Google e le app web fuori da Chrome

Il colosso dell'advertising presenta un "nuovo genere" di app web, capaci di girare al di fuori del browser e con maggiori possibilità di accesso all'hardware in locale. Un'arma in più per Chrome OS.

Roma – Google coglie l’occasione del quinto anniversario di Chrome per svelare ufficialmente le “Chrome Apps”, una nuova categoria di app create con tecnologie web ma in grado di girare al di fuori del normale contesto del browser e in maniera più vicina al software nativo per Windows o Chrome OS.


Nell’annunciare la novità – che poi tanto nuova non è – Mountain View evidenzia le caratteristiche delle Chrome App che includono la capacità di lavorare offline, la mancanza degli elementi della tradizionale interfaccia (“Chrome”) del browser, la connessione ai server cloud, l’autoaggiornamento, una maggiore possibilità di interagire con l’hardware locale incluse periferiche USB e Bluetooth, la possibilità di lanciare una app direttamente dal desktop con il Chrome App Launcher per Windows.

In realtà le Chrome App sono in circolazione già da tempo con il nome di Packaged App , app monofunzionali scritte in HTML5, JavaScript e CSS che con l’annuncio di queste ore si guadagnano un nuovo posto di riguardo nell’ecosistema di Google, con tanto di sezione apposita Per desktop all’interno del Chrome Web Store.

Grazie alla loro derivazione web, le Chrome App funzionano in maniera nativa su un gran numero di sistemi operativi: l’ideale, naturalmente, è usarle su Chrome OS per porre rimedio al difetto principale dell’OS “cloud” vale a dire la sua sostanziale inutilità senza una connessione permanente alla rete delle reti. Per quanto riguarda la disponibilità di uno specifico “app launcher”, invece, dopo quello – già disponibile – per Windows Google promette presto novità per Mac OS X e Linux.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ecto scrive:
    Servizio inutile in Italia
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-03-20/italiano-legge-neppure-libro-093659.shtml?uuid=AbpOxofHUn italiano su due non legge neppure un libro all'anno.
  • Jiraya scrive:
    offline
    ma, si possono quindi scaricare integralmente e leggere offline??Con amazon che ha iniziato/sta per iniziale la nuova offerta con cartaceo e ebook allo stesso prezzo o quasi, non so quanto meriti, soprattutto visto il prezzo ed il tempo necessario a leggere un libro. Resta sempre il fatto estremamente fastidioso di ritrovarsi dopo 1-2 anni (con l'abbonamento annullato per motivi propri, o il servizio fallito) con un pugno di mosche...
  • saverio_ve scrive:
    mah...
    Canzoni in un mese ne ascolto un'infinità.Film ne posso guardare parecchi...Libri? 1? 2? 3?? 10 dollari non sono pochi. E se a fine mese non ho finito di leggere il libro?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: mah...
      contenuto non disponibile
    • napodano scrive:
      Re: mah...
      ovviamente hai ragione. già ai tempi in cui last.fm diventò a pagamento io scrissi sul loro forum che mi sarebbe sembrato molto meglio dare la possibilità ai fruitori non continuativi di acquistare "pacchetti" da X canzoni da ascoltare quando si vuole piuttosto che dare solo la possibilità di un abbonamento mensile.per i libri naturalmente il discorso vale in maniera ulteriore. si accorgeranno da soli quanto vale la loro proposta
Chiudi i commenti