Google rilascia un OCR open source

BigG ha preso il codice di un vecchio motore di riconoscimento ottico dei caratteri e ne ha fatto un progetto aperto. Il programma è limitato ma il colosso ha promesso di portarlo ai livelli degli OCR commerciali

Mountain View (USA) – Google ha aggiunto alla propria ragguardevole collezione di software gratuiti un’applicazione, chiamata Tesseract, per il riconoscimento ottico dei caratteri ( OCR ). Si tratta di un programma utilizzabile per convertire il testo contenuto in un’immagine, tipicamente ottenuta per mezzo di uno scanner, in caratteri comprensibili ad un elaboratore di testi.

Il motore alla base di Tesseract è stato originariamente creato da HP , che a partire dal 1995 ne ha però cessato lo sviluppo: questo nonostante all’epoca fosse considerato uno dei migliori software OCR del momento. Circa due anni fa HP ne ha donato il codice alla University of Nevada di Las Vegas (UNLV), che da allora è impegnata a correggerne i bug. Da alcuni mesi Google ha assunto il patrocinio dell’iniziativa facendone un progetto open source ed ora afferma che il programma “è sufficientemente stabile per essere ripubblicato come open source”.

Tesseract soffre però ancora di alcune importanti limitazioni : la prima è il supporto della sola lingua inglese (niente correttore ortografico italiano, per intendersi); la seconda è l’incapacità di conservare il layout delle pagine (come colonne e tabelle); la terza è la scarsa capacità di riconoscere testi stampati su fogli grigi o a colori (in altre parole, dà il massimo solo con il classico testo nero su bianco). Su stessa ammissione di Google, Tesseract è di gran lunga meno accurato dei migliori pacchetti di OCR oggi in commercio .

Va del resto considerato che, sebbene gli sviluppatori della UNLV abbiano rattoppato il codice qui e là, la tecnologia alla base di Tesseract è rimasta sostanzialmente la stessa di dieci anni fa.

Google afferma però che Tesseract ” è assai più accurato di qualsiasi OCR open source in circolazione” “, inoltre la sua licenza permette a chiunque di migliorarlo ed integrarlo in altre applicazioni: il che non è poco.

La grande G ha promesso che continuerà a occuparsi di questo software, e a tal scopo sta assumendo esperti in tecnologie legate a quella OCR.

Che Google sia interessata all’OCR non sorprende : BigG sta facendo grande uso di questa tecnologia per la digitalizzazione dei libri (vedi Google Book Search ), inoltre, come motore di ricerca, è particolarmente interessata ad accelerare la transizione di tutto lo scibile umano verso formati digitali indicizzabili dai propri spider.

Attualmente Tesseract è disponibile solo sotto forma di codice sorgente, scaricabile da questa pagina di SourceForge.net.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Matteo Antonio scrive:
    di Mauro
    ho programmato per molti anni con turbo pascal ver.6 e con grande soddisfazionelezioni di matematica , scienze naturali e inoltre un programma di didattica per l'uso di un radar per esercitazione in sostituzione di uno vero. Purtroppo non mi è stato possibile ( dopo un cambio di versione Pc da XP a w.7 , usare il pC per programmare e per vedere i miei programmi-w7 non supporta turbo pascal.
  • pito scrive:
    Accesso a DB usando Borland C++
    Ciao,una domanda semplice...(per chi conosce il Borland).Dovre effettuare una query SQL verso un Data Base Oracle su LAN, usando il Borland Builder C++ 4.5.Ho altresi necessita di gestire la UserName e la Pssword Ci sono riuscito usando il componente Tquery ma considerato che dovrei gestire la Username e la Password, suppongo che dovro usare il componente TdataBase.Ebbene usando il componente TdataBase come posso effettuare una query? Come lego il componente Tquery al componente TdataBase???Avete un semplice esempio???Vi ringrazio moltissimo!
  • Alka scrive:
    Re: ormai trombati nel c.. da eclipse..

    gli unici linguaggi che crescono veramente sono
    quelli legati alla piattaforma .Net (sono
    parecchi)Attenzione, l'affermazione mi risulta vera, ma è vera proprio perché si tratta della piattaforma meno utilizzata in ambito Enterprise, rispetto a Java, e quindi in crescita, cioè sempre più utilizzata, in avvicinamento quindi a Java.Il sorpasso non l'ho ancora sentito annunciare. ;)Mi sembra però inutile, parlando in generale, "sguerreggiare" sulla diffusione: sono tutte piattaforme valide ed è giusto disporne per principio come meglio si crede per gli ambiti in cui ciascuna architettura, diversa dalle altre, eccelle.Anche se .NET, o Java, è indifferente, la usasse solamente una persona, se c'è un motivo valido per farlo non è il numero di adepti che cambia le carte in tavola, no? ;)
  • Anonimo scrive:
    Ma sul sito ufficiale?
    Ciao,ma sul sito http://www.borland.com/it/ non mi pare ci sia traccia di questo annuncio... ho visto male io?
    • Alka scrive:
      Re: Ma sul sito ufficiale?

      ma sul sito http://www.borland.com/it/ non mi
      pare ci sia traccia di questo annuncio... ho
      visto male io?Il sito ufficiale è il seguente:http://www.turboexplorer.comCiao! ;)
  • Anonimo scrive:
    Utenti malinconici
    tutti a urlare di gioia e nostalgia per un prodotto e un marchio che sicuramente non utilizzerà quasi nessunoaggiungo che se non ci fosse stata la versione gratuita, starebbero tutti qui a criticare borland di quanto sono brutti e inutili e obsoleti i suoi prodottiahi ahi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Utenti malinconici
      - Scritto da:
      tutti a urlare di gioia e nostalgia per un
      prodotto e un marchio che sicuramente non
      utilizzerà quasi
      nessuno
      la cosa ti disturba in qualche modo personale?nel senso : che problemi ti causa la nostalgia e la malinconia degli altri?io per esempio sono stato (questa mattina) malinconico e nostalgico, ma non ho nemmeno premuto il tastino per andare a vedere il sito della borland.Però ho letto le vostre considerazioni sui linguaggi. Molto più istruttivo.dunque?
      aggiungo che se non ci fosse stata la versione
      gratuita, starebbero tutti qui a criticare
      borland di quanto sono brutti e inutili e
      obsoleti i suoi
      prodottiah.ma quante ne sai?e se io fossi andato nel passato e avessi dato a me stesso il mantello dell'invisibilità, mia nonna sarebbe stata una carriola?
    • VITRIOL scrive:
      Re: Utenti malinconici

      aggiungo che se non ci fosse stata la versione
      gratuita, starebbero tutti qui a criticare
      borland di quanto sono brutti e inutili e
      obsoleti i suoi
      prodottiEsiste un altro RAD per Win32 di quel livello?
      • Anonimo scrive:
        Re: Utenti malinconici
        - Scritto da: VITRIOL


        aggiungo che se non ci fosse stata la versione

        gratuita, starebbero tutti qui a criticare

        borland di quanto sono brutti e inutili e

        obsoleti i suoi

        prodotti

        Esiste un altro RAD per Win32 di quel livello?VS 2005, decisamente meglio(win)
        • VITRIOL scrive:
          Re: Utenti malinconici

          VS 2005, decisamente meglioHo detto Win32, non .NET.
          • Alka scrive:
            Re: Utenti malinconici

            Ho detto Win32, non .NET.Anche a me è già capitato di dover fare questa precisazione...Non so per quale motivo debba poi essere fatta: come è possibile che chi usa .NET non sia consapevole di ciò che sta materialmente usando e quali siano le sue differenze con la piattaforma nativa su cui lo stesso .NET si basa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Utenti malinconici

      Delphi conta più o meno 12 milioni di utenti, in
      giro per il mondo, peraltro più concentrati in
      Europa che negli
      USA.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      Brutti, inutili e obsoleti? Si dovrebbe
      scaricare, installare e utilizzare un software
      prima di poterlo criticare in modo tecnico e
      serio.Non ho tempo da perdere per provare tutto quello che si trova in giro
    • Anonimo scrive:
      Re: Utenti malinconici
      Continuo a trovare in giro fior di utilities ben fatte sviluppate con strumenti Borland, guarda un po'...
  • Anonimo scrive:
    I SOLITI TRUCCHI PER SPILLARE SOLDI
    NE ABBIAMO ABBASTANZA DI QUESTI VENDITORI DI SOFTWARE ALLA BORLAND O ALLA REDMOND, HO COME LA SENSAZIONE CHE ANCORA QUALCUNO NON HA CAPITO O NON VUOLE CAPIRE CHE NON SIAMO PIU' DISPOSTI A PAGARE PER NESSUN SOFTWARE, L'INFORMATICA FA PARTE DEL SAPERE UMANO E TUTTO QUELLO CHE NE ESCE FUORI DEVE STARE LONTANO DALLO STRAMALEDETTISSIMO DENARO OCCIDENTALEFORTUNA O DISGRAZIA PER VOI, UNA NUOVA EPOCA SI AVVICINA E UNA LUCE NUOVA SI DISTINGUE ALL'ORIZZONTE, LINUX E L'OPEN SOURCE ILLUMINERANNO IL CIELO DA EST A OVEST. LA CAPITALISTICA CULTURA OCCIDENTALE, PREZZOLATA E PROSTITUITA AL PROFITTO, SPROFONDERA' NEGLI ABISSI DI SATANA.GUARDATEVI INTORNOVIVA LINUX VIVA L'OPEN SOURCE(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: I soliti trucchi per spillare soldi
      Ho come l'impressione che l'enfatico scrittore del post non abbia ben capito cosa significa Open Source e quali siano le ideologie da esso perseguite ma lo confonda con il significato della parola "gratuito" nell'accezione di "senza costo". Desidero far notare che, in base alla licenza GPL, anche Linux, un domani, potrebbe diventare a pagamento (come ha già fatto Red Hat) e questo non costituirebbe una violazione alle ideologie Open Source. Così come, anche il nostro urlante scrittore, potrebbe, a sua discrezione, richiedere 50 euro ad un suo amico per dargli un CD contenente una Slackware o una Debian, senza incorrere in "infrazioni".
    • Athlon64 scrive:
      Re: I SOLITI TRUCCHI PER SPILLARE SOLDI
      A parte che non hai poche idee e molto confuse sull'open source e sul free software, come pensi che possa andare avanti il mondo dell'informatica se fosse tutto gratis? I programmatori di cosa vivrebbero? Di donazioni PayPal forse? O forse dovrebbero fare un altro lavoro e programmare solo come hobby nel tempo libero?O sei un troll, o sei un povero ingenuotto...
  • The Raptus scrive:
    Differenze con C++ Builder?
    .. Non saranno ASSOLUTAMENTE la stessa cosa, peccato perchè sviluppo con Builder dalla versione 1 !!Qualcuno sa la differenza?
    • Alka scrive:
      Re: Differenze con C++ Builder?

