Google e il pericoloso dominio sui domini

Numerosi concorrenti della Grande G hanno chiesto ad ICANN di non assegnare i domini generici .search, .fly e .map nelle mani di un privato. Conseguenze disastrose per la libera concorrenza sul mercato digitale

Roma – Nuovi screzi nel delicato processo di assegnazione dei nuovi domini generici di primo livello (gTLD) alle super-potenze private del web. In una lettera aperta ai vertici dell’ Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN), l’organizzazione lobbistica FairSearch, che già ha condotto battaglie antitrust contro Google, ha contestato le richieste presentate da Mountain View per la gestione dei domini .search , .fly e .map , potenzialmente disastrosa per gli equilibri del mercato digitale.

Supportato da aziende concorrenti del calibro di Microsoft, Nokia e Oracle, il gruppo statunitense FairSearch teme la costituzione di un pericoloso monopolio nelle grinfie della Grande G, che potrebbe così sfruttare i nuovi domini generici per affossare ulteriormente la concorrenza nei settori della ricerca online, dei voli aerei e delle mappe digitali . I responsabili di ICANN dovrebbero perciò respingere le richieste presentate da Mountain View per i suddetti gTLD.

Con una spesa vicina ai 20 milioni di dollari, Google sta cercando di accaparrarsi un centinaio di domini generici, ovviamente ritenuti in linea con il suo core business .

La Grande G non è però l’unica azienda impegnata in tal senso, seguita a ruota da altri protagonisti di Internet come Amazon. Lo stesso retailer di Seattle è finito nel mirino degli editori statunitensi per l’assegnazione di gTLD come .book , .read e .author . ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Capitan Ovvio scrive:
    L'ho sempre saputo
    E' un panda rosso.[img]http://www.promoboxx.com/blog/wp-content/uploads//2012/10/the_more_you_know.jpeg[/img]
    • sbrotfl scrive:
      Re: L'ho sempre saputo
      - Scritto da: Capitan Ovvio
      E' un panda rosso.

      [img]http://www.promoboxx.com/blog/wp-content/uploE' una volpe!
  • panda rossa scrive:
    Soddisfazione!
    Esprimo la mia soddisfazione.Le denominazioni dei progetti open, anche se non vengono registrate come marchi (perche' non sono marchi) hanno una loro dignita', che deve essere riconosciuta e rispettata.
    • benkj scrive:
      Re: Soddisfazione!
      Correggimi se sbaglio, ma questa faccenda a me puzza di pubblicità. Ora che i tizi hanno acquistato visibilità hanno tolto di mezzo il marchio e sembrano i paladini della giustizia.
      • Guybrush scrive:
        Re: Soddisfazione!
        - Scritto da: benkj
        Correggimi se sbaglio, ma questa faccenda a me
        puzza di pubblicità. Ora che i tizi hanno
        acquistato visibilità hanno tolto di mezzo il
        marchio e sembrano i paladini della
        giustizia.Direi 50e50.Il nome Python è famoso, o almeno lo è tra Geek & addetti al settore.Chiamare il proprio servizio in questo modo avrebbe dato parecchia visibilità e avrebbe aperto la strada, in un futuro prossimo, ad una richiesta di royalties verso chiunque lo avesse usato.GT
  • Rettore universita rio scrive:
    Il titolo
    Lo definirei un titolo splendido splendente. :|
Chiudi i commenti