) la precisazione che non si tratti di una
          bufala, ma di un qualcosa di più serio...
          nonostante sottolineo il
          nome!

          CarloPromise è anche un termine legale che esiste anche da noi. Se ti firmo una "promessa di vendita" non vuol dire che poi posso tranquillamente cambiare idea, così come la "promessa di assunzione", o la "promessa di matrimonio". Per svincolarsi da una promessa ci sono procedure da seguire.
    • panda rossa scrive:
      Re: La Community Promise ha valore legale???
      - Scritto da: Pizzuco
      Scusate la domanda:

      ma la Community Promise (CP) ha valore legale?
      Fidati! [img]http://blog.suonerie-free.com/wp-content/uploads/pino_la_lavatrice.jpg[/img]
  • pasticcere anonimo scrive:
    Java Vs. Mono
    che cosa non si puà fare in Java/javascriptche invece si più fare in Mono/.NET ??perchè la comunità OS non si concentra su RAD e Framwork basati su Java ??
    • zappatore scrive:
      Re: Java Vs. Mono
      - Scritto da: pasticcere anonimo
      che cosa non si puà fare in Java/javascript
      che invece si più fare in Mono/.NET ??

      perchè la comunità OS non si concentra su RAD e
      Framwork basati su Java
      ??Si e' una buona domanda da porsi.In ogni caso di RAD possenti Java ne ha una marea senza contare miliardi di librerie e framework ben fatti.Sicche' alla fine penso solo sia una questione di scelte politiche (che comunque personalmente reputo sbagliatissime).Non vedo il motivo di usare Mono, non certo per contrapporlo a Java in quanto perderebbe su tutti i fronti, ma rispetto a C++/QT.
      • evilripper scrive:
        Re: Java Vs. Mono

        Sicche' alla fine penso solo sia una questione di
        scelte politiche (che comunque personalmente
        reputo
        sbagliatissime).
        Non vedo il motivo di usare Mono, non certo per
        contrapporlo a Java in quanto perderebbe su tutti
        i fronti, ma rispetto a
        C++/QT.Sono daccordissimo con te, forse l'unico motivo sarebbe portare un maggior numero di sviluppatori vicino a linux... rimane il fatto che integrare mono non serva a niente, cioe' vedo piu' vantaggi per la microsoft che per linux.ciao
      • Sanghino scrive:
        Re: Java Vs. Mono
        - Scritto da: zappatore
        Non vedo il motivo di usare Mono, non certo per
        contrapporlo a Java in quanto perderebbe su tutti
        i fronti, ma rispetto a
        C++/QT.Mah ... da dove nascerà tutta questa certezza ... ci potesti fornire dati certi ?Grazie e ciao
    • pompinaro scrive:
      Re: Java Vs. Mono
      - Scritto da: pasticcere anonimo
      che cosa non si puà fare in Java/javascript
      che invece si più fare in Mono/.NET ??
      JAVA != JAVASCRIPT !!!Impara le basi prima di sparare caxxate!
      perchè la comunità OS non si concentra su RAD e
      Framwork basati su Java??Perchè Java fa schifo!
      • geppo scrive:
        Re: Java Vs. Mono

        Perchè Java fa schifo!Ajhahhahahahahahah. Ti si puo' solo ridere addosso.
      • -Mc- scrive:
        Re: Java Vs. Mono
        Secondo me Java è ottimo per alcune cose (web application et similia), ma pessimo per altre (applicazioni stand-alone).Le librerie per le gui sono abbastanza lente e pesanti, se potessi scegliere personalmente non opterei per java in quest'ultimo scenario.
        • pabloski scrive:
          Re: Java Vs. Mono
          java ha due problemi- il caricamento del runtime è lento- consuma molta memoriail primo punto però è da verificare perchè .net parte con windows, quindi non sappiamo quanto tempo impiega per avviarsisul secondo punto farebbero meglio a lavorareperò c'è da dire che java in sè non è male, visto che esistono implementazioni velocissime come pjava di tao systems e dalvik di google
          • mik scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            Quoto in pieno, ma al massimo puoi dare le colpa alla virtual machine non ben ottimizzata,ma come linguaggio secondo me invece è tra i migliori.
          • -Mc- scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            Come linguaggio in se ha tante buone cose. Personalmente sento molto la mancanza di un best matching per i metodi anche sul tipo di ritorno.Per quanto riguarda velocità e consumo di memoria, in parte è dovuto all'utilizzo del bytecode, che complica le cose, in parte solo ultimamente si è visto un vero impegno (secondo me) all'ottimizzazione. Di pari passo con la "specializzazione" di java per un ben determinato ambito (secondo me quello delle applicazioni web appunto) vedremo dei passi in avanti.Io spero molto nello sviluppo dell'open jdk.
          • pabloski scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            infatti è così, perchè esistono vm java velocissimedel resto dalvik gira sui cellulari che certo non sono mostri di potenza o capacità di memoriail linguaggio è ottimo e del resto il fatto che sia il più utilizzato significherà pur qualcosa
          • Closed is Better scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            - Scritto da: pabloski
            infatti è così, perchè esistono vm java
            velocissime

            del resto dalvik gira sui cellulari che certo non
            sono mostri di potenza o capacità di
            memoria

            il linguaggio è ottimo e del resto il fatto che
            sia il più utilizzato significherà pur
            qualcosaAnche Windows è il più utilizzato...quindi come la mettiamo?
          • brodo scrive:
            Re: Java Vs. Mono

            Anche Windows è il più utilizzato...quindi come
            la
            mettiamo?Mettila pure in brodo.
          • Closed is Better scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            - Scritto da: brodo

            Anche Windows è il più utilizzato...quindi come

            la

            mettiamo?

            Mettila pure in brodo.E' per dire che non sempre il più usato è sinonimo di migliore. Win è il + usato ma fa pena se paragonato a MacOS (Linux nemmeno si considera per quanto mi riguarda). Così come Java: è il + usato solo per ragioni storiche. Perchè per il resto è a dir poco penoso.
          • -Mc- scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            Beh, se mi dai alternative in meglio, cambio volentieri. Dipende sempre da che contesto lo si usa.
          • pabloski scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            ed è anche preinstallato, mentre java noinoltre considerando il settore IT nella sua globalità, è linux il più diffusoe prima di controbattere documentati sulle quote di mercati dei dispositivi arm
          • Sanghino scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            - Scritto da: pabloski
            del resto dalvik gira sui cellulari che certo non
            sono mostri di potenza o capacità di
            memoriaAnche Compact .NET framework gira su cellulari ...
        • di passaggio scrive:
          Re: Java Vs. Mono
          e hai dimenticato i tempi e la semplicità di sviluppo nettamente a favore di .net, per il resto quoto
    • pabloski scrive:
      Re: Java Vs. Mono
      ma infatti la comunità OSS si è concentrata su java, python e molto altrofino ad oggi era proprio .net ad essere snobbato per via dei problemi legaliche java faccia schifo è una scemenza e solo chi non l'ha mai usato può affermare una cosa del genere.net ha il vantaggio di supportare più linguaggi e questa cosa non va sottovalutata, senza contare che è possibile tramite .net sviluppare software multipiattaforma in qualsiasi linguaggio, mentre jvm appunto è vincolata a java....non tutti sono programmatori java ;)comunque considerando che ms ha reso disponibile c# e il cli vuol dire che è possibile fare un ulteriore passo in avanti con una fusione di c#/.net e qttieni presente che qt ad oggi è lo standard per le applicazioni multipiattaforma e quindi si capisce che si potrà avvantaggiare di una completa integrazione con .net e monocosì facendo si potrà anche giungere al punto in cui molti programmatori useranno .net ma manderanno winforms, ado e company a fare un giro
      • -Mc- scrive:
        Re: Java Vs. Mono
        - Scritto da: errno
        con java era un pianto per le
        prestazioni...Se si parla di applicazioni stand-alone, ti do pienamente ragione. Non era nato per questo, e si vede! Le swing sono veramente una piaga.
        adesso uso python e ne sono molto
        più che soddisfatto, tra l'altro ha una
        portabilità molto alta perchè esistono tool per
        rendere (seppure nella teoria) il tuo applicativo
        "nativo" e senza bisogno di vm da installare
        (cose non facile da capire e accettare per
        l'utonto
        medio).Beh, python è interpretato, e come minimo devi installare l'interprete. Tieni presente che poi non ha librerie grafiche di suo. Su linux per quel che ne so ci sono i vari pyGtk e pyWxWidget, non so su win o mac.
        Una cosa di cui però non ho ancora trovato (e ne
        approfitto per chiederlo qui) è un IDE (o un
        wrapper per le wx) con licenza non GPL (LGPL,
        BSD, MIT...) che mi permetta di crearmi le
        interfacce attraverso dei miei disegni
        (principalmente bottoni 3D).Perché gpl non va bene?
        • errno scrive:
          Re: Java Vs. Mono
          - Scritto da: -Mc-

          Beh, python è interpretato, e come minimo devi
          installare l'interprete. Tieni presente che poiSi', ma grazie ad es. a py2exe puoi distribuire un pacchetto zippato che penserà, attraverso delle dll, a fare a meno di installare e soprattutto configurare l'interprete python (seppure sia sostanzialmente un'illusione).

          Una cosa di cui però non ho ancora trovato (e ne

          approfitto per chiederlo qui) è un IDE (o un

          wrapper per le wx) con licenza non GPL (LGPL,

          BSD, MIT...) che mi permetta di crearmi le

          interfacce attraverso dei miei disegni

          (principalmente bottoni 3D).

          Perché gpl non va bene?Per i miei usi andrebbe anche bene, ma ho sempre trovato pericoloso imparare delle "librerie" sotto licenza GPL, perchè mi vincolerebbero a creare applicativi soltanto GPL... (Non credo che in futuro svilupperò a pagamento, ma se dovesse succedere meglio essere un po' preparati, no? :)
          • -Mc- scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            Non ho mica capito... hai bisogno di un ide o di una libreria da distribuire?
          • pabloski scrive:
            Re: Java Vs. Mono
            il grosso delle librerie è distribuito sotto lgpl e permette l'integrazione in software commerciali closed sourcedel resto la lgpl è stata creata proprio per venire incontro a queste necessitàad esempio qt ha una valanga di licenze tra cui pure la lgpl e la gpl
    • Emoticon e video scrive:
      Re: Java Vs. Mono
      Io sviluppo in con .net framework e vedrò di essere imparziale. Secondo me la risposta giusta alla tua domanda è "dipende".Se sei un programmatore java allora nulla. Continuerai a usare java, non ci sono storie.Se sei un programmatore .net allora vedrai che le tue applicazioni (fermandoti a win forms) andranno anche su os diversi da windows, il che potrebbe farti felice.Di base sono due framework, le funzionalità sono le stesse. Da sviluppatore .net posso anche dirti che alcuni progetti java esterni a java (tipo hibernate) sono stati portati a .net (nhibernate ma anche altri per il logging, grafici ecc ecc).Se vuoi sapere cosa da in più a livello di linguaggio .net, allora potrò citarti Linq, extension methods ecc ecc...; inoltre alcune cose in java con i generics non piacciono molto.
      • pabloski scrive:
        Re: Java Vs. Mono
        - Scritto da: Emoticon e video
        Se sei un programmatore java allora nulla.
        Continuerai a usare java, non ci sono
        storie.non necessariamente http://www.janetdev.org/e tieni presente che nel prossimo futuro potrebbero nascere altre implementazioni di java per .netquindi pure il programmatore java può benissimo usare .net, senza contare che .net oggi offre una miriade di linguaggi, tra cui l'usatissimo python
        Se sei un programmatore .net allora vedrai che le
        tue applicazioni (fermandoti a win forms)
        andranno anche su os diversi da windows, il che
        potrebbe farti
        felice.
        questo invece è il limite di .net....molti sviluppatori che nei prossimi mesi cominceranno a considerare lo sviluppo multipiattaforma cercheranno qualcosa di omogeneo e non un fratello handicappato di .net ( mono ) e l'unica possibilità sarà orientarsi su qt, col risultato che ms stessa perderà terreno con winforms e le tecnologie di gestione datipotrebbe anche non succedere, in quel caso si continuerà ad avere applicazioni specifiche per OS diversi alla faccia del multipiattaforma
        Di base sono due framework, le funzionalità sono
        le stesse. Da sviluppatore .net posso anche dirti
        che alcuni progetti java esterni a java (tipo
        hibernate) sono stati portati a .net (nhibernate
        ma anche altri per il logging, grafici ecc
        ecc).
        e considerando il numero di sviluppatori java, tenendo anche presente che la maggioranza di essi lavora nel settore dei device ultraportatili ( che nei prossimi anni saranno i signori del mercato ) potrebbe crearsi una situazione in cui si userà .net ma appoggiandosi sulle librerie java, almeno per la gui e la gestione datianche in questo caso chi perderebbero sarebbero winforms, ado.net e compagnia
        • Emoticon e video scrive:
          Re: Java Vs. Mono
          Sinceramente non ho capito che diavolo fa ja.net... hai sintassi java ma usi un wrapper del .net framework? però il compilato è bytecode o cil?In entrambi i casi di direi boh...Per quanto riguarda winforms... (non parlando di licenze): a quanto ne so (direi poco, ho fatto poche prove) il lavoro svolto da mono dovrebbe essere completo sulle winforms con mono2, quindi, io con visual studio creo un applicazione windows forms.Faccio notare che windows forms è una tecnologia datata, e "sostituita" (metto le virgolette perchè win forms si usa ancora) da wpf non ancora implementata in mono, e, da quanto diceva in un convegno un anno fa un insider, ai tempi non c'era neanche il progetto di portare wpf data la scarsità delle applicazioni (oggi però forse cambierà qualcosa anche grazie a silverlight).Ad ogni modo io vedo più prerogative per sviluppatori .net di far funzionare le proprie app su altri sistemi, piuttosto che notare qualche vantaggio per sviluppatori java.
    • MAH scrive:
      Re: Java Vs. Mono
      perché preferisci Oracle a Microsoft?
    • pippo75 scrive:
      Re: Java Vs. Mono

      perchè la comunità OS non si concentra su RAD e
      Framwork basati su Java
      ??Perchè ognuno è libero di scegliere ( linux, java, .net, win32, skyos, beos, amigaos ......)Comunque se non sbaglio Java è un linguaggio come altri..NET è uno FW che può essere programmato con vari linguaggi ( c++, c#, basic, pascal, java, altri )
      • asd scrive:
        Re: Java Vs. Mono