      .. Non saranno ASSOLUTAMENTE la stessa cosa,
      peccato perchè sviluppo con Builder dalla
      versione 1

      Qualcuno sa la differenza?Qual è la versione attuale che utilizzi?Prendi l'ultima versione di BDS Pro, la consideri solamente riferita al linguaggio C++ e ottieni Turbo C++ . ;)Per ulteriori approfondimenti, leggi la "feature matrix" di BDS sul sito Borland (o altre recensioni, ne ho scritte pure io) e considera quanto riportato nella colonna "Professional", applicabile a C++.
  • vista2007 scrive:
    Visual Studio Express Edition
    anche lui gratuito e nettamente superiorehttp://www.microsoft.com/italy/msdn/prodotti/vs2005/editions/stdexp.mspxVisual Studio 2005http://www.microsoft.com/italy/msdn/prodotti/vs2005/default.mspx
    • VITRIOL scrive:
      Re: Visual Studio Express Edition

      anche lui gratuito e nettamente superiore

      http://www.microsoft.com/italy/msdn/prodotti/vs200Non se vuoi continuare a programmare Win32.Io tengo VS Express per .NET, ma mi sono intallato con piacere Turbo Delphi per Win32.
    • Alka scrive:
      Re: Visual Studio Express Edition
      - Scritto da: vista2007
      anche lui gratuito e nettamente superioreE' semplicemente diverso.Sviluppa RAD con Visual Studio Express per la piattaforma nativa, se ci riesci. ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Visual Studio Express Edition


        anche lui gratuito e nettamente superiore

        E' semplicemente diverso.

        Sviluppa RAD con Visual Studio Express per la
        piattaforma nativa, se ci riesci.
        ;)Dov'è il problema? Lo faccio regolarmente con la versione C++
        • Alka scrive:
          Re: Visual Studio Express Edition
          - Scritto da:
          Dov'è il problema? Lo faccio regolarmente con la
          versione C++Ripeto: sviluppa RAD .
          • Anonimo scrive:
            Re: Visual Studio Express Edition


            Dov'è il problema? Lo faccio regolarmente con la

            versione C++

            Ripeto: sviluppa RAD .Ripeto dov'è il problema?
          • Anonimo scrive:
            Re: Visual Studio Express Edition

            Esiste anche C++/CLI, che è gestito .NET. Visuale
            ovviamente.Lascia perdere questo non capisce proprio!!
          • Alka scrive:
            Re: Visual Studio Express Edition

            Lascia perdere questo non capisce proprio!!Non hai ancora risposto, quindi è normale non capire. :)
          • Alka scrive:
            Re: Visual Studio Express Edition

            Esiste anche C++/CLI, che è gestito .NET. Visuale
            ovviamente..NET, ovviamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Visual Studio Express Edition


            Esiste anche C++/CLI, che è gestito .NET.
            Visuale

            ovviamente.

            .NET, ovviamente.... YES bravissimo
          • Anonimo scrive:
            Re: Visual Studio Express Edition
            - Scritto da:


            Esiste anche C++/CLI, che è gestito .NET.

            Visuale


            ovviamente.



            .NET, ovviamente.
            ... YES bravissimoe lui ha detto PER LA PIATTAFORMA NATIVAbravissimo
      • Anonimo scrive:
        Re: Visual Studio Express Edition
        - Scritto da: Alka
        - Scritto da: vista2007

        anche lui gratuito e nettamente superiore

        E' semplicemente diverso.

        Sviluppa RAD con Visual Studio Express per la
        piattaforma nativa, se ci riesci.
        ;)intendi questo? http://en.wikipedia.org/wiki/Rapid_application_development
  • Anonimo scrive:
    Ottima scelta
    Veramente...Sembra che, dopotutto, dopo gli sbandamenti degli ultimi anni, sia rimasto un po' di sale in zucca anche a loro... speriamo continuino su questa strada e ridiventino un'alternativa seria per noi programmatori.Ora... se solo riprendessero in mano Kylix... Wakko
  • mda scrive:
    Idea
    la Borland è stata fregata spesso e volentieri dalla Microsoft. Perchè chi scrive l' OS è in vantaggio quando scrive un compilatore. Spesso giocando "sporco".Perchè la Borland non crea una distribuzione Linux ???Possiede i tecnici, la conoscenza, la distribuzione commerciale ... Inoltre sarebbe un ottima pubblicità !"BLinux, il Linux della Borland compilato in Turbo Borland !!! "Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Idea
      - Scritto da: mda

      la Borland è stata fregata spesso e volentieri
      dalla Microsoft. Perchè chi scrive l' OS è in
      vantaggio quando scrive un compilatore. Spesso
      giocando
      "sporco".peccato che la borland che era ( parlo quella dei vari turbo e prime versioni di delphi) aveva dei compilatori che MS neanche lontavanamte aveva.
      Perchè la Borland non crea una distribuzione
      Linux
      ???A cose servirebbe una distribuzione in piu' ?
      Possiede i tecnici, la conoscenza, la
      distribuzione commerciale ... Inoltre sarebbe
      un ottima pubblicitàAnche Corel aveva una base simile......
      "BLinux, il Linux della Borland compilato in
      Turbo Borland !!!"Come compili Linux e' l'ultimo dei suoi problemi....
      • mda scrive:
        Re: Idea
        - Scritto da:

        - Scritto da: mda



        la Borland è stata fregata spesso e volentieri

        dalla Microsoft. Perchè chi scrive l' OS è in

        vantaggio quando scrive un compilatore. Spesso

        giocando

        "sporco".

        peccato che la borland che era ( parlo quella dei
        vari turbo e prime versioni di delphi) aveva dei
        compilatori che MS neanche lontavanamte
        aveva.APPUNTO !


        Perchè la Borland non crea una distribuzione

        Linux

        ???

        A cose servirebbe una distribuzione in piu' ?Lo spiego sotto, comunque le distribuzioni sono un ottimo affare !Comunque può rimarchiare una distribuzione esistente come fece la Novell.


        Possiede i tecnici, la conoscenza, la

        distribuzione commerciale ... Inoltre sarebbe

        un ottima pubblicità

        Anche Corel aveva una base simile......La Corel distribuiva Linux ?


        "BLinux, il Linux della Borland compilato in

        Turbo Borland !!!"

        Come compili Linux e' l'ultimo dei suoi
        problemi....
        Altri problemi Linux ? Più veloce di Windows (Vista compreso, vedi test), super sicuro (lo dicono socetà di sicurezza), facilissimo (conosco bambini che lo usano), economico .. Quali problemi, specificare ...Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Idea
      - Scritto da: mda

      la Borland è stata fregata spesso e volentieri
      dalla Microsoft. Perchè chi scrive l' OS è in
      vantaggio quando scrive un compilatore. Spesso
      giocando
      "sporco".

      Perchè la Borland non crea una distribuzione
      Linux
      ???

      Possiede i tecnici, la conoscenza, la
      distribuzione commerciale ... Inoltre sarebbe un
      ottima pubblicità
      !

      "BLinux, il Linux della Borland compilato in
      Turbo Borland !!!
      "

      Ciaocaspita se siete fissati co sto linuxma volete proprio far fallire tutti? :'(
  • Anonimo scrive:
    E' mai possibile che le discussioni....
    E' mai possibile che le discussioni su di una notizia così, direi, per "addetti ai lavori" che erano tutte iniziate bene, anche con interessanti spunti e scambi di opinioni, vengano SEMPRE rovinate dai soliti trollazzi di turno, che se ne escono con pure provocazioniesempio:http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1633165&id=1632192&r=PIma ve ne sono a decine, solo su questa notizia...pure wikipediahttp://it.wikipedia.org/wiki/Punto_informaticoaccenna al problema...(amiga)
    • lalla63 scrive:
      Re: E' mai possibile che le discussioni.
      STRAQUOTO !!!!!sarebbe ora che a PI facessero qualcosa per arginare questo fenomeno (moderatore e policy più severe, notizie "specializzate" con obbligo di registrazione per il forum, ad esempio)- Scritto da:
      E' mai possibile che le discussioni su di una
      notizia così, direi, per "addetti ai
      lavori" che erano tutte iniziate bene, anche
      con interessanti spunti e scambi di opinioni,
      vengano

      SEMPRE

      rovinate dai soliti trollazzi di turno, che se ne
      escono con pure
      provocazioni
      esempio:
      http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1633165&i
      ma ve ne sono a decine, solo su questa notizia...

      pure wikipedia
      http://it.wikipedia.org/wiki/Punto_informatico
      accenna al problema...

