Google e AdMob, è ufficiale

Concluso definitivamente l'accordo: gli uomini della piattaforma di advertising mobile si possono unire alla scuderia di Mountain View

Roma – Ufficializzato l’acquisto di AdMob da parte di Google: con l’ approvazione della FTC la scorsa settimana mancava solo l’annuncio nero su bianco per concludere definitivamente l’affare.

Il via libera della Commissione antitrust statunitense, preoccupata per le conseguenze della fusione sul settore dell’advertising mobile, ha fatto attendere le parti sei mesi prima di dire il fatidico sì e sbloccare l’operazione da 750 milioni di dollari.

In questo tempo Apple ha acquisito Quattro e formato la sua piattaforma iAd: proprio l’iniziativa di Cupertino sembra aver dato indirettamente l’ok all’operazione di Mountain View.

Il team di AdMob potrà unirsi ai Googler, andando ad arricchire l’offerta del motore di ricerca per l’advertising sui dispositivi mobile.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Gioventu' ribelle...
    Ebbene si, lo confesso.Da quando mi sono scaricato Gioventu' ribelle non mangio piu', non dormo piu', non parlo piu' con nessuno...Sto giocando ininterrottamente da piu' di 60 ore e ancora non mi basta.Prima o poi riusciro' ad ammazzare il papa!!!
  • V67 scrive:
    Ma se i genitori facessero i genitori...
    Facile mollare i figli davanti alla console per ore perchè così te li levi dalle palle, ma cosa li hai fatti a fare se poi non li vuoi vicino a te?I genitori di oggi sono veramente ridicoli, io ho due figli, anche se possegono una nota marca di console, due computer e diversi altri gadget, se gli dico andiamo fuori a fare due tiri, nemmeno salvano il gioco e escono a tutta birra, giocano poco alle console perchè sanno giocare in mille modi differenti, questo glielo ho insegnato partecipando ai giochi con loro e facendoli socializzare con altri bambini "parchi giochi ed ecc.", se invece regali a tuo figlio una console e lo chiudi in una stanza per sei ore, allora se poi ti esce di caveza non puoi dare la colpa ai videogiochi, sarebbe uscito di testa anche se gli avessi dato una bibbia, anzi in più gli si sarebbero aggiunte 2 o 3 paranoie, un paio di tabu e qualche senso di colpevolezza ingiustificata, detto ciò io inviterei i genitori a fare ciò che devono, vegliare, consigliare, aiutare e giocare con i propri figli, anche con le console, ma essere cmq sempre presenti, sopra ogni cosa spiegare ai propri figli le cose come sono e non in modalità fiaba, devono passare un'infanzia vera non virtuale.
    • Luca scrive:
      Re: Ma se i genitori facessero i genitori...
      Il mondo non è un posto per i bambini, e forse nemmeno per gli adulti.
    • Luca scrive:
      Re: Ma se i genitori facessero i genitori...
      E ho conosciuto diverse persone che le cattive esperienze le hanno fatte soltando nel mitico, fantasmagorico, mondo reale...Finiamola con il racconto da mondo disney del socializzare, gli amici etc...
    • vuoto scrive:
      Re: Ma se i genitori facessero i genitori...
      nella famiglia in cui lui lavora e lei lavora, i figli sono tirati su da scuola e televisione/pc/consolle, quindi prima di dare la colpa ai genitori accertiamoci che contino qualcosa.
  • Tex Murphy scrive:
    Il problema esiste
    Demonizzare i videogiochi non serve (anzi è controproducente, come per la XXXXXgrafia) ma indubbiamente un problema di dipendenza esiste, nel senso che i videogiochi possono creare una sorta di dipendenza e lo dico con cognizione di causa dato che sono un videogiocatore di lungo corso.Il fatto è che la realtà virtuale dei videogames è sempre più immersiva, la grafica 3D è ormai ad un passo dal fotorealismo e adesso con i nuovi schermi 3D la realtà virtuale si fonde ancor meglio con la realtà reale, il futuro probabilmente sarà qualcosa di molto vicino al ponte ologrammi di Star Trek.Tutto molto bello direte voi (e anch'io).....ma anche no.Come tutte le tecnologie che coinvolgono la maggioranza della popolazione, c'è il rovescio della medaglia da non sottovalutare, ripeto......non demonizzare ma neanche sottovalutare.E' un dato di fatto che il mondo che ci circonda (soprattutto in questi ultimi anni) ci piace sempre meno ed è altrettanto vero che le droghe, il sesso, il gioco (nel senso più ampio del termine) stanno assumendo il ruolo di panacea di tutti i mali, una vera e propria fuga dalla realtà collettiva.Inoltre questi vizi che fino a pochi anni fa erano appannaggio quasi esclusivo di una parte ristretta della popolazione (ricchi residenti nelle grandi città), ora sono alla portata di tutti grazie alla globalizzazione e alla conseguente diffusione e riduzione dei costi.Quindi, tornando ai videogiochi, che altro dire.......come al solito spetta ai grandi l'arduo compito di educare i piccoli, salvo il constatare poi che sono proprio i grandi quelli vittime di queste dipendenze.Come diceva un un grande filosofo (credo Nietzsche) ogni uomo ha bisogno dei suoi maestri e chi non ha la fortuna di averli farebbe bene a procurarseli in fretta.
    • ostrega scrive:
      Re: Il problema esiste
      - Scritto da: Tex Murphy
      Demonizzare i videogiochi non serve (anzi è
      controproducente, come per la XXXXXgrafia) ma
      indubbiamente un problema di dipendenza esiste,
      nel senso che i videogiochi possono creare una
      sorta di dipendenza e lo dico con cognizione di
      causa dato che sono un videogiocatore di lungo
      corso.
      Il fatto è che la realtà virtuale dei videogames
      è sempre più immersiva, la grafica 3D è ormai ad
      un passo dal fotorealismo e adesso con i nuovi
      schermi 3D la realtà virtuale si fonde ancor
      meglio con la realtà reale, il futuro
      probabilmente sarà qualcosa di molto vicino al
      ponte ologrammi di Star
      Trek.
      Tutto molto bello direte voi (e anch'io).....ma
      anche
      no.
      Come tutte le tecnologie che coinvolgono la
      maggioranza della popolazione, c'è il rovescio
      della medaglia da non sottovalutare,
      ripeto......non demonizzare ma neanche
      sottovalutare.
      E' un dato di fatto che il mondo che ci circonda
      (soprattutto in questi ultimi anni) ci piace
      sempre meno ed è altrettanto vero che le droghe,
      il sesso, il gioco (nel senso più ampio del
      termine) stanno assumendo il ruolo di panacea di
      tutti i mali, una vera e propria fuga dalla
      realtà
      collettiva.Quoto.
      Inoltre questi vizi che fino a pochi anni fa
      erano appannaggio quasi esclusivo di una parte
      ristretta della popolazione (ricchi residenti
      nelle grandi città), ora sono alla portata di
      tutti grazie alla globalizzazione e alla
      conseguente diffusione e riduzione dei
      costi.
      Quindi, tornando ai videogiochi, che altro
      dire.......come al solito spetta ai grandi
      l'arduo compito di educare i piccoli, salvo il
      constatare poi che sono proprio i grandi quelli
      vittime di queste
      dipendenze.Ed e' qui che deve intervenire lo stato, con una legge apposita che renda illegale la droga in questione, onde evitare il propagarsi del fenomeno.
      Come diceva un un grande filosofo (credo
      Nietzsche) ogni uomo ha bisogno dei suoi maestri
      e chi non ha la fortuna di averli farebbe bene a
      procurarseli in
      fretta.
      • krane scrive:
        Re: Il problema esiste
        - Scritto da: ostrega
        - Scritto da: Tex Murphy
        Ed e' qui che deve intervenire lo stato, con una
        legge apposita che renda illegale la droga in
        questione, onde evitare il propagarsi del
        fenomeno.Rendiamo illegale windows, il peggior spacciatore di videogiochi !Linux viene per salvarci dalla DDDDrroooggaaaaaAAAA !!!!
      • Tex Murphy scrive:
        Re: Il problema esiste

        Ed e' qui che deve intervenire lo stato, con una
        legge apposita che renda illegale la droga in
        questione, onde evitare il propagarsi del
        fenomeno.
        Sono in totale disaccordo......anzi, liberalizzerei anche le droghe (quelle vere).Ogni forma di proibizionismo è controproducente, oltre che illeberale.Non voglio parlare di "morale" perchè è una parola di cui oggi si abusa troppo ma sicuramente l'uomo di oggi ha bisogno di una nuova etica, una nuova educazione.....nuovi maestri e non sto parlando dei maestri di scuola e neanche dello Stato.Anzio direi che lo Stato, come le religioni, sono i demoni da battere.
      • Tex Murphy scrive:
        Re: Il problema esiste

        Ed e' qui che deve intervenire lo stato, con una
        legge apposita che renda illegale la droga in
        questione, onde evitare il propagarsi del
        fenomeno.
        Assolutamente no.Ogni forma di proibizionismo è controproducente.La mia risposta precedente non è stata pubblicata, perchè facevo delle considerazioni sullo Stato e sulle religioni (assolutamente non offensive) che evidentemente sono state giudicate "pericolose" mah.....sui forum (di tutti i generi) si legge moooolto di peggio, no comment.Sostanzialmente credo che lo Stato meno interviene e meglio è (in ogni ambito), gli uomini hanno solo bisogno di nuovi maestri o più semplicemente di ritrovare quelli vecchi.
  • angros scrive:
    Stupidario sui videogiochi
    Ecco alcune frasi, dette da chi si oppone ai videogiochi: ...Gli fps in primis contribuiscono ad imbottire le menti dei giovani di sangue e violenza.......E' logico pensare che se rimbambisci un giovane con videogiochi violenti, prima o poi diventera' un pluri omicida......Non potra'. Qualche piccolo sacrificio, a favore della stabilita' sociale......decisamente, la gnocca dovrebbe essere un diritto di chiunque......di violenze gratuite su rappresentazioni di esseri viventi. illegale...... ritengo che ogni essere umano maggiorenne possa scegliere se donare piacere ad un altro essere umano in cambio di denaro.... Dovremmo dare ascolto a persone così?
    • ostrega scrive:
      Re: Stupidario sui videogiochi
      - Scritto da: angros
      Ecco alcune frasi, dette da chi si oppone ai
      videogiochi:

      ...Gli fps in primis contribuiscono ad
      imbottire le menti dei giovani di sangue e
      violenza....

      ...E' logico pensare che se rimbambisci un
      giovane con videogiochi violenti, prima o poi
      diventera' un pluri
      omicida...

      ...Non potra'. Qualche piccolo sacrificio, a
      favore della stabilita'
      sociale...

      ...decisamente, la gnocca dovrebbe essere un
      diritto di
      chiunque...

      ...di violenze gratuite su rappresentazioni di
      esseri viventi.
      illegale...

