Google, intelligenza videoludica

Gli algoritmi di intelligenza artificiale di Mountain View imparano a giocare ai titoli classici per Atari 2600, e lo fanno da soli. Usando tecniche ispirate ai meccanismi di apprendimento biologici

Roma – Dagli esperti di intelligenza artificiale (IA) di DeepMind, società acquisita da Google l’anno scorso, arriva uno studio che descrive un nuovo approccio nell’applicazione degli algoritmi intelligenti all’apprendimento. Un approccio potenzialmente in grado di apportare miglioramenti concreti per i servizi Internet e non solo.

In concreto, i sistemi sviluppati da DeepMind sono stati in grado di imparare il modo di giocare a 49 diversi giochi per Atari 2600, console storica dal gameplay semplicistico (per gli standard odierni) che ha però fornito all’IA di Google una sfida sufficientemente simile ai meccanismi caotici che regolano il modo reale.

Ciascuno dei sistemi programmati dai ricercatori è stato istruito su come giocare (e vincere) a uno solo dei 49 giochi, ma ciascuno è stato poi in grado di apprendere il modo migliore di affrontare le altre 48 sfide tutto da solo.

Deep Q-network (DQN), il nuovo algoritmo sviluppato da DeepMind, è in grado di superare in perizia i precedenti algoritmi di apprendimento in 43 dei 49 giochi testati: in più della metà dei giochi, poi, DQN ha dimostrato un livello di abilità pari al 75 per cento di quella di un giocatore in carne e ossa “professionista”.

Il segreto di DQN, dicono i ricercatori, consiste nell’ispirarsi ai meccanismi di apprendimento naturali – e in particolare tramite l’uso di incentivi positivi: ogni volta che il sistema superava il punteggio più alto o raggiungeva un nuovo livello veniva “premiato”. Gli incentivi non sono generalmente utilizzati come modello dei sistemi di intelligenza artificiale, ma per gli esperti di DeepMind i risultati ottenuti da DQN dimostrano che farne uso è utile.

Gli agenti software imparano a riconoscere i pattern in un flusso caotico di dati e informazioni digitali, e in futuro tale capacità potrà essere applicata ad ambiti informatici come la ricerca su Web, le auto che si guidano da sole e chissà cos’altro.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    non per difendere Windows, ma...
    "diffondersi con i classici vettori degli allegati email"significa che sono stati installati a mano, e nessun OS e' invulnerabile a quello che fanno volontariamente gli utenti...
  • BUDUS scrive:
    Meno male
    Meno male che Window é stato dichiarato il sistema operativo più sicuro al mondo, altrimenti, chissà cosa combinavano.
    • prova123 scrive:
      Re: Meno male
      Se fosse stato meno sicuro sarebbe bastata una settimana ed il signor Kaspersky, invece di: La collaborazione su scala internazionale delle forze dell'ordine di Italia, Paesi Bassi, Regno Unito e Francia, coordinata dallo European Cybercrime Centre (EC3) dell'Europol e guidata da soggetti privati quali Microsoft, Symantec e AnubisNetworks, ha condotto all'abbattimento della botnet Ramnit, una rete di PC zombie che nel giro di cinque anni ha finito per coinvolgere 3,2 milioni di macchine Windows. Questa è la dimostrazione al negativo della robustezza di Windows! :D
      • Hop scrive:
        Re: Meno male
        - Scritto da: prova123
        Se fosse stato meno sicuro sarebbe bastata una
        settimana ed il signor Kaspersky, invece
        di:

        <i
        La collaborazione su scala internazionale
        delle forze dell'ordine di Italia, Paesi Bassi,
        Regno Unito e Francia, coordinata dallo European
        Cybercrime Centre (EC3) dell'Europol e guidata da
        soggetti privati quali Microsoft, Symantec e
        AnubisNetworks, ha condotto all'abbattimento
        della botnet Ramnit, una rete di PC zombie che
        nel giro di cinque anni ha finito per coinvolgere
        3,2 milioni di macchine
        Windows. </i

        Che diviso per il numero di macchine Windows in circolazione fa una percentuale irrisoria...Per quelle con Linux se ne infettano una hanno già fatto il 50% :D
        • Capitan Ovvio scrive:
          Re: Meno male
          Lascia perdere che se non ci fosse Linux tu manco navigheresti e non saresti qui a trollare.
          • prova123 scrive:
            Re: Meno male
            http://it.wikipedia.org/wiki/File_Transfer_Protocolhttp://it.wikipedia.org/wiki/Linux1971 < 1991 ...
    • NemoTizen scrive:
      Re: Meno male
      questo tipo di attacchi puntano a sfruttare la stupidità umana non il sistema operativo, una volta che l'utente ti da il permesso di eseguirti con permessi admin puoi nasconderti in 2000 modi anche su mac o linux :D
Chiudi i commenti