      (amiga)
      • Anonimo scrive:
        Re: E' mai possibile che le discussioni.
        - Scritto da: lalla63

        STRAQUOTO !!!!!
        sarebbe ora che a PI facessero qualcosa per
        arginare questo fenomeno (moderatore e policy più
        severe,perderebbero mezza utenza dei forum.la cosa potrebbe essere positiva o negativa.quello che è sicuro è che una caratteristica di visione "libera" sparirebbe.a mio avviso PI trasuda LIBERTA'. Con tutto ciò che questo comporta (cit." il gigante di Ferro ") , naturalmente.Ricordo inoltre che PI e la sua policy "di manica larga" esistono da prima che tu esista come suo lettore.Se non ti sta bene te ne vai, come - se dovessero cambiare policy - se ne andrebbero coloro ai quali il cambiamento non sta bene.internet è bella perchè non c'è SPAZIO, non c'è TERRA. L'esilio, l'esodo, la fuga, la scelta di un altro luogo è sempre possibile.Se non stai bene in una città, stato, continente, comunque la terra ha una area definita.Internet no.
        notizie "specializzate" ma per favore, se vuoi un altro giornale, leggi un altro giornale!
        con obbligo di
        registrazione per il forum, ad
        esempio)io sono tanto contrario quanto tu sei a favore.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' mai possibile che le discussioni.

      SEMPRE

      rovinate dai soliti trollazzi di turno, che se ne
      escono con pure
      provocazioni
      esempio:
      http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1633165&i
      ma ve ne sono a decine, solo su questa notizia...
      Provocazioni a cui tu non sai rispondere, e quindi automaticamente vanno censurate!Ma hai studiato democrazia in cina? :@O il vecchio detto di Ford "Puoi scegliere la macchina del colore che vuoi purchè sia nero"ti sta a pennello (soprattutto per il colore)?
      • mda scrive:
        democrazia in cina?
        - Scritto da:

        SEMPRE



        rovinate dai soliti trollazzi di turno, che se
        ne

        escono con pure

        provocazioni

        esempio:


        http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1633165&i

        ma ve ne sono a decine, solo su questa
        notizia...


        Provocazioni a cui tu non sai rispondere, e
        quindi automaticamente vanno
        censurate!
        Ma hai studiato democrazia in cina? :@
        O il vecchio detto di Ford "Puoi scegliere la
        macchina del colore che vuoi purchè sia
        nero"
        ti sta a pennello (soprattutto per il colore)?Giustissimo ! Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: E' mai possibile che le discussioni.
        - Scritto da:

        SEMPRE



        rovinate dai soliti trollazzi di turno, che se
        ne

        escono con pure

        provocazioni

        esempio:


        http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1633165&i

        ma ve ne sono a decine, solo su questa
        notizia...


        Provocazioni a cui tu non sai rispondere, e
        quindi automaticamente vanno
        censurate!PROVOCAZIONI A CUI NON SO RISPONDERE?http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1633329&id=1632192&r=PIin più quel coglione (la cassazione ha confermato che si può dire) NON ha portato NULLA alla discussione;Probabilmante non sa nemmeno di che si parla.
        Ma hai studiato democrazia in cina? :@
        O il vecchio detto di Ford "Puoi scegliere la
        macchina del colore che vuoi purchè sia
        nero"
        ti sta a pennello (soprattutto per il colore)?MA VAI A FARTI FOTTERE, FASCISTA.(e censuratemi pure, tanto si è capito il gioco di PI... tanti troll=tanta pubblicita)
        • Anonimo scrive:
          Re: E' mai possibile che le discussioni.


          Ma hai studiato democrazia in cina? :@

          O il vecchio detto di Ford "Puoi scegliere la

          macchina del colore che vuoi purchè sia

          nero"

          ti sta a pennello (soprattutto per il colore)?

          MA VAI A FARTI FOTTERE, FASCISTA.Forse ti stai confondendo, il colore nero (quello dei fascisti) era riferito a quelli (come te)che vogliono censurare tutte le idee diverse dalle proprie, se la cosa ti offende che ci posso fare...Adesso torna pure a rinnovare la tessera del PNF :D
          • Anonimo scrive:
            Re: E' mai possibile che le discussioni.
            bla bla bla
          • Anonimo scrive:
            Re: E' mai possibile che le discussioni.

            bla bla blaPNF?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' mai possibile che le discussioni.
            (troll2)fottiti,hai solo rovinato discussioni serie.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' mai possibile che le discussioni.

            fottiti,
            hai solo rovinato discussioni serie.Non puoi appellarti alla facoltà di non rispondere (o di scrivere se preferisci) e piantarla con questi atteggiamenti fascistoidi?Pensa alla salute :@
          • Anonimo scrive:
            Re: E' mai possibile che le discussioni.

            fottiti,
            hai solo rovinato discussioni serie.Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire...
          • Anonimo scrive:
            Re: E' mai possibile che le discussioni.

            bla bla blaLui dà del fascista e tu censuri me?Stessa scuola di pensiero per caso?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' mai possibile che le discussioni.
            - Scritto da:

            bla bla bla
            Lui dà del fascista e tu censuri me?
            Stessa scuola di pensiero per caso?essere della stessa scuola di un fascista comunque non è gran bello.almeno per ora si può ancora dire.quando sarà bello... allora sarà molto brutta.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' mai possibile che le discussioni.

      E' mai possibile che le discussioni su di una
      notizia così, direi, per "addetti ai
      lavori" che erano tutte iniziate bene, anche
      con interessanti spunti e scambi di opinioni,
      vengano

      SEMPRE

      rovinate dai soliti trollazzi di turno, che se ne
      escono con pure
      provocazioni
      esempio:
      http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1633165&i
      ma ve ne sono a decine, solo su questa notizia...Oh scusa, siamo una squadra serissimi :D
    • Anonimo scrive:
      Re: E' mai possibile che le discussioni.
      Hai presente slashdot? Ecco.E' una battaglia persa.Purtroppo.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' mai possibile che le discussioni.

        Hai presente slashdot? Ecco.

        E' una battaglia persa.
        Purtroppo.Già meglio la cina la non si perde tempo in discussioni inutili!
        • Anonimo scrive:
          Re: E' mai possibile che le discussioni.
          Se pensi che la libertà di parola consista nella libertà di dire cazzate in libertà sull'informatica, sei molto ingenuo. Non credo che in Cina siano preoccupati dai troll, è ben altro che gli da fastido....
          • Anonimo scrive:
            Re: E' mai possibile che le discussioni.

            Se pensi che la libertà di parola consista nella
            libertà di dire cazzate in libertà
            sull'informatica, sei molto ingenuo. Non credo
            che in Cina siano preoccupati dai troll, è ben
            altro che gli da
            fastido....No penso che la libertà di parola sia... la libertà di parola.Se non ti interessa quello che scrivo non leggerlo, se no vai pure a giocare in cina :Dtroverai tanti che non pensano esattamente come te!
  • Anonimo scrive:
    non vanno i link
    da qua al momento non si riesce a scaricare http://www.borland.com/downloads/download_turbo.html:(
  • Anonimo scrive:
    Borland? No, DevCo
    Nell'articolo si parla che Borland abbia rilasciato i nuovi Turbo, peccato che il lavoro è stato effettuato dalla Borland Developer Tools Group ("Devco"). E' la divisione della Borland che si occupa degli IDE ed è ancora in vendita.
    • Alka scrive:
      Re: Borland? No, DevCo

      Nell'articolo si parla che Borland abbia
      rilasciato i nuovi Turbo, peccato che il lavoro è
      stato effettuato dalla Borland Developer Tools
      Group ("Devco"). E' la divisione della Borland
      che si occupa degli IDE ed è ancora in
      vendita.Infatti ci sono delle imprecisioni.Ne ho segnalate alcune in un apposito thread dal titolo rappresentativo. :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Imprecisioni sulla vendita degli IDE
    - Scritto da: Alka
    A dire la verità, la "rivelazione della vendita"Beh, non è proprio cosi', dai... In realtà all'inizio Borland ha cercato dei compratori esterni, a cui avrebbe venduto in blocco il proprio business degli IDE, ma non li ha trovati, o cmq ha ricevuto offerte poco interessanti. Cosi' è passata al piano B, ossia creare una spin-off e rendere gratuite le edizioni base.Chiaro che loro non ti diranno mai di averci provato ;-)
    • Alka scrive:
      Re: Imprecisioni sulla vendita degli IDE
      - Scritto da:
      Beh, non è proprio cosi', dai... [...]Fonti da citare?
      all'inizio Borland ha cercato dei compratori
      esterni, a cui avrebbe venduto in blocco il
      proprio business degli IDE, ma non li ha trovati,
      o cmq ha ricevuto offerte poco interessanti.
      Cosi' è passata al piano B, ossia creare una
      spin-off e rendere gratuite le edizioni
      base.Da quanto l'operazione è iniziata, il "business plan" era già dichiarato, come dimostra il comunicato stampa rilasciato all'alba dei tempi:http://bdn.borland.com/article/0,1410,33439,00.html
      Chiaro che loro non ti diranno mai di averci
      provato ;-)Tu non puoi sapere come sia effettivamente andata, quindi mi fido più dei comunicati stampa, oltre al fatto che seguendo tutta la storia vi sono molte più prove a favore di questo procedimento rispetto a quello che hai descritto tu. :)
  • Anonimo scrive:
    Troppo tardi
    Credo che Borland si sia mossa troppo tardi in questo campo . E' evidentemente un gesto disperato quello di rilasciare una linea di prodotti free quando in questo segmento la fa da padrona MS con altri progetti open come MinGW Studio per C/C++ e FP sotto Lazarus per quanto riguarda il Pascal . E poi il massimo della disperazione è vedere Borland che ti chiede di installare il carrozzone delle .NET . Ritorno triste :( .
  • xWolverinex scrive:
    Re: Fatemi capire: i componenti...
    Non credo.In fondo per un uso "didattico" dello strumento i componenti base vanno piu' che bene (poi quasi probabilmente ci saranno anche dei componenti "advanced" ma con funzionalita' limitate per "invogliare".In fondo il valore didattico di questi strumenti non e' nella griglia fantascentifica che ti fa' anche le fritture miste di pesce ma e' nello scrivere il codice che ti porti alla soluzione del problema. Allora meglio usare il turboc++ o il turbodelphi che il visualbasic per avere una idea della programmazione "event driven".
    • Anonimo scrive:
      Re: Fatemi capire: i componenti...
      si ma...senza Jedi e GLscene...con cosa lavoro?mi ricreo tutti i componenti a mano?è un peccato, potevano ,chesso, mettere una limitazione al numero di componenti, o al tipo...ma così non me ne faccio niente...(ad esempio: jedi ha un bel componente per la gestione di XML, a confronto quello nativo di delphi fa proprio cacare...senza quello...è veramente arduo gestire file xml complessi e articolati...)uffa :(:'(
      • Anonimo scrive:
        Re: Fatemi capire: i componenti...

        si ma...
        senza Jedi e GLscene...
        con cosa lavoro?
        mi ricreo tutti i componenti a mano?Così magari impari qualcosa :DBella la pappa pronta, ma quando non c'è? :@
        • Anonimo scrive:
          TROLL -please rimuovere-
          - Scritto da:

          si ma...

          senza Jedi e GLscene...

          con cosa lavoro?

          mi ricreo tutti i componenti a mano?
          Così magari impari qualcosa :D
          Bella la pappa pronta, ma quando non c'è? :@si ciao.(troll2)
          • Anonimo scrive:
            Re: TROLL -please rimuovere-



            mi ricreo tutti i componenti a mano?