      ... ritengo che ogni essere umano maggiorenne
      possa scegliere se donare piacere ad un altro
      essere umano in cambio di
      denaro.... QUOTONE!
    • p4bl0 scrive:
      Re: Stupidario sui videogiochi
      - Scritto da: angros

      Dovremmo dare ascolto a persone così?beh se non altro si può essere d'accordo su
      ...decisamente, la gnocca dovrebbe essere un
      diritto di
      chiunque...
    • Luca scrive:
      Re: Stupidario sui videogiochi
      «Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»Albert EinsteinEliminiamo le emozioni, la capacità di intendere e di volere... sai che bella società che riga sempre dritto!...
  • ostrega scrive:
    Roma brucia.
    le fiamme saranno virtuali, ma fanno danni reali. I videogiochi vanno proibiti, altrimenti che razza di societa' formeranno i nostri figli e i nostri nipoti?
    • Sgabbio scrive:
      Re: Roma brucia.
      ironico vero ?
      • ostrega scrive:
        Re: Roma brucia.
        - Scritto da: Sgabbio
        ironico vero ?Londra e' la roma dei videogiocatori.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Roma brucia.
          no... non lo sei.... mamma mia! Mi domando se lo fai apposta oppure sei convinto di quello che dici.Prima dici che bisogna tassare una intera tipologia di software senza se e senza mai.Poi vuoi che vietano i toto i XXXXX per evitare che arrivino i maniacied infine vogliamo vietare i videogiochi per 4 luoghi comuni che vanno avanti dagli anni 90/80 ? Ma perfavore, non spariamo allarmismi. Fin ora non c'è stata una megasupernuclerarterroristicapedofila strage fatta da uno che giocava ad un videogioco.....
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.
            Sarà un membro del moige? O un videotecaro?
          • Africano scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros
            Sarà un membro del moige? O un videotecaro?Solo un sedicente cristiano pena capitalista.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            no... non lo sei.... mamma mia! Mi domando se lo
            fai apposta oppure sei convinto di quello che
            dici.

            Prima dici che bisogna tassare una intera
            tipologia di software senza se e senza
            mai.
            Poi vuoi che vietano i toto i XXXXX per evitare
            che arrivino i
            maniaci
            ed infine vogliamo vietare i videogiochi per 4
            luoghi comuni che vanno avanti dagli anni 90/80 ?

            Ma perfavore, non spariamo allarmismi. Fin ora
            non c'è stata una
            megasupernuclerarterroristicapedofila strage
            fatta da uno che giocava ad un
            videogioco.....Non tutti i videogiochi. Solo quelli in cui vi e' la possibilita' di uccidere un altro essere vivente. Gli fps in primis contribuiscono ad imbottire le menti dei giovani di sangue e violenza.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            Non tutti i videogiochi. Solo quelli in cui vi e'
            la possibilita' di uccidere un altro essere
            vivente.E allora mettiamo gli zombie come nemici (non sono viventi, sono già morti). Avevano fatto una cosa del genere per Carmageddon.Comunque, tu che giochi salveresti, quindi? Praticamente solo i racing... sai che palle!
            Gli fps in primis contribuiscono ad
            imbottire le menti dei giovani di sangue e
            violenza.Fonti? O te lo sei sognato?
          • lordream scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            Non tutti i videogiochi. Solo quelli in cui vi
            e'

            la possibilita' di uccidere un altro essere

            vivente.

            E allora mettiamo gli zombie come nemici (non
            sono viventi, sono già morti). Avevano fatto una
            cosa del genere per
            Carmageddon.

            Comunque, tu che giochi salveresti, quindi?
            Praticamente solo i racing... sai che
            palle!


            Gli fps in primis contribuiscono ad

            imbottire le menti dei giovani di sangue e

            violenza.

            Fonti? O te lo sei sognato?addestrano i nostri figli per quando arriveranno gli zombies alieni mutanti mannari
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            Ovviamente sono anche ninja!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            Non tutti i videogiochi. Solo quelli in cui vi
            e'

            la possibilita' di uccidere un altro essere

            vivente.

            E allora mettiamo gli zombie come nemici (non
            sono viventi, sono già morti). Avevano fatto una
            cosa del genere per
            Carmageddon.No. Tutto cio' che e' vivo si muove, percio' gli zombies sono anch'essi vivi.
            Comunque, tu che giochi salveresti, quindi?
            Praticamente solo i racing... sai che
            palle!Si, quelli aiutano la prontezza dei riflessi.

            Gli fps in primis contribuiscono ad

            imbottire le menti dei giovani di sangue e

            violenza.

            Fonti? O te lo sei sognato?Non servono fonti alla ragione.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            No. Tutto cio' che e' vivo si muove, percio' gli
            zombies sono anch'essi
            vivi.Quindi un'automobile è viva, perchè si muove? Un robot, è vivo, perchè si muove? Un piattello è vivo, perchè si muove? Ma fammi il piacere!


            Comunque, tu che giochi salveresti, quindi?

            Praticamente solo i racing... sai che

            palle!

            Si, quelli aiutano la prontezza dei riflessi.Cioè, solo racing? E chi li detesta, e vuole gioare a qualcos'altro?



            Fonti? O te lo sei sognato?

            Non servono fonti alla ragione.Nemmeno alla follia
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            No. Tutto cio' che e' vivo si muove, percio' gli

            zombies sono anch'essi

            vivi.

            Quindi un'automobile è viva, perchè si muove? Un
            robot, è vivo, perchè si muove? Un piattello è
            vivo, perchè si muove?


            Ma fammi il piacere!Ok, tutto cio' che si muove e rappresenta qualcosa composto da materiale organico.




            Comunque, tu che giochi salveresti, quindi?


            Praticamente solo i racing... sai che


            palle!



            Si, quelli aiutano la prontezza dei riflessi.

            Cioè, solo racing? E chi li detesta, e vuole
            gioare a
            qualcos'altro?Non potra'. Qualche piccolo sacrificio, a favore della stabilita' sociale







            Fonti? O te lo sei sognato?



            Non servono fonti alla ragione.

            Nemmeno alla folliacorretto.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega

            Ok, tutto cio' che si muove e rappresenta
            qualcosa composto da materiale
            organico.Ma gli zombie sono Morti.... Non so se li conosci :D

            Non potra'. Qualche piccolo sacrificio, a favore
            della stabilita'
            socialeCome diceva colui che scopri l'elettricità, chi rinuncia alla propria libertà per un miraggio di sicurezza non merita ne uno ne l'altra...Non è mai stato provato che uno quando gioco tipo ad un FPS, dopo 5 minuti prende un intero arsenale e fa una strage.E' chiaro che stai trollando alla grande.











            Fonti? O te lo sei sognato?





            Non servono fonti alla ragione.



            Nemmeno alla follia

            corretto.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            Ok, tutto cio' che si muove e rappresenta
            qualcosa composto da materiale
            organico.E se non si muove? Un gioco il cui scopo è torturare un prigioniero incatenato (che quindi non si muove)?







            Comunque, tu che giochi salveresti, quindi?



            Praticamente solo i racing... sai che



            palle!





            Si, quelli aiutano la prontezza dei riflessi.



            Cioè, solo racing? E chi li detesta, e vuole

            gioare a

            qualcos'altro?

            Non potra'. Qualche piccolo sacrificio, a favore
            della stabilita'
            socialeE tu la chiami stabilità sociale? A quel punto, infrazione per infrazione, invece di farlo sul computer lo farà per davvero.












            Fonti? O te lo sei sognato?





            Non servono fonti alla ragione.



            Nemmeno alla follia

            corretto.Quindi ammetti che il tuo discorso è follia?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros
            E se non si muove? Un gioco il cui scopo è
            torturare un prigioniero incatenato (che quindi
            non si
            muove)?ma si agita, o comunque ha delle reazioni alle torture subite. illegale.
            E tu la chiami stabilità sociale? A quel punto,
            infrazione per infrazione, invece di farlo sul
            computer lo farà per
            davvero.come con qualsiasi legge, la proibizione inibisce la massa.


















            Fonti? O te lo sei sognato?







            Non servono fonti alla ragione.





            Nemmeno alla follia



            corretto.

            Quindi ammetti che il tuo discorso è follia?mi riferivo solo alla logica della tua risposta.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega

            ma si agita, o comunque ha delle reazioni alle
            torture subite.
            illegale.In italia non c'è il reato di tortura!Comunque si tratterebbe di finzione...vietiamo anche i film ?
            come con qualsiasi legge, la proibizione inibisce
            la
            massa.Ceeeerto! Infatti basti vedere il p2p coperto da copyright come è stato inibito :D
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega




            ma si agita, o comunque ha delle reazioni alle

            torture subite.

            illegale.

            In italia non c'è il reato di tortura!
            Comunque si tratterebbe di finzione...vietiamo
            anche i film
            ?solo quelli XXXXX.


            come con qualsiasi legge, la proibizione
            inibisce

            la

            massa.

            Ceeeerto! Infatti basti vedere il p2p coperto da
            copyright come è stato inibito
            :Dburocrazia lenta. ma come ho detto andrebbe tassato.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            - Scritto da: Sgabbio

            - Scritto da: ostrega







            ma si agita, o comunque ha delle reazioni alle


            torture subite.


            illegale.



            In italia non c'è il reato di tortura!

            Comunque si tratterebbe di finzione...vietiamo

            anche i film

            ?

            solo quelli XXXXX.Ok: allora autorizziamo i film violenti, ma non i XXXXX, e i giochi XXXXX, ma non quelli violenti.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            Noo non nominare i giochi XXXXX che poi peggiora la sua situazione :D
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros
            - Scritto da: ostrega

            - Scritto da: Sgabbio


            - Scritto da: ostrega










            ma si agita, o comunque ha delle reazioni
            alle



            torture subite.



            illegale.





            In italia non c'è il reato di tortura!


            Comunque si tratterebbe di finzione...vietiamo


            anche i film


            ?



            solo quelli XXXXX.


            Ok: allora autorizziamo i film violenti, ma non i
            XXXXX, e i giochi XXXXX, ma non quelli
            violenti.i film non offrono un grado di interazione paragonabile a quello dei videogiochi, perciò non risultano dannosi. con la stessa logica non ti concedo i giochi XXXXX.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            i film non offrono un grado di interazione
            paragonabile a quello dei videogiochi, perciò non
            risultano dannosi. con la stessa logica non ti
            concedo i giochi
            XXXXX.La solita arrampicata degli specchi dei proibizionisti....
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            La solita arrampicata degli specchi dei
            proibizionisti....Dobbiamo incoraggiarlo: più si arrampica in alto, più male si farà cadendo. Così forse impara la lezione.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            i film non offrono un grado di interazione
            paragonabile a quello dei videogiochi, perciò non
            risultano dannosi. con la stessa logica non ti
            concedo i giochi
            XXXXX.Quindi, chi vorrebbe un XXXXX ma non può averlo, che deve fare? Andare a prostitute? Legalizziamo la prostituzione? Ti sembra un passo avanti?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            i film non offrono un grado di interazione

            paragonabile a quello dei videogiochi, perciò
            non

            risultano dannosi. con la stessa logica non ti

            concedo i giochi

            XXXXX.

            Quindi, chi vorrebbe un XXXXX ma non può averlo,
            che deve fare? Andare a prostitute? Legalizziamo
            la prostituzione? Ti sembra un passo
            avanti?decisamente, la gnocca dovrebbe essere un diritto di chiunque, senza considerare i vantaggi in termini di controlli igienici, tassazioni e perciò profitto statale, e sottrazione alla criminalità organizzata. ma è un altro discorso.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            decisamente, la gnocca dovrebbe essere un diritto
            di chiunque, senza considerare i vantaggi in
            termini di controlli igienici, tassazioni e
            perciò profitto statale, e sottrazione alla
            criminalità organizzata. ma è un altro
            discorso.Via il XXXXX, e riapriamo i XXXXXXXX? Niente simulazioni (che non fanno male a nessuno), ma sei d'accordo a sfruttare esseri umani per davvero?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            decisamente, la gnocca dovrebbe essere un
            diritto

            di chiunque, senza considerare i vantaggi in

            termini di controlli igienici, tassazioni e

            perciò profitto statale, e sottrazione alla

            criminalità organizzata. ma è un altro

            discorso.

