Google e la lista nera dei produttori Android

Mountain View starebbe pensando di rendere pubblica la lista dei partner OEM che si impegnano meno a supportare i terminali messi in commercio. Una "colonna infame" che non sembra però rappresentare una soluzione definitiva alla frammentazione

Stando a quanto sostiene Bloomberg , Google sarebbe pronta a pubblicare la lista dei produttori OEM che non distribuiscono in tempo gli aggiornamenti di Android, una mossa pensata per migliorare la sicurezza dell’intero ecosistema che però si scontra con una situazione a dir poco complicata.

Già oggi a Mountain View possiedono una classifica dei partner più lenti, esclusivamente a uso e consumo interni, mentre l’apertura del documento al pubblico finirebbe inevitabilmente per mettere pressione a chi aspetta troppo per aggiornare l’OS mobile più popolare – o addirittura non lo aggiorna più dopo poco tempo dalla commercializzazione dei relativi gadget mobile.

La soluzione di Google rappresenterebbe il tentativo fin qui più serio della corporation di contrastare la frammentazione del mercato Android , dove diverse versioni convivono generando notevoli problemi sia sul fronte della sicurezza che per lo sviluppo e il supporto di app che devono essere compatibili con generazioni molto distanti dell’OS.

Mountain View ha sin qui provato ad affrontare la frammentazione di Android dal punto di vista tecnico, semplificando l’upgrade e lavorando con i partner per una distribuzione più veloce degli aggiornamenti. Ma il problema persiste , al punto da costringere le autorità a intervenire sia in Europa che negli USA .

Una eventuale “lista nera” di OEM lenti ad aggiornare non può, in ogni caso, essere considerata come una soluzione magica al problema della frammentazione, visto che spesso, oltre ai produttori, sono i carrier mobile ad avere parte della responsabilità di una patch o una nuova versione di Android che arriva in ritardo sui terminali dei clienti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • poldo scrive:
    Re: sucate macachi
    Alcuni commenti presi da arsT:"F**K YES!""YAYAYAYAYAYAYyyyyyyyyyyyyyyyyyy""Ha ha! Suck it, Oracle!""Sanity and common sense prevail, shockingly.""YYYYEEEEEESSSSSS!!! That would have been a nightmare if Oracle had won.""YES thank God! A little faith in mankind has been restored! Honestly, as a developer, I was TERRIFIED that such a sensible matter for a whole industry had to be decided by a jury of non experts. ""Fantastic!"
  • Lerecagiu scrive:
    Macongranpena
    L'unione europea ci tiene troppo a non allentare le briglie con cui tiene sotto controllo i suoi cittadini (parlo delle singole nazioni componenti, perché la UE, come entità politico-economica, è una farloccata).Le chiamano sicurezza, tutela (anche della privacy, ovvio), certezza del diritto, ecc., ed usano i pedopiratiterrosatanisti come spauracchio.Che brave personcine, questi parlamentari.E che tristanzuoli questi cittadini europei che reclamano a gran voce sbarre più strette per le loro gabbie.Attenti al lupo!
    • fake detector scrive:
      Re: Macongranpena
      Non sarai mica un'impiegato di una di quelle aziende americane a cui rode tanto che il parlamento europeo cerca veramente di proteggere la privacy dei cittadini.Anzi ... togliamo il condizionale.
    • xx tt scrive:
      Re: Macongranpena

      Le chiamano sicurezza, tutela (anche della
      privacy, ovvio), certezza del diritto, ecc., ed
      usano i pedopiratiterrosatanisti come
      spauracchio.Questi spauracchi sono usati per fare le leggi speciali al fine di pescare a strascico tra i dati dei "cittadini".E gli Yankee sono maestri in questo, specialmente a spauracchi costruiti.
      E che tristanzuoli questi cittadini europei che
      reclamano a gran voce sbarre più strette per le
      loro
      gabbie.Personalmente reclamo sbarre più strette per la NSA e compari, nel senso che non dovrebbero poter venire qui. Che spiino pure ciò che vogliono nelle terre selvagge, ma non qui.
    • Lerecagiu scrive:
      Re: Macongranpena
      Aver parlato male della Ue non mi rende pro-americano.In effetti sono pro o contro le cose che che capitano, indipendentemente dal campanile.Aver visto come il campanilismo riduce il cervello della gente è stato per me un incentivo a tenermi lontano da squadre del cuore, partiti del cuore, maestri del cuore, patria del cuore e quant'altro.
    • ettepareva scrive:
      Re: Macongranpena
      che mancasse il solito autothread di XXXXX del solito autotroll?schema:Post numero uno un nome mai visto e mai coverto!Post numero2 xx tt (o AxAx o i soliti)Post numero 2 il mai coverto di prima....Ecc. ecc. ecc...Cheppalle!Ma perchè non ti suicidi?
      • ... scrive:
        Re: Macongranpena
        [img]http://m.memegen.com/kyl15e.jpg[/img]
        • ettepareva scrive:
          Re: Macongranpena
          te sto addì che solo un troll testadiXXXXX con dei forti problemi psichici continua a sparare XXXXXXX su PI alle 01.46C'è di meglio da fare al mondo.
          • chrono troll scrive:
            Re: Macongranpena
            Anche alle 10.37 c'é di meglio da fare se é per questo.
  • Fanculo alla UE scrive:
    Una notizia buona, e una cattiva
    Quella buona: una trentina di criminali e futuri elettori PD in meno.Quella cattiva: oltre 4mila invece ce l'hanno fatta. Siono bastati a ribaltare i barconi, ma basteranno anche a ribaltare le elezioni comunali?https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2016/05/26/migranti-altro-naufragio-20-30-morti_b673443d-89a5-4f6e-a7d4-6d8e07317bae.html
    • Fanculo alla UE scrive:
      Re: Una notizia buona, e una cattiva
      [img]http://ildelatore.files.wordpress.com/2014/01/uomo.jpg[/img]
      • Fanculo alla UE scrive:
        Re: Una notizia buona, e una cattiva
        Io no, tu probabilmente sì, oltre ad essere una XXXXXXXXXXXXXX del PD.
  • prova123 scrive:
    L'indice di rischio
    è inversamente proporzionale al numero di auto tedesche vendute negli usa ...
    • ... scrive:
      Re: L'indice di rischio
      [img]http://m.memegen.com/wir36f.jpg[/img]
      • ... scrive:
        Re: L'indice di rischio
        lascia l'auto a casa e inizia a camminare a piedi il nostro caro tripponcello, vedrai che riuscirai ad esprimere concetti di senso compiuto.A presto.Gli amici, quelli veri.
Chiudi i commenti