Google, dove vuoi andare domani?

Durante una presentazione riservata agli analisti di mercato, il gigante svela un piano per acquisire ed archiviare i dati degli utenti. Qualcuno parla di GDisk, altri della conquista del Pianeta
Durante una presentazione riservata agli analisti di mercato, il gigante svela un piano per acquisire ed archiviare i dati degli utenti. Qualcuno parla di GDisk, altri della conquista del Pianeta


Mountain View (USA) – E’ bastata una presentazione multimediale durante il Google Analyst Day , un evento riservato agli operatori finanziari, per sollevare una bufera di rumors sul futuro del più grande motore di ricerca online. I portavoce del colosso di Mountain View hanno parlato di GDrive , sistemi decentralizzati basati sul modello thin client / thick server e capacità d’archiviazione senza limiti.

Ma cosa bolle davvero nella pentola degli ingegneri di Google ? Per la prima volta, dopo lunghi mesi di smentite, indiscrezioni e voci di corridoio, l’azienda californiana ha dichiarato di avere un progetto per ottenere tutti i dati degli utenti attraverso un servizio di archiviazione online – chiamato GDrive, appunto.

Un sistema che probabilmente assomiglierà all’attuale Gmail Drive , un servizio creato dagli utenti che sfrutta i 2 gigabyte messi a disposizione da Gmail per trasformare la casella di posta elettronica in un’unità disco accessibile tramite connessione di rete. Il Guardian lancia già l’allarme: “Google ha un piano orwelliano per conquistare il mondo”.

Forse no. Le menti geniali che lavorano per l’impero creato da Brin e Page hanno comunque messo nero su bianco un progetto tanto ambizioso quanto potenzialmente rivoluzionario. “In un mondo con capacità d’archiviazione, di calcolo e di connettività infinite”, si legge nel testo della presentazione multimediale, “possiamo creare un archivio di tutti i file possibili: cronologie delle visite, posta elettronica, foto, segnalibri web etc”.

L’obiettivo è perciò quello di “rendere accessibili tutti questi dati”, continuano i portavoce, “da qualsiasi parte del pianeta, senza limiti di spazio”. Fantascienza? Nel 2004, quando 1 gigabyte di spazio gratuito sembrava fantascientifico, Google rivoluzionò per sempre i servizi di posta elettronica svelando Gmail. L’ accesso universale ai dati personali potrebbe presto essere realtà – una realtà particolarmente allettante, facilmente monetizzabile e capace di stravolgere il mondo dell’informatica.

Unico neo di questo masterplan : la privacy . Google sta facendo del suo meglio per trasmettere un messaggio ben preciso: “I dati conservati sui nostri server sono più sicuri che a casa tua”. Sarà del tutto vero? Nel frattempo, non resta che aspettare con trepidazione tutti gli sviluppi di “questo progetto”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 03 2006
Link copiato negli appunti