            Via il XXXXX, e riapriamo i XXXXXXXX? Niente
            simulazioni (che non fanno male a nessuno), ma
            sei d'accordo a sfruttare esseri umani per
            davvero?ritengo che ogni essere umano maggiorenne possa scegliere se donare piacere ad un altro essere umano in cambio di denaro.come ho detto in altri 3d, simulare, nel caso del sesso, porta a frustrazioni che vanno in qualche modo sfogate nella vita reale.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            come ho detto in altri 3d, simulare, nel caso del
            sesso, porta a frustrazioni che vanno in qualche
            modo sfogate nella vita
            reale.Simulare porta a frustrazioni, negare no?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            come ho detto in altri 3d, simulare, nel caso
            del

            sesso, porta a frustrazioni che vanno in qualche

            modo sfogate nella vita

            reale.

            Simulare porta a frustrazioni, negare no?sono due cose differenti, nel primo caso è l'incompletezza dell'atto a portare frustrazione, mentre nel secondo, beh la fiducia nei confronti del governo dovrebbe inibire qualsiasi frustrazione.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            mentre nel secondo, beh la fiducia nei confronti
            del governo dovrebbe inibire qualsiasi
            frustrazione.EHHHH???? Che stai dicendo?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            mentre nel secondo, beh la fiducia nei confronti

            del governo dovrebbe inibire qualsiasi

            frustrazione.

            EHHHH????
            Che stai dicendo?intendevo nel caso in cui la proibizione fosse legge.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            intendevo nel caso in cui la proibizione fosse
            legge.Allora dilla giusta: la frustrazione dovrebbe inibire qualsiasi fiducia nei confronti del governo.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            intendevo nel caso in cui la proibizione fosse

            legge.

            Allora dilla giusta: la frustrazione dovrebbe
            inibire qualsiasi fiducia nei confronti del
            governo.Se il tuo pundo di vista e' differente da quello del governo....
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega

            solo quelli XXXXX.Ritorniamo al solito discorso ?

            burocrazia lenta. ma come ho detto andrebbe
            tassato.Ritorniamo al solito discorso ?
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            - Scritto da: angros

            E se non si muove? Un gioco il cui scopo è

            torturare un prigioniero incatenato (che quindi

            non si

            muove)?

            ma si agita, o comunque ha delle reazioni alle
            torture subite.
            illegale.E se il gioco consiste nello squartare un maiale? O nello sparare ad animali?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros
            - Scritto da: ostrega

            - Scritto da: angros


            E se non si muove? Un gioco il cui scopo è


            torturare un prigioniero incatenato (che
            quindi


            non si


            muove)?



            ma si agita, o comunque ha delle reazioni alle

            torture subite.

            illegale.

            E se il gioco consiste nello squartare un maiale?
            O nello sparare ad
            animali?come ho già detto, si tratta di violenze gratuite su rappresentazioni di esseri viventi. illegale.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            come ho già detto, si tratta di violenze gratuite
            su rappresentazioni di esseri viventi.
            illegale.Si tratta di F-I-N-Z-I-O-N-E.SVEGLIA.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.


            E se il gioco consiste nello squartare un
            maiale?

            O nello sparare ad

            animali?

            come ho già detto, si tratta di violenze gratuite
            su rappresentazioni di esseri viventi.
            illegale.Invece la caccia è legale. Così, invece di sparare in un videogioco, colpendo dei pixel, vorrà dire che andrò a caccia, uccidendo per davvero.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros


            E se il gioco consiste nello squartare un

            maiale?


            O nello sparare ad


            animali?



            come ho già detto, si tratta di violenze
            gratuite

            su rappresentazioni di esseri viventi.

            illegale.

            Invece la caccia è legale. Così, invece di
            sparare in un videogioco, colpendo dei pixel,
            vorrà dire che andrò a caccia, uccidendo per
            davvero.no, perchè il tuo cervello non sarà stato stimolato con le sensazioni che comporta una simulazione di caccia, perciò non sentirai il bisogno di verificare se tali sensazioni siano le stesse anche in un contesto reale. ovviamente ciò non vale per tutti, ma inibire il cancro sul nascere può salvare l'intero organismo sociale.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            no, perchè il tuo cervello non sarà stato
            stimolato con le sensazioni che comporta una
            simulazione di caccia, perciò non sentirai il
            bisogno di verificare se tali sensazioni siano le
            stesse anche in un contesto reale.Che simulazione? Parto subito con l'esperienza reale! E lo faccio proprio perchè non posso usare la simulazione, e sono comunque curioso di sapere com'è.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            no, perchè il tuo cervello non sarà stato

            stimolato con le sensazioni che comporta una

            simulazione di caccia, perciò non sentirai il

            bisogno di verificare se tali sensazioni siano
            le

            stesse anche in un contesto reale.

            Che simulazione? Parto subito con l'esperienza
            reale! E lo faccio proprio perchè non posso usare
            la simulazione, e sono comunque curioso di sapere
            com'è.purchè tu lo faccia ai fini di sopravvivenza, non ho mai detto di essere favorevole alla caccia "sportiva".
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            purchè tu lo faccia ai fini di sopravvivenza, non
            ho mai detto di essere favorevole alla caccia
            "sportiva".E se lo faccio per divertimento? Solo per il gusto di avere dei bersagli che si muovono, e tentano di scappare. Magari mi sarei accontentato di un videogioco, ma visto che me l'hai proibito, vado a caccia (visto che a quella sei favorevole). Le lepri ringraziano.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            purchè tu lo faccia ai fini di sopravvivenza,
            non

            ho mai detto di essere favorevole alla caccia

            "sportiva".

            E se lo faccio per divertimento? Solo per il
            gusto di avere dei bersagli che si muovono, e
            tentano di scappare. Magari mi sarei accontentato
            di un videogioco, ma visto che me l'hai proibito,
            vado a caccia (visto che a quella sei
            favorevole). Le lepri
            ringraziano.l'importante è che poi te le mangi tutte.
          • Luca scrive:
            Re: Roma brucia.
            Così disse hannibal lecter xD
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            No. Tutto cio' che e' vivo si muove, percio' gli
            zombies sono anch'essi
            vivi.Sono "non morti" o meglio morti che camminano, visto che sono sempre putrescenti, stando alla versione cinematografica di quest'ultimi.

            Si, quelli aiutano la prontezza dei riflessi.Eh, ma sono diseducativi perchè t'inXXXXno ad infrangere il CODICE DELLA STRADA!!!1111

            Non servono fonti alla ragione.Ragione ? MA VA LA! Ma quale ragione! Nessuno ha mai fatto una strage dopo aver giocare a Call of Duty....
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega


            No. Tutto cio' che e' vivo si muove, percio' gli

            zombies sono anch'essi

            vivi.

            Sono "non morti" o meglio morti che camminano,
            visto che sono sempre putrescenti, stando alla
            versione cinematografica di
            quest'ultimi.
            sono qualcosa di organico che assomiglia ad un essere umano, e dalla distanza nemmeno si nota la differenza.



            Si, quelli aiutano la prontezza dei riflessi.

            Eh, ma sono diseducativi perchè t'inXXXXno ad
            infrangere il CODICE DELLA
            STRADA!!!1111ovviamente intendevo solo ed esclusivamente le simulazioni su pista.




            Non servono fonti alla ragione.

            Ragione ? MA VA LA! Ma quale ragione! Nessuno ha
            mai fatto una strage dopo aver giocare a Call of
            Duty....No, ma forse ha cambiato la propria visione nonche' opinione nei confronti della guerra. Ci sono vari aspetti da anlizzare..
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            sono qualcosa di organico che assomiglia ad un
            essere umano, e dalla distanza nemmeno si nota la
            differenza.Ok, allora nel titolo del gioco dico che sono androidi: identici agli esseri umani, ma non sono organici (anche se non si nota la differenza)E magari contengono un paricolare tipo di olio lubrificante, di colore rosso, che schizza fuori quando vengono colpiti.Come la mettiamo?






            Si, quelli aiutano la prontezza dei riflessi.



            Eh, ma sono diseducativi perchè t'inXXXXno ad

            infrangere il CODICE DELLA

            STRADA!!!1111

            ovviamente intendevo solo ed esclusivamente le
            simulazioni su
            pista.In cui puoi causare spaventosi incidenti.








            Non servono fonti alla ragione.



            Ragione ? MA VA LA! Ma quale ragione! Nessuno
            ha

            mai fatto una strage dopo aver giocare a Call of

            Duty....

            No, ma forse ha cambiato la propria visione
            nonche' opinione nei confronti della guerra. Ci
            sono vari aspetti da
            anlizzare.."Forse"... che argomentazione!
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            sono qualcosa di organico che assomiglia ad un

            essere umano, e dalla distanza nemmeno si nota
            la

            differenza.


            Ok, allora nel titolo del gioco dico che sono
            androidi: identici agli esseri umani, ma non sono
            organici (anche se non si nota la
            differenza)

            E magari contengono un paricolare tipo di olio
            lubrificante, di colore rosso, che schizza fuori
            quando vengono
            colpiti.

            Come la mettiamo?la mettiamo che lo rendiamo illegale, per le stesse motivazioni da me citate.

            ovviamente intendevo solo ed esclusivamente le

            simulazioni su

            pista.

            In cui puoi causare spaventosi incidenti.incidenti che in pista sono legali ed accettati come un rischio che fa parte dell'evento.












            Non servono fonti alla ragione.





            Ragione ? MA VA LA! Ma quale ragione! Nessuno

            ha


            mai fatto una strage dopo aver giocare a Call
            of


            Duty....



            No, ma forse ha cambiato la propria visione

            nonche' opinione nei confronti della guerra. Ci

            sono vari aspetti da

            anlizzare..

            "Forse"... che argomentazione!le mie argomentazioni le ho già esposte, mi auguro solo che le autorità competenti ne facciano tesoro.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.


            Come la mettiamo?

            la mettiamo che lo rendiamo illegale, per le
            stesse motivazioni da me
            citate.Quali motivazioni? Non sono vivi.


            ovviamente intendevo solo ed esclusivamente le


            simulazioni su


            pista.



            In cui puoi causare spaventosi incidenti.

            incidenti che in pista sono legali ed accettati
            come un rischio che fa parte
            dell'evento.Anche in guerra la violenza è accettata, come un rischio che fa parte dell'evento
            le mie argomentazioni le ho già esposte, mi
            auguro solo che le autorità competenti ne
            facciano
            tesoro.Ne faranno tesoro eccome: saranno presentate come prove, per la richiesta di TSO.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            sono qualcosa di organico che assomiglia ad un
            essere umano, e dalla distanza nemmeno si nota la
            differenza.Non hai mai giocato a Resident Evil :D
            ovviamente intendevo solo ed esclusivamente le
            simulazioni su
            pista.Ma istigano comunque ad andare veloci, quindi uno può emulare le gesta del pilota virtuale appena usa la macchina!!1111

            No, ma forse ha cambiato la propria visione
            nonche' opinione nei confronti della guerra. Ci
            sono vari aspetti da
            anlizzare..Stai sviando.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega


            sono qualcosa di organico che assomiglia ad un

            essere umano, e dalla distanza nemmeno si nota
            la

            differenza.

            Non hai mai giocato a Resident Evil :D



            ovviamente intendevo solo ed esclusivamente le

            simulazioni su

            pista.

            Ma istigano comunque ad andare veloci, quindi uno
            può emulare le gesta del pilota virtuale appena
            usa la
            macchina!!1111no, in quanto una strada ad uso comune non assomiglia ad una pista.




            No, ma forse ha cambiato la propria visione

            nonche' opinione nei confronti della guerra. Ci

            sono vari aspetti da

            anlizzare..