        Comunque se non sbaglio Java è un linguaggio come altri.
        .NET è uno FW che può essere programmato con vari linguaggi
        ( c++, c#, basic, pascal, java, altri )esistono implementazioni di altri linguaggi sulla JVM da prima che nascesse .NET... attualmente la JVM e' un target ambito da vari compilatori. Tra i piu' famosi... JRuby Jython... poi i vari Scala Groovy Clojure... diciamo che l'ecosistema Java e' *molto* piu' ricco e pieno di idee di quello .NET (che sta copiando lo stack Java su .NET). Esempi?Ant -
        NAntJUnit -
        NUnitHibernate -
        Nhibernate.. e molti altri...ho una personalissima opinione: Java linguaggio e' abbastanza limitato.. Java VM e' la migliore in circolazione (dal GC al threading alla portabilita'). C# e' un ottimo linguaggio, pagherei avere le stesse cose in Java... ma poi ripagherei per uscire da windows :-) quindi sta bene cosi' :)
    • advange scrive:
      Re: Java Vs. Mono

      che cosa non si puà fare in Java/javascript
      che invece si più fare in Mono/.NET ??Che c'entra java con javascript? quale idea ha fatto nascere in te un parallelo tra il binomio (???) Java/javascript e quello Mono/.NET
  • ruppolo scrive:
    Irrilevante
    Alla luce di quanto sta accadendo nel mondo informatico (e accadrà nei prossimi mesi), le azioni di Microsoft sono irrilevanti. Mi riferisco al nuovo sistema operativo Google Chrome, che sposterà gli interessi dei programmatori su tale piattaforma.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 luglio 2009 10.25-----------------------------------------------------------
    • lroby scrive:
      Re: Irrilevante
      - Scritto da: ruppolo
      Alla luce di quanto sta accadendo nel mondo
      informatico (e accadrà nei prossimi mesi), le
      azioni di Microsoft sono irrilevanti.

      Mi riferisco al nuovo sistema operativo Google
      Chrome, che sposterà gli interessi dei
      programmatori su tale
      piattaforma.oh, finalmente hai trovato qualcosa di nuovo da spammare da qui ad almeno tutto l'anno prossimo? :De se facessero un os migliore anche del tuo amato mac os x? impossibile per te vero? :D/OTpsho riprovato per qualche minuto mac os x su un macbook nuovo allo Fnac.. personalmente a me fà caxare
      • Brown scrive:
        Re: Irrilevante
        Perche' non sei abituato ad usare cose funzionanti evidentemente...
        • nome e cognome scrive:
          Re: Irrilevante
          - Scritto da: Brown
          Perche' non sei abituato ad usare cose
          funzionanti
          evidentemente...Vero caspita, gli bastava aspettare un po' ed esplodeva la batteria... troppa fretta.
        • lroby scrive:
          Re: Irrilevante
          - Scritto da: Brown
          Perche' non sei abituato ad usare cose
          funzionanti
          evidentemente...descrivimi il tuo significato della parola "funzionanti" e vediamo se coincide con quello dato dai dizionari della lingua italiana.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Irrilevante
      Modificato dall' autore il 08 luglio 2009 10.25
      --------------------------------------------------Fosse qualcosa di nuovo ma è l'ennesima distro linux, l'ha fatto anche Oracle un anno e mezzo fa e nessuno l'ha filata.
      • Shu scrive:
        Re: Irrilevante
        - Scritto da: nome e cognome
        Fosse qualcosa di nuovo ma è l'ennesima distro
        linux, l'ha fatto anche Oracle un anno e mezzo fa
        e nessuno l'ha
        filata.Anche Android è l'ennesima distro Linux, e se la stanno filando i più grossi costruttori di cellulari del mondo (HTC, Sony, Samsung, Motorola).Io, da Google, mi aspetto che dia una spinta decisa allo sviluppo di Xorg e che "costringa" i produttori di schede video a contribuire di più con driver e specifiche open source, visto che praticamente Chrome OS sarà niente altro che Linux + Xorg + un wm made in Google + Chrome.Bye.
        • nome e cognome scrive:
          Re: Irrilevante

          Anche Android è l'ennesima distro Linux, e se la
          stanno filando i più grossi costruttori di
          cellulari del mondo (HTC, Sony, Samsung,
          Motorola).Android è un sistema operativo per cellulari, con driver tagliati per cellulari, interfaccia per cellulari... su un desktop, cosi' come moblin farà la fine di xandros. Ma a prescindere da questo per il momento android è solo una mossa di marketing visto che solo due cellulari in commercio lo montano (e in giro se ne vedono pochini).

          Io, da Google, mi aspetto che dia una spinta
          decisa allo sviluppo di Xorg e che "costringa" i
          produttori di schede video a contribuire di più
          con driver e specifiche open source, visto che
          praticamente Chrome OS sarà niente altro che
          Linux + Xorg + un wm made in Google +
          Chrome.Ci sono fondamentalmente due produttori di hardware video in giro, nvidia e ati ed entrambi producono driver per linux... se ti aspetti solo questo da google sei gia a posto.
      • pabloski scrive:
        Re: Irrilevante
        si certo e anche android è l'ennesima distro linux vero?ovviamente dalvik, il nuovo motore grafico, le centinaia di patch al kernel non significano nulla vero?c'è più evoluzione in android di quanta se ne sia vista da xp a 7ma si sa sparlare di ciò che non si conosce nemmeno è l'hobby dei troll
        • nome e cognome scrive:
          Re: Irrilevante
          - Scritto da: pabloski
          si certo e anche android è l'ennesima distro
          linux
          vero?

          ovviamente dalvik, il nuovo motore grafico, le
          centinaia di patch al kernel non significano
          nulla
          vero?

          c'è più evoluzione in android di quanta se ne sia
          vista da xp a
          7

          ma si sa sparlare di ciò che non si conosce
          nemmeno è l'hobby dei
          trollAndroid non è un sistema operativo per desktop, e ci faremo grasse risate quando / se lo metteranno sui netbook (ma google a differenza del linaro ragiona e ha capito subito che non avrebbe funzionato).Poi non vedo quali grandi innovazioni ci siano in una virtual machine java e in una libreria per grafica 2d (quante ce ne sono in giro?)
          • pabloski scrive:
            Re: Irrilevante
            - Scritto da: nome e cognome
            Android non è un sistema operativo per desktop, e
            ci faremo grasse risate quando / se lo metteranno
            sui netbook (ma google a differenza del linaro
            ragiona e ha capito subito che non avrebbe
            funzionato).
            certo, infatti sia google che i suoi partner lo stanno spingendo massivamente sia per i netbook che per gli smartphone
            Poi non vedo quali grandi innovazioni ci siano in
            una virtual machine java e in una libreria per
            grafica 2d (quante ce ne sono in
            giro?)e che c'è di innovativo in directx? tanto c'era già opengl....e il compositing 3d per windows vista? c'era già compiz
          • nome e cognome scrive:
            Re: Irrilevante

            certo, infatti sia google che i suoi partner lo
            stanno spingendo massivamente sia per i netbook
            che per gli
            smartphoneLo stanno spingendo cosi' tanto che hanno annunciato oggi un sistema operativo per netbook...
            e che c'è di innovativo in directx? tanto c'era
            già opengl....e il compositing 3d per windows
            vista? c'era già
            compizA prescindere che directx e opengl sono due cose diverse, visto che opengl non gestisce audio e periferiche di input. Chi dice che siano innovazioni? Funzionano meglio dei concorrenti ...
          • pabloski scrive:
            Re: Irrilevante
            - Scritto da: nome e cognome

            certo, infatti sia google che i suoi partner lo

            stanno spingendo massivamente sia per i netbook

            che per gli

            smartphone

            Lo stanno spingendo cosi' tanto che hanno
            annunciato oggi un sistema operativo per
            netbook...

            dovresti dare un'occhiata ad engadget o arstechnica ogni tantol'unica che fino ad oggi non ha presentato uno smartphone android è nokiadel resto pure il tuo amato windows mobile arriva a mala pena al 15% di market share
          • nome e cognome scrive:
            Re: Irrilevante

            l'unica che fino ad oggi non ha presentato uno
            smartphone android è
            nokiaQuindi posso andare in un negozio e comprare uno smartphone android che non sia HTC?
            del resto pure il tuo amato windows mobile arriva
            a mala pena al 15% di market
            shareSi, è un bel risultato: il terzo player di mercato dopo symbian e RIM. E' una simpatica coincidenza che android condivida le stesse percentuali di linux quando si parla di market share...
    • pompinaro scrive:
      Re: Irrilevante
      - Scritto da: ruppolo
      Alla luce di quanto sta accadendo nel mondo
      informatico (e accadrà nei prossimi mesi), le
      azioni di Microsoft sono irrilevanti.

      Mi riferisco al nuovo sistema operativo Google
      Chrome, che sposterà gli interessi dei
      programmatori su tale
      piattaforma.
      Ma che caxxo dici? Ai programmatori non frega una mazza della piattaforma intesa come sistema operativo. Ai programmatori interessa la piattaforma di sviluppo, sia essa un semplice compilatore gcc, fino ad arrivare ai framework Java e Mono.Per tornare in tema, la scelta di MS qui c'entra e come, perchè Chrome OS sarà basato su Linux, quindi si potrà usare Mono.Torna a giocare con la Dock del tuo Mac tutto bianco e fashion!
    • barra78 scrive:
      Re: Irrilevante
      Beh non proprio visto che mono è disponibile su iphone e android!
  • pilot scrive:
    Google chrome OS
    Mi aspettavo di trovarlo tra le notizie di oggi, ma visto che non c'è lo segnalo: google ha annunciato il suo sistema operativo:http://googleblog.blogspot.com/2009/07/introducing-google-chrome-os.html
  • Alienhunter 2010 scrive:
    The Mouse Trap
    Premetto che non ho seguito con attenzione il dibattito (anche se ho letto l'articolo di R. Stallman pubblicato qlc giorno fa).Come diceva qlc1 a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca (anche se in questo caso mi piacerebbe tanto sbagliare!).Il passaggio chiave, che anche PI evidenzia in grassetto e' la clausola in cui MS: esige che le implementazioni soddisfino tutti i requisiti chiave della relativa specifica.Ora: vi ricordate di Palladium? (ok, ha cambiato nome qualche milione di volte, nel tentativo di farsi digerire dalle masse, ma l'idea originale non e' mai cambiata. Proprio mai!) Se .NET implementasse un Trusted Computer Module, mono - o Portable.NET - sarebbero costrette ad implementarlo a loro volta?Ecco la trappola per topi: implementate le Migliori Applicazioni GPL per il desktop... e vi ritroverete Palladium tra i piedi quando meno ve lo aspettate. Non volete implementare un TCM? Spiacenti: avete violato la "promessa".
    • richard scrive:
      Re: The Mouse Trap
      - Scritto da: Alienhunter 2010
      Premetto che non ho seguito con attenzione il
      dibattito (anche se ho letto l'articolo di R.
      Stallman pubblicato qlc giorno
      fa).

      Come diceva qlc1 a pensar male si fa peccato ma
      ci si azzecca (anche se in questo caso mi
      piacerebbe tanto
      sbagliare!).

      Il passaggio chiave, che anche PI evidenzia in
      grassetto e' la clausola in cui MS: esige che le
      implementazioni soddisfino tutti i requisiti
      chiave della relativa
      specifica.

      Ora: vi ricordate di Palladium? (ok, ha cambiato
      nome qualche milione di volte, nel tentativo di
      farsi digerire dalle masse, ma l'idea originale
      non e' mai cambiata. Proprio mai!) Se .NET
      implementasse un Trusted Computer Module, mono -
      o Portable.NET - sarebbero costrette ad
      implementarlo a loro
      volta?

      Ecco la trappola per topi: implementate le
      Migliori Applicazioni GPL per il desktop... e vi
      ritroverete Palladium tra i piedi quando meno ve
      lo aspettate. Non volete implementare un TCM?
      Spiacenti: avete violato la
      "promessa".Spero per te che tu stia solo trollando perché stai scrivendo cose senza né capo né coda.
      • Il Profeta scrive:
        Re: The Mouse Trap
        - Scritto da: richard

        Spero per te che tu stia solo trollando perché
        stai scrivendo cose senza né capo né
        coda.Non è vero! Scrive cose molto intelligenti, a differenza delle tue!Se MS implementa qualcosa che non può essere riprodotto su Linux o su Mac per colpa della diversa architettura, Mono diventa perseguibile legalmente!!Bisogna fare sempre attenzione alle mosse sporche di MS!
      • Alienhunter 2010 scrive:
        Re: The Mouse Trap

        Spero per te che tu stia solo trollando perché
        stai scrivendo cose senza né capo né
        coda.Come da premessa: non ho seguito la faccenda nei dettagli. Applico solo qlc deduzione che potrebbe portare avanti anche un non informatico.Illuminami (o qlc1 altro lo faccia) e smettero' di scrivere "cose senza capo ne coda". Non trovo argomentazioni nella tua risposta.(Alienhunter2010 out of the cage)
    • Closed is Better scrive:
      Re: The Mouse Trap
      - Scritto da: Alienhunter 2010
      Premetto che non ho seguito con attenzione il
      dibattito (anche se ho letto l'articolo di R.
      Stallman pubblicato qlc giorno
      fa).