            Così magari impari qualcosa :D

            Bella la pappa pronta, ma quando non c'è? :@

            si ciao.Brucia la verità? :DQuanti di voi "cliccatori di componenti" perchè i programmatori sono un'altra cosa, è in grado di riscriversi almeno UNO dei componenti che usa? :@
          • Anonimo scrive:
            Re: TROLL -please rimuovere-
            ma perchè tornare a re-inventare la ruota?spreco di tempo e denaro... e soprattutto risorse
          • Anonimo scrive:
            TROLL -please rimuovere- TROLL
            - Scritto da:
            ma perchè tornare a re-inventare la ruota?
            spreco di tempo e denaro... e soprattutto risorseesatto.in più, ti metteresti tu a riscrivere pappardelle come queste:http://glscene.cvs.sourceforge.net/glscene/Source/GLScene.pas?revision=1.244&view=markup&sortby=dateohttp://glscene.cvs.sourceforge.net/glscene/Source/GLVectorFileObjects.pas?revision=1.174.2.8&view=markup&sortby=datein fondo, sono appena 7-8000 linee...dai su, non spariamo xaxxate inutili, che questo forum ne è già pieno.
          • Anonimo scrive:
            Re: TROLL -please rimuovere-

            ma perchè tornare a re-inventare la ruota?
            spreco di tempo e denaro... e soprattutto risorseLa stessa cosa che mi chiedo guardando sourceforge; ma questo non scoraggia la gente dal continuare a:1 rifare sempre le stesse applicazioni (sindrome del not invented here).goto 1P.S. per renderti conto di quanta sia la diffusione del pascal, guardati l'elenco dei progetti diviso per linguaggi.. auguri ;)
      • xWolverinex scrive:
        Re: Fatemi capire: i componenti...
        Ehm scusa la franchezza ma uno che deve imparare a programmare con xml ci fa' una sega... :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Fatemi capire: i componenti...
          - Scritto da: xWolverinex
          Ehm scusa la franchezza ma uno che deve imparare
          a programmare con xml ci fa' una sega...
          :Dxml lo uso come struttura dei file di salvataggio...si potrebbe usare un ini o un file tipizzato, lo so...ma con xml il file è più leggibile...xml l'ho anche usato come layer per un protocollo (skifoso) ad alto livello per la comunicazione tra due programmi...insomma, siete programmatori! sapete che una cosa può essere usata anche per cose che non erano previste, no? ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Fatemi capire: i componenti...


            Ehm scusa la franchezza ma uno che deve imparare

            a programmare con xml ci fa' una sega...

            :DGià, programmare != da bottoni colorati, quelli sono i LEGO (gli inventori dei componenti) ;)

            xml lo uso come struttura dei file di
            salvataggio...
            si potrebbe usare un ini o un file tipizzato, lo
            so...
            ma con xml il file è più leggibile...

            xml l'ho anche usato come layer per un protocollo
            (skifoso) ad alto livello per la comunicazione
            tra due
            programmi...A parte la k in schifoso ti sei già risposto :D
          • Anonimo scrive:
            !ENNESIMO TROLL-ELIMINARE GRAZIE!
            - Scritto da:


            Ehm scusa la franchezza ma uno che deve
            imparare


            a programmare con xml ci fa' una sega...


            :D

            Già, programmare != da bottoni colorati, quelli
            sono i LEGO (gli inventori dei componenti)
            ;)




            xml lo uso come struttura dei file di

            salvataggio...

            si potrebbe usare un ini o un file tipizzato, lo

            so...

            ma con xml il file è più leggibile...



            xml l'ho anche usato come layer per un
            protocollo

            (skifoso) ad alto livello per la comunicazione

            tra due

            programmi...
            A parte la k in schifoso ti sei già risposto :Dma cosa ridi? mi hai rotto le palle trollazzo del pene!non è possibile ci sia sempre quello che deve rompere le scatole ogni volta.e basta!
  • Anonimo scrive:
    Nuove generazioni
    "Persino un principiante, che non ha mai scritto una linea di codice, troverà le edizioni Turbo estremamente facili da usare"...e continuerà a NON saper scrivere una riga di codice, ma crederà di esser diventato un PROGRAMMATORE! :DSmith & Wesson: The original Point and Click interface
    • Anonimo scrive:
      Re: Nuove generazioni

      "Persino un principiante, che non ha mai scritto
      una linea di codice, troverà le edizioni Turbo
      estremamente facili da
      usare"
      ...e continuerà a NON saper scrivere una riga di
      codice, ma crederà di esser diventato un
      PROGRAMMATORE!
      :D

      Smith & Wesson: The original Point and Click
      interfaceGià mi ricordano i libri della serie programmatore in 21 giorni, chi razzo si farebbe operare da un "chirurgo in 21 giorni"? :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Nuove generazioni
        Voi si che siete due programmatori arrivati!Gente sveglia, saper scrivere del buon codice oramai non serve più a nulla.Ci vogliono le idee ed anche un programmatore in erba se ha buone idee può sfondare!
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove generazioni
          Certamente che può sfondare !ma non come programmatore, magari come manager
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni

            Certamente che può sfondare !
            ma non come programmatore, magari come managerO come creatore di post inutili ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni
            Sfondare = + soldi.Mai visto un programmatore ricco.Sigh....
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni
            - Scritto da:
            Sfondare = + soldi.
            Mai visto un programmatore ricco.
            Sigh....ma non ho mai nemmeno visto un vero programmatore povero
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni

            Sfondare = + soldi.
            Mai visto un programmatore ricco.
            Sigh....Se non erro lo zio Bill ha iniziato come programmatore...
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni
            - Scritto da:

            Sfondare = + soldi.

            Mai visto un programmatore ricco.

            Sigh....
            Se non erro lo zio Bill ha iniziato come
            programmatore...Esatto: poi per farsi i soldi e' diventato imprenditore.
      • Alka scrive:
        Re: Nuove generazioni
        - Scritto da:
        Già mi ricordano i libri della serie
        programmatore in 21 giorni, chi razzo si farebbe
        operare da un "chirurgo in 21 giorni"?Benché siano processi assimilabili a "metodi scientifici", non puoi paragonare un chirurgo ad un programmatore in termini di complessità e delicatezza del compito.Certo, nessuno si fa operare da un "chirurgo in 21 giorni", ma non vi sono percorsi di istruzione relativi alla programmazione che durino quanto quelli di un chirurgo.Quindi, il paragone è impari e pertanto poco calzante.
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove generazioni


          Già mi ricordano i libri della serie

          programmatore in 21 giorni, chi razzo si farebbe

          operare da un "chirurgo in 21 giorni"?

          Benché siano processi assimilabili a "metodi
          scientifici", non puoi paragonare un chirurgo ad
          un programmatore in termini di complessità e
          delicatezza del
          compito.Beh tra una tonsillectomia e la scrittura di un'applicazione complessa tipo gimp o audacity o mplayer... i primi che mi vengono in mente non credo passi poi tanta differenza in termini di abilità richieste!
          Certo, nessuno si fa operare da un "chirurgo in
          21 giorni", ma non vi sono percorsi di istruzione
          relativi alla programmazione che durino quanto
          quelli di un
          chirurgo.No? I corsi di laurea in ingegneria informatica cosa sono perdite di tempo? :@

          Quindi, il paragone è impari e pertanto poco
          calzante.NO, ci sono programmatori alla base di cose che possono fallire e uccidere esattamente e forse di più di un chirurgo, pensa per esempio al'ABS o alla gestione di una macchina ospedaliera...
          • Alka scrive:
            Re: Nuove generazioni

            Stai sostenedo la mia tesi alla fine [...]No, tu non comprendi quanto dico.Le conoscenze scientifiche per affrontare un problema sono un aspetto, la programmazione è un altro, tant'è che capita sovente che le due attività siano gestite da persone differenti.In ogni caso, il punto della questione - dal quale si è deviato con queste precisazioni a mio avviso inutili - è un altro: l'uso dello strumento per ottenere uno scopo, in termini di programmazione, esula dal grado di conoscenze.Tant'è che Delphi (lo prendo ad esempio perché lo conosco bene, non per altro) viene usato per la produzione di parecchi software commerciali e non, usati globalmente.Pochi sanno che Skype è realizzato con Delphi: estraniandomi dai dettami della sua implementazione, questo significa che l'uso di un prodotto specifico non pregiudica l'intelligenza, la conoscenza, il grado di libertà e le possibilità ottenibili con un prodotto specifico, Delphi in questo caso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni


            Stai sostenedo la mia tesi alla fine [...]

