Google Play, libri in Italia

L'Italia è il primo paese non anglofono ad ospitare l'offerta di libri di Mountain View

Roma – Nella nuova versione rinnovata e rinominata del negozio di applicazioni di Android, Google Play, da oggi anche per gli utenti italiani è possibile trovare Libri digitali .

Non si definiscono numeri assoluti, ma Mountain View parla del “più grande ebookstore italiano, con una scelta di migliaia di titoli in italiano, molti dei quali bestseller, e oltre due milioni di libri disponibili”.

Google punta dunque su una vasta scelta: tra gli editori partner vi sono , oltre a quelli internazionali che già collaborano con Mountain View in altri Paesi, Mondadori, Einaudi, Piemme, Rizzoli, Bompiani, Adelphi, Longanesi, Guanda, Garzanti, Newton, Compton, BaldiniCastoldiDalai, il Saggiatore, Hoepli, De Agostini, Gruppo 24 Ore e Feltrinelli.

Diverse, poi, le modalità di fruizione: Google offre i contenuti via cloud permettendo la lettura su qualsiasi dispositivo dotato di connessione, che sia un PC (collegandosi al sito Google Play) o via app su un dispositivo mobile Android. Per il momento, invece, ancora non si parla di un’app per iOS.

I prezzi offerti da Google Play Libri sono in linea con quelli del mercato digitale italiano, quindi alti: i best seller e le nuove uscite (a meno di offerte temporanee) restano sui 10 euro e comunque non scendono sotto i 4,99 euro.

I prezzi, d’altronde, dipendono dagli editori che ritengono sufficiente uno sconto del 30 per cento rispetto al prezzo dei volumi tradizionali, nonché dall’Iva sui contenuti digitali che in Italia è al 21 per cento rispetto al 4 del cartaceo.

In ogni caso la nuova offerta di contenuti rappresenta una novità rilevante, quanto meno perché porta sul mercato italiano un soggetto come Google in un settore in crescita ma ancora marginale, che vale appena l’1 per cento del mercato dei libri.

Inoltre – come spiega Chiara De Servi, strategic partner manager di Google – l’Italia diventa “il primo paese non in lingua inglese dove i libri arrivano su Google Play”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Free Internet scrive:
    Re: alla frutta
    - Scritto da: alvaro
    XXXXXXX cretino informaticoPer essere degli informatici bisogna avere un po' di testa... per stare dietro a un bancone forse un po' di meno... (geek)(geek)(geek)
  • jackfolla2012 scrive:
    alla frutta
    ma come copiata i file di tutti quanti e poi vi incavolate se copiano a voi? che ridicoli, dei pirati che piratano e che odiano essere piratati..
    • Free Internet scrive:
      Re: alla frutta
      - Scritto da: jackfolla2012
      ma come copiata i file di tutti quanti e poi vi
      incavolate se copiano a voi? che ridicoli, dei
      pirati che piratano e che odiano essere
      piratati..Alla frutta sono i videotechini, categoria in fase di naturale estinzione. Rassegnati. Hai per caso bisogno di qualche link per dei corsi da kebabbaro? :p
    • krane scrive:
      Re: alla frutta
      - Scritto da: jackfolla2012
      ma come copiata i file di tutti quanti e poi vi
      incavolate se copiano a voi? che ridicoli, dei
      pirati che piratano e che odiano essere
      piratati..Infatti si lamentano perche' la copia non e' fatta bene.
    • bARABBAN3_o ff scrive:
      Re: alla frutta
      Fare de copi arrabbiato pirata. bul3N@U4@3 U.F.O.
Chiudi i commenti