      Come diceva qlc1 a pensar male si fa peccato ma
      ci si azzecca (anche se in questo caso mi
      piacerebbe tanto
      sbagliare!).

      Il passaggio chiave, che anche PI evidenzia in
      grassetto e' la clausola in cui MS: esige che le
      implementazioni soddisfino tutti i requisiti
      chiave della relativa
      specifica.

      Ora: vi ricordate di Palladium? (ok, ha cambiato
      nome qualche milione di volte, nel tentativo di
      farsi digerire dalle masse, ma l'idea originale
      non e' mai cambiata. Proprio mai!) Se .NET
      implementasse un Trusted Computer Module, mono -
      o Portable.NET - sarebbero costrette ad
      implementarlo a loro
      volta?

      Ecco la trappola per topi: implementate le
      Migliori Applicazioni GPL per il desktop... e vi
      ritroverete Palladium tra i piedi quando meno ve
      lo aspettate. Non volete implementare un TCM?
      Spiacenti: avete violato la
      "promessa".Oggi hanno proprio aperto le gabbie eh?
    • kork scrive:
      Re: The Mouse Trap
      è vero! e se microsoft dicesse che i programmi c# devono contenere una pizza?? mono sarebbe perseguibile penalmente visto che ho provato anche personalmente ma non è possibile inserire una pizza in un file binario, soprattutto se c'è doppia mozzarella!!!meglio non fidarsi!
      • elementare johnson scrive:
        Re: The Mouse Trap
        - Scritto da: kork
        è vero! e se microsoft dicesse che i programmi c#
        devono contenere una pizza?? mono sarebbe
        perseguibile penalmente visto che ho provato
        anche personalmente ma non è possibile inserire
        una pizza in un file binario, soprattutto se c'è
        doppia
        mozzarella!!!

        meglio non fidarsi!straLOL!! :-Dp.s.: mio cuggino invece ha detto che ha fatto un programma che fa le pizze 4 formaggi!! (con la piadina invece non c'e' riuscito!!!)
    • Shu scrive:
      Re: The Mouse Trap
      - Scritto da: Alienhunter 2010
      Il passaggio chiave, che anche PI evidenzia in
      grassetto e' la clausola in cui MS: esige che le
      implementazioni soddisfino tutti i requisiti
      chiave della relativa
      specifica.E` vero.A me viene in mente un altro caso: se io sviluppo un nuovo "compilatore c#" e lo rendo open source, devo essere sicuro che implementi tutta la specifica PRIMA di rilasciarlo in pubblico? (perdendo quindi il supporto e l'aiuto della comunita`).E, da quanto so, .Net si è evoluto oltre le specifiche registrate all'ECMA. Se io implemento cose non previste dallo standard ECMA ma integrate nelle nuove versioni di .Net, a che punto sto?Se si tratta di librerie le lascero` nella "seconda parte ipotizzata da De Icaza", ma se si tratta di specifiche del linguaggio? (preciso che non conosco .Net cosi` a fondo da sapere se ne hanno introdotte).Inoltre la promessa e` bastarda. Se la MS mi denuncia per aver usato ALTRI suoi brevetti, e io la controdenuncio per pararmi il XXXX in tribunale (e magari cercare un accordo) perche` LEI viola dei miei brevetti, allora LORO possono ridenunciarmi per aver violato i brevetti su C# e CIL.In ogni casi e` un passo avanti. Ora bisognera` perlomeno stare attenti a NON usare la suddetta "seconda parte", e limitarsi agli standard ECMA o a librerie libere (Gtk#, per esempio).Bye.
      • richard scrive:
        Re: The Mouse Trap
        - Scritto da: Shu
        Inoltre la promessa e` bastarda. Se la MS mi
        denuncia per aver usato ALTRI suoi brevetti, e io
        la controdenuncio per pararmi il XXXX in
        tribunale (e magari cercare un accordo) perche`
        LEI viola dei miei brevetti, allora LORO possono
        ridenunciarmi per aver violato i brevetti su C# e
        CIL.No, non possono, poi cosa pensi che Miguel De Icaza e Novell siano dei bimbiminkia che giocano a fare l'avvocato come te?
      • richard scrive:
        Re: The Mouse Trap
        - Scritto da: Shu
        Inoltre la promessa e` bastarda. Se la MS mi
        denuncia per aver usato ALTRI suoi brevetti, e io
        la controdenuncio per pararmi il XXXX in
        tribunale (e magari cercare un accordo) perche`
        LEI viola dei miei brevetti, allora LORO possono
        ridenunciarmi per aver violato i brevetti su C# e
        CIL.Comunque per onore di cronaca ti dico perché non può accadere. Perché la promessa può essere ritirata solo se tu fai causa sostenendo di avere dei brevetti su C# o sulla CLI. Non se la fai per ALTRI prodotti microsoft.
    • barra78 scrive:
      Re: The Mouse Trap
      Si sta parlando di c# non di .net (c# è una parte di .net).E la scelta di MS è giusta e intelligente. Praticamente vogliono evitare la proliferazione di dialetti che non fanno altro che creare problemi.
  • panda rossa scrive:
    Non solo osti, ma anche marinai!
    Non c'e' solo l'oste che magnifica le qualita' del proprio vino, ma da oggi c'e' pure il marinaio che promette amore eterno alla fanciulla del porto!Promesse=buffonate!Fatti ci vogliono!M$ promette che non sfoderera' i suoi brevetti?Benissimo, li liberi!M$ promette che garantisce operabilita'?Benissimo, apra il suo codice!Altrimenti e' piu' affidabile la promessa di un marinaio!
    • panda marrone scrive:
      Re: Non solo osti, ma anche marinai!
      - Scritto da: panda rossa
      Non c'e' solo l'oste che magnifica le qualita'
      del proprio vino, ma da oggi c'e' pure il
      marinaio che promette amore eterno alla fanciulla
      del
      porto!

      Promesse=buffonate!

      Fatti ci vogliono!
      M$ promette che non sfoderera' i suoi brevetti?
      Benissimo, li liberi!
      M$ promette che garantisce operabilita'?
      Benissimo, apra il suo codice!

      Altrimenti e' piu' affidabile la promessa di un
      marinaio!Tu non usare c#, non farti tanti problemi e continua a lavorare in cobol che al resto pensiamo noi ;-)
      • panda rossa scrive:
        Re: Non solo osti, ma anche marinai!
        - Scritto da: panda marrone

        Tu non usare c#, Non ci penso nemmeno!
        non farti tanti problemi Ti piacerebbe il silenzio delle opposizioni, vero?
        e
        continua a lavorare in cobol che al resto
        pensiamo noi
        ;-)Pensate a che cosa? A raccontar frottole come al solito o a mettere nuovi bug nelle patches?Vai a giocare con gli activeX e lascia la tastiera a quelli piu' grandi di te!
    • richard scrive:
      Re: Non solo osti, ma anche marinai!
      - Scritto da: panda rossa
      Promesse=buffonate!Le tue sono buffonate, visto che non è una semplice promessa, ma ha valore legale.

      Fatti ci vogliono!
      M$ promette che non sfoderera' i suoi brevetti?
      Benissimo, li liberi!Lo ha appena fatto con quel documento. Ha anche scritto che non afferma di avere brevetti su quelle cose. Ma con quel documento assicura di non fare cause per quanto riguarda C# e CLI.
      M$ promette che garantisce operabilita'?
      Benissimo, apra il suo codice!Ha già reso open source molto codice, la parte compatibile con la GPL è stata integrata in mono.
      Altrimenti e' piu' affidabile la promessa di un
      marinaio!Bravo hai fatto la tua trollata.
      • panda rossa scrive:
        Re: Non solo osti, ma anche marinai!
        - Scritto da: richard
        - Scritto da: panda rossa

        Promesse=buffonate!

        Le tue sono buffonate, visto che non è una
        semplice promessa, ma ha valore
        legale.Si, bravo. In che film ha valore legale?

        Fatti ci vogliono!

        M$ promette che non sfoderera' i suoi brevetti?

        Benissimo, li liberi!

        Lo ha appena fatto con quel documento. Dichiarare di non avvalersi di un proprio brevetto e' diverso dal rilasciare il brevetto al pubblico dominio.
        Ha anche
        scritto che non afferma di avere brevetti su
        quelle cose. Ha scritto anche che windows funziona bene, sulla scatola del dvd. La accendiamo?
        Ma con quel documento assicura di
        non fare cause per quanto riguarda C# e
        CLI.E noi che ci fidiamo della M$ per tutta la sua storia passata, ci crediamo, eccome se ci crediamo!

        M$ promette che garantisce operabilita'?

        Benissimo, apra il suo codice!

        Ha già reso open source molto codice, Non mi risulta.
        la parte
        compatibile con la GPL è stata integrata in
        mono.Dove sono i sorgenti?

        Altrimenti e' piu' affidabile la promessa di un

        marinaio!

        Bravo hai fatto la tua trollata.Tu invece hai mangiato pesante!
        • nome e cognome scrive:
          Re: Non solo osti, ma anche marinai!
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: richard

          - Scritto da: panda rossa


          Promesse=buffonate!



          Le tue sono buffonate, visto che non è una

          semplice promessa, ma ha valore

          legale.

          Si, bravo. In che film ha valore legale?



          Fatti ci vogliono!


          M$ promette che non sfoderera' i suoi
          brevetti?


          Benissimo, li liberi!



          Lo ha appena fatto con quel documento.

          Dichiarare di non avvalersi di un proprio
          brevetto e' diverso dal rilasciare il brevetto al
          pubblico
          dominio.


          Ha anche

          scritto che non afferma di avere brevetti su

          quelle cose.

          Ha scritto anche che windows funziona bene, sulla
          scatola del dvd. La
          accendiamo?


          Ma con quel documento assicura di

          non fare cause per quanto riguarda C# e

          CLI.

          E noi che ci fidiamo della M$ per tutta la sua
          storia passata, ci crediamo, eccome se ci
          crediamo!



          M$ promette che garantisce operabilita'?


          Benissimo, apra il suo codice!



          Ha già reso open source molto codice,

          Non mi risulta.


          la parte

          compatibile con la GPL è stata integrata in

          mono.

          Dove sono i sorgenti?



          Altrimenti e' piu' affidabile la promessa di
          un


          marinaio!



          Bravo hai fatto la tua trollata.

          Tu invece hai mangiato pesante!Non l'ho capita.
        • barra78 scrive:
          Re: Non solo osti, ma anche marinai!
          - Scritto da: panda rossa
          Si, bravo. In che film ha valore legale?Il termine 'promise' non deve confondere. Qui si parla di un testo scritto e di forte valore legale.
          Dichiarare di non avvalersi di un proprio
          brevetto e' diverso dal rilasciare il brevetto al
          pubblico dominio.Java è nella stessa condizione. Buona parte di linux si basa sulle migliaia di brevetti che IBM ha e che le comunità opensource possono usare a proprio piacere. IBM cmq resta proprietaria dei brevetti.Tutto questo viene fatto per prestigio ma soprattutto per evitare problemi legali.
          Non mi risulta.La MS-PL è la 10a licenza opensource + usata, esistono migliaia di progetti, molto Ms che ne fanno uso. E' compatibile con GPL.
          Dove sono i sorgenti?Basta cercare su mono-project.com o leggere il blog di miguel de icaza.
          • di passaggio scrive:
            Re: Non solo osti, ma anche marinai!
            guarda se ti metti a star dietro a panda rossa perdi solo tempo...
  • il signor rossi scrive:
    C# senza Windows Forms???
    Senza Windows Forms C# è completamente inutile, se devo usare solo il linguaggio posso usare tranquillamente Java che fra l'altro come linguaggio è molto più puito...
    • Uno scrive:
      Re: C# senza Windows Forms???
      Mai sentito dire di applicazioni web? ????
      • Il Profeta scrive:
        Re: C# senza Windows Forms???
        - Scritto da: Uno
        Mai sentito dire di applicazioni web? ????Guarda che nell'articolo è scritto che anche ASP.NET, come WinForms, "non sono coperti né dalla CP né dagli standard ECMA e ISO".Impara a leggere prima di sparare caxxate!
        • Anonimo codardo scrive:
          Re: C# senza Windows Forms???
          Per scrivere applicazioni web puoi fare a meno di ASP.NET. Gnurant!
          • Il Profeta scrive:
            Re: C# senza Windows Forms???
            Se è per questo lo so anch'io. Picio!
          • kork scrive:
            Re: C# senza Windows Forms???
            ahahahahahahahahahhahahahahahahahahahùnon hai idea di cosa stai dicendo, guarda che usare mvc o similari vuol sempre dire basarsi sul core di asp. net, se invece parlavi di scriverti da zero applicazioni che generano html non ti degno neanche di una risposta
          • evilripper scrive:
            Re: C# senza Windows Forms???
            - Scritto da: Anonimo codardo
            Per scrivere applicazioni web puoi fare a meno di
            ASP.NET.ROTFL!!Grazie al cavolo... Allora senza asp.net(che per me rimane il piu' grande accroccone della storia dove raggiunge il massimo dello schifo con le ajaxtoolkit) tutta la parte che lo rende produttivo va a farsi benedire, allora ci sono alternative 1000000 volte migliori.
          • Gabryfan82 scrive:
            Re: C# senza Windows Forms???
            che cavolo di ASP.NET!!!!io uso PHP 5 della ZEND mi sembra molto meglio!!!!!!!!ciao gabry
    • Il Profeta scrive:
      Re: C# senza Windows Forms???
      Su Mono per creare GUI si usa principalmente Gtk# invece di WinForms (un'implementazione in C# delle GTK+ scritte in C).Per quanto riguarda l'uso di Java (o anche C++, C, Python, ecc) al posto di Mono mi trovi d'accordo al 100%!! ;)
      • Abbio scrive:
        Re: C# senza Windows Forms???
        Infatti è l'assenza della interoperabilità delle WinForms che rende praticamente le 2 piattaformi non interoperabili fra Linux e Win.... ok la sintassi base è quella, ma un programma visuale scritto per Win non andrà mai per Linux, se e quando apriranno anche le WinForms forse rivaluterò la piattaforma...Anche se IMHO è un linguaggio molto più sXXXXX di Java, magari permette di implementare funzionalità più velocemente, ma certamente meno mantenibile..
        • p4bl0 scrive:
          Re: C# senza Windows Forms???
          più sXXXXX di java? ma ci hai mai lavorato?e poi..qual è il grosso problema nel separare la logica dell'applicazione (che magari metti in una dll) dalla parte di interfaccia? se proprio vuoi puoi anche mettere dei controlli che fanno la chiamata a winform o a gtk# a seconda della piattaforma...
    • richard scrive:
      Re: C# senza Windows Forms???
      - Scritto da: il signor rossi
      Senza Windows Forms C# è completamente inutile,
      se devo usare solo il linguaggio posso usare
      tranquillamente Java che fra l'altro come
      linguaggio è molto più
      puito...Ci sono le Gtk#, le Windows Forms ti servono solo per portare codice da Windows su Linux. Poi chi ti ha detto che non le puoi usare? Hai paura dei brevetti? Se sei in Italia non corri nessun rischio perché da noi non hanno valore legale.
      • Shu scrive:
        Re: C# senza Windows Forms???
        - Scritto da: richard
        Hai paura dei
        brevetti? Se sei in Italia non corri nessun
        rischio perché da noi non hanno valore
        legale.Vai a dirlo a quel poveraccio nordico che ha scritto un software per decrittare i DVD e che, la prima volta che e` andato in USA per una conferenza, l'hanno arrestato in aeroporto, appena sceso dall'aereo.Bye.
        • richard scrive:
          Re: C# senza Windows Forms???
          - Scritto da: Shu
          - Scritto da: richard


          Hai paura dei

          brevetti? Se sei in Italia non corri nessun

          rischio perché da noi non hanno valore

          legale.