            No, tu non comprendi quanto dico.Mi sa che è un dialogo tra sordi...
            In ogni caso, il punto della questione - dal
            quale si è deviato con queste precisazioni a mio
            avviso inutili - è un altro: l'uso dello
            strumento per ottenere uno scopo, in termini di
            programmazione, esula dal grado di
            conoscenze.Già infatti per usare la macchina (lo strumento) non mi serve la patente (la conoscenza) magari adesso mi capisci...
            Pochi sanno che Skype è realizzato con Delphi:Motivo in più per NON usarlo :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni
            L'hanno nascosto bene... ma dove sono le icone di spunta e la x .. di ok e annulla?lol
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove generazioni
          Non è poco calzante,la differenza sta nella qualità di programmazione.. e ovvio che un programmatore di siti web e gestionali non sarà mai ricco come uno di videogames..Bisogna saper anche scegliere il target della programmazione, non è facile..potrei farti un sacco di esempi.. ma.. penso di essere stato chiaro!
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni

            Non è poco calzante,
            la differenza sta nella qualità di
            programmazione.. e ovvio che un programmatore di
            siti web e gestionali non sarà mai ricco come uno
            di
            videogames..

            Bisogna saper anche scegliere il target della
            programmazione, non è
            facile..

            potrei farti un sacco di esempi.. ma.. penso di
            essere stato
            chiaro!Tanto è inutile alka capisce solo quello che vuol capire ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Nuove generazioni
      - Scritto da:
      Se avessi dovuto partire fin da subito con il
      dover imparare il linguaggio in sè più tutte le
      dichiarazioni a manina dei frame, ID vari, panel,
      child, import, init, resource file...non so come
      sarebbe
      finita.Sarebbe finita che programmare non vuol dire disegnare interfacce.Il programmatore scrive il codice, il disegnatore di interfacce disegna le finestre e i pulsanti.Talvolta le due figure coincidono.Ma i tool Turbo non facilitano la programmazione: facilitano il disegno di interfacce.Dietro il click del pulsante c'e' del codice.Se quel codice e' scritto male, il programma non funzionera' bene, anche se l'interfaccia e' bella colorata coi pulsanti che cambiano colore quando il mouse ci passa sopra.Esattamente come il sistema operativo su cui dovrebbe girare il tutto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nuove generazioni


        Se avessi dovuto partire fin da subito con il

        dover imparare il linguaggio in sè più tutte le

        dichiarazioni a manina dei frame, ID vari,
        panel,

        child, import, init, resource file...non so come

        sarebbe

        finita.O forse avresti imparato a programmare ;)

        Sarebbe finita che programmare non vuol dire
        disegnare
        interfacce.

        Il programmatore scrive il codice, il disegnatore
        di interfacce disegna le finestre e i
        pulsanti.

        Talvolta le due figure coincidono.

        Ma i tool Turbo non facilitano la programmazione:
        facilitano il disegno di
        interfacce.

        Dietro il click del pulsante c'e' del codice.
        Se quel codice e' scritto male, il programma non
        funzionera' bene, anche se l'interfaccia e' bella
        colorata coi pulsanti che cambiano colore quando
        il mouse ci passa
        sopra.
        Mi hai rubato le parole di bocca!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Nuove generazioni


        Refactoring == mancanza di progettazione.

        Prova ad applicare la parola refactoring ad una

        Sei ignorante, studia un po' di più invece di
        fare
        figuracce.Ignorante è chi non sa PROGETTARE un'applicazione e inventa una teoria chiamata refactoring per giustificare la SUA (non mia) incapacità! :DPensa se il progettista della tua casa venisse a dirti che per una piccola svista sul calcolo delle fondamenta devono buttarla giù e rifarla!A zappare altro che refactoring! :@
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove generazioni
          - Scritto da:


          Refactoring == mancanza di progettazione.


          Prova ad applicare la parola refactoring ad
          una



          Sei ignorante, studia un po' di più invece di

          fare

          figuracce.
          Ignorante è chi non sa PROGETTARE un'applicazione
          e inventa una teoria chiamata refactoring per
          giustificare la SUA (non mia) incapacità!
          :D
          Pensa se il progettista della tua casa venisse a
          dirti che per una piccola svista sul calcolo
          delle fondamenta devono buttarla giù e
          rifarla!
          A zappare altro che refactoring! :@Vabbè, allora, visto che sei troppo ignorante, ti do' un'aiutino al fine di elevare le tue infime conoscenze di informatica: prova a googlare con "extreme programming".
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni

            Vabbè, allora, visto che sei troppo ignorante, ti
            do' un'aiutino al fine di elevare le tue infime
            conoscenze di informatica: prova a googlare con
            "extreme
            programming".Te ne do uno io di aiutino: cerca Kernighan Ritchie, se hai delle domande sarò ben lieto di aiutarti! Ho ancora la mia edizione dell'85. :)Poi passa a "programming pearls".Certo che se per programmare intendi scegliere il colore del bottone di download allora lo ammetto :$ non sono quel tipo di "programmatore"
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni
            - Scritto da:

            Vabbè, allora, visto che sei troppo ignorante,
            ti

            do' un'aiutino al fine di elevare le tue infime

            conoscenze di informatica: prova a googlare con

            "extreme

            programming".

            Te ne do uno io di aiutino: cerca Kernighan
            Ritchie, se hai delle domande sarò ben lieto di
            aiutarti! Ho ancora la mia edizione dell'85.
            :)
            Poi passa a "programming pearls".
            Certo che se per programmare intendi scegliere il
            colore del bottone di download allora lo ammetto
            :$ non sono quel tipo di
            "programmatore"Di libri te ne indico pure io uno: Ian Sommerville - Software EngineeringProva a cercare dove viene usato il termine refactoring e i motivi per cui viene fatto, che sparli senza sapere.
        • Alka scrive:
          Re: Nuove generazioni
          - Scritto da:
          Pensa se il progettista della tua casa venisse a
          dirti che per una piccola svista sul calcolo
          delle fondamenta devono buttarla giù e
          rifarla!
          A zappare altro che refactoring! :@Questo NON è Refactoring.Prima di denigrare qualcosa o parlarne a riguardo, dovresti documentarti.Ciao! ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni

            Questo NON è Refactoring.

            Prima di denigrare qualcosa o parlarne a
            riguardo, dovresti
            documentarti.Allora per favore spiegamelo tu, te ne sarei molto grato!
          • Alka scrive:
            Re: Nuove generazioni
            - Scritto da:
            Allora per favore spiegamelo tu, te ne sarei
            molto grato!Non ho tutto il tempo libero dei troll... ;)Usa Google... :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni


            Allora per favore spiegamelo tu, te ne sarei

            molto grato!

            Non ho tutto il tempo libero dei troll... ;)

            Usa Google... :)Oppure sei uno di quelli che nasconde la propria ignoranza dietro paroloni vuoti come: refactoring, troll, etc etc... ;)
          • Alka scrive:
            Re: Nuove generazioni
            - Scritto da:
            Oppure sei uno di quelli che nasconde la propria
            ignoranza dietro paroloni vuoti come:
            refactoring, troll, etc etc... :-o
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni


            Oppure sei uno di quelli che nasconde la propria

            ignoranza dietro paroloni vuoti come:

            refactoring, troll, etc etc...CVD
          • Athlon64 scrive:
            Re: Nuove generazioni

            CVDCVD sei tu l'ignorante, e mi meraviglio che Alka abbia perso tutto questo tempo con te... e dire che ti hanno anche consigliato di andarti a vedere l'extreme programming, un paradigma di programmazione (che peraltro non condivido) dove il refactoring è parte essenziale del ciclo di progettazione e sviluppo.Tu invece ti credi tanto avanzato perché conosci (forse) il vecchio metodo di analisi-implementazione di tipo "top-down" che si è dimostrato miseramente inadeguato alle esigenze dell'ingegneria informatica...
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni


            CVD

            CVD sei tu l'ignorante, e mi meraviglio che Alka
            abbia perso tutto questo tempo con te...Ah questi bambini che credono di sapere tutto, come vi invidio :@
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni


            Oppure sei uno di quelli che nasconde la propria

            ignoranza dietro paroloni vuoti come:

            refactoring, troll, etc etc...Sto ancora aspettando una spiegazione, se vuoi ti dico cosa ho capito io sul refactoring:1) Commerciale: Ha chiamato il cliente X vuole della supercazzola!2) Software architect: Ci penso io, e inizia a disegnare schizzi simil flowchart che passa al programmatore.3) Programmatore: guarda gli schizzi e inizia a cliccare nella sua fida ide un po' di bottoni a caso, quelli che più assomigliano agli schizzi.4) Commerciale: signor cliente la sua supercazzola è pronta.5) Cliente: forse non avete capito un razzo questa ha lo scappellamento a destra, io volevo l'altra!6) Commerciale: voleva l'altra! Usiamo la parola ma_gg_ica: refactoring e ripartiamo dal punto 2!Sono stato spiegato? :DOppure qualcuno viene incontro alle mie ridotte capacità mentali e mi spiega finalmente sto refactoring. :@Spero per domani di trovare una risposta chiara e non un'altra serie di parole vuote tipiche di chi ha la coda di paglia e le idee un po' confuse.Tarapia tapioco. Prematurata alla supercazzola o scherziamo!
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni
            http://en.wikipedia.org/wiki/Refactoring
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni

            http://en.wikipedia.org/wiki/Refactoring
            Quoto "Refactoring is the process of rewriting a computer program or other material to improve its structure or readability, while explicitly preserving its meaning or behavior."Proprio come dico io! Prova a mettere al posto di "computer program" qualsiasi altro prodotto di ingegneria (es. casa, ponte, macchina) e traine le DOVUTE conclusioni: significa NON avere la più pallida idea di quello che si sta facendo!
          • Alka scrive:
            Re: Nuove generazioni

            Sto ancora aspettando una spiegazione, se vuoi ti
            dico cosa ho capito io sul
            refactoring [...]Penso che ti interessi meno di nulla e che tu stia cercando un semplice pretesto per divertirti, proprio perché informazioni serie, se davvero ti interessassero, potresti cercarle da qualsiasi parte.Mi piacerebbe divertirmi anche io, ma visto che le battute sono noiose e il tempo è un po' tiranno, preferisco dedicarmi ad altro. ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni


            Sto ancora aspettando una spiegazione, se vuoi
            ti

            dico cosa ho capito io sul

            refactoring [...]