            Stai sviando.no affatto, è solo un altro aspetto. un giovane imbottito di fps di guerra, forse avrà meno difficoltà ad arruolarsi nell'esercito, con lo scopo di sfogare ciò che i videogiochi gli hanno insegnato.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega

            no, in quanto una strada ad uso comune non
            assomiglia ad una
            pista.Considerando il livello di "realismo" e "d'immedesimazione" dei giochi odierni, il videogiocatore moderno che secondo te non è ingrado di distinguere la finzione dalla realtà, penserà di stare in una pista e quindi andrà come un pazzo in macchina creando mega tamponamenti.

            no affatto, è solo un altro aspetto. un giovane
            imbottito di fps di guerra, forse avrà meno
            difficoltà ad arruolarsi nell'esercito, con lo
            scopo di sfogare ciò che i videogiochi gli hanno
            insegnato.No stai sviando per cercare di attirare l'attenzione su altro.Basta con ste leggende metropolitane che giochi come cull of dudy servono a far arruolare la gente nell'esercito :D
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega




            no, in quanto una strada ad uso comune non

            assomiglia ad una

            pista.

            Considerando il livello di "realismo" e
            "d'immedesimazione" dei giochi odierni, il
            videogiocatore moderno che secondo te non è
            ingrado di distinguere la finzione dalla realtà,
            penserà di stare in una pista e quindi andrà come
            un pazzo in macchina creando mega
            tamponamenti.no, ripeto che non vi è legame visivo tra una pista ed una strada, avresti potuto tirare in ballo monte carlo, ma avrei risposto che quella non andrebbe rappresentata in un videogioco, proprio per via del legame visivo con le strade di tutti i giorni.




            no affatto, è solo un altro aspetto. un giovane

            imbottito di fps di guerra, forse avrà meno

            difficoltà ad arruolarsi nell'esercito, con lo

            scopo di sfogare ciò che i videogiochi gli hanno

            insegnato.

            No stai sviando per cercare di attirare
            l'attenzione su
            altro.
            Basta con ste leggende metropolitane che giochi
            come cull of dudy servono a far arruolare la
            gente nell'esercito
            :Dè un aspetto interessante invece, che non puoi negare a priori. se consideri che alcuni videogiochi di guerra vengono sfruttati proprio dall'esercito per simulare certe situazioni, ecco che la mia tesi viene confermata, sottolineando come questi dovrebbero essere ad uso esclusivo dei professionisti del settore, ovvero i militari.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega

            no, ripeto che non vi è legame visivo tra una
            pista ed una strada, avresti potuto tirare in
            ballo monte carlo, ma avrei risposto che quella
            non andrebbe rappresentata in un videogioco,
            proprio per via del legame visivo con le strade
            di tutti i
            giorni.Sto semplicemente ritorcendoti contro i tuoi esempi.





            no affatto, è solo un altro aspetto. un

            è un aspetto interessante invece, che non puoi
            negare a priori. se consideri che alcuni
            videogiochi di guerra vengono sfruttati proprio
            dall'esercito per simulare certe situazioni, ecco
            che la mia tesi viene confermata, sottolineando
            come questi dovrebbero essere ad uso esclusivo
            dei professionisti del settore, ovvero i
            militari.HAHAHAHA, scusami ma sei veramente forte :DQuindi un call of duty venduto solo all'esercito ? MA VAI LA! Loro utilizzano del software fato ad hoc per fare le simulazioni, di certo non si limitano ad usare un videogioco commerciale......ma perfavore, questo è ridicolo.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega




            no, ripeto che non vi è legame visivo tra una

            pista ed una strada, avresti potuto tirare in

            ballo monte carlo, ma avrei risposto che quella

            non andrebbe rappresentata in un videogioco,

            proprio per via del legame visivo con le strade

            di tutti i

            giorni.

            Sto semplicemente ritorcendoti contro i tuoi
            esempi.mah, a me sembra che la ritorsione l'abbia fatta io..







            no affatto, è solo un altro aspetto. un






            è un aspetto interessante invece, che non puoi

            negare a priori. se consideri che alcuni

            videogiochi di guerra vengono sfruttati proprio

            dall'esercito per simulare certe situazioni,
            ecco

            che la mia tesi viene confermata, sottolineando

            come questi dovrebbero essere ad uso esclusivo

            dei professionisti del settore, ovvero i

            militari.

            HAHAHAHA, scusami ma sei veramente forte :D
            Quindi un call of duty venduto solo all'esercito
            ? MA VAI LA! Loro utilizzano del software fato
            ad hoc per fare le simulazioni, di certo non si
            limitano ad usare un videogioco
            commerciale......

            ma perfavore, questo è ridicolo.che visivamente sono paragonabili agli fps commerciali.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            mah, a me sembra che la ritorsione l'abbia fatta
            io..Ma anche no, visto che la tua versione che un videogioco "violento" possa portate alla emulazione, può essere rapportato da qualsiasi genere. Pensa che la sony prendeva in giro queste tesi con i primi spot della playstation.
            che visivamente sono paragonabili agli fps
            commerciali.Semplicemente pagano per avere dei "mod" ad hoc. Lo fecero ai tempi di Doom.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega


            mah, a me sembra che la ritorsione l'abbia fatta

            io..

            Ma anche no, visto che la tua versione che un
            videogioco "violento" possa portate alla
            emulazione, può essere rapportato da qualsiasi
            genere.No, ci sono giochi che sono piu' immersivi di altri, in cui ci si riesce ad identificare meglio. Gli fps appunto, proprio per via del punto di vista in prima persona con cui si gioca.
            Pensa che la sony prendeva in giro queste tesi
            con i primi spot della
            playstation.






            che visivamente sono paragonabili agli fps

            commerciali.

            Semplicemente pagano per avere dei "mod" ad hoc.
            Lo fecero ai tempi di
            Doom.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Roma brucia.
            contenuto non disponibile
          • Anonimo Svitato scrive:
            Re: Roma brucia.
            Ma cos'hai contro gli FPS, scusa?Hai perso troppe partite a Counterstrike e hai preso in odio il genere?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            Falsissimo, non si è mai visto sta cosa nemmeno con Doom ai tempi....Quindi vediamo pure mario visto che scaccia dei funghi e delle tartarughe ?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            Falsissimo, non si è mai visto sta cosa nemmeno
            con Doom ai
            tempi....

            Quindi vediamo pure mario visto che scaccia dei
            funghi e delle tartarughe
            ?La questione va osservata sotto un punto di vista qualitativo, e' l'elevata qualita' grafica ad immedesimare eccessivamente i giovani. Ecco se perlomeno limitassimo il numero dei poligoni che costituiscono i modelli 3d, diciamo ad un massimo di 100, allora forse anche i giochi violenti potrebbero risultare accettabili perche' con un livello di realismo insufficiente a confondere le idee ai giovani.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            La questione va osservata sotto un punto di vista
            qualitativo, e' l'elevata qualita' grafica ad
            immedesimare eccessivamente i giovani. Ecco se
            perlomeno limitassimo il numero dei poligoni che
            costituiscono i modelli 3d, diciamo ad un massimo
            di 100, allora forse anche i giochi violenti
            potrebbero risultare accettabili perche' con un
            livello di realismo insufficiente a confondere le
            idee ai
            giovani.(rotfl)(rotfl)(rotfl)Azzoppiamo lo sviluppo tecnologico dei motori grafici per salvare i giovani ?Seriamente, stai dicendo della cosa che non stanno ne in cielo ne in terra. Tu pensi seriamente che il giocatore medio sia un XXXXXXXXX che non sa distinguere le situazioni di un videogioco da una vita reale ???Ma dai, stai dicendo cose trite e ritrite smentite da più di 30 anni.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega


            La questione va osservata sotto un punto di
            vista

            qualitativo, e' l'elevata qualita' grafica ad

            immedesimare eccessivamente i giovani. Ecco se

            perlomeno limitassimo il numero dei poligoni che

            costituiscono i modelli 3d, diciamo ad un
            massimo

            di 100, allora forse anche i giochi violenti

            potrebbero risultare accettabili perche' con un

            livello di realismo insufficiente a confondere
            le

            idee ai

            giovani.
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Azzoppiamo lo sviluppo tecnologico dei motori
            grafici per salvare i giovani
            ?
            Seriamente, stai dicendo della cosa che non
            stanno ne in cielo ne in terra. Tu pensi
            seriamente che il giocatore medio sia un
            XXXXXXXXX che non sa distinguere le situazioni di
            un videogioco da una vita reale
            ???
            Ma dai, stai dicendo cose trite e ritrite
            smentite da più di 30
            anni.lo azzoppiamo solo nei giochi violenti, se proprio non vogliamo renderli illegali. e ripeto che il discorso vale solo da qualche anno a questa parte, prima la qualità grafica era insufficiente per poter parlare in questi termini.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            lo azzoppiamo solo nei giochi violenti, se
            proprio non vogliamo renderli illegali. e ripeto
            che il discorso vale solo da qualche anno a
            questa parte, prima la qualità grafica era
            insufficiente per poter parlare in questi
            termini.A dire il vero è dagli anni 80 che si mena il torrone dei giochi violenti deviano i giovani. Mai sentito parlare di Mortal kombat ? Street Fighter 2 e varianti ??? Anche li si lamentavano come dei pazzi scalmanati! In fine come è sucXXXXX, ovviamente, nessuno si è mai ammazzato o ammazzato qualcuno dopo aver giocato......Tu tra l'altro vuoi mettere delle limitazioni tecniche artificiose e assurde su giochi che reputi violenti sopratutto in un era dove le tecnologie videoludiche si evolvono rapitademente...lasciatelo dire, stai sparando molto in alto.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega


            lo azzoppiamo solo nei giochi violenti, se

            proprio non vogliamo renderli illegali. e ripeto

            che il discorso vale solo da qualche anno a

            questa parte, prima la qualità grafica era

            insufficiente per poter parlare in questi

            termini.Ti ripeto che il problema inizia ora. La grafica di quei tempi non era cosi' coinvolgente e fotorealistica da porre la questione.
            A dire il vero è dagli anni 80 che si mena il
            torrone dei giochi violenti deviano i giovani.
            Mai sentito parlare di Mortal kombat ? Street
            Fighter 2 e varianti ??? Anche li si lamentavano
            come dei pazzi scalmanati! In fine come è
            sucXXXXX, ovviamente, nessuno si è mai ammazzato
            o ammazzato qualcuno dopo aver
            giocato......

            Tu tra l'altro vuoi mettere delle limitazioni
            tecniche artificiose e assurde su giochi che
            reputi violenti sopratutto in un era dove le
            tecnologie videoludiche si evolvono
            rapitademente...lasciatelo dire, stai sparando
            molto in
            alto.Limitazioni a fin di bene, ricordalo. Alcuni sacrifici per il bene della societa'.
    • anonym ous scrive:
      Re: Roma brucia.
      buffo, per duemila anni e più ancora di "civiltà" non ci sono stati i videogiochi, ma odio e violenza si...Forse il problema è negli esseri umani, non nei videogiochi.
      • ostrega scrive:
        Re: Roma brucia.
        - Scritto da: anonym ous
        buffo, per duemila anni e più ancora di "civiltà"
        non ci sono stati i videogiochi, ma odio e
        violenza
        si...
        Forse il problema è negli esseri umani, non nei
        videogiochi.Ed e' proprio per questo motivo che dovremmo limitare gli incentivi alla violenza, vietandoli.
        • angros scrive:
          Re: Roma brucia.

          Ed e' proprio per questo motivo che dovremmo
          limitare gli incentivi alla violenza,
          vietandoli.Così, chi non può più spaccare tutto nei videogiochi (perchè glieli hai vietati) lo farà nella realtà.I videogiochi non incoraggiano alla violenza, al contrario forniscono uno sfogo per scaricarla in un mondo virtuale, dove non fa male a nessuno.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            Ed e' proprio per questo motivo che dovremmo

            limitare gli incentivi alla violenza,

            vietandoli.