          Vai a dirlo a quel poveraccio nordico che ha
          scritto un software per decrittare i DVD e che,
          la prima volta che e` andato in USA per una
          conferenza, l'hanno arrestato in aeroporto,
          appena sceso
          dall'aereo.

          Bye.Dvd Jon non è mai stato arrestato, ti sei confuso con quello russo e riguardava la Adobe.Poi non farmi ridere, se usi le Windows Forms non ti arresta nessuno. Al massimo fanno causa al team di mono.
          • richard scrive:
            Re: C# senza Windows Forms???
            poi il caso di cui parli riguardava il DMCA non i brevetti.Insomma sempre a fare paragoni tra cose che non c'entrano niente.
    • Gigi scrive:
      Re: C# senza Windows Forms???
      Beh, java ha una generazione in piu' di c#.Se si parla di aspetti non legati al linguaggio se ne puo' discutere ma se si parla di linguaggio in senso stretto la generazione di differenza si vede tutta.
    • Marco scrive:
      Re: C# senza Windows Forms???
      - Scritto da: il signor rossi
      Senza Windows Forms C# è completamente inutile,
      se devo usare solo il linguaggio posso usare
      tranquillamente Java che fra l'altro come
      linguaggio è molto più
      puito...Java molto più pulito???Proprietà invece di getter e setter, oltretutto definibili in una riga invece che su varie:c#: public string Antani {get; set;}java:private string _antani;public string getAntani() { return _antani;}public string setAntani(string antani) { _antani = antani;}giusto per fare un esempio molto comune... se vuoi continuo con LINQ, lambda expressions ecc ecc
      • Thescare scrive:
        Re: C# senza Windows Forms???
        In Java nulla ti vieta di dichiarare pubblico il campo e non scrivere i metodi di getter e setter che però ti permettono di avere maggiore controllo sui dati immessi
        • Marco scrive:
          Re: C# senza Windows Forms???
          - Scritto da: Thescare
          In Java nulla ti vieta di dichiarare pubblico il
          campo e non scrivere i metodi di getter e setter
          che però ti permettono di avere maggiore
          controllo sui dati
          immessiOvviamente parlavo a parità di funzionalità, altrimenti è chiaro che si può fare diversamente. Getter e setter esistono per un motivo ben preciso e sono una best practice ampiamente usata.
          • Thescare scrive:
            Re: C# senza Windows Forms???
            Però con la tecnica che hai descritto tu in C# non puoi fare controlli sui dati. Con i getter e i setter descritti da te in Java si possono fare tutti i controlli sui dati che uno vuole. Naturalmente questo è possibile anche in C# utilizzando più o meno la stessa tecnica di java. E poi parlando di pulizia del codice, mi sembra una mezza XXXXXta quel {get,set}, che sto facendo, inizializzo un array?
          • Marco scrive:
            Re: C# senza Windows Forms???
            - Scritto da: Thescare
            Però con la tecnica che hai descritto tu in C#
            non puoi fare controlli sui dati. Con i getter e
            i setter descritti da te in Java si possono fare
            tutti i controlli sui dati che uno vuole.
            Naturalmente questo è possibile anche in C#
            utilizzando più o meno la stessa tecnica di java.
            E poi parlando di pulizia del codice, mi sembra
            una mezza XXXXXta quel {get,set}, che sto
            facendo, inizializzo un
            array?Non capisco bene cosa c'entri l'inizializzare un array? Forse le parentesi graffe? È una sintassi più compatta per esprimere lo stesso concetto, oltre al fatto che è pure più leggibile. Così come il fatto di scrivereo.Property = p.Property;è più leggibile dio.setProperty(p.getProperty());Come ho detto, la lista può continuare, questo era solo un esempio lampante. Ovviamente non si cambia linguaggio per un motivo come questo, ma l'autore del thread diceva che Java è più leggibile di C#... poi salvo requisiti di interoperabilità C# offre diverse cose in più di Java, ma questo è un altro discorso.
        • di passaggio scrive:
          Re: C# senza Windows Forms???
          dichiarare pubblico il campo ???il mio prof di ing. del software ti avrebbe già ucciso :-)
    • di passaggio scrive:
      Re: C# senza Windows Forms???
      ma come fai a dire che java è più pulito quando han praticam la stessa sintassi????
  • Il Profeta scrive:
    Io odio il .NET...
    Io, e molti altri come me, odiamo Mono e pure il .Net su Windows. Un'invenzione stupida e inutile, quando già esisteva il C++ per la programmazione a più basso livello e il Java a più alto livello. Entrambi molto più performanti del .NET!!Ora, su Windows la situazione è paradossalmente migliore, perchè basta disintallare il Framework e in giro non ci sono applicazioni che lo richiedono (dimostrazione di quanto faccia schifo).Su Gnome invece vi sono già parecchie applicazioni che usano Mono e Gtk#... non c'è alcun problema a disinstallarle e a cercare alternative. Il problema è che in futuro molto potrebbe dipendere da Mono, a tal punto da renderne improponibile la rimozione.Quindi, se mi ascoltate, iniziate a migrare a KDE (se trovate il 4 ancora poco maturo, usate il 3). Almeno KDE è slegato da quella XXXXXta di .NET e C# e usa le librerie QT e il C++!
    • Closed is Better scrive:
      Re: Io odio il .NET...
      - Scritto da: Il Profeta
      Io, e molti altri come me, odiamo Mono e pure il
      .Net su Windows. Un'invenzione stupida e inutile,
      quando già esisteva il C++ per la programmazione
      a più basso livello e il Java a più alto livello.
      Entrambi molto più performanti del
      .NET!!

      Ora, su Windows la situazione è paradossalmente
      migliore, perchè basta disintallare il Framework
      e in giro non ci sono applicazioni che lo
      richiedono (dimostrazione di quanto faccia
      schifo).

      Su Gnome invece vi sono già parecchie
      applicazioni che usano Mono e Gtk#... non c'è
      alcun problema a disinstallarle e a cercare
      alternative. Il problema è che in futuro molto
      potrebbe dipendere da Mono, a tal punto da
      renderne improponibile la
      rimozione.

      Quindi, se mi ascoltate, iniziate a migrare a KDE
      (se trovate il 4 ancora poco maturo, usate il 3).
      Almeno KDE è slegato da quella XXXXXta di .NET e
      C# e usa le librerie QT e il
      C++!Torna a dormire bimbominkia.
      • Il Profeta scrive:
        Re: Io odio il .NET...
        - Scritto da: Closed is Better
        Torna a dormire bimbominkia.Tu invece torna a farti mettere a 90° da M$... visto che la cosa sembra piacerti!
        • Closed is Better scrive:
          Re: Io odio il .NET...
          - Scritto da: Il Profeta
          - Scritto da: Closed is Better


          Torna a dormire bimbominkia.


          Tu invece torna a farti mettere a 90° da M$...
          visto che la cosa sembra
          piacerti!Sinceramente preferisco tornare a sviluppare applicazioni C# in 1/4 del tempo che impieghi tu con quell'orrore di java.Ciao bimbominkia ;-) !
          • Il Profeta scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: Closed is Better
            Sinceramente preferisco tornare a sviluppare
            applicazioni C# in 1/4 del tempo che impieghi tu
            con quell'orrore di java.
            Bravo usa i wizard e i progettini già pronti di Visual Studio, così impieghi 1/4 del tempo a "sviluppare" e 3/4 del tempo poi a debuggare e a cercare improponibili ottimizzazioni!
            Ciao bimbominkia ;-) !
            Ciao "programmatore" della domenica!
          • Closed is Better scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: Il Profeta
            - Scritto da: Closed is Better


            Sinceramente preferisco tornare a sviluppare

            applicazioni C# in 1/4 del tempo che impieghi tu

            con quell'orrore di java.


            Bravo usa i wizard e i progettini già pronti di
            Visual Studio, così impieghi 1/4 del tempo a
            "sviluppare" e 3/4 del tempo poi a debuggare e a
            cercare improponibili
            ottimizzazioni!


            Ciao bimbominkia ;-) !


            Ciao "programmatore" della domenica!ùVedo la luce! La luce!!! La luceeee!!!!Grazie profeta!Si vede proprio che i laboratori d'informatica della scuola media li hanno chiusi quest'estate e non sai che fare. Io alla tua età d'estate, anzichè sparare cose che non so sui forum, lavoravo nei campi 12 ore al giorno.Dovresti fare lo stesso, te lo consiglio.
          • Il Profeta scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: Closed is Better
            Io alla tua età d'estate,
            anzichè sparare cose che non so sui forum,
            lavoravo nei campi 12 ore al
            giorno.Ecco bravo, torna alle origini. Forse zappare è più indicato per te che programmare (con tutto il rispetto per i contadini s'intende)!
          • Closed is Better scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: Il Profeta
            - Scritto da: Closed is Better

            Io alla tua età d'estate,

            anzichè sparare cose che non so sui forum,

            lavoravo nei campi 12 ore al

            giorno.

            Ecco bravo, torna alle origini. Forse zappare è
            più indicato per te che programmare (con tutto il
            rispetto per i contadini
            s'intende)!Che risposta scontata. Bravo.
          • xxxxxxxxxx scrive:
            Re: Io odio il .NET...

            Che risposta scontata. Bravo.Mi sa che non sei abbastanza bravo da usare C++.
          • evilripper scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: Il Profeta
            Bravo usa i wizard e i progettini già pronti di
            Visual Studio, così impieghi 1/4 del tempo a
            "sviluppare" e 3/4 del tempo poi a debuggare e a
            cercare improponibili
            ottimizzazioni!DIO questa frase e' verissima!!! L'anno mi son ritrovato in mano un progetto enorme, impossibile da ottimizzare in quanto fatto alla pene di segugio se non aumentando in maniera indecente l'hardware su cui girava. In parte e' per me colpa di .net che permette di generare abomini simili allora tanto vale utilizzare software di sviluppo alternativi.Per quanto riguarda linux si all'interoperabilita', ma non andiamo a usare come parte integrante mono! non ne vedo il bisogno e non c'e' necessità di farlo... cioe' davvero qualcuno mi spieghi da dove scappa fuori questa "false" esigenza... boh!ciao
          • si_certo scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            heheheno tu sei più beato di me...
          • zappatore scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: si_certo
            hehehe

            no tu sei più beato di me...mi sa che invece sei piu' beato tu.
          • Il Profeta scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: zappatore
            Le voglio proprio vedere tutte queste benche che
            usano
            .NET
            Si si le voglio proprio vedere.E soprattutto evitare!!
          • Il Profeta scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: Closed is Better
            Firefox mi ha dato i numeri e non so quale
            combinazione di tasti abbia inviato il post
            incompleto....mah!FF non fa per te... torna ad usare IE!
          • Closed is Better scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: Il Profeta
            - Scritto da: Closed is Better


            Firefox mi ha dato i numeri e non so quale

            combinazione di tasti abbia inviato il post

            incompleto....mah!

            FF non fa per te... torna ad usare IE!In generale uso Opera. Ma con certi siti fatti non proprio bene ha dei problemi il che mi costringe ad usare Firefox anche se non mi fa impazzire.IE non ricordo nemmeno come sia fatto sinceramente.Torna a piangere dalla mamma.
      • xxxxxxxxxx scrive:
        Re: Io odio il .NET...

