Google, offerte che non si possono rifiutare

Google, offerte che non si possono rifiutare

Per tenersi stretti i propri dipendenti che ricevessero proposte di lavoro da Facebook, Mountain View scodellava proposte allettanti. Erano i tempi in cui le startup promettevano facili ricchezze
Per tenersi stretti i propri dipendenti che ricevessero proposte di lavoro da Facebook, Mountain View scodellava proposte allettanti. Erano i tempi in cui le startup promettevano facili ricchezze

Il processo nel quale si sta decidendo del cartello del lavoro della Silicon Valley potrebbe essere chiuso: nonostante l’ insoddisfazione serpeggi fra alcuni dei dipendenti di Apple, Google, Intel e Adobe, la parti si sono accordate per mettere una fine al contenzioso con 324,5 milioni di dollari da dividere fra i lavoratori danneggiati. A mancare è solo l’approvazione del giudice Lucy Koh: il dibattimento, dunque, continua, e continuano ad emergere dettagli sulle pratiche di assunzione dei colossi della tecnologia.

La controparte, nel caso del nuovi documenti pubblicati, è Facebook: a dimostrare la sua estraneità al cartello del lavoro della Silicon Valley, uno scambio di email fra i dirigenti di Google. Il manager Vijay Gill inoltra a due colleghi una email ricevuta da un dipendente non altrimenti identificato, nella quale si spiega come Google “migliori significativamente le offerte contrattuali a coloro che abbiano ricevuto proposte anche da Facebook” e come si preveda che “ai Googler che dichiarino di aver ricevuto una proposta di lavoro da Facebook venga fatta una controfferta nel giro di un’ora”.

L’allora CEO Schmidt era naturalmente a conoscenza della pratica, peraltro appena introdotta e subito trapelata fra i dipendenti. Ma quella delle controfferte non era l’unica strategia per avvincere i lavoratori e il loro talento: i documenti fanno sospettare che il personale di Google abbia sorvegliato da vicino gli addetti al reclutamento di Facebook, e abbia avviato un corteggiamento serrato dei dipendenti del social network, anche se non ci sono prove del fatto che “Larry e Sergey” (rispettivamente Page e Brin) abbiano agito in prima persona, come invece suggerivano il CEO di Intel Paul Otellini e il venture capitalist John Doerr.

I documenti che testimoniano le strategie adottate da Google per consolidare le schiere del proprio personale sono da collocare in un periodo che va dal 2007 al 2009: un momento, ricorda il cofondatore di Google Sergey Brin, in cui la bolla del Web 2.0 prometteva facili e rapidi guadagni a tutti coloro che si lasciassero sedurre dalle aziende che operavano nel settore “social”.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 16 lug 2014
Link copiato negli appunti