            Penso che ti interessi meno di nulla e che tu
            stia cercando un semplice pretesto per
            divertirti, proprio perché informazioni serie, se
            davvero ti interessassero, potresti cercarle da
            qualsiasi
            parte.

            Mi piacerebbe divertirmi anche io, ma visto che
            le battute sono noiose e il tempo è un po'
            tiranno, preferisco dedicarmi ad altro.
            ;)Ok ho capito, non sai un razzo :(
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove generazioni
          EhehMolti andrebbero a zappare... molti...
      • Alka scrive:
        Re: Nuove generazioni

        Refactoring == mancanza di progettazione.Assolutamente no.Leggi qualsiasi libro sul Refactoring e su tecniche di "eXtreme Programming", in cui il Refactoring è parte integrante del processo di progettazione che, comunque, è sempre esistente.
        Certo, ma a mano so (o dovrei sapere) quello che
        sto facendo ;) è la stessa differenza che passa
        tra una cucina ikea e una fatta su misura, una
        costa di più, ma dimmi quale
        preferisci?Non ha alcun senso questo confronto: cosa c'entra la conoscenza di un linguaggio di programmazione con un fornitore di cucine?
        VERISSIMO, ma usare tools che ti nascondono
        quello che succede, non ti aiuta a
        capire!Delphi non nasconde nulla. In ogni caso, sarebbe affermare che qualsiasi documentazione esistente relativa ad un linguaggio, supponiamo C++, nasconde le potenzialità poiché parte da argomenti più semplici nel descriverlo.Se vuoi essere produttivo, Delphi è uno strumento che consente di esserlo; volendo scendere nei dettagli implementativi, a differenza di VB6 ad esempio, è sempre possibile farlo.
        Un passo che nessuno fa, a meno che ci sia
        COSTRETTO, e a quel punto è TROPPO
        TARDI!!Questa è una tua constatazione, ben lontana dalla realtà. Basta osservare le domande di chi affronta problematiche in Delphi per vedere quanto è utile, possibile e pratica comune esaminarne i sorgenti per approfondire questioni tecniche della programmazione in Windows.
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove generazioni


          Certo, ma a mano so (o dovrei sapere) quello che

          sto facendo ;) è la stessa differenza che passa

          tra una cucina ikea e una fatta su misura, una

          costa di più, ma dimmi quale

          preferisci?

          Non ha alcun senso questo confronto: cosa c'entra
          la conoscenza di un linguaggio di programmazione
          con un fornitore di
          cucine?Se non ci arrivi... amen
          Questa è una tua constatazione, ben lontana dalla
          realtà. Basta osservare le domande di chi
          affronta problematiche in Delphi per vedere
          quanto è utile, possibile e pratica comune
          esaminarne i sorgenti per approfondire questioni
          tecniche della programmazione in
          Windows.Si è una constatazione basata sulla mia esperienza: sono circondato da "programmatori" Delphi, ogni volta che devono fare qualcosa cercano il componente già fatto, se non lo trovano (e ne troveranno sempre meno) urlano: NON si può fare. :D
          • Alka scrive:
            Re: Nuove generazioni
            - Scritto da:
            Se non ci arrivi... amenComodo. ;)
            Si è una constatazione basata sulla mia
            esperienza: sono circondato da "programmatori"
            Delphi, ogni volta che devono fare qualcosa
            cercano il componente già fatto, se non lo
            trovano (e ne troveranno sempre meno) urlano: NON
            si può fare.Il tuo problema sta nell'incapacità delle persone che ti circondano: fossero stati esperti di Assembler, non sarebbe cambiato nulla. :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuove generazioni


            Si è una constatazione basata sulla mia

            esperienza: sono circondato da "programmatori"

            Delphi, ogni volta che devono fare qualcosa

            cercano il componente già fatto, se non lo

            trovano (e ne troveranno sempre meno) urlano:
            NON

            si può fare.

            Il tuo problema sta nell'incapacità delle persone
            che ti circondano: fossero stati esperti di
            Assembler, non sarebbe cambiato nulla.
            :)Esperti di questo tipo li trovi solo come manager o come programmatori "visuali"
          • Athlon64 scrive:
            Re: Nuove generazioni

            Se non ci arrivi... amenSei tu che non ci arrivi... amen.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nuove generazioni
      - Scritto da:
      "Persino un principiante, che non ha mai scritto
      una linea di codice, troverà le edizioni Turbo
      estremamente facili da
      usare"
      ...e continuerà a NON saper scrivere una riga di
      codice, ma crederà di esser diventato un
      PROGRAMMATORE!
      :DOvvero i leggendari sparagestionaliVB ... Che basta mettergli in mano un linguaggio di programmazione entrano nel panico!
      • Anonimo scrive:
        Re: Nuove generazioni


        "Persino un principiante, che non ha mai scritto

        una linea di codice, troverà le edizioni Turbo

        estremamente facili da

        usare"

        ...e continuerà a NON saper scrivere una riga di

        codice, ma crederà di esser diventato un

        PROGRAMMATORE!

        :D

        Ovvero i leggendari sparagestionaliVB ... Che
        basta mettergli in mano un linguaggio di
        programmazione entrano nel
        panico!Come tanti "cliccatori" di componenti delphi che girano da ste parti, pronti a sputare "buzzwords" di cui ignorano il significato ma che aumentano il "cool factor" e mascherano la loro ignoranza :D
  • Anonimo scrive:
    Sono per il .net 1.1
    Le versioni gratuite di Microsoft sono per il .net 2.0
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono per il .net 1.1
      A mio personale parere, .Net non dovrebbe esistere, la trovo una tecnologia inutile al mondo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono per il .net 1.1
        La class library essendo organizzata ad oggetti è molto più comoda da utilizzare e ricordare delle API Win32
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono per il .net 1.1
        - Scritto da:
        A mio personale parere, .Net non dovrebbe
        esistere, la trovo una tecnologia inutile al
        mondo.evidentemente hai paura di ciò che può renderti storia
        • Anonimo scrive:
          ...e chi te l'ha chiesto?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          A mio personale parere, .Net non dovrebbe

          esistere, la trovo una tecnologia inutile al

          mondo.

          evidentemente hai paura di ciò che può renderti
          storia(rotfl) bella.altre frasi da polygen?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono per il .net 1.1
        poveretto....
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono per il .net 1.1
        Concordo (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono per il .net 1.1
      ... oltre tutto permettono di utilizzare controlli di terze parti (unica limitazione non permettono di creare custom controls).
  • Anonimo scrive:
    Re: Imprecisioni sulla vendita degli IDE
    Tutto questo per dire che alla fine non hanno venduto giusto?
    • Alka scrive:
      Re: Imprecisioni sulla vendita degli IDE

      Tutto questo per dire che alla fine non hanno
      venduto giusto?No, intendevo l'esatto contrario.
  • xWolverinex scrive:
    BORLAND TI AMO
    Come da oggetto.... BORLAND TI AMO.Mi dispiace che non porti piu' avanti lo sviluppo di Kylix perche' poteva essere un ottima chance per lo sviluppo sotto linux, per lo meno di GUI
    • VITRIOL scrive:
      Re: BORLAND TI AMO