            Così, chi non può più spaccare tutto nei
            videogiochi (perchè glieli hai vietati) lo farà
            nella
            realtà.In questo caso le mele marce della societa' verrebbero subito identificate e stoccate in appositi centri di raccolta.
            I videogiochi non incoraggiano alla violenza, al
            contrario forniscono uno sfogo per scaricarla in
            un mondo virtuale, dove non fa male a
            nessuno.Errato. Se inventassero delle simulazioni utili alla societa', come simulazioni di raccolta rifiuti differenziata, educazione stradale ad una guida correta, aiutare i diversamente abili a superare gli ostacoli urbani o quant'altro, la violenza nelle strade diminuirebbe drasticamente.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            In questo caso le mele marce della societa'
            verrebbero subito identificate e stoccate in
            appositi centri di
            raccolta.Quindi, una persona che potrebbe avere una vita normalissima, e sfogarsi alla sera con videogiochi violenti (senza mai fare del male a una mosca, in realtà), dovrebbe invece manifestare realmente la sua aggressività, fare del male al prossimo e finire in galera?Mi sa che non sei tanto sano di mente.


            I videogiochi non incoraggiano alla violenza, al

            contrario forniscono uno sfogo per scaricarla in

            un mondo virtuale, dove non fa male a

            nessuno.

            Errato. Se inventassero delle simulazioni utili
            alla societa', come simulazioni di raccolta
            rifiuti differenziata, educazione stradale ad una
            guida correta, aiutare i diversamente abili a
            superare gli ostacoli urbani o quant'altro, la
            violenza nelle strade diminuirebbe
            drasticamente.Ti sfugge un dettaglio: la gente gioca per evadere dalla vita reale, per fare ciò che non potrebbe fare nella realtà, non per dover fare anche nei videogiochi le stesse cose che deve già fare nella realtà (e di cui ha le scatole piene).Anzi, se cerchi di imporre le stesse regole in un gioco, (dove non puoi controllare se vengono rispettate o no), poi non stupirti se la violenza verrà percepita come qualcosa di non più grave rispetto all'uso di un cheat mode.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            In questo caso le mele marce della societa'

            verrebbero subito identificate e stoccate in

            appositi centri di

            raccolta.

            Quindi, una persona che potrebbe avere una vita
            normalissima, e sfogarsi alla sera con
            videogiochi violenti (senza mai fare del male a
            una mosca, in realtà), dovrebbe invece
            manifestare realmente la sua aggressività, fare
            del male al prossimo e finire in
            galera?
            Mi sa che non sei tanto sano di mente.Ammesso e non conXXXXX che qualcuno si possa sfogare con i videogiochi, non vedo perche' per farlo si debbano tirare in ballo altri esseri viventi, normalizzando la violenza nei confronti di essi.




            I videogiochi non incoraggiano alla violenza,
            al


            contrario forniscono uno sfogo per scaricarla
            in


            un mondo virtuale, dove non fa male a


            nessuno.



            Errato. Se inventassero delle simulazioni utili

            alla societa', come simulazioni di raccolta

            rifiuti differenziata, educazione stradale ad
            una

            guida correta, aiutare i diversamente abili a

            superare gli ostacoli urbani o quant'altro, la

            violenza nelle strade diminuirebbe

            drasticamente.

            Ti sfugge un dettaglio: la gente gioca per
            evadere dalla vita reale, per fare ciò che non
            potrebbe fare nella realtà, non per dover fare
            anche nei videogiochi le stesse cose che deve già
            fare nella realtà (e di cui ha le scatole
            piene).

            Anzi, se cerchi di imporre le stesse regole in un
            gioco, (dove non puoi controllare se vengono
            rispettate o no), poi non stupirti se la violenza
            verrà percepita come qualcosa di non più grave
            rispetto all'uso di un cheat
            mode.Basterebbe rendere obbligatorio il collegamento online periodico in modo da verificarne l'uso corretto.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            Ammesso e non conXXXXX che qualcuno si possa
            sfogare con i videogiochi, non vedo perche' per
            farlo si debbano tirare in ballo altri esseri
            viventi, normalizzando la violenza nei confronti
            di
            essi.Cioè, i personaggi di un videogioco sono vivi?

            Basterebbe rendere obbligatorio il collegamento
            online periodico in modo da verificarne l'uso
            corretto.E perchè non una perquisizione in casa, già che ci sei?E poi, se io realizzo un gioco violento, il mio gioco di certo non si collegherà online. Solo quelli "non violenti" lo farebbero. Quindi, tu ricevi il segnale dai giochi "approvati", e credi che vada tutto bene, mentre in realtà l'utente gioca solo ai giochi violenti (che non trasmettono nessun segnale, quindi non li vedi)
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            Ammesso e non conXXXXX che qualcuno si possa

            sfogare con i videogiochi, non vedo perche' per

            farlo si debbano tirare in ballo altri esseri

            viventi, normalizzando la violenza nei confronti

            di

            essi.

            Cioè, i personaggi di un videogioco sono vivi?Rappresentano esseri viventi.



            Basterebbe rendere obbligatorio il collegamento

            online periodico in modo da verificarne l'uso

            corretto.

            E perchè non una perquisizione in casa, già che
            ci
            sei?
            E poi, se io realizzo un gioco violento, il mio
            gioco di certo non si collegherà online. Solo
            quelli "non violenti" lo farebbero. Quindi, tu
            ricevi il segnale dai giochi "approvati", e credi
            che vada tutto bene, mentre in realtà l'utente
            gioca solo ai giochi violenti (che non
            trasmettono nessun segnale, quindi non li
            vedi)no io intendevo di distribuire giochi la cui fruizione sia possibile solo previo controllo online periodico.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            no io intendevo di distribuire giochi la cui
            fruizione sia possibile solo previo controllo
            online
            periodico.Ci hanno già provato con il DRM, e li hanno craccati dopo due giorni.E poi, tu distribuisci pure i tuoi giochi così: io distribuisco il mio (pieno di sangue e massacri) che funziona senza richiedere nessun controllo, e tu come farai a verificare?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            no io intendevo di distribuire giochi la cui

            fruizione sia possibile solo previo controllo

            online

            periodico.

            Ci hanno già provato con il DRM, e li hanno
            craccati dopo due
            giorni.

            E poi, tu distribuisci pure i tuoi giochi così:
            io distribuisco il mio (pieno di sangue e
            massacri) che funziona senza richiedere nessun
            controllo, e tu come farai a
            verificare?Ognuno e' libero di creare un proprio mercato illegale, ma deve essere consapevole che rischia il carcere. O perlomeno il carcere e' la pena che dovrebbero subire i commercianti di giochi del genere.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.


            E poi, tu distribuisci pure i tuoi giochi così:

            io distribuisco il mio (pieno di sangue e

            massacri) che funziona senza richiedere nessun

            controllo, e tu come farai a

            verificare?

            Ognuno e' libero di creare un proprio mercato
            illegale, ma deve essere consapevole che rischia
            il carcere. O perlomeno il carcere e' la pena che
            dovrebbero subire i commercianti di giochi del
            genere.Il carcere per aver distribuito un videogioco? Io la chiamerei "dittatura". Per una cosa del genere, si scatena eccome la violenza. Scoppierebbe una ribellione, come in tutte le dittature.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros


            E poi, tu distribuisci pure i tuoi giochi
            così:


            io distribuisco il mio (pieno di sangue e


            massacri) che funziona senza richiedere nessun


            controllo, e tu come farai a


            verificare?



            Ognuno e' libero di creare un proprio mercato

            illegale, ma deve essere consapevole che rischia

            il carcere. O perlomeno il carcere e' la pena
            che

            dovrebbero subire i commercianti di giochi del

            genere.

            Il carcere per aver distribuito un videogioco? Io
            la chiamerei "dittatura". Per una cosa del
            genere, si scatena eccome la violenza.
            Scoppierebbe una ribellione, come in tutte le
            dittature.che c'entra la dittatura? stiamo parlando di proibire una droga, virtuale si, ma che stimola il cervello analogamente a sostanze chimiche immesse nel proprio organismo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            che c'entra la dittatura? stiamo parlando di
            proibire una droga, virtuale si, ma che stimola
            il cervello analogamente a sostanze chimiche
            immesse nel proprio
            organismo.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Senza offesa, ma veramente dopo questa, cercare di dire qualcosa mi risulta impossibile.....
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega


            che c'entra la dittatura? stiamo parlando di

            proibire una droga, virtuale si, ma che stimola

            il cervello analogamente a sostanze chimiche

            immesse nel proprio

            organismo.

            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Senza offesa, ma veramente dopo questa, cercare
            di dire qualcosa mi risulta
            impossibile.....neghi che i videogiochi possano sortire gli effetti di una droga? ci sono droghe che danno dipendenza solo ad una minoranza, eppure sono illegali, giustamente. allora perchè non rendere illegali anche quei giochi che risultano assuefare maggiormente, seppur una minoranza tra i fruitori?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            neghi che i videogiochi possano sortire gli
            effetti di una droga? ci sono droghe che danno
            dipendenza solo ad una minoranza, eppure sono
            illegali, giustamente. allora perchè non rendere
            illegali anche quei giochi che risultano
            assuefare maggiormente, seppur una minoranza tra
            i
            fruitori?Perchè è una IDIOZIA UNICA che non sa ne in cielo ne in terra è nemmeno nemmeno nel piano sovranaturale ?Il problema di chi "diventa dipendente" (virgolette dovute) sono per ben altri motivi, non certo per i videogiochi.Comunque ripeto, è difficile dire qualcosa da uno che spara idiozie assurde, senza offesa ma sto cercando di essere educato nel risponderti :D(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Luca scrive:
            Re: Roma brucia.
            Secondo questo principio dovresti vietare persino l'amore!, il lavoro!, il jogging e anche l'attività fisica lo sai? Ci sono persone che sono divenute dipendenti delle più svariate attività...Che ridere :D
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            che c'entra la dittatura? stiamo parlando di
            proibire una droga, virtuale si, ma che stimola
            il cervello analogamente a sostanze chimiche
            immesse nel proprio
            organismo.C'entra che tu vuoi stabilire arbitrariamente che i giochi sono una droga e vanno proibiti, senza nemmeno un dato di fatto a riprova di tale idea.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            che c'entra la dittatura? stiamo parlando di

            proibire una droga, virtuale si, ma che stimola

            il cervello analogamente a sostanze chimiche

            immesse nel proprio

            organismo.

            C'entra che tu vuoi stabilire arbitrariamente che
            i giochi sono una droga e vanno proibiti, senza
            nemmeno un dato di fatto a riprova di tale
            idea.abbiamo un articolo sopra la testa a prova di ciò che dico, di una testata giornalistica piuttosto attendibile.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            abbiamo un articolo sopra la testa a prova di ciò
            che dico, di una testata giornalistica piuttosto
            attendibile.Se tu leggessi bene la notizia, scopriresti che tutte queste "prove" vengono puntalmente smentite da altre ricerche...
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega


            abbiamo un articolo sopra la testa a prova di
            ciò

            che dico, di una testata giornalistica piuttosto

            attendibile.

            Se tu leggessi bene la notizia, scopriresti che
            tutte queste "prove" vengono puntalmente smentite
            da altre
            ricerche...Gia', si tratta come sempre di fidarsi di una o dell'altra, ragionando.
          • Luca scrive:
            Re: Roma brucia.
            Studia psicologia per piacere...Qualunque attività piacevole può portare in soggetti predisposti alla dipendenza... e persino il dolore!!!Dimostri semplicemente di essere totalmente ignorante in materia, purtroppo nella società come in tutto, non esistono soluzioni semplici come le tue...
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            abbiamo un articolo sopra la testa a prova di ciò
            che dico, di una testata giornalistica piuttosto
            attendibile.La stessa testata giornalistica che sosteneva anche questo: http://punto-informatico.it/2817493/PI/News/usa-piu-intelligenti-internet.aspx
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            abbiamo un articolo sopra la testa a prova di
            ciò

            che dico, di una testata giornalistica piuttosto

            attendibile.

