Google e Microsoft, battaglia sulle nuvole

Mountain View estende lo spazio di storage disponibile per gli utenti domestici e business, mentre Microsoft migliora la gestione cloud degli archivi di foto e gioca con la pubblicità comparativa contro Google. Ma pensa anche alla collaborazione.
Mountain View estende lo spazio di storage disponibile per gli utenti domestici e business, mentre Microsoft migliora la gestione cloud degli archivi di foto e gioca con la pubblicità comparativa contro Google. Ma pensa anche alla collaborazione.

Google annuncia novità per il modo in cui lo storage remoto degli utenti viene gestito e ripartito fra i diversi servizi della corporation, offrendo integrazione fra i diversi spazi cloud e una gestione unificata che dovrebbe avvantaggiare gli utenti home ma anche quelli business.

Se nel recente passato una quota di storage era assegnata separatamente a Gmail, Drive e alle foto di Google+, dice Mountain View, la nuova politica prevede un unico servizio di archiviazione sfruttabile da tutti e tre i servizi senza limiti di sorta.

Gli utenti domestici potranno ora fare affidamento su 15 Gigabyte di “Drive” virtuale, mentre per quelli business i Gigabyte sono 30 . Google non manca poi di ricordare agli utenti la possibilità di acquistare spazio di storage aggiuntivo al costo di 5 dollari al mese per 100GB.

Anche Microsoft ha recentemente annunciato novità per il suo servizio di storage virtuale noto come SkyDrive: in questo caso non si tratta di dimensioni o politiche di archiviazione ma di migliori performance nell’upload e di un sistema di gestione delle foto che accorpa i singoli file contestualizzandoli in base al momento in cui sono stati catturati.

Parlando di rapporti tra business concorrenti, invece, tra i servizi cloud di Microsoft e quelli di Google continua a imperversare una guerra fatta di pubblicità comparativa e advertising. Microsoft, ad esempio, tiene a far sapere che tre importanti clienti sono passati a Office 365 (la suite di produttività con abbonamento annuale e integrazione cloud) dopo aver provato Google Apps.

Quello che Microsoft non può evidentemente permettersi è di inimicarsi i clienti che usano Outlook.com – magari dopo aver abbandonato Mountain View – ma hanno i contatti su Gmail: in questo caso, ora Outlook.com permette di intrattenere conversazioni testuali con gli utenti ancora attivi su Gmail.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 05 2013
Link copiato negli appunti