      Come da oggetto.... BORLAND TI AMO.Aspetta a dirlo dopo la richiesta di intallare come prerequisito 228 MB di .NET SDK anche per la versione Win32 ;-)
      • luke977 scrive:
        Re: BORLAND TI AMO
        anche se fossero 80 giga!!!borland forever.sono commosso :')by un fedelissimo.bds2006 l'ho acquistato in azienda a pacchi e anche tutti i colleghi piangono di gioia.speriamo cmq che non si fermino a fare servicepacks e hotfix. c'e' ancora tanto lavoro da fare!Pane e VCL x tutti!!Luca-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 settembre 2006 09.19-----------------------------------------------------------
      • xWolverinex scrive:
        Re: BORLAND TI AMO
        Lo so lo so.Purtroppo c'e' stata questa "commistione" di borland con microsoft che non mi e' piaciuta per niente pero' se questo ha significato la sopavvivenza di borland (3 o 4 anni fa' su per giu') ben vengano i 28 mega di .net sdk. Per quello che mi riguarda continuo ad usare con piacere il C++Builder 6 e per i servizi sotto linux Kylix (si e' vero bisogna portarsi dietro dei .so non linkati pero' tutto sommato c'ho fatto delle cosine pregevoli) Lo so le ultime versioni portsno dietro tutto il trabiccolo .NET (Tranne quella C++) pero' c'e' anche da dire che le macchine non sono piu' quelle dove girava il turbo pascal (o il borland pascal.. 7 floppy di istallazione, il turno pascal 7 ne erano solo 3.. :D ) qundi se per usare un buon prodotto devo perdere 28 mega... boh alla fine se ne spreca tanto per altre porcate di spazio.. almeno questo e' speso bene ;)
        • xWolverinex scrive:
          Re: BORLAND TI AMO
          intendevo che, se non erro, adesso borland e' a partecipazione microsoft infatti ha smesso lo svlipuppo di kylix, ha messo un capoprogetto borland a sviluppare il .net e non si trova + traccia della compilazione per i moduli di apache nelle nuove versioni ;)
          • Alka scrive:
            Re: BORLAND TI AMO
            - Scritto da: xWolverinex
            intendevo che, se non erro, adesso borland e' a
            partecipazione microsoft infatti ha smesso lo
            svlipuppo di kylix, ha messo un capoprogetto
            borland a sviluppare il .net e non si trova +
            traccia della compilazione per i moduli di apache
            nelle nuove versioni
            ;)Il problema è derivato da uno scarso ritorno dalla vendita di Kylix che non ha sfondato come si sperava.Non cavalcare il "commitment" verso Microsoft visto che Borland/DTG sviluppa anche parecchie soluzioni per Java e quindi non regge. ;)Scherzi a parte, il problema è proprio nel fatto che, a volte, le leggi di mercato o i tempi non maturi possono decretare indesiderati "stop" nello sviluppo di prodotti.Spero per chi lo utilizza e lo ha amato che Kylix venga riconsiderato dalla nuova società che si dedica agli IDE.Ciao, Marco.
          • xWolverinex scrive:
            Re: BORLAND TI AMO
            Lo spero ;)
    • Alka scrive:
      Re: BORLAND TI AMO
      - Scritto da: xWolverinex
      Mi dispiace che non porti piu' avanti lo sviluppo
      di Kylix perche' poteva essere un ottima chance
      per lo sviluppo sotto linux, per lo meno di
      GUIIl progetto "Kylix" non è morto, è solo congelato.Ora che la nuova società legata agli IDE ottiene fondi solamente da questa fonte, è possibile che si sblocchi qualcosa a riguardo...Incrocia le dita! ;)
  • Anonimo scrive:
    TurboBasic ...
    negli anni che furono il TurboBasic era uno di quelli che ti facilitavano cavolatine come inibire il CTRL-C (che per tutti gli anziani cadenti come me, significa solo "ctrl-break" e non "copia", dato che il vecchio standard in dos e negli editor non era quello) ... oppure ti aiutava a compilare stand-alone quando altri ti annoiavano con dei sistemi assurdi... Anche a quel tempo ricordo che NESSUNO lo aveva originale.Non so nemmeno dove si comprassero i programmi a quel tempo... forse solo le grosse aziende... mah
    • Anonimo scrive:
      CTRL-C
      il
      CTRL-C (che per tutti gli anziani
      cadenti come me, significa solo "ctrl-break" e
      non "copia", dato che il vecchio standard in dos
      e negli editor non era quello)haaaa, sospir....anche per me il CTRL-C è tuttora l'equivalente di "break" (in pratica, il magico pulsante "run stop" (c64) (love))...ma se nn erro sotto linux è tuttora così...
  • pippo75 scrive:
    Hejlsberg
    Qualcuno sa se c'entra di nuovo con la serie turbo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Hejlsberg
      Guarda che da diversi anni è in Microsoft, dove ha collaborato alla creazione del .NET Framework, del linguaggio C# e ora del progetto Language Integrated Query (LINQ).
  • Anonimo scrive:
    Giusto per par condicio
    ma il signor David Intersimone, vice president of developer relations and chief evangelist di Borland non lo prendete un po' per il c**o ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto per par condicio
      - Scritto da:
      ma il signor David Intersimone, vice president of
      developer relations and chief evangelist di
      Borland non lo prendete un po' per il c**o
      ?why?
      • VITRIOL scrive:
        Re: Giusto per par condicio

        why?Immagino abbiamo preso per il c**o Microsoft quando fece la stessa cosa ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto per par condicio
          - Scritto da: VITRIOL


          why?

          Immagino abbiamo preso per il c**o Microsoft
          quando fece la stessa cosa
          ;-)bhe, VB fa fastidio....(commento derivato da opinione personale data dall'aver testato entrambi... trollz nun me rompete er xaxxo, i gusti so' gusti! )
    • Alka scrive:
      Re: Giusto per par condicio
      - Scritto da:
      ma il signor David Intersimone, vice president of
      developer relations and chief evangelist di
      Borland non lo prendete un po' per il c**o?In che senso? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto per par condicio
        - Scritto da: Alka
        - Scritto da:

        ma il signor David Intersimone, vice president
        of

        developer relations and chief evangelist di

        Borland non lo prendete un po' per il c**o?

        In che senso? :)Non sei alfabetizzato?
  • Anonimo scrive:
    OpenWatcom
    c'è openwatcom che secondo il mio modesto parere è migliore.
    • Anonimo scrive:
      Re: OpenWatcom
      - Scritto da:
      c'è openwatcom che secondo il mio modesto parere
      è
      migliore.sicuramente e' ottimo, pero' come completezza non e' paragonabile al borland o al visual
      • Anonimo scrive:
        Re: OpenWatcom
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        c'è openwatcom che secondo il mio modesto parere

        è

        migliore.
        sicuramente e' ottimo, pero' come completezza non
        e' paragonabile al borland o al
        visual:-O Watcom-C per me, 20 anni fa era come dire "la supertopmodel del C" ... e oggi non è un granchè, mi dici... doh, che vecchiazzo!!!!!!!! :(
        • Anonimo scrive:
          Re: OpenWatcom
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          c'è openwatcom che secondo il mio modesto
          parere


          è


          migliore.

          sicuramente e' ottimo, pero' come completezza
          non

          e' paragonabile al borland o al

          visual

          :-O Watcom-C per me, 20 anni fa era come dire
          "la supertopmodel del C" ... e oggi non è un
          granchè, mi dici... doh, che
          vecchiazzo!!!!!!!!
          :(no no... e' ottimo ti dico, e anche io lo uso a volte (molto meglio di dev-c) pero' ha un po' meno roba dei due citati sopra
          • Athlon64 scrive:
            Re: OpenWatcom

            no no... e' ottimo ti dico, e anche io lo uso a
            volte (molto meglio di dev-c) pero' ha un po'
            meno roba dei due citati
            sopraOttimo è una parola grossa... a parte le prestazioni scarse (sia come codice generato che come tempi di compilazione) il supporto di molte caratteristiche moderne è molto molto scarso.Personalmente lo uso solo per manutenere un vecchio progetto che ho ereditato e che era stato sviluppato in Watcom 11.
    • Athlon64 scrive:
      Re: OpenWatcom

      c'è openwatcom che secondo il mio modesto parere
      è
      migliore.Come compilatore C/C++ è rimasto molto molto indietro, persino GCC è più performante!Non parliamo poi dei ridicoli tool "IDE" in stile primi anni '90...
      • TADsince1995 scrive:
        Re: OpenWatcom
        - Scritto da: Athlon64

        c'è openwatcom che secondo il mio modesto parere

        è

        migliore.

        Come compilatore C/C++ è rimasto molto molto
        indietro, persino GCC è più
        performante!
        Non parliamo poi dei ridicoli tool "IDE" in stile
        primi anni
        '90...Che però hanno dato i natali ai programmatori di oggi, sparagestionaliVB a parte...TAD
        • Anonimo scrive:
          Re: OpenWatcom


          Che però hanno dato i natali ai programmatori di
          oggi, sparagestionaliVB a
          parte...

          TADIo ho conosciuto solo i compilatori Borland ( mi hanno viziato ), una breve parentesi VB, poi ho scaricato i visual express.se li hai conosciuti, cosa diresti?BorlandWatcomZortech
        • Athlon64 scrive:
          Re: OpenWatcom

          Che però hanno dato i natali ai programmatori di
          oggiOnore al merito, ma se qualcosa non è più al passo con i tempi non può continuare a vivere di rendita per le glorie passate...
          sparagestionaliVB a parte...La solita arroganza di chi si crede migliore e crede gli altri incompetenti o improvvisati...
          • TADsince1995 scrive:
            Re: OpenWatcom

            Onore al merito, ma se qualcosa non è più al
            passo con i tempi non può continuare a vivere di
            rendita per le glorie
            passate...Infatti io mi sono limitato a parlare del passato, non ho detto che TurboXYZ è meglio di altri...

            sparagestionaliVB a parte...

            La solita arroganza di chi si crede migliore e
            crede gli altri incompetenti o
            improvvisati...Nessuna arroganza, ne autoconvinzione di maggiore competenza.Solo l'esperienza di aver usato una volta, per forza maggiore, il VB6 ed essere passato subito dopo a Java e provare ancora i brividi a pensare a quel "linguaggio". (Lo stesso .NET è tutto un altro pianeta, a onor del vero)Solo l'esperienza di aver avuto a che fare con i suddetti sparagestionaliVB in un corso di Java che ho tenuto per loro l'anno scorso, sin dall'inizio mi chiedevano: "sì ok, come si mettono i pulsanti?" e arrivati alle classi e al concetto di Downcasting e Upcasting sono letteralmente fuggiti e non li ho visti più...Solo la tristezza di vedere cose del genere: http://classicvb.org/petition/ una volta che finalmente la stessa Microsoft ha saggiamente deciso (con .NET) di dare un taglio agli orrori del passato.Tutto quà.TAD
  • Anonimo scrive:
    E volevo vedere...
    Con la MS che ha rilasciato versioni gratuite di visual studio (visual studio express) ci mancava solo che la Borland non facesse altrettanto. Con Visual Studio Express comunque rimane una maggiore scelta tra i linguaggi disponibili.
    • Alka scrive:
      Re: E volevo vedere...
      - Scritto da:
      Con la MS che ha rilasciato versioni gratuite di
      visual studio (visual studio express) ci mancava
      solo che la Borland non facesse altrettanto. Con
      Visual Studio Express comunque rimane una
      maggiore scelta tra i linguaggi
      disponibili.Già, ma quasi esclusivamente e specificatamente per .NET Framework, poiché è per quello scopo che le edizioni Express sono state progettate: promuovere la piattaforma "gestita" di Microsoft.Un'altra cosa è avere, almeno, una libertà di scelta.
      • TheLoneGunman scrive:
        .NET è essenziale per windows
        - Scritto da: Alka
        - Scritto da:

        Con la MS che ha rilasciato versioni gratuite di

        visual studio (visual studio express) ci mancava

        solo che la Borland non facesse altrettanto. Con

        Visual Studio Express comunque rimane una

        maggiore scelta tra i linguaggi

        disponibili.