        Torna a dormire bimbominkia.Perche' bimbominkia?Ha perfettamente ragione!E tu sei un troll.
    • A.P. scrive:
      Re: Io odio il .NET...
      Brutta cosa l'ignoranza....Java più performante del c#, si , come no. Io sono un programmatore Java; ma per motivi di lavoro mi trovo a lavorare anche con la piattaforma di Microsoft. Se si vuole dare un giudizio serio e oggettivo non è possibile negare che .NET è un ottimo framework. Per le applicazioni client è molto più veloce di java e (più o meno )ai livelli del c++; ma sicuramente molto più pratico e produttivo di quest'ultimo. Basta con i soliti giudizi del cacchio; un consiglio: provate le cose, sbatteteci la testa, studiate un pochino e POI date dei giudizi...
      • anonimo scrive:
        Re: Io odio il .NET...
        - Scritto da: A.P.
        Basta con i soliti giudizi del
        cacchio; un consiglio: provate le cose,
        sbatteteci la testa, studiate un pochino e POI
        date dei giudizi... del c#, si , come no.Il framework .NET velocizza parecchio lo sviluppo, ma a prove concrete è più lento di Java.Curiosità: sapevate che almeno per la prima versione del framework .NET accettando l'EULA vi impegnavate a non divulgare alcun benchmark relativo al .NET senza la preventiva autorizzazione scritta della Microsoft? Mi chiedo perchè...
        • Quello li scrive:
          Re: Io odio il .NET...
          Ho scritto io qui sopra.
          • George2giga scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            straquoto "beata ignoranza", c'e' poco da discutere con chi mi dice "ma perche' hanno inventato l'aereo ? c'era il treno, non bastava ?".Sulle performance parliamone, il benchmark mi sembra abbastanza datato e nel 2003 .net era agli albori, non credo che microsoft non si sia allineata in termini di performance con java.Ricordo cmq che la sun e' stata da poco acquisita da oracle.
    • si_certo scrive:
      Re: Io odio il .NET...
      L'unica cosa che dimostra il tuo post è che non hai idea di cosa parli...
      • A.P. scrive:
        Re: Io odio il .NET...
        Sapresti spiegarmi perchè?
        • si_certo scrive:
          Re: Io odio il .NET...
          Ciao A.P.,il mio post era per "Il Profeta", da quello che scrive si qualifica da solo: uno che non ha mai visto, neanche da lontano, il mondo dell'informatica professionale o forse ha solo 7 anni e sta provando ad usare il pc per la prima volta.
          • Il Profeta scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            - Scritto da: si_certo
            il mio post era per "Il Profeta", da quello che
            scrive si qualifica da solo: uno che non ha mai
            visto, neanche da lontano, il mondo
            dell'informatica professionale o forse ha solo 7
            anni e sta provando ad usare il pc per la prima
            volta.Tu invece chi caxxo sei? Un dipendente della Nasa o del Cern?
          • si_certo scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            No nulla di così importante,per saperne più di te basta molto meno(ma molto molto molto meno) non ti sopravvalutare...ah, e se non vuoi essere criticato cerca di nonscrivere post che sembrano slogan di tifosi allo stadio.
          • Pippo Lacoca scrive:
            Re: Io odio il .NET...
            In certe zone del nord Italia, specialmente in Lombardia, e' prassi comune mettere l'articolo davanti a nomi propri
    • programmato re della domenica scrive:
      Re: Io odio il .NET...
      - Scritto da: Il Profeta
      Io, e molti altri come me, odiamo Mono e pure il
      .Net su Windows. Un'invenzione stupida e inutile,
      quando già esisteva il C++ per la programmazione
      a più basso livello e il Java a più alto livello.
      Entrambi molto più performanti del
      .NET!!

      Ora, su Windows la situazione è paradossalmente
      migliore, perchè basta disintallare il Framework
      e in giro non ci sono applicazioni che lo
      richiedono (dimostrazione di quanto faccia
      schifo).

      Su Gnome invece vi sono già parecchie
      applicazioni che usano Mono e Gtk#... non c'è
      alcun problema a disinstallarle e a cercare
      alternative. Il problema è che in futuro molto
      potrebbe dipendere da Mono, a tal punto da
      renderne improponibile la
      rimozione.

      Quindi, se mi ascoltate, iniziate a migrare a KDE
      (se trovate il 4 ancora poco maturo, usate il 3).
      Almeno KDE è slegato da quella XXXXXta di .NET e
      C# e usa le librerie QT e il
      C++!cuoto!Me lo dice sempre anche mio cugggino che il docnet fa schifo!
    • maometto scrive:
      Re: Io odio il .NET...
      - Scritto da: Il Profeta
      Io, e molti altri come me, odiamo Mono e pure il
      .Net su Windows. Un'invenzione stupida e inutile,
      quando già esisteva il C++ per la programmazione
      a più basso livello e il Java a più alto livello.
      Entrambi molto più performanti del
      .NET!!

      Ora, su Windows la situazione è paradossalmente
      migliore, perchè basta disintallare il Framework
      e in giro non ci sono applicazioni che lo
      richiedono (dimostrazione di quanto faccia
      schifo).

      Su Gnome invece vi sono già parecchie
      applicazioni che usano Mono e Gtk#... non c'è
      alcun problema a disinstallarle e a cercare
      alternative. Il problema è che in futuro molto
      potrebbe dipendere da Mono, a tal punto da
      renderne improponibile la
      rimozione.

      Quindi, se mi ascoltate, iniziate a migrare a KDE
      (se trovate il 4 ancora poco maturo, usate il 3).
      Almeno KDE è slegato da quella XXXXXta di .NET e
      C# e usa le librerie QT e il
      C++!Certo che uno che esordisce con "Io odio il .NET" è già tutto un programma. Allora io odio l 'Ubuntu e il linux.Andrebbe vietato l'uso del PC ai minori.
    • pippo75 scrive:
      Re: Io odio il .NET...
      - Scritto da: Il Profeta
      Io, e molti altri come me, odiamo Mono e pure il
      .Net su Windows. Un'invenzione stupida e inutile,Mai sentito dire ad un meccanico: io odio le filiere a passo GAS.Chissa perchè gli informatici la mettono su personale e sul religioso ?
    • EffeGGI scrive:
      Re: Io odio il .NET...
      Java è il PASSATO.Basta con sto cacchio di Java, sembrate i comunisti che la menano ancora dopo 20 anni dalla caduta del muro di Berlino.Evolvetevi!
    • di passaggio scrive:
      Re: Io odio il .NET...
      - Scritto da: Il Profeta
      Io, e molti altri come me, odiamo Mono e pure il
      .Net su Windows. Un'invenzione stupida e inutile,
      quando già esisteva il C++ per la programmazione
      a più basso livello e il Java a più alto livello.
      Entrambi molto più performanti del
      .NET!!e sì, sei proprio un profeta...

      Ora, su Windows la situazione è paradossalmente
      migliore, perchè basta disintallare il Framework
      e in giro non ci sono applicazioni che lo
      richiedono (dimostrazione di quanto faccia
      schifo).assolutam NO. dimostrazione del fatto che ancora molti sviluppino in linguaggi più datati perchè sosterrebbero dei costi a fare il "passo avanti"... del resto la retrocompatibilità di windows funziona e poi la maggior parte ha ancora xp.
      Quindi, se mi ascoltate, iniziate a migrare a KDE
      (se trovate il 4 ancora poco maturo, usate il 3).
      Almeno KDE è slegato da quella XXXXXta di .NET e
      C# e usa le librerie QT e il
      C++!e sì, programmiamo tutti in c++! evviva!
  • Lemon scrive:
    Sarebbe bello + real basic
    Scrivere applicazioni che girano su più sistemi, magari! Ma qualcuno di voi ha provato REAL BASIC? mi dicono che genera eseguibile mastodontici ma che funziona bene.Lo chiedo a chi è svilupattore, io non lo sono anche se a volte faccio qualcosina per le mie esigenze (non aziendali).
    • Carlo Baratto scrive:
      Re: Sarebbe bello + real basic
      Io uso Real Basic da diversi anni (Sono sistemista di una PMI)... e' spettacolare, semplice e veloce... in 30 minuti fai l'applicazione.Le uniche pecche sono la lentezza di applicazioni complesse ed il fatto che puoi compilare per le tre piattaforme solo con la versione professional.Puoi acquistare la base a meno di 100 euro e poi convertirla comunque.
      • Lemon scrive:
        Re: Sarebbe bello + real basic
        - Scritto da: Carlo Baratto
        Io uso Real Basic da diversi anni (Sono
        sistemista di una PMI)... e' spettacolare,
        semplice e veloce... in 30 minuti fai
        l'applicazione.
        Le uniche pecche sono la lentezza di applicazioni
        complesse ed il fatto che puoi compilare per le
        tre piattaforme solo con la versione
        professional.
        Puoi acquistare la base a meno di 100 euro e poi
        convertirla
        comunque.Si ma la professional mi sembra abbia costi molto bassi comunque. Cosa intendi per applicazioni complesse?Grazie per la risposta!
        • Carlo Baratto scrive:
          Re: Sarebbe bello + real basic
          Se devi lavorare con Database diversi da RealSQL server e' mooooooolto lento.... se usi piu' di 20 controlli in una pagina e' leeeeeeeeeeeeeeento... insomma piu' il form e' incasinato e meno veloce gira l'applicazione.
        • Carlo Baratto scrive:
          Re: Sarebbe bello + real basic
          Si, ha costi irrisori per un'impresa... non bassi per un hobbista.Io lo consiglierei ad occhi chiusi... anche perche' il distributore italiano e' di una cortesia sconcertante :)
    • Maestro Miyagi scrive:
      Re: Sarebbe bello + real basic
      Magari potresti provare a dare un'occhiata a Python con alcune librerie grafiche mainstream (tipo Wx, gtk, o qt), molto facile da apprendere e sei produttivo in poche ore.
  • iosononessu no scrive:
    lo strano caso di GNOME
    Qualcuno mi può spiegare il senso di usare codice Microsoft Community Promise da parte di chi ha creato un desktop enviroment (gnome) perchè ne esisteva un'altro (kde) che non era libero?Com'è possibile tutto ciò? Prima ci riempiono la testa di parole con software libero e poi si riempiono di Microsoft Community Promise? Credo che sia pura ipocrisia!!!!
    • barra78 scrive:
      Re: lo strano caso di GNOME
      Molto semplicemente con la Microsoft Community Promise è possibile redistribuire qualcunque parte di codice in qualunque licenza, modificarlo, innovarlo ecc.Non si dovrebbe usare C# solo perchè è un'invenzione di MS? Gnome-do e Banshee sono 2 bei pezzi di software (banshee sarà introdotto in ubuntu al posto di rithmbox), sviluppati in mono e che hanno introdotto novità a ritmo pazzesco grazie alla bontà di mono (e mono-develop
      • brodo scrive:
        Re: lo strano caso di GNOME

        Non si dovrebbe usare C# solo perchè è
        un'invenzione di MS? C# esiste solo perche a suo tempo SUN bastono' potentemente MS perche' cercava come al solito di sXXXXXre Java con le sue estensioni proprietarie.Allorche' si sono fatti la loro JVM. Mentecatti.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: lo strano caso di GNOME
      " It is important to note that, under the Community Promise, anyone can freely implement these specifications with their technology, code, and solutions.You do not need to sign a license agreement, or otherwise communicate to Microsoft how you will implement the specifications. The Promise applies to developers, distributors, and users of Covered Implementations without regard to the development model that created the implementations, the type of copyright licenses under which it is distributed, or the associated business model. Under the Community Promise, Microsoft provides assurance that it will not assert its Necessary Claims against anyone who makes, uses, sells, offers for sale, imports, or distributes any Covered Implementation under any type of development or distribution model, including open-source licensing models such as the LGPL or GPL. "Cosa non capisci??
    • richard scrive:
      Re: lo strano caso di GNOME
      - Scritto da: iosononessu no
      Qualcuno mi può spiegare il senso di usare codice
      Microsoft Community Promise da parte di chi Guarda che non si usa il codice della microsoft. Mono mica l'ha scritto la microsoft, è basato su degli standard della microsoft. E' anche vero che è stato incorporato successivamente del codice microsoft, ma solo perché era stato rilasciato con una licenza compatibile con la GPL.Quella è un documento che ha valore legale e che assicura di non fare cause per brevetti che riguardano C# e CLI. Ma al tempo stesso quel documento dice che non stanno affermando che ci siano brevetti sopra.
  • zik zok shit scrive:
    LINUX SCHIAVO DELLA MODA
    sono partiti bene, avevano iniziato in modo diverso. peccato. peccato davvero.Linux non solo ha toppato e non ha saputo mantenere le promesse fatte, ma ha tradito se stesso.Bsd e' l'unica strada per una visione dell'informatica diversa. Open source ma capace di dialogare con le aziende.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: LINUX SCHIAVO DELLA MODA
      O un fanatico di BSD..... ;)
    • rer scrive:
      Re: LINUX SCHIAVO DELLA MODA
      - Scritto da: zik zok shit
      sono partiti bene, avevano iniziato in modo
      diverso. peccato. peccato
      davvero.
      Linux non solo ha toppato e non ha saputo
      mantenere le promesse fatte, ma ha tradito se
      stesso.