            La stessa testata giornalistica che sosteneva
            anche questo:
            http://punto-informatico.it/2817493/PI/News/usa-pinon ha nulla a che vedere con la questione in esame.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            Perchè non ti da ragione.
          • lordream scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            - Scritto da: angros


            Ed e' proprio per questo motivo che dovremmo


            limitare gli incentivi alla violenza,


            vietandoli.



            Così, chi non può più spaccare tutto nei

            videogiochi (perchè glieli hai vietati) lo farà

            nella

            realtà.

            In questo caso le mele marce della societa'
            verrebbero subito identificate e stoccate in
            appositi centri di
            raccolta.


            I videogiochi non incoraggiano alla violenza, al

            contrario forniscono uno sfogo per scaricarla in

            un mondo virtuale, dove non fa male a

            nessuno.

            Errato. Se inventassero delle simulazioni utili
            alla societa', come simulazioni di raccolta
            rifiuti differenziata, educazione stradale ad una
            guida correta, aiutare i diversamente abili a
            superare gli ostacoli urbani o quant'altro, la
            violenza nelle strade diminuirebbe
            drasticamente.ti sparerei in un ginocchio
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: lordream
            - Scritto da: ostrega

            - Scritto da: angros



            Ed e' proprio per questo motivo che dovremmo



            limitare gli incentivi alla violenza,



            vietandoli.





            Così, chi non può più spaccare tutto nei


            videogiochi (perchè glieli hai vietati) lo
            farà


            nella


            realtà.



            In questo caso le mele marce della societa'

            verrebbero subito identificate e stoccate in

            appositi centri di

            raccolta.




            I videogiochi non incoraggiano alla violenza,
            al


            contrario forniscono uno sfogo per scaricarla
            in


            un mondo virtuale, dove non fa male a


            nessuno.



            Errato. Se inventassero delle simulazioni utili

            alla societa', come simulazioni di raccolta

            rifiuti differenziata, educazione stradale ad
            una

            guida correta, aiutare i diversamente abili a

            superare gli ostacoli urbani o quant'altro, la

            violenza nelle strade diminuirebbe

            drasticamente.

            ti sparerei in un ginocchiocvd
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.


            ti sparerei in un ginocchio

            cvdAppunto: si è sfogato dicendolo qui, e non ti ha nemmeno toccato.Se fosse stato proibito anche dirlo, violazione per violazione, magari qualcuno l'avrebbe fatto davvero.
          • Wolf01 scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            Errato. Se inventassero delle simulazioni utili
            alla societa', come simulazioni di raccolta
            rifiuti differenziata, educazione stradale ad una
            guida correta, aiutare i diversamente abili a
            superare gli ostacoli urbani o quant'altro, la
            violenza nelle strade diminuirebbe drasticamente.Si, GTA all'inizio era un gioco di guida sicura, poi sappiamo tutti quello che è diventato quando il primo sviluppatore con le balle girate ha ignorato uno stop ed è salito sul marciapiede.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Roma brucia.
          Con quale prove scientifiche ? Non hanno mai trovato un riscontro che la violenza dei videogiochi contribuisca ad atti di violenza vera e propria nella realtà....
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            Con quale prove scientifiche ? Non hanno mai
            trovato un riscontro che la violenza dei
            videogiochi contribuisca ad atti di violenza vera
            e propria nella
            realtà....E' logico pensare che se rimbambisci un giovane con videogiochi violenti, prima o poi diventera' un pluri omicida.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            E' logico pensare che se rimbambisci un giovane
            con videogiochi violenti, prima o poi diventera'
            un pluri
            omicida.È logico per chi? Solo per la tua mente distorta.Ti risulta forse che qualcuno si sia mai messo a lanciare sassi dai cavalcavia per aver visto Wil Coyote?E poi, hai idea delle fiabe che un tempo si raccontavano ai bambini? Se non era un incoraggiamento alla violenza raccontare una fiaba che invita a dar fuoco alle vecchiette....
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            E' logico pensare che se rimbambisci un giovane

            con videogiochi violenti, prima o poi diventera'

            un pluri

            omicida.

            È logico per chi? Solo per la tua mente distorta.

            Ti risulta forse che qualcuno si sia mai messo a
            lanciare sassi dai cavalcavia per aver visto Wil
            Coyote?
            E poi, hai idea delle fiabe che un tempo si
            raccontavano ai bambini? Se non era un
            incoraggiamento alla violenza raccontare una
            fiaba che invita a dar fuoco alle
            vecchiette....Infatti certe fiabe non vengono piu' raccontate, proprio perche' la societa' si e' evoluta e ha compreso che furono concausa di persecuzioni come la caccia alle streghe ed i roghi in piazza di poveri innocenti. La storia insegna, ma ora il pericolo si manifesta sotto innumerevoli aspetti, a causa della maggior complessita' strutturale della societa' moderna. I videogiochi violenti sono uno di questi aspetti, inibiamo il propagarsi di violenza gratuita.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            Infatti certe fiabe non vengono piu' raccontate,
            proprio perche' la societa' si e' evoluta e ha
            compreso che furono concausa di persecuzioni come
            la caccia alle streghe ed i roghi in piazza di
            poveri innocenti.Hansel e Gretel non viene più raccontata? Ti rendi conto di quanto sei ridicolo?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            Infatti certe fiabe non vengono piu' raccontate,

            proprio perche' la societa' si e' evoluta e ha

            compreso che furono concausa di persecuzioni
            come

            la caccia alle streghe ed i roghi in piazza di

            poveri innocenti.

            Hansel e Gretel non viene più raccontata? Ti
            rendi conto di quanto sei
            ridicolo?Considerando che molti bambini iniziano a videogiocare prima ancora di saper leggere, reputo molto piu' pericolosi i videogiochi che fiabe del genere. Non nego che tu abbia sollevato una questione "spinosa", ma non piu' radicata nella cultura odierna quanto i videogiochi.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega

            Considerando che molti bambini iniziano a
            videogiocare prima ancora di saper leggere,
            reputo molto piu' pericolosi i videogiochi che
            fiabe del genere. Non nego che tu abbia sollevato
            una questione "spinosa", ma non piu' radicata
            nella cultura odierna quanto i
            videogiochi.A parte che non è vero che i bambini giocano ai videogiochi prima di andare a scuola... Comunque dai per scontato che un videogioco violento sia indirizzato ai bambini, cosa non assolutamente vera....
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            Considerando che molti bambini iniziano a
            videogiocare prima ancora di saper leggere,Infatti i bambini di solito non leggono le fiabe, le ascoltano.
            reputo molto piu' pericolosi i videogiochi che
            fiabe del genere.Quello che reputi tu non è quello che reputo io.
            Non nego che tu abbia sollevato
            una questione "spinosa", ma non piu' radicata
            nella cultura odierna quanto i
            videogiochi.È stata radicata nella cultura per millenni, vedi un po' tu...
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            Considerando che molti bambini iniziano a

            videogiocare prima ancora di saper leggere,

            Infatti i bambini di solito non leggono le fiabe,
            le
            ascoltano.giusto, un ostacolo che con i videogiochi non hanno, se consideri l'ipotesi che abbiano un fratello maggiore che gli consenta di giocare, ecco che le loro giovani menti iniziano un percorso di violenza e distruzione. in un'età assai determinante al loro sviluppo futuro.


            reputo molto piu' pericolosi i videogiochi che

            fiabe del genere.

            Quello che reputi tu non è quello che reputo io.


            Non nego che tu abbia sollevato

            una questione "spinosa", ma non piu' radicata

            nella cultura odierna quanto i

            videogiochi.

            È stata radicata nella cultura per millenni, vedi
            un po'
            tu...millenni caratterizzati da guerre e soprusi, in cui l'eroe di turno uccideva i suoi antagonisti pur di raggiungere i propri scopi, e non importava se anche coloro che venivano classificati come "i cattivi" avevano una famiglia, l'importante era che l'eroe vincesse e salvasse la sua amata. fortunatamente sono fiabe ormai cadute in disuso, ciò non toglie che ci siano molti altri pericoli da evitare per una corretta evoluzione sociale.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            giusto, un ostacolo che con i videogiochi non
            hanno, se consideri l'ipotesi che abbiano un
            fratello maggiore che gli consenta di giocare,E se hanno un fratello maggiore che gli racconta storie dell'orrore?
            ecco che le loro giovani menti iniziano un
            percorso di violenza e distruzione. in un'età
            assai determinante al loro sviluppo
            futuro.Ti ripeto... qualche prova? Statistiche? Link? O i sei inventato tutto?
            millenni caratterizzati da guerre e soprusi, in
            cui l'eroe di turno uccideva i suoi antagonistiMillenni in cui non esistevano i videogiochi. Quindi, come puoi dare ai videogiochi la colpa della violenza? Anzi, in una società moderna, dove abbiamo i videogiochi, il tasso di violenza è più basso. Quindi, questo dimostrerebbe semmai che i videogiochi riducono il comportamento violento.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            giusto, un ostacolo che con i videogiochi non

            hanno, se consideri l'ipotesi che abbiano un

            fratello maggiore che gli consenta di giocare,

            E se hanno un fratello maggiore che gli racconta
            storie
            dell'orrore?le storie non le vede, non ci interagisce, non ci si imbottisce il cerebro.

            ecco che le loro giovani menti iniziano un

            percorso di violenza e distruzione. in un'età

            assai determinante al loro sviluppo

            futuro.

            Ti ripeto... qualche prova? Statistiche? Link? O
            i sei inventato
            tutto?




            millenni caratterizzati da guerre e soprusi, in

            cui l'eroe di turno uccideva i suoi antagonisti

            Millenni in cui non esistevano i videogiochi.
            Quindi, come puoi dare ai videogiochi la colpa
            della violenza? Anzi, in una società moderna,
            dove abbiamo i videogiochi, il tasso di violenza
            è più basso. Quindi, questo dimostrerebbe semmai
            che i videogiochi riducono il comportamento
            violento.è più basso non a causa dei videogiochi, ma grazie ad un beneamato corpo di polizia vigile ed attento. senza determinati videogiochi, sarebbe quasi inesistente.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.


            E se hanno un fratello maggiore che gli racconta

            storie

            dell'orrore?

            le storie non le vede, non ci interagisce, non ci
            si imbottisce il cerebro.Le immagina: il coinvolgimento cerebrale è maggiore, perchè il cervello non si limita ad assistere passivamente, deve creare le scene.
            è più basso non a causa dei videogiochi, ma
            grazie ad un beneamato corpo di polizia vigile ed
            attento. senza determinati videogiochi, sarebbe
            quasi
            inesistente.Qualche prova?No, perchè mi ricordo che qualcuno diceva "senza ebrei, il crimine sarebbe quasi inesistente". E qualcun altro diceva "senza capitalisti, il crimine sarebbe inesistente". E qualcun altro "senza alcolici, il crimine sparirà". Esiti catastrofici, in tutti e tre i casi.Io potrei anche dire: senza di te, il mondo sarebbe un posto migliore: quindi, rinchiudiamoti e buttiamo via la chiave.D'altra parte, la tua presenza sta facendo sorgere il desiderio di commettere atti violenti: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2897592&m=2898771#p2898771Questo dimostra che la tua presenza è nociva.Ho più argomenti e più prove io, per dimostrare che tu devi essere rinchiuso, di quanti non ne abbia tu per dimostrare che i videogiochi devono essere aboliti.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros


            E se hanno un fratello maggiore che gli
            racconta


            storie


            dell'orrore?



            le storie non le vede, non ci interagisce, non
            ci

            si imbottisce il cerebro.

