Google Maps offline e in 3D

La nuova versione dell'app per Android consente di salvare mappe sul proprio device per la consultazione offline. E BigG rilascia anche un aggiornamento per Earth che consente la visualizzazione in tre dimensioni
La nuova versione dell'app per Android consente di salvare mappe sul proprio device per la consultazione offline. E BigG rilascia anche un aggiornamento per Earth che consente la visualizzazione in tre dimensioni

Essere connessi a Internet è sempre stata condizione sine qua non per l’utilizzo agevole di Google Maps con il proprio smartphone. Ma da ora è possibile scaricare l’ultima versione dell’app per Android, quindi selezionare e salvare mappe di oltre 150 paesi per l’utilizzo offline. BigG, così come annunciato , rende disponibile il servizio anche per la navigazione in assenza di una connessione web, facilitando il compito di chi – mentre si trova in viaggio – non ha la possibilità di accedere alla Rete.

A differenza di quanto avveniva in precedenza , si possono salvare su dispositivo mobile fino a sei aree metropolitane di grandi dimensioni (ad esempio Londra, Parigi o New York).

Prima di procedere al download della mappa occorre selezionare l’area di proprio interesse e selezionare “Make available offline” (Rendi disponibile non in linea): l’app rende nota la dimensione del file che sarà generato, dando così modo all’utente di conoscere lo spazio occupato in memoria.
Se il device ha il GPS abilitato, un punto blu entrerà in funzione anche senza una connessione dati in modo da sapere dove ci si trova, e se è presente una bussola ci si può orientare anche senza connettività 3G o WiFi.

Questo nuovo aggiornamento di Android Maps include inoltre un miglioramento della funzionalità bussola per Street View. I requisiti minimi di sistema sono OS Android 3.0 o superiore, un sensore giroscopico e la versione 1.8.1 di Street View.

E le novità non sembrano finire qui: come annunciato nelle settimane scorse, BigG ha anche rilasciato un aggiornamento di Earth per Android che consente la visualizzazione in 3D di 14 località, per ora quasi tutte statunitensi. Da Mountain View fanno sapere che altre città saranno aggiunte nei prossimi mesi: “Contiamo di arrivare a coprire una popolazione complessiva di 300 milioni di persone entro fine anno”. Questa funzione non è ancora disponibile per iOS di Apple, anche se Google assicura che “stiamo lavorando anche per questo”.

A onor di cronaca, occorre specificare che l’introduzione della tecnologia 3D da parte di Google è arrivata assai prima del servizio che Apple intende fornire per i suoi device come parte dell’app Maps per iOS 6. Una versione beta è stato distribuita in occasione dell’Apple World Wide Developers Conference poche settimane fa. Il rilascio della versione definitiva è previsto per l’autunno.

Cristiano Vaccarella

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti