Google e NSA insieme per la cybersecurity

BigG e governo mescoleranno il proprio know how per difendere al meglio la sicurezza informatica degli Stati Uniti

Roma – Google e NSA (National Security Agency) insieme per garantire la sicurezza nazionale del cyberspazio degli Stati Uniti . Sull’accordo mancherebbe ancora la firma di entrambe le parti, ma secondo il Wahington Post si può già parlare di una partnerhisp tra Mountain View, in California, e Fort Meade, Maryland.

Fonti non precisate hanno riferito di una sorta di allenza che vedrà le due organizzazioni scambiarsi vicendevolmente informazioni critiche senza che la privacy dei cittadini, su cui Google opera da anni, venga però sacrificata: l’accordo – viene precisato – non conferirà a NSA l’autorità di sbirciare le query e gli account Gmail degli utenti.

La scorsa settimana il direttore dell’agenzia USA, Dennis Blair, aveva dichiarato che l’episodio in cui Google è incappata in Cina è stato “una sorta di campanello d’allarme che ha evidenziato la volontà di attaccare il cyberspazio statunitense”.

L’obiettivo congiunto di Google e NSA, che per ora non hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali circa l’accordo, sembra essere quello di produrre misure di sicurezza efficaci e allo stesso tempo non eccessivamente lesive della privacy. Evitare dunque che si ripetano violazioni come quella, scoperta di recente, di cui è stata protagonista l’FBI.

Il tema del cyberwarfare viene trattato con estrema serietà dal governo USA e l’attacco di gennaio (che oltre a BigG aveva colpito altre importanti aziende statunitensi) potrebbe quindi causare un cambio di rotta in quella che, almeno finora, è stata la politica di Washington in materia di “guerra informatica”.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Regur Mortis scrive:
    ma ke ricerca idiota è?
    è normale che i ragazzini il cui unico intento è condividere informazioni con gli amici usino social network, il blog è altro con il blog espandi i tuoi orizzonti sei libero di fare quello che vuoi perchè il blog è tuo, non c'è un facebook che decide l'impostazione o un myspace che ti ta i temini idioti, il blog crea ricchezza sia per i visitatori che per chi scrive, essendo spesso molto specifico su un determinato argomento.Io se cerco informazioni su un prodotto lo cerco su google e il 90% delle volte tira fuori un blog non di certo facebook :P
  • Alessandrox scrive:
    Siano benedetti
    Sono gli spazzini del web e di internet in generale: attirano a se la marmaglia dei pezzenti ripulendo le strade... :@ :@ :@OK seriamente (ma non è che abbia scherzato poi tanto) anche io ho account sociali e li uso ma senza esagerare; sono utili per condividere velocemente esperienze, informazioni, documenti multiformato con gruppi di utenti gia costruiti e per formare tali gruppi in base a conoscenze ed interessi condivisi; non li demonizzo ne li esalto ma io faccio parte di quella schiera di utenti ancora legata ad i newsgroups usenet solo testo.... per intendersi 8)
  • Franky scrive:
    Eppure isocial network generici...non mi
    Eppure i social network generici come myspace e facebook a me non mi attirano...non riesco a capirne l'utilita' come strumenti...Youtube fin da subito e' stata la piattaforma di convisione dei video per eccellenza gia' dopo il suo lancio ... nel 2005...tre mesi dopo mi sono registrato...perche' notai che youtube era per i video...cioe' che google era per le informazioni testuali...cioe' ci trovavi (e ci trovi sempre piu'...) un video su qualunque cosa cerchi... mentre mi sono iscritto a twitter dopo le prime resistenze...dato che questo servizio viene usato per postare messagini...in qualunque evento mondiale...tipo dirette in streming varie...concerti ecc...poi ho notato che persino l'UE l'ha usato nelle recenti elezioni europee e google lo usa per comunicare in tempo reale le principali novita'...(quindi funziona come una specie di piccola agenzia di stampa...e va a sostituire i vecchi sms...)... Ma facebook....?????!!!!!! Boh...a me sembra semplicemente la moda del momento come lo fu myspace... troppo generico...per poter servire realmente come strumento....magari sbaglio...non so....
  • pietro scrive:
    facile da spiegara
    Per fare un blog servono alcune competenze e caratteristiche:1) saper scrivere2) saper scrivere in italiano3) avere qualcosa da dire4) saperlo dire bene e essere convincenti5) essere disposti ad essere criticatisui social network invece si chiacchera, il più grande sport italiano..
    • utente scrive:
      Re: facile da spiegara
      Io spero che con lo spostamento degli adolescenti nei social network la blogosfera ci guadagni con un aumento nella qualità dei blog
    • yemen scrive:
      Re: facile da spiegara
      - Scritto da: pietro
      Per fare un blog servono alcune competenze e
      caratteristiche:
      1) saper scrivere
      2) saper scrivere in italiano
      3) avere qualcosa da dire
      4) saperlo dire bene e essere convincenti
      5) essere disposti ad essere criticati

      sui social network invece si chiacchera, il più
      grande sport
      italiano..il punto è che lo strumento per intessere la rete sociale (ovvero stringere i legami, trovarsi, cercarsi) è stato confuso con il mezzo per dialogatre (e-mail, chat, instant messengers vari, telefono, voip...) ...ed ora addirittura viene paragonato al blog ... che altro non è che una riedizione di un qualsiasi sito personale (ciò che rende il blog e il "web.2.0" quello che è , è solo il metodo di input) ... ovvero una comunicazione "a monologo" principalmente, con - in alcuni casi - spazio per discussione (tipo i forum o i newsgroup). Quindi è improprio il confronto: è come paragonare un libro con una telefonata, oppure il telegiornale con una chiacchierata al bar.La cosa più brutta, per me, è che comunque la chat è sempre esistita ed è sempre stata ben poco costruttiva rispetto ad un testo che se pure "in una direzione" richiede pensiero e competenza, come ha detto questo commentatore. Prima di premere "invia" in un post su un blog, comunque pensi "ho scritto qualcosa" e non "sto parlando con questi quattro gatti".abbiamo confuso l'elenco del telegfono mettendoci dentro anche il telefono ... così oggi diremmo "o ci sentiamo sulle pagine gialle eh?"
  • Luke RN scrive:
    Niente di strano
    Verrebbe da chiedersi una cosa: embè?
Chiudi i commenti