      Bsd e' l'unica strada per una visione
      dell'informatica diversa. Open source ma capace
      di dialogare con le
      aziende.con "linux"..cosa intendi?
    • Andreabont scrive:
      Re: LINUX SCHIAVO DELLA MODA
      Meno male che Linux ha fallito XD perchè, considerando le quote di mercato che ha in totale (non fermarti al campo dei PC, dove non è riuscito a sfondare del tutto), se avesse vinto povera Microsoft XDXDXDMi ricordate il PD.... gridare al fallimento dell'avversario, quando di fallimento non c'è traccia XDXDLinux nel campo maiframe ha quasi il monopolio, nel campo dei supercomputer relega windows sotto l'1% e nei server la guerra è in atto e vede i server linux in netto vantaggio....L'unico campo dove Linux non esplode è nei personal computer... dove l'utente è obbligato a comprare windows e non si fida a cambiare da solo sistema operativo.... e anche li si può però notare un aumento delle utenze....Adesso si sta parlando anche per i cellulari, e la guerra si fa sempre più accesa....Come potete parlare di fallimento? Le carte da giocare non sono ancora finite! E l'unico sistema operativo che sta avendo perdita di utenti, statistiche alla mano, è windows (che però conserva il suo monopolio nel campo pc)
    • BlueSky scrive:
      Re: LINUX SCHIAVO DELLA MODA
      - Scritto da: zik zok shit
      Bsd e' l'unica strada per una visione
      dell'informatica diversa. Open source ma capace
      di dialogare con le aziende.Per farsi XXXXXXX il codice da sotto il naso senza ricevere nulla in cambio? Vedi il progetto Wine, dopo che Transgaming l'ha fatto si sono affrettati a passare alla gpl.
    • Maestro Miyagi scrive:
      Re: LINUX SCHIAVO DELLA MODA
      - Scritto da: zik zok shit
      Bsd e' l'unica strada per una visione
      dell'informatica diversa. Open source ma capace
      di dialogare con le aziende.No no, nel tuo caso *Lsd* è l'unica strada, tra un viaggio e un trip ...
  • carlo scrive:
    promesse da marinaio
    quelle di microsoft
  • la domanda scrive:
    la domanda è perchè?
    coma da oggetto la domanda è:perchè la Microsoft farebbe tutto questo???quali sono i suoi obiettivi reali??
    • J.M. scrive:
      Re: la domanda è perchè?
      Evitare che la propria tecnologia NON venga utilizzata dalla sempre maggior crescente utenza del pinguino, per esempio.Nonché il poter rilasciare PER sistemi Penguin Powered un framework adatto in modo da poter dettar legge sugli standard (il linguaggio è mio, te lo do' gratis ma tu scrivi codice come dico io).Mica scema l'idea...
    • harvey scrive:
      Re: la domanda è perchè?
      Mi pare ovvio, perche' cosi' i loro programmi li fai girare su qualsiasi sistema operativoChe è un limite della programmazione su dotnet.E molto probabilmente sarà sempre piu' importante per le applicazioni web
    • MAH scrive:
      Re: la domanda è perchè?
      l'obiettivo reale di Microsoft ve l'ho scritto 100 volte:la maggior diffusione di Linux.Te lo spiego in pochissimi passaggi- Microsoft vuole eliminare Apple, il concorrente piu' temibile nei mercati desktop/mobile- DEVE rimanere almeno un altro concorrente oltre a Microsoft, pena Antitrust- Microsoft ha scelto LINUX, perché ne ha capito i limiti e ha capito di poterne manovrare lo sviluppo in qualsiasi momento.Quindi Microsoft vuole portare Linux al 10%, e un modo per farlo è aumentarne l'interoperabilità con Windows.
      • gnulinux86 scrive:
        Re: la domanda è perchè?
        Si hai ragione, come no, ma alla fine lo hai conquistato il mondo?? ;)
      • Giambo scrive:
        Re: la domanda è perchè?
        Ma ce la fara' entro il 21.12.2012, quando le scie chimiche sparse dagli alieni grigi determineranno la fine del mondo :o ?
        • MAH scrive:
          Re: la domanda è perchè?
          LOLProprio non siete capaci di comprendere ;)Ho scritto OVVIETA', non cose eccezionali.
        • Cesare scrive:
          Re: la domanda è perchè?
          Ma non dovrebbero arrivare le Locuste Bibliche dal pianeta Nibiru e divorarci tutti? :OPS: Bella mossa da parte dalle Grande M, dai! ;)
        • Thescare scrive:
          Re: la domanda è perchè?
          L'unico scampo è rifugiarsi a Rennes-le-chateau o dentro la seconda sfinge
        • advange scrive:
          Re: la domanda è perchè?
          - Scritto da: Giambo
          Ma ce la fara' entro il 21.12.2012, quando le
          scie chimiche sparse dagli alieni grigi
          determineranno la fine del mondo :o
          ?Noi di Voyager pensiamo di sì
      • Genoveffo il terribile scrive:
        Re: la domanda è perchè?
        - Scritto da: MAH
        ...

        Quindi Microsoft vuole portare Linux al 10%, e un
        modo per farlo è aumentarne l'interoperabilità
        con
        Windows.Devi proprio smetterla con lsd .... ti fa male fare certi viaggi ;)
    • Uno scrive:
      Re: la domanda è perchè?
      Come perchè??! .......... Perchè se .net dovesse girare,bene, su Linux (e vedi mai sul Max), java si torvarebbe a un rivale ancora più forte.........
      • MAH scrive:
        Re: la domanda è perchè?
        In effetti se fosse stato questo il motivo,avrebbero "liberalizzato" anche asp.net e le winforms.Alla Microsoft interessa semplicemente migliorare i tool di sviluppo opensource, e per questo ci ha regalato C#.
        • Uno scrive:
          Re: la domanda è perchè?
          Forse un ci siamo capiti con c# puoi fare applicazioni web based...... e con mono le puoi fare
  • berlusconi scrive:
    Firefox al tappeto
    Secondo i sondaggi il 99999999% delle persone ha votato per me e solo il rimanete -1% utilizza Firefox.
  • Federico scrive:
    M$ ipocrita
    Da questa mossa i giornalisti hanno capito che M$ vuole bene a GNU/Linux e a Stallman. Anche se queste persone hanno in mano i mezzi di comunicazione, io direi che possiamo tranquillamente ignorare la loro opinione: fa ridere ma non è utile.Le persone intelligenti invece possono dedurre che:* Eventuali implementazioni di C# che si discostino dallo standard verranno perseguite. Da chi? Da chi si è arricchito deformando gli standard altrui. Se prima non c'era nessuna questione di principio dietro la reticenza di alcuni verso Mono, ora invece verrà aperta. Gates e soci dovrebbero tacere, perchè ogni parola che pronunciano è un buon motivo per spaccargli la faccia, sempre e comunque.Comunque è una questione secondaria: il non rispetto degli standard a noi non interessa, è roba per gentaglia schifosa come "loro".* Il problema pratico, che prima era l'unico, ora si ridimensiona. Chi non utilizza implementazioni "non ufficiali" di Asp e Windows Forms può stare tranquillo, o almeno così pare. Per chi le utilizza, invece, non cambia assolutamente nulla.Tra parentesi se conoscete qualcuno che utilizza Asp con Mono presentatemelo. Voglio vedere che faccia ha un cretino...Ottima comunque l'idea di dividere il codice del progetto Mono.
    • Sanghino scrive:
      Re: M$ ipocrita
      - Scritto da: Federico
      Da questa mossa i giornalisti hanno capito che ...

      Le persone intelligenti invece possono dedurre
      che ...Quindi escludi a priori che possa esistere una categoria ibrida di "giornalisti-intelligenti " ?
      Tra parentesi se conoscete qualcuno che utilizza
      Asp con Mono presentatemelo. Voglio vedere che
      faccia ha un
      cretino...Vedo con piacere che c'è sempre rispetto per chi ha opinioni diverse dalle proprie, i miei complimenti. E poi chi ti dice che "cretino" non lo sia invece chi fa un'altra scelta ?Limitarsi ad esprimere la propria opinione senza per forza di cose andare ad "offendere" l'altrui virtù sarebbe già un buon segno di cosa significa "free" e conseguentemente "freedom" ... bye.
      • panda rossa scrive:
        Re: M$ ipocrita
        - Scritto da: Sanghino
        - Scritto da: Federico

        Da questa mossa i giornalisti hanno capito che
        ...



        Le persone intelligenti invece possono dedurre

        che ...

        Quindi escludi a priori che possa esistere una
        categoria ibrida di "giornalisti-intelligenti "
        ?In Italia non c'e'.Per definizione in Italia il giornalista e' asservito supinamente all'editore e ha una competenza scientifica inferiore a quella di un ameba.
  • kimj scrive:
    mah... leggete:
    F. l'ingannevole programma "WISE" (saggio) di microsoft Per favore datemi una buona ragione del perché noi dobbiamo per lo meno considerare [l'abilitazione delle tecnologie microsoft di funzionare con i sistemi concorrenti]. (Aiuto: qualsiasi buona risposta necessita di aver incluso un metodo per generare soldi e un aiuto per la soppressione di Unix, Sybase o Oracle.)" James Allchin, vicepresidente senior di microsoft52)Nel 1994 microsoft intraprese una simile condotta di inganni per combattere la crescente popolarità del sistema operativo UNIX all'interno delle reti delle aziende. microsoft affrontò una scelta: se "amarlo fino alla morte (investendo un sacco di soldi e uccidendolo lentamente) o ignorarlo (non investire soldi nell'aspettativa che muoia velocemente)."53) microsoft scelse inizialmente di "investire nell'interoperabilità" con UNIX54), tramite la promozione di un suo Windows Interface Source Environment (WISE), un programma che permetteva agli sviluppatori di scrivere software con le API di ms-windows ed eseguire i programmi risultanti su sistemi Macintosh e UNIX55).Il piano di microsoft ebbe sucXXXXX. Nel 1996 microsoft catturò una grande quota di mercato nel mercato societario. microsoft allora intraprese il prossimo passo nel suo standard: "abbraccia, estendi e estingui" e estese le API di ms-windows senza copiare tali modifiche nel programma WISE. Questo significava che gli sviluppatori non potevano più portare facilmente le applicazioni su UNIX e Macintosh. In pubblico, in ogni caso, microsoft continuò a far credere agli sviluppatori che il software era ancora completamente multipiattaforma. Nel 1997, Bill Gates scrisse una E-Mail interna facendo notare che questi sviluppatori che scrivevano applicazioni per il software allora disponibile senza realizzare che non era portabili tutte le API su UNIX e Macintosh erano "stati i***" . Aveva ragione: microsoft estinse con sucXXXXX la minaccia della portabilità favorendo così il proprio monopolio di sistema operativo. In un successivo proXXXXX antitrust, una corte distrettuale diede come nome a questa mossa "la tattica 'bait-and-switch' (esca e cambia).----------------------------non vi ricorda mono?--------------------------------------e continua:http://linguistico.sourceforge.net/pages/traduzioni/ms_illegal.html
    • kimj scrive:
      Re: mah... leggete:
      scusate per i 53) 54) ecc.ggio. ignoranon posso modificare il messaggio. ignorateli.
    • anonimo scrive:
      Re: mah... leggete:
      La differenza è molta. Mono non dipende da Microsoft. E' open source. Cli e C# sono una standard ISO ECMA e non hanno neanche più il problema dei brevetti. Se uno vuole sviluppare per il desktop (linux, mac e windows) può usare le Gtk# per la GUI anziché le windows forms.Un domani microsoft cambia le carte in tavola e non fornisce più le specifiche? Mono rimane multipiattaforma e può continuare per la sua strada senza microsoft.
      • kimj scrive:
        Re: mah... leggete:
        e a questo punto a che serve mono?è incredibilmente lento, provate f-spot...
        • anonimo scrive:
          Re: mah... leggete:
          - Scritto da: kimj
          e a questo punto a che serve mono?
          Perché secondo te mono serve solo a portare applicazioni su Linux? Un altro che parla per sentito dire.
          è incredibilmente lento, provate f-spot...Certo un programma è lento quindi mono è lento. Ok rinuncio a rispondere alla gente qui sopra e su altri blog nostrani. Il livello è veramente da bar dello sport.
          • kimj scrive:
            Re: mah... leggete:
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: kimj

            e a questo punto a che serve mono?



            Perché secondo te mono serve solo a portare
            applicazioni su Linux? Un altro che parla per
            sentito
            dire.


            è incredibilmente lento, provate f-spot...

            Certo un programma è lento quindi mono è lento.
            Ok rinuncio a rispondere alla gente qui sopra e
            su altri blog nostrani. Il livello è veramente da
            bar dello
            sport.che ti posso dire... sul mio eeepc i programmi in mono (ma in particolare f-spot e tomboy) sono lenti o esosi di risorse, come anche i programmi pyton, ma questi in maniera meno evidente.
          • ioioio scrive:
            Re: mah... leggete:
            sarà forse perchè l'eeepc è un "chiodo" ??? ;)
          • barra78 scrive:
            Re: mah... leggete:
            sul mio eee (un 701) invece ho sostituito rhythmbox proprio perchè mi dava meno problemi.
          • contestator e scrive:
            Re: mah... leggete:
            - Scritto da: ioioio
            sarà forse perchè l'eeepc è un "chiodo" ??? ;)Sarà un "chiodo", non si mette in discussione.Però rimane il fatto che kimj, come utente, ha valutato che le applicazioni che girano su mono siano più lente di analoghe scritte in phyton per es, sullo stesso "chiodo"Quindi?
          • barra78 scrive:
            Re: mah... leggete:
            IMHO le app mono non sono più lente di quelle in python. Guarda exaile, è un bel mattone se paragonato a banshee (e non parlo di utilizzo di memoria ma di velocità di esecuzione).
        • barra78 scrive:
          Re: mah... leggete:
          Prova banshee o gnome-do, vedrai che non sono affatto lenti.
          • contestator e scrive:
            Re: mah... leggete:
            L'ultima release di gnome-do da launchpad mi suca la bellezza di 150 Mega di ram rispetto ai 20-25 M di quella distribuita ufficialmente nei repo dell'ultima "buntu".Non è più scattante e anzi ho trovato che la customizzazione sia peggiorata: non è più impostabile l'overlay, l'intellhide funziona per conto suo, le preferenze sono confinate nel solo menù "Preferenze" mentre prima alcune si potevano attivare direttamente sull'icona di gnome-do (opzione che trovavo molto comoda) ecc.Speriamo nelle prossime release.
          • barra78 scrive:
            Re: mah... leggete:
            - Scritto da: contestator e
            L'ultima release di gnome-do da launchpad mi suca
            la bellezza di 150 Mega di ram rispetto ai 20-25
            M di quella distribuita ufficialmente nei repo
            dell'ultima
            "buntu".
            Non è più scattante e anzi ho trovato che la
            customizzazione sia peggiorata: non è più
            impostabile l'overlay, l'intellhide funziona per
            conto suo, le preferenze sono confinate nel solo
            menù "Preferenze" mentre prima alcune si potevano
            attivare direttamente sull'icona di gnome-do
            (opzione che trovavo molto comoda)
            ecc.
            Speriamo nelle prossime release.Boh io ho il pc avviato da 3gg e mi sta occupando 21mb (anche io uso l'ultima rel). Prova a giocare con i plugin e soprattutto le docklets, se una sola di queste ti fa delle XXXXXte allora tutto gnome-do ne risente. L'idea di integrare tutte le opzioni nel menu preferenze è dovuta all'aumento del numero di opzioni, tenerle sparse in + punti sarebbe stato caotico.
          • contestator e scrive:
            Re: mah... leggete:
            - Scritto da: barra78
            Boh io ho il pc avviato da 3gg e mi sta occupando
            21mb (anche io uso l'ultima rel). Prova a giocare
            con i plugin e soprattutto le docklets, se una
            sola di queste ti fa delle XXXXXte allora tutto
            gnome-do ne risente.