            Le immagina: il coinvolgimento cerebrale è
            maggiore, perchè il cervello non si limita ad
            assistere passivamente, deve creare le
            scene.appunto, le immaginerà secondo una propria logica, senza subire una violenza visiva che potrebbe risultare, per lui o lei, inaccettabile.


            è più basso non a causa dei videogiochi, ma

            grazie ad un beneamato corpo di polizia vigile
            ed

            attento. senza determinati videogiochi, sarebbe

            quasi

            inesistente.

            Qualche prova?

            No, perchè mi ricordo che qualcuno diceva "senza
            ebrei, il crimine sarebbe quasi inesistente". E
            qualcun altro diceva "senza capitalisti, il
            crimine sarebbe inesistente". E qualcun altro
            "senza alcolici, il crimine sparirà". Esiti
            catastrofici, in tutti e tre i
            casi.infatti io non voglio proibire un'intera categoria, ma solo determinati aspetti di essa.
            Io potrei anche dire: senza di te, il mondo
            sarebbe un posto migliore: quindi, rinchiudiamoti
            e buttiamo via la
            chiave.

            D'altra parte, la tua presenza sta facendo
            sorgere il desiderio di commettere atti violenti:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2897592&m=289
            Questo dimostra che la tua presenza è nociva.la comprendi ora la relazione che intercorre tra visione, interazione e conseguenze spiacevoli?
            Ho più argomenti e più prove io, per dimostrare
            che tu devi essere rinchiuso, di quanti non ne
            abbia tu per dimostrare che i videogiochi devono
            essere
            aboliti.ho solo espresso un opinione.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            appunto, le immaginerà secondo una propria
            logica, senza subire una violenza visiva che
            potrebbe risultare, per lui o lei,
            inaccettabile.Il livello di interazione sarà estremo (visto che la scena è nella sua mente).
            infatti io non voglio proibire un'intera
            categoria, ma solo determinati aspetti di
            essa.Tu vuoi eliminare tutta la categoria fps, ad esempio.


            Io potrei anche dire: senza di te, il mondo

            sarebbe un posto migliore: quindi,
            rinchiudiamoti

            e buttiamo via la

            chiave.



            D'altra parte, la tua presenza sta facendo

            sorgere il desiderio di commettere atti
            violenti:


            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2897592&m=289

            Questo dimostra che la tua presenza è nociva.

            la comprendi ora la relazione che intercorre tra
            visione, interazione e conseguenze
            spiacevoli?Quindi stai ammettendo che sarebbe giusto rinchiuderti?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            appunto, le immaginerà secondo una propria

            logica, senza subire una violenza visiva che

            potrebbe risultare, per lui o lei,

            inaccettabile.

            Il livello di interazione sarà estremo (visto che
            la scena è nella sua
            mente).no, sarà frutto della propria immaginazione, perciò con dei parametri per lui accettabili, e non imposti da qualcun altro.
            Tu vuoi eliminare tutta la categoria fps, ad
            esempio.perchè in un fps l'unico scopo è sparare ed uccidere.

            la comprendi ora la relazione che intercorre tra

            visione, interazione e conseguenze

            spiacevoli?

            Quindi stai ammettendo che sarebbe giusto
            rinchiuderti?no, sto appurando che inizi a comprendere.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            no, sarà frutto della propria immaginazione,
            perciò con dei parametri per lui accettabili, e
            non imposti da qualcun
            altro.Ma scusa, se ti dico "presero la vecchietta, la spinsero nel fuoco, e chiusero la porta perchè non potesse uscire", mi sembra abbastanza esplicito. Quali sono i parametri accettabili o inaccettabili?

            no, sto appurando che inizi a comprendere.A comprendere che, se tu parli sul serio, sei messo proprio male. Sto compilando uno stupidario con quello che hai scritto oggi.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            no, sarà frutto della propria immaginazione,

            perciò con dei parametri per lui accettabili, e

            non imposti da qualcun

            altro.

            Ma scusa, se ti dico "presero la vecchietta, la
            spinsero nel fuoco, e chiusero la porta perchè
            non potesse uscire", mi sembra abbastanza
            esplicito. Quali sono i parametri accettabili o
            inaccettabili?magari avrebbe potuto immaginare la vecchietta come una pluri omicida, proprio per giustificarne la combustione. con delle immagini non avrebbe potuto fare altrimenti che accettarle impotente.



            no, sto appurando che inizi a comprendere.

            A comprendere che, se tu parli sul serio, sei
            messo proprio male. Sto compilando uno stupidario
            con quello che hai scritto
            oggi.lusingato :$
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            nel caso
            della fiaba avrà sempre la propria immaginazione
            in grado di affievolire la violenza,O di aumentarla, a scelta
            mentre nel
            caso di immagini
            no.Perchè no? Sei così privo di fantasia?
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            nel caso

            della fiaba avrà sempre la propria immaginazione

            in grado di affievolire la violenza,

            O di aumentarla, a sceltaperche' dovrebbe? Masochismo?

            mentre nel

            caso di immagini

            no.

            Perchè no? Sei così privo di fantasia?Che c'entra la fantasia, un videogioco lo vivi come ti viene presentato, di certo non immagini altre situazioni mentre lo stai giocando. E' questo il punto.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            giusto, un ostacolo che con i videogiochi non
            hanno, se consideri l'ipotesi che abbiano un
            fratello maggiore che gli consenta di giocare,
            ecco che le loro giovani menti iniziano un
            percorso di violenza e distruzione. in un'età
            assai determinante al loro sviluppo
            futuro.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

            millenni caratterizzati da guerre e soprusi, in
            cui l'eroe di turno uccideva i suoi antagonisti
            pur di raggiungere i propri scopi, e non
            importava se anche coloro che venivano
            classificati come "i cattivi" avevano una
            famiglia, l'importante era che l'eroe vincesse e
            salvasse la sua amata. fortunatamente sono fiabe
            ormai cadute in disuso, ciò non toglie che ci
            siano molti altri pericoli da evitare per una
            corretta evoluzione
            sociale.in disuso...eh ? Caso mai epurate dalla disney (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            HAHAHAHAH.... no!E' falso tale affermazione, non è mai stato trovato nessun riscontro è non mi risulta che ci sia mai stato un collegamento diretto. Ci avevano provato con certi fatti di cronaca, ma fallirono miseramente.
        • anonym ous scrive:
          Re: Roma brucia.
          buffo, con tutte le persone che mi sono divertito ad investire nei vari gta e nel primo carmageddon, per non parlare di tutti gli altri giochi che ho provato, dovrei lasciarmi ogni giorno alle spalle un ecatombe, invece non succede e sai perche? Perchè SO la differenza fra realta e finzione. Chi non le distingue e fa quelle cose, le farà comunque, sia che lo veda su uno schermo, sia che glielo dicano le voci dentro la testa. Quindi, ribadisco, il problema è nell'uomo, non nei videogiochi
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: anonym ous
            buffo, con tutte le persone che mi sono divertito
            ad investire nei vari gta e nel primo
            carmageddon, per non parlare di tutti gli altri
            giochi che ho provato, dovrei lasciarmi ogni
            giorno alle spalle un ecatombe, invece non
            succede e sai perche? Perchè SO la differenza fra
            realta e finzione.

            Chi non le distingue e fa quelle cose, le farà
            comunque, sia che lo veda su uno schermo, sia che
            glielo dicano le voci dentro la testa.

            Quindi, ribadisco, il problema è nell'uomo, non
            nei
            videogiochievidentemente sei cresciuto con dei videogiochi con un livello di realismo grafico non sufficiente a deviarti la mente. Il problema inizia ora, con i giovani di oggi.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            evidentemente sei cresciuto con dei videogiochi
            con un livello di realismo grafico non
            sufficiente a deviarti la mente. Il problema
            inizia ora, con i giovani di
            oggi.Quindi, tu non sei capace di distinguere un gioco dalla realtà? Smetti di drogarti, allora, e fatti curare.
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: angros

            evidentemente sei cresciuto con dei videogiochi

            con un livello di realismo grafico non

            sufficiente a deviarti la mente. Il problema

            inizia ora, con i giovani di

            oggi.

            Quindi, tu non sei capace di distinguere un gioco
            dalla realtà? Smetti di drogarti, allora, e fatti
            curare.Non serve offendere, stiamo discutendo pacatamente. Non stiamo parlando di me, ma di giovani menti non ancora plasmate, che potrebbero immedesimarsi a tal punto, grazie a grafiche del tutto realistiche, da deviare le proprie coscienze verso disinibizioni potenzialmente assassine.
          • angros scrive:
            Re: Roma brucia.

            Non stiamo parlando di me, ma di giovani menti
            non ancora plasmate, che potrebbero immedesimarsi
            a tal punto, grazie a grafiche del tutto
            realistiche, da deviare le proprie coscienze
            verso disinibizioni potenzialmente
            assassine.E potrebbero anche mettersi a tirare sassi dai cavalcavia per aver visto WIll Coyote...È inutile fare i discorsi "potrebbero". Inoltre, non serve una grafica realistica. C'erano giochi che offrivano un coinvolgimento altissimo e che erano solo testuali.E imparare a distinguere la realtà dalla finzione è essenziale, e deve avvenire subito (e di solito avviene subito: un bambino di due o tre anni sa già distinguere una favola dalla realtà). Chi non è capace di distinguere, ha dei problemi per conto suo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: ostrega
            evidentemente sei cresciuto con dei videogiochi
            con un livello di realismo grafico non
            sufficiente a deviarti la mente. Il problema
            inizia ora, con i giovani di
            oggi.Arrampicata sugli specchi, il realismo c'entra una cavolo, anzi il realismo vero e proprio non si è ancora raggiunto.....Tu dai per scontato che un giovane sia rimbambito in defult è non sa riconoscere la fantasia dalla realtà...
          • ostrega scrive:
            Re: Roma brucia.
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ostrega


            evidentemente sei cresciuto con dei videogiochi

            con un livello di realismo grafico non

            sufficiente a deviarti la mente. Il problema

            inizia ora, con i giovani di

            oggi.