            L'idea di integrare tutte le opzioni nel menu
            preferenze è dovuta all'aumento del numero di
            opzioni, tenerle sparse in + punti sarebbe stato
            caotico.Bene a sapersi.Normalmente uso solo i plugin ufficiali.Proverò come dici e andrò per esclusione.Per quel che riguarda le opzioni, riconosco che così è più ordinato ma alcune cose accessibile in maniera diretta almeno per me erano molto comode (parlo della docky ma si è già capito :) )
          • nome e cognome scrive:
            Re: mah... leggete:
            - Scritto da: contestator e
            L'ultima release di gnome-do da launchpad mi suca
            la bellezza di 150 Mega di ram rispetto ai 20-25
            M di quella distribuita ufficialmente nei repo
            dell'ultima
            "buntu".
            Non è più scattante e anzi ho trovato che la
            customizzazione sia peggiorata: non è più
            impostabile l'overlay, l'intellhide funziona per
            conto suo, le preferenze sono confinate nel solo
            menù "Preferenze" mentre prima alcune si potevano
            attivare direttamente sull'icona di gnome-do
            (opzione che trovavo molto comoda)
            ecc.
            Speriamo nelle prossime release.Azz...tutte le preferenze nel menu preferenze! Cosa avranno avuto per la testa!!
      • Giorgio scrive:
        Re: mah... leggete:
        Sara', ma a me microsoft fa sempre spaventare. Ora, io parlo senza sapere come funziona, ma per questo non c'e' gia' java?
        • H5N1 scrive:
          Re: mah... leggete:
          Java ha un'interoperabilità che funziona solo sulla carta, richiede molte risorse, è molto più lento e molto più rigido.
    • BeneBraviBi s scrive:
      Re: mah... leggete:
      Interessantissimo documento, anche se la traduzione dall'originale (comunque raggiungibile tramite link) a tratti fa sorridere.Spero che le cose cambino e Microsoft venga ridimensionata.
    • Stein Franken scrive:
      Re: mah... leggete:
      Bella storia amico
    • Lemon scrive:
      Re: mah... leggete:

      non vi ricorda mono?

      --------------------------------------No, mono non lo sviluppa MS, al limite sarebbe il contario, che la MS metta un gcc per compilare software scritto per linux e poi, dopo anni, lo levasse.
    • Mik scrive:
      Re: mah... leggete:
      Concordo in pieno!!!!!!!!!! Ho scritto un commento ("Furba la Microsoft :") prima di leggere il tuo commento, che aggiunge altre verità storiche
  • nip&tuck scrive:
    io voglio sentire cosa ha da dire
    stallman!!!!!
    • -ToM- scrive:
      Re: io voglio sentire cosa ha da dire
      - Scritto da: nip&tuck
      stallman!!!!!Stallman insisterà sempre contro tutto quello che è "Microsoft" o più semplicemente "chiuso".E' il suo dogma, la sua missione nella vita... almeno è più utile e coerente di tanti altri :)Non userebbe .net nemmeno se la MS lo regalasse alla comunità OSS.
      • vistabuntu.wordpress.com scrive:
        Re: io voglio sentire cosa ha da dire
        - Scritto da: -ToM-
        - Scritto da: nip&tuck

        stallman!!!!!

        Stallman insisterà sempre contro tutto quello che
        è "Microsoft" o più semplicemente
        "chiuso".
        E' il suo dogma, la sua missione nella vita...
        almeno è più utile e coerente di tanti altri
        :)
        Non userebbe .net nemmeno se la MS lo regalasse
        alla comunità
        OSS.o almeno DICE che non lo userebbe mai :D
      • anonimo scrive:
        Re: io voglio sentire cosa ha da dire

        Stallman insisterà sempre contro tutto quello che
        è "Microsoft" o più semplicemente
        "chiuso".
        E' il suo dogma, la sua missione nella vita...La sua missione di vita non è contro microsoft, ma contro il software non libero. Se microsoft rilasciasse i suoi programmi sotto GPL non avrebbe problemi.
        almeno è più utile e coerente di tanti altri
        :)Da come lo dici tu non sembrerebbe coerente, dalla tua descrizione sembra una battaglia contro microsoft, invece è per il software libero. Anche se per certe cose tipo dover dire GNU/Linux mi sembra più uno scassa balle.
        Non userebbe .net nemmeno se la MS lo regalasse
        alla comunità
        OSS.Se così fosse non tenterebbe nemmeno di fare questo che comunque è molto indietro rispetto a Mono:http://www.gnu.org/software/dotgnu/
        • -ToM- scrive:
          Re: io voglio sentire cosa ha da dire
          Si dai, volevo un po prenderlo in giro... però a volte mi sembra assurdo sentire cosa ha da dire... un po troppo estremista direi.Il software libero deve esistere ma non nella forma estrema che predica lui :)
          • H5N1 scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            Potrei parlare da fruitore (utente), sviluppatore o semplice osservatore, ma arriverei alle stesse conclusioni: l'esistenza di diversi tipi di software (free, freeware, closed etc.) ha fatto del bene al software stesso aumentandone la qualità grazie alla competitività.Spesso uso software con licenza GPL e sviluppo software con licenza BSD o MPL, ma la chiusura mentale è peggiore di quella del codice! :D
          • Enrico scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            Questione di punti di vista. Lui difende e raccomanda un modello di sviluppo basato sul modello della collaborazione scientifica (Stallman è laureato in fisica). Provate a pensare come sarebbe adesso il mondo se geni del calibro di Newton o Einstein (tanto per citarne 2 famosi) avessero brevettato le loro scoperte... Pensate a quante scoperte non si sarebbero potute fare. È un po' quello che succede con certe cure mediche che costano un patrimonio solo di brevetti e la gente/stati povera non se la può permettere e muoiono. Invece, le scoperte non brevettate, sono completamente libere, riutilizzabili e modificabili. È da qui che deriva il concetto si software libero
          • ... scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            hahahahah stallman laureato in fisica....ma che iniziano a girare anche su di lui le leggende come quelle che girano sui profeti?stallmann è stato sbattuto fuori dall'università MOOOOLTO tempo fa perché non combinava un cavolo, e continua a non combinare un cavolo nemmenmo oggi, ha solo applicato il metodo "il miglior modo per fare soldi è fondare una religione"
          • Aleks scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: ...
            hahahahah stallman laureato in fisica....
            ma che iniziano a girare anche su di lui le
            leggende come quelle che girano sui
            profeti?
            stallmann è stato sbattuto fuori dall'università
            MOOOOLTO tempo fa perché non combinava un cavolo,
            e continua a non combinare un cavolo nemmenmo
            oggi, ha solo applicato il metodo "il miglior
            modo per fare soldi è fondare una
            religione"Richard Stallman si è laureato con lode nel 1974 in fisica ad Harvard.
          • ... scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            see come no :)infatti le sue sono le qualità tipiche di uno scienziato (cioè nullafacente, borioso, superficiale, arraffone, proprio qualità tipiche...)
          • Nome e cognome scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            Infatti prima di fare l'evangelista del software libero è stato l'ideatore e uno dei principali sviluppatori dell'editor Emacs, del compilatore C GNU e dello GNU debugger.Certo che se ti informi su Rete4 queste cose non le puoi sapere.
          • nome e cognome scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: Nome e cognome
            Infatti prima di fare l'evangelista del software
            libero è stato l'ideatore e uno dei principali
            sviluppatori dell'editor Emacs, del compilatore C
            GNU e dello GNU
            debugger.

            Certo che se ti informi su Rete4 queste cose non
            le puoi
            sapere.In effeti su nessun telegiornale hanno mai parlato di stallman...
          • Funz scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: Nome e cognome
            Infatti prima di fare l'evangelista del software
            libero è stato l'ideatore e uno dei principali
            sviluppatori dell'editor Emacs, del compilatore C
            GNU e dello GNU
            debugger.

            Certo che se ti informi su Rete4 queste cose non
            le puoi
            sapere.Che ha da rispondere trepuntini a questo punto? :D
          • ... scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            che quando stallman ha scritto il gcc (ottimo compilatore per carità) io gia sviluppavo da un paio d'annima non mi pare si parlava dei programmi fatti da stallmann...
          • errno scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: ...
            che quando stallman ha scritto il gcc (ottimo
            compilatore per carità) io gia sviluppavo da un
            paio
            d'anni
            ma non mi pare si parlava dei programmi fatti da
            stallmann...Non sò te da quant'è che stai ai computer, comunque lui aveva acXXXXX alla famosa PDP-1 e ci ha sviluppato editor testuali (allora erano praticamente il fulcro del sistema), sistemi operativi (il Lisp) EMacs, poi debugger e compilatori. Adesso mi verrai a dire che te hai fatto anche di peggio, ma tranquillo: siccome sei italiano, non ci crederò :DE comunque Stallman è sempre stato uno piuttosto ribelle oltre che di principi; non voleva assolutamente che il segreto industriale diventasse una moda per il software, e non lo si può biasimare.
          • IoSonoNessu no scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            Veramente le qualità sopracitate sembrano le tue...Informati, il tizio che disprezzi ti mangia in testa ad occhi chiusi e saltando su un piede solo.
          • nome e cognome scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire

            Richard Stallman si è laureato con lode nel 1974
            in fisica ad
            Harvard.Ha un bachelor degree, l'equivalente della nostra laurea breve e "magna cum laude" che è un livello medio di riconoscimento (sopra ci sono "summa cum laude" e "maxima cum laude" che corrisponde alla nostra lode). Negli USA l'unico titolo accademico che conta qualcosa è il PhD, il resto viene dato praticamente a tutti quelli che frequentano (compresi i titoli di merito tranne il maxima cum laude). Non avendo preso nemmeno il master of science negli USA verrebbe considerato alla stregua di un diplomato ai fini della ricerca di lavoro ... e di certo non è un genio, almeno in termini accademici.
          • Quello li scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: nome e cognome

            Richard Stallman si è laureato con lode nel 1974

            in fisica ad

            Harvard.

            Ha un bachelor degree, l'equivalente della nostra
            laurea breve e "magna cum laude" che è un livello
            medio di riconoscimento (sopra ci sono "summa cum
            laude" e "maxima cum laude" che corrisponde alla
            nostra lode). Negli USA l'unico titolo accademico
            che conta qualcosa è il PhD, il resto viene dato
            praticamente a tutti quelli che frequentano
            (compresi i titoli di merito tranne il maxima cum
            laude).Prima di tutto, che sappia io, non esiste il "maxima cum laude", anche perchè, se mi ricordo il latino dal liceo, sopra "summa" non ci può essere nulla.Secondo, sempre per le mie limitate conoscenze del mondo anglosassone, il PhD è l'equivalente del dottorato e il bachelor della nostra normale laurea, non hanno le lauree "brevi".Diciamo "a spanne" che un "summa cum laude" in Fisica a Harvard è l'equivalente di un 109/110 in Fisica in una università Italiana
            Non avendo preso nemmeno il master of science
            negli USA verrebbe considerato alla stregua di un
            diplomato ai fini della ricerca di lavoro ... La percentuale di Phd negli USA è superiore a quella dei "laureati con laurea in dottarato di ricerca" in Italia, è vero, questo non vuol dire che siano dei semplici diplomati
            e di certo non è un genio, almeno in termini
            accademici.Forse non lo è in fisica, ma al laboratorio di intelligenza artificiale del MIT (no, non di Catania, del MIT) era considerato tale.
          • nome e cognome scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire

            Prima di tutto, che sappia io, non esiste il
            "maxima cum laude", anche perchè, se mi ricordo
            il latino dal liceo, sopra "summa" non ci puòhttp://en.wikipedia.org/wiki/Latin_honorsA rarely used distinction, maxima cum laude, "with very great praise", is an intermediary honor between the summa and the magna honorsMa sono americani ... trattano il latino come cappuccino dopo pranzo.
            Secondo, sempre per le mie limitate conoscenze
            del mondo anglosassone, il PhD è l'equivalente
            del dottorato e il bachelor della nostra normale
            laurea, non hanno le lauree
            "brevi".I loro livelli di studio sono:Bachelor - 3/4 anni.Master - http://en.wikipedia.org/wiki/Master_of_Science#united_statesPhD - http://en.wikipedia.org/wiki/Doctor_of_Philosophy#United_StatesIl master non è sempre obbligatorio per accedere al dottorato... Comunque il proXXXXX di unificazione di Bologna ha chiaramente stabilito che il bachelor corrisponde alla nostra laurea breve.
            Diciamo "a spanne" che un "summa cum laude" in
            Fisica a Harvard è l'equivalente di un 109/110 in
            Fisica in una università
            ItalianaVisto che conosco dei laureati ad harward secondo me un summa cum laude ad harward è probabilmente equivalente in termini di "bravura" ad un 100 di una università italiana... ovviamente molto diverso in termini di carriera. Considera che il bachelor degree lo prendi tranquillamente passando tutte le sere ad ubriacarti ... se giusto giusto studi un'oretta al giorno hai l'honor assicurato.
            La percentuale di Phd negli USA è superiore a
            quella dei "laureati con laurea in dottarato di
            ricerca" in Italia, è vero, questo non vuol dire
            che siano dei semplici
            diplomatiIl bachelor negli USA lo prendono tutti: te lo garantisco. Quello che fa la differenza è il prestigio dell'università ma li sono i soldi che comprano l'ingresso...
            Forse non lo è in fisica, ma al laboratorio di
            intelligenza artificiale del MIT (no, non di
            Catania, del MIT) era considerato
            tale.Potrebbe anche essere... ma alla fine ha pubblicato pochino: probabilmente qualsiasi ricercatore di Catania può vantare più roba di lui.
          • Shezan74 scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            E comunque un sacco di gente in Italia si laurea e produce scienza e conoscenza, anzichè parole e tesi estremiste.Se parliamo di Stallman come "uno scienziato" allora è giusto ascoltare l'opinione di ogni singolo studente uscito dalle nostre Università (scientifiche, se volete stare in tema). Non credo che un laureato (tra i tanti) negli Stati Uniti possa avere molto da insegnare ad un laureato italiano, purchè provenga da una università (piccola o grande, famosa o sconosciuta che sia) dove l'insegnamento sia di qualità.Forse la boria, ma quella non si ricava dalla pergamena
          • nome e cognome scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire

            Forse la boria, ma quella non si ricava dalla
            pergamenaLe università americane hanno un grande pregio, soprattutto quelle prestigiose come Harward...formano leader.Le università italiane invece formano degli sfigati.Con tutto il rispetto per la preparazione (che secondo me è nettamente migliore in italia in barba ai vari istituti di statistica) uno studente italiano alla fine del suo percorso di studi o è raccomandato o prende porte in faccia e se gli va bene finisce in un ufficio a tirare sera. Uno studente americano, anche se laureato in filosofia, ha il mondo ai suoi piedi e una quantità di opportunità che l'italiano neanche immagina, anche se è figlio di un lavapiatti al macdonald.
          • vintage scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: ...
            hahahahah stallman laureato in fisica....
            ma che iniziano a girare anche su di lui le
            leggende come quelle che girano sui
            profeti?
            stallmann è stato sbattuto fuori dall'università
            MOOOOLTO tempo fa perché non combinava un cavolo,
            e continua a non combinare un cavolo nemmenmo
            oggi, ha solo applicato il metodo "il miglior
            modo per fare soldi è fondare una
            religione"Criticare e' facile, fare molto piu difficile;avessi fatto tu qualcosa di utile nella vita E prima di congedarti almeno informati:http://it.wikipedia.org/wiki/Richard_Stallman
          • m c scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire

            È un po' quello che succede con certe cure
            mediche che costano un patrimonio solo di
            brevetti e la gente/stati povera non se la può
            permettere e muoiono. Invece, le scoperte non
            brevettate, sono completamente libere,
            riutilizzabili e modificabili. È da qui che
            deriva il concetto si software
            liberoPeccato che per sviluppare un nuovo farmaco occorrano anni di lavoro. Paghi tu?
          • panda rossa scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: m c
            Peccato che per sviluppare un nuovo farmaco
            occorrano anni di lavoro. Paghi
            tu?Pagano tutti! E tutti ne ricavano vantaggio!Come per le strade, per l'acqua e il gas in casa, per tutti i servizi essenziali alla comunita'.I farmaci servono per salvare delle vite umane: sono una cosa ben diversa dell'ultimo modello dell'iPhone.
          • Marco scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire

            Pagano tutti! E tutti ne ricavano vantaggio!
            Come per le strade, per l'acqua e il gas in casa,
            per tutti i servizi essenziali alla
            comunita'.Tutti chi? L'attuale sistema della ricerca medica è basato sulla competizione: le varie aziende investono in ricerca e chi scopre una cura la brevetta, la usa in esclusiva per un tot di anni e poi diventa pubblica. Ovviamente per quel tot di anni può venderla a prezzo fuori mercato, dopodichè dovrà confrontarsi con gli altri competitor (come quando si può scegliere tra il farmaco di marca e il generico).Se tutti paghiamo, intanto bisognerebbe sicuramente trovare i soldi per finanziare questa ricerca (tasse?). Poi dovremmo anche decidere a chi dare questi soldi tra le varie case farmaceutiche... e controllare ovviamente che stiano effettivamente usando i fondi per fare ricerca. Mi sembra un modello che non funziona particolarmente bene... senza per questo voler dire che quello attuale sia perfetto.
          • elementare johnson scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: m c
            Peccato che per sviluppare un nuovo farmaco
            occorrano anni di lavoro. Paghi
            tu?peccato che (se non stiamo parlando di una crema di bellezza) un farmaco può salvare una vita umana.. glielo dici tu a chi sta per morire che deve morire perchè tu vuoi guadagnare 1000 invece di 100?le case farmaceutiche STRAguadagnano su certi farmaci, non guadagnano..
    • barra78 scrive:
      Re: io voglio sentire cosa ha da dire
      Gli è già stato chiesto un parere sulla questione e la risposta è stata: se MS fa tutto ciò allora non vedo che problemi ci siano nell'usare mono.Inoltre vorrei far notare che Stallman era presente al lancio ufficiale di mono e la FSF cura lo sviluppo di un qualcosa di simile (.gnu? non ricordo il nome)
      • IoSonoNessu no scrive:
        Re: io voglio sentire cosa ha da dire
        Il problema è che MS non è affidabile, come la sua storia passata ha ampiamente dimostrato.
        • barra78 scrive:
          Re: io voglio sentire cosa ha da dire
          ok ma un foglio di carta firmato ha valore legale e lo hanno cmq anche queste dichiarazioni pubbliche. Non sarà così facile rimangiarsi quanto detto.
          • BlueSky scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: barra78
            ok ma un foglio di carta firmato ha valore legale
            e lo hanno cmq anche queste dichiarazioni
            pubbliche. Non sarà così facile rimangiarsi
            quanto detto.Già.. E che mi dici delle applicazioni Windows Form? E che succede se fra due anni decidono di cambiare licenza? Riscrivi il programma da capo? Imho ci sono ancora troppe incognite.
          • barra78 scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            1- winforms non si usano su linux se non per avviare applicativi windows, cosa che interesserà ad alcune aziende non al 99% degli utenti desktop. 2- non è che cambiare licenze si possa fare come pare e piace. E' vero che in eventuali future versioni di c# potrebbero non rilasciare le specifiche nuove sotto la stessa licenza ma sarà difficile che si verifichi.MS ha fatto questa mossa per garantire i propri interessi economici. + persone usano c# e più possibli clienti possono acquistare i prodotti MS (visual studio ecc). Questo perchè MS offre supporto, consulenze ecc, cose che le grandi aziende acquistano spesso (basta vedere quanto mercato hanno le consulenze java!)
          • BlueSky scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: barra78
            1- winforms non si usano su linux se non per
            avviare applicativi windows, cosa che interesserà
            ad alcune aziende non al 99% degli utenti
            desktop.quindi niente interoperabilità, che sarebbe una delle caratteristiche più interessanti.
            2- non è che cambiare licenze si possa fare come
            pare e piace. E' vero che in eventuali future
            versioni di c# potrebbero non rilasciare le
            specifiche nuove sotto la stessa licenza ma sarà
            difficile che si verifichi.Sarà difficile... beh... allora, se sarà difficile.
            MS ha fatto questa mossa per garantire i propri
            interessi economici. + persone usano c# e più
            possibli clienti possono acquistare i prodotti MSMa dai? E perché non allargano ancora la platea di clienti rilasciando anche il resto con questa licenza? Sarà perché così possono rivalersi in futuro su chi userà Mono in violazione di brevetti non coperti dalla loro promessa?
          • barra78 scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: BlueSky
            quindi niente interoperabilità, che sarebbe una
            delle caratteristiche più
            interessanti.xchè? banshee gira su windows e mac usando gtk#
            Ma dai? E perché non allargano ancora la platea
            di clienti rilasciando anche il resto con questa
            licenza? Sarà perché così possono rivalersi in
            futuro su chi userà Mono in violazione di
            brevetti non coperti dalla loro
            promessa?C# e .net sono 2 cose diverse, bisogna rendersene conto. C# è libero in ogni sua forma, .net no. mono è un clone di .net ma non solo visto che implementa gtk#, supporto a codec open e molto altro.
          • BlueSky scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: barra78

            quindi niente interoperabilità, che sarebbe una

            delle caratteristiche più

            interessanti.

            xchè? banshee gira su windows e mac usando gtk#Quindi si devono usare altre librerie per farlo, un modo per rendere abbastanza difficile portare le applicazioni già esistenti su Linux. Partendo con queste premesse dubito che MS sia intenzionata a favorire l'interoperabilità, mi sembra ancora una scommessa un po' azzardata puntare su .Net.
          • barra78 scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            RIPETO:MONO NON È .NETMS ha reso liberamente disponibile c#. Questo linguaggio congiuntamente a gtk# è probabilmente la soluzione migliore per creare un applicativo in grado di girare su linux, windows, mac senza sbattersi troppo.gtk# è 100% free, incluso in ogni installazione mono e quindi non vedo cosa ci possa XXXXXXX di microsoft e il suo .net. Tra l'altro mono supporta nativamente theora e gli altri codec audio/video opensource. Inoltre il trio c#, gtk# e clutter (presto integrato in gtk3) possono creare interfaccie molto evolute con pochissimo sforzo. Questo è mono. E' però anche tante altre cose, alcune delle quali non si sa se perfettamente legali (winforms, asp.net ecc). Da qui la scelta di Miguel de Icaza di dividere mono in 2. Una soluzione dedicata a chi sviluppa da 0 con un occhio di riguardo a linux e alla portabilità, l'altra per chi ha necessità di utilizzare questi componenti non liberi (tipicamente chi deve portare in linux o mac un software già esistente).
      • pabloski scrive:
        Re: io voglio sentire cosa ha da dire
        dotgnu
        • barra78 scrive:
          Re: io voglio sentire cosa ha da dire
          Ci sono andato vicino :D
          • advange scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire

            Ci sono andato vicino :DIo ho letto il tuo post dotgnu, così hai indovinato (rotfl)
    • gnulinux86 scrive:
      Re: io voglio sentire cosa ha da dire
      Credo che il suo monito, abbia avuto l'effetto sperato, dovrebbe essere contento, vediamo, l'evolversi della vicenda.
      • richard scrive:
        Re: io voglio sentire cosa ha da dire
        - Scritto da: gnulinux86
        Credo che il suo monito, abbia avuto l'effetto
        sperato, dovrebbe essere contento, vediamo,
        l'evolversi della
        vicenda.Cioè tu sei uno di quelli che pensa che Stallman parla e 24 ore dopo la Microsoft tira fuori un documento legale?Se leggi il blog di De Icaza c'è scritto che il mese scorso ha incontrato dei responsabili della microsoft e ha chiesto loro di chiarire la situazione riguardo ai brevetti su ciò che era uno standard ECMA.
        • pabloski scrive:
          Re: io voglio sentire cosa ha da dire
          certo, però se non fosse stato per Stallman e altri esponenti della comunità OSS, MS non sarebbe mai arrivata a tantoevidentemente sanno che Stallman e soci hanno un grande ascendente sui "developers, developers, developers"e MS senza "developers, developers, developers" è un gatto morto
          • Nome e cognome scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: pabloski
            certo, però se non fosse stato per Stallman e
            altri esponenti della comunità OSS, MS non
            sarebbe mai arrivata a
            tantoSi, certo e i bisonti dell'Arizona volano.... saranno drogati di RedBull che mette le aaaaaaaaliiiii
    • cantinaro scrive:
      Re: io voglio sentire cosa ha da dire
      - Scritto da: nip&tuck
      stallman!!!!!stallman è attualmente impegnato a mangiarsi le croste dei piedihttp://www.youtube.com/watch?v=I25UeVXrEHQ#t=1m50s
      • Giovanni Mauri scrive:
        Re: io voglio sentire cosa ha da dire
        ahah!! è vero, che schifo!!Questione di forma.. alla M$ sono tutti impettiti, in giacca e cravatta, pronti a sfoderare paroloni complicati.. poi alla fine tornano a casa e fra le quattro mura domestiche si sfilano il calzino e si usmano i piedi per restare giovani..stallman, invece è molto più coerente.. lui dimostra che per restare giovani bisogna mangiare le croste dei piedi, ma in pubblico!ahah!!
      • xxxxxxxxxx scrive:
        Re: io voglio sentire cosa ha da dire

        http://www.youtube.com/watch?v=I25UeVXrEHQ#t=1m50sGNU/Snack ?ROTFL!!!E' un mito.
    • nome e cognome scrive:
      Re: io voglio sentire cosa ha da dire
      - Scritto da: nip&tuck
      stallman!!!!!Grunf, grunf, free, grunf, grunf, open,,grunf, good, grunf, patent, grunf, bad.
      • pabloski scrive:
        Re: io voglio sentire cosa ha da dire
        cos'è il rumore della xbox prima che ti esplodesse in faccia?
        • Ivan! scrive:
          Re: io voglio sentire cosa ha da dire
          - Scritto da: pabloski
          cos'è il rumore della xbox prima che ti
          esplodesse in
          faccia?LOL
        • nome e cognome scrive:
          Re: io voglio sentire cosa ha da dire
          - Scritto da: pabloski
          cos'è il rumore della xbox prima che ti
          esplodesse in
          faccia?No la trascrizione di un'intervista a Stallman, pensavo si capisse... ma come al solito ho aspettative troppo alte per questo forum.
          • pabloski scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            infatti, questo forum non fa per te, trasferisciti qui http://forum.ea.com/eaforum/categories/show/38.pageci sono tutti i bimboXXXXXXX come te
          • nome e cognome scrive:
            Re: io voglio sentire cosa ha da dire
            - Scritto da: pabloski
            infatti, questo forum non fa per te,
            trasferisciti qui
            http://forum.ea.com/eaforum/categories/show/38.pag

            ci sono tutti i bimboXXXXXXX come teSono troppo bravi per me, preferisco un forum dove trovo tanti falliti da educare cosi' posso fare qualcosa di buono per l'umanità ...
Chiudi i commenti