            Arrampicata sugli specchi, il realismo c'entra
            una cavolo, anzi il realismo vero e proprio non
            si è ancora
            raggiunto.....Ma non verra' mai raggiunto del tutto, ma ci si avvicinera' parecchio. E c'entra eccome, e' il punto cruciale ed il pericolo del fenomeno.
            Tu dai per scontato che un giovane sia rimbambito
            in defult è non sa riconoscere la fantasia dalla
            realtà...Non ho mai detto tutti i giovani. Ma una buona parte verra' deviata dalla realta'. Chi piu' chi meno...
    • madiele scrive:
      Re: Roma brucia.
      io ho 17 e gioco ai videogiochi da quando avevo 5 anni, e ti posso dire che al massimo ne sono risultato avvantaggiato rispetto a gli altri:giocandoci mi sono appassionato all'informatica e grazie ad essa adesso studio in un ITC per programmatori ed ho 10 in informatica, 8 in matematica, 7 e mezzo in economia aziendale, e dubito fortemente che sarei diventato cosi se giocando ad un paio di videgiochi non me ne fossi appasionato.e adesso come puoi vedere so che esiste un sito chiamato PI, non ho un account su facebook, ogni giorno leggo notizie su internet, leggo spesso le news sui videogiochi su un sito chiamato multiplayer.it, ed "elimino" persone con la mia PS3.e ciò non mi dispiace affatto dato che adesso conosco veramente i pericoli di internet in confronto ai miei coetanei, ovvero non mi drogo, non vado in discoteca a rincitrullirmi, e soprattutto non sono un pluriomicida e credo che non lo diventero mai.e adesso pensa come sarei se i videogichi fossero vietati per legge: forse prenderei 5 in materie come matematica, forse sarei stato bocciato, forse per lo sconforto avrei iniziato ad abbandonare la scuola per andare a divertirmi in discoteca e successivamente drogarmi, e cosi discorrendo. (o almeno questa è una probabile conclusione)ps. io i videogiochi li compro solo usati a massimo 30, e non li spendo per comprarmi delle scarpe firmate da 130 e passa... chissà forse ho imparato a psendere sapientemente i miei soldi giocando a giochi gestionali (es. roller coaster tycoon)secondo te i videogiochi mi stanno distruggendo la vita???pps: sia chiaro non sto dicendo che in parte tu non abbia ragione (le opinioni altrui vanno sempre rispettate), come tutte le cose il troppo stroppia, basta solo imparare a controllare i propri desideri, e poi ti ricordo che esistono anche i genitori il cui compito è proprio quello di controllare i propri figli.
      • La redazione si riserva di cancellare scrive:
        Re: Roma brucia.
        - Scritto da: madiele
        io ho 17 e gioco ai videogiochi da quando avevo 5
        anni, e ti posso dire che al massimo ne sono
        risultato avvantaggiato rispetto a gli
        altri:
        giocandoci mi sono appassionato all'informatica e
        grazie ad essa adesso studio in un ITC per
        programmatori ed ho 10 in informatica, 8 in
        matematica, 7 e mezzo in economia aziendale, e
        dubito fortemente che sarei diventato cosi se
        giocando ad un paio di videgiochi non me ne fossi
        appasionato.
        e adesso come puoi vedere so che esiste un sito
        chiamato PI, non ho un account su facebook, ogni
        giorno leggo notizie su internet, leggo spesso le
        news sui videogiochi su un sito chiamato
        multiplayer.it, ed "elimino" persone con la mia
        PS3.
        e ciò non mi dispiace affatto dato che adesso
        conosco veramente i pericoli di internet in
        confronto ai miei coetanei, ovvero non mi drogo,
        non vado in discoteca a rincitrullirmi, e
        soprattutto non sono un pluriomicida e credo che
        non lo diventero
        mai.
        e adesso pensa come sarei se i videogichi fossero
        vietati per legge: forse prenderei 5 in materie
        come matematica, forse sarei stato bocciato,
        forse per lo sconforto avrei iniziato ad
        abbandonare la scuola per andare a divertirmi in
        discoteca e successivamente drogarmi, e cosi
        discorrendo. (o almeno questa è una probabile
        conclusione)

        ps. io i videogiochi li compro solo usati a
        massimo 30, e non li spendo per comprarmi delle
        scarpe firmate da 130 e passa... chissà forse
        ho imparato a psendere sapientemente i miei soldi
        giocando a giochi gestionali (es. roller coaster
        tycoon)

        secondo te i videogiochi mi stanno distruggendo
        la
        vita???

        pps: sia chiaro non sto dicendo che in parte tu
        non abbia ragione (le opinioni altrui vanno
        sempre rispettate), come tutte le cose il troppo
        stroppia, basta solo imparare a controllare i
        propri desideri, e poi ti ricordo che esistono
        anche i genitori il cui compito è proprio quello
        di controllare i propri
        figli.MEGAQUOTONE!
      • Andrea B. scrive:
        Re: Roma brucia.
        - Scritto da: madiele
        io ho 17 e gioco ai videogiochi da quando avevo 5
        anni, e ti posso dire che al massimo ne sono
        risultato avvantaggiato rispetto a gli
        altri:
        giocandoci mi sono appassionato all'informatica e
        grazie ad essa adesso studio in un ITC per
        programmatori ed ho 10 in informatica, 8 in
        matematica, 7 e mezzo in economia aziendale, e
        dubito fortemente che sarei diventato cosi se
        giocando ad un paio di videgiochi non me ne fossi
        appasionato.
        e adesso come puoi vedere so che esiste un sito
        chiamato PI, non ho un account su facebook, ogni
        giorno leggo notizie su internet, leggo spesso le
        news sui videogiochi su un sito chiamato
        multiplayer.it, ed "elimino" persone con la mia
        PS3.
        e ciò non mi dispiace affatto dato che adesso
        conosco veramente i pericoli di internet in
        confronto ai miei coetanei, ovvero non mi drogo,
        non vado in discoteca a rincitrullirmi, e
        soprattutto non sono un pluriomicida e credo che
        non lo diventero
        mai.
        e adesso pensa come sarei se i videogichi fossero
        vietati per legge: forse prenderei 5 in materie
        come matematica, forse sarei stato bocciato,
        forse per lo sconforto avrei iniziato ad
        abbandonare la scuola per andare a divertirmi in
        discoteca e successivamente drogarmi, e cosi
        discorrendo. (o almeno questa è una probabile
        conclusione)

        ps. io i videogiochi li compro solo usati a
        massimo 30, e non li spendo per comprarmi delle
        scarpe firmate da 130 e passa... chissà forse
        ho imparato a psendere sapientemente i miei soldi
        giocando a giochi gestionali (es. roller coaster
        tycoon)

        secondo te i videogiochi mi stanno distruggendo
        la
        vita???

        pps: sia chiaro non sto dicendo che in parte tu
        non abbia ragione (le opinioni altrui vanno
        sempre rispettate), come tutte le cose il troppo
        stroppia, basta solo imparare a controllare i
        propri desideri, e poi ti ricordo che esistono
        anche i genitori il cui compito è proprio quello
        di controllare i propri
        figli.O non hai 17 anni, o veramente c'è una speranza per questo nostro mondo, scevro da k e bimbiminkia :-)By(t)e
  • angros scrive:
    Pacman
    "I videogiochi non influenzano i bambini. Voglio dire, se Pac-Man avesse influenzato la nostra generazione, staremmo tutti saltando in sale scure, masticando pillole magiche e ascoltando musica elettronica ripetitiva. "Kristian Wilson, Nintendo Inc. 1989[img]http://misilmeriblog.files.wordpress.com/2009/11/rave_party.jpg[/img]
    • Luca scrive:
      Re: Pacman
      «Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»Albert Einstein
  • Ubunto scrive:
    Qualcuno riconosce questa citazione?
    "Cari ragazzi,per ammonirvi ulteriormente dei rischi presentati dai giochi elettronici, presentiamo un altro importante brano tratto dal libro di Fred Wertham jr "The new seduction of innocent".La famiglia Wayne rappresentava, in tutto e per tutto, i valori di una sana famiglia di Milwakee. Imprenditore il padre, insegnante e casalinga la madre. Il piccolo Forrest, nato nel 1968, era stato educato nella maniera più irreprensibile. Ad ogni compleanno, i genitori gli regalavano una Bibbia, o qualche testo di edificazione religiosa. Forrest era profondamente legato a sua madre, che quasi tutti i giorni lo conduceva alle prediche del reverendo Albert Adamson. (.) Diversamente dai suoi coetanei, Forrest non aveva mai preteso di andare a Disneyland, e le poche volte che chiedeva ai genitori del danaro per andare al cinema, era per assistere a film di argomento epico o biblico; né pretendeva che i soldi gli fossero dovuti, ma li guadagnava falciando il prato di casa. Forrest aveva dieci anni, quando, tornando dal cinema con un amico, si fermò di fronte a una sala "Arcadia", nella quale facevano bella mostra di sé i primi videogiochi. Forrest rimase come ipnotizzato di fronte a queste macchine luccicanti e rumorose, come "Rane", "Invasori spaziali", "La scimmia stupida" e "L'uomo - pac". Fu da allora che Forrest cambiò completamente.Come un tossicodipendente alla ricerca della dose quotidiana, Forrest iniziò a rubare spiccioli dalle tasche dei genitori.Prese a marinare la scuola, e i suoi profitti subirono un calo. A tredici anni era solito chiudersi in camera sua per lunghi lassi di tempo, e impediva alla madre di entrare in bagno quando la buona donna voleva lavargli la schiena. Smise di falciare il prato, e il giardino di casa Wayne era ridotto a un ammasso di sterpi e di rifiuti. Prese a frequentare i teppisti locali, un branco di ragazzi ispanici e di colore che gli riempirono la testa di frottole sovversive. Per il suo quattordicesimo compleanno, il 27 aprile 1982, Forrest andò in escandescenze con i suoi genitori, che non gli avevano regalato un videogioco casalingo (che avrebbe portato i giochi arcadici sul televisore di casa), e che invece avevano saggiamente deciso di donargli una bellissima versione illustrata della "Genesi". Gli studiosi che hanno analizzato il caso fanno risalire la discesa nella follia di Forrest a quest'episodio. Forse pentito per aver chiamato la madre "Acida bigotta senza scrupoli", e certamente contagiato dalle luci stordenti dei suoi amati videogiochi, Forrest fu preda di uno sdoppiamento della personalità. Iniziò a scoprire una parte femminile predominante nella sua psiche, e prese a frequentare le Arcadie non più semplicemente per giocare ai videogame. Vestito con volgari giubbotti di pelle, borchie e catene, "Forrest la regina" ora amava concedersi agli avventori delle Arcadie. A volte lo faceva per pochi spiccioli, altre volte offriva le sue giovani carni a chi si fosse mostrato il giocatore più forte.Una volta, addirittura, fu organizzato un torneo di "Difensore", al quale parteciparono 20 giovani; il vincitore fu Morgan Sawyer, un pregiudicato di colore di 35 anni, che abusò per ben due ore del consenziente Forrest nelle toilette dell'Arcadia, di fronte a un pubblico di sette teppisti. La già fragile psiche di Forrest era definitivamente distrutta.Per un po' di tempo, il ragazzo lasciò perdere i videogiochi, chiudendosi in se stesso. La madre, amorevolmente, lo portò in cura da diversi psichiatri, tra cui il sottoscritto. Sembrava che Forrest fosse in ripresa, ma un giorno che accompagnava i genitori a messa la sua pazzia si manifestò di nuovo. Al momento della comunione, Forrest strappò il calice delle ostie dalle mani dell'officiante, e prese a ingurgitarle una dopo l'altra. A chi tentava di trattenerlo, il quindicenne reagiva con manifestazioni di violenza sovrumana. "Sono l'Uomo - Pac", gridava lo sventurato, "Lasciatemi stare, maledetti fantasmi!".Uscendo di corsa dalla chiesa, il ragazzo si lanciò sulla strada principale, percorsa da bolidi a tutta velocità. Come un invasato, Forrest saltellava schivando le auto, e emettendo versi animaleschi. "Sembrava il gracidare di una rana", disse in seguito un passante, che fu spettatore del tragico episodio.Dopo poco più di un minuto, un camion mise fine alla triste esistenza del ragazzo."Il brano di Wertham continua evidenziando come Forrest, negli ultimi momenti della sua vita, abbia voluto emulare due videogiochi di gran sucXXXXX nei primi anni ottanta. Che il dramma di Forrest sia di monito alle vostre giovani vite."Dovete essere stati frequentatori dei vari I.C.G. però :D-------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 maggio 2010 21.04-----------------------------------------------------------
  • La redazione si riserva di cancellare scrive:
    Emily Rose
    Solo io ho notato nei suoni emessi dal ragazzo nel video una somiglianza con "the exorcism of emily rose"?Perché non chiamare un esorcista per far smettere la gente di giocare? :D
  • angros scrive:
    Che smetta lui di sniffare XXXXXXX
    Magari smetterà anche di dire assurdità.
  • Sgabbio scrive:
    Luoghi comuni !
    Si luoghi comuni per demonizzare i videogiochi.... ste cose le sentivo ai tempi dei 16 bit!Tra l'altro...rubare i soldi per i videogiochi ??? Ma con la pirateria non c'è ne bisogno sinceramente.... Giusto per rimanete obbiettivi.
Chiudi i commenti