        Già, ma quasi esclusivamente e specificatamente
        per .NET Framework, poiché è per quello scopo che
        le edizioni Express sono state progettate:
        promuovere la piattaforma "gestita" di
        Microsoft.

        Un'altra cosa è avere, almeno, una libertà di
        scelta.Beh è ovvio ma Visual C++ rimane e non obbliga l'uso di .NET.Comunque .NET è il futuro delle API di windows: con .NET programmare è molto ma molto più facile (pure una scimmia se la metti davanti a visual studio .NET ti farà programmi strabilianti in VB o C#) e viene abbattuta la barriera dei linguaggi di programmazione, diventati poco più che semplici sintassi (e i programmi potranno essere composti da moduli scritti in linguaggi diversi)..NET non è un'alternativa ma un'evoluzione quindi secondo me lasciare una scelta tra API e .NET va solo a danno del programmatore che rimane incastrato tra due mondi completamente diversi tra loro.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 settembre 2006 01.44-----------------------------------------------------------
        • Anonimo scrive:
          Re: .NET è essenziale per windows
          sono daccordo con te...
        • Anonimo scrive:
          Re: .NET è essenziale per windows

          Comunque .NET è il futuro delle API di windows:
          con .NET programmare è molto ma molto più facile
          (pure una scimmia se la metti davanti a visual
          studio .NET ti farà programmi strabilianti in VB
          o C#) e viene abbattuta la barriera dei linguaggi
          di programmazione, diventati poco più che
          semplici sintassi (e i programmi potranno essere
          composti da moduli scritti in linguaggi
          diversi).
          hai mai usato le vcl?
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows
            - Scritto da:

            Comunque .NET è il futuro delle API di windows:

            con .NET programmare è molto ma molto più facile

            (pure una scimmia se la metti davanti a visual

            studio .NET ti farà programmi strabilianti in VB

            o C#) e viene abbattuta la barriera dei
            linguaggi

            di programmazione, diventati poco più che

            semplici sintassi (e i programmi potranno essere

            composti da moduli scritti in linguaggi

            diversi).



            hai mai usato le vcl?VCL è sempre una libreria che si basa sul sistema operativo .NET è destinato a diventare ciò su cui si basa il sistema operativo. Il discorso era semplicemente di comparazione tra le API attuali di windows e .NET.
        • Alka scrive:
          Re: .NET è essenziale per windows
          - Scritto da: TheLoneGunman
          E perchè la gente dovrebbe allora resistere se in
          futuro .NET sarà parte integrante del sistema
          operativo e potrà farci le stesse identiche cose
          molto più
          facilmente?Perché quella è solo una promessa, non è detto che venga mantenuta, era la stessa per COM ed è già stata disattesa in quella occasione, è stata disattesa parzialmente anche per Vista, non è detto che peraltro non si trasformi in qualcosa di completamente diverso prima di divenire lo strato ufficiale di riferimento per la programmazione del sistema operativo, e aggiungo che la migrazione a .NET comporta un costo e non tutti sono disposti a sostenerlo *ora* solamente perché Microsoft lo desidera ardentemente.Un "porting" lo si fa quando si ha un vantaggio, che al momento - almeno per le applicazioni Delphi, nello specifico - non esiste, poiché politiche di versioning, programmazione ad oggetti e altri elementi sono già propri dell'architettura su cui Delphi si basa, senza la necessità di alcun framework.Nonostante ciò, posso capire che in certi frangenti, ad esempio in architetture con server Windows e necessità di alta integrazione con prodotti Microsoft, che è il motivo principale per cui la stessa Microsoft commercializza .NET, sia più consono usare questa piattaforma.Allo stato attuale, .NET deve rappresentare un'opportunità, una soluzione tra quelle disponibili, e non l'unica al mondo perché qualcuno la spaccia come tale, anche se così non è (tant'è che molte applicazioni al giorno d'oggi sono native).
          Si ma si parla al futuro quando la MS staccherà
          le API. Quando i Windows saranno basati su .NET
          le applicazioni .NET diventeranno le attuali
          applicazioni
          native.Questo viene ripetuto dal giorno in cui .NET è nato e ha cominciato a prendere piede, ma non è successo, non c'è la garanzia che accadrà, non c'è alcuna certezza che quando accadrà .NET sarà uguale a come è adesso e che Microsoft non adotti lo stesso metodo di COM nel tagliare i conti con un passato che fino a qualche giorno prima era il futuro.
          Beh puoi vederla così o puoi vederla come
          un'evoluzione naturale e obbligatoria di Windows
          visto che ormai pure per la MS gestire l'enorme
          quantità di mole del codice di windows con
          un'infinità di API con nomi diversi non è molto
          divertente.So bene le complessità di un API del genere, non è quello il problema. :-)
          Hai ragione a vedere sembra incredibile [...]L'intervista è rilasciata da un commerciale Microsoft... :|
          Eh beh qualcosa si doveva pure sacrificare. Ma
          visto il guadagno che c'è tra managed e non
          managed direi che il sacrificio è
          trascurabile.Il problema è che la "sacrificabilità" dipende dal tool dal quale provieni.Se è VB6, posso essere d'accordo con te, se è Delphi un po' meno. ;)Se è VB6, suggerirei di passare a Delphi per eludere il problema in futuro.
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows
            - Scritto da: Alka
            - Scritto da: TheLoneGunman

            E perchè la gente dovrebbe allora resistere se
            in

            futuro .NET sarà parte integrante del sistema

            operativo e potrà farci le stesse identiche cose

            molto più

            facilmente?

            Perché quella è solo una promessa, non è detto
            che venga mantenuta, era la stessa per COM ed è
            già stata disattesa in quella occasione, è stata
            disattesa parzialmente anche per Vista, non è
            detto che peraltro non si trasformi in qualcosa
            di completamente diverso prima di divenire lo
            strato ufficiale di riferimento per la
            programmazione del sistema operativo, e aggiungo
            che la migrazione a .NET comporta un costo e non
            tutti sono disposti a sostenerlo *ora* solamente
            perché Microsoft lo desidera
            ardentemente.Beh visto l'impegno che la MS ci sta mettendo tanto da fare di NETFX già parte abbastanza integrante di Vista direi che gli impegni ha intenzione di mantenerli.

            Un "porting" lo si fa quando si ha un vantaggio,
            che al momento - almeno per le applicazioni
            Delphi, nello specifico - non esiste, poiché
            politiche di versioning, programmazione ad
            oggetti e altri elementi sono già propri
            dell'architettura su cui Delphi si basa, senza la
            necessità di alcun
            framework.

            Nonostante ciò, posso capire che in certi
            frangenti, ad esempio in architetture con server
            Windows e necessità di alta integrazione con
            prodotti Microsoft, che è il motivo principale
            per cui la stessa Microsoft commercializza .NET,
            sia più consono usare questa
            piattaforma.

            Allo stato attuale, .NET deve rappresentare
            un'opportunità, una soluzione tra quelle
            disponibili, e non l'unica al mondo perché
            qualcuno la spaccia come tale, anche se così non
            è (tant'è che molte applicazioni al giorno d'oggi
            sono
            native).Si ma la situazione attuale è ingestibile tu immagina un programmatore C/C++ come è messo ora: ci saranno circa una decina di migliaia di API, molte di queste con scopi simili ma risultati diversi, non sono organizzate e su MSDN trovarle è un macello. E' una cosa ingestibile sia per la MS che per i programmatori.A chi usa linguaggi ad alto livello come java, visual basic o delphi non cambierà quasi niente cambierà solo a chi usa api direttamente comunque quando .NET sarà nativo non ci sarà più convenienza a usare un'API rispetto a una funzione .NET.
            Questo viene ripetuto dal giorno in cui .NET è
            nato e ha cominciato a prendere piede, ma non è
            successo, non c'è la garanzia che accadrà, non
            c'è alcuna certezza che quando accadrà .NET sarà
            uguale a come è adesso e che Microsoft non adotti
            lo stesso metodo di COM nel tagliare i conti con
            un passato che fino a qualche giorno prima era il
            futuro.Ovviamente la MS dovrebbe riscrivere il sistema operativo da capo per poterlo fare ma è quasi sicuro che a meno che la MS non sia impazzita sarà costretta a farlo per la mole ingestibile di codice di windows. Vista è stato ritardato 5 anni perchè il codice era così tanto che non si riusciva più a gestire. C'è bisogno di fare un salto in avanti e buttarsi quella miriade di funzioni obsolete ereditate sin dai primi windows alle spalle.
            L'intervista è rilasciata da un commerciale
            Microsoft...
            :|http://radar.oreilly.com/archives/2006/08/programming_language_trends_1.htmlquesto non è l'url che dicevo io comunque ne parla anche qua con tanto di grafico.E come puoi ben vedere c# e vb sommati fanno un culo a Java grosso come una casa.

            Eh beh qualcosa si doveva pure sacrificare. Ma

            visto il guadagno che c'è tra managed e non

            managed direi che il sacrificio è

            trascurabile.

            Il problema è che la "sacrificabilità" dipende
            dal tool dal quale
            provieni.

            Se è VB6, posso essere d'accordo con te, se è
            Delphi un po' meno.
            ;)

            Se è VB6, suggerirei di passare a Delphi per
            eludere il problema in
            futuro.Beh ma scusa come ti ho già detto chi usa VB e chi usa Delphi usano tuttavia un linguaggio che non si affida direttamente alle API quindi non ci perdono niente. Chi ci perde sono per lo più i programmatori C/C++.
          • Alka scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows

            Beh visto l'impegno che la MS ci sta mettendo
            tanto da fare di NETFX già parte abbastanza
            integrante di Vista direi che gli impegni ha
            intenzione di mantenerli.Non vorrei sbagliarmi, ma sono certo di aver letto che .NET FX è il "wrapper" delle funzionalità di Vista, basate comunque su una piattaforma nativa.
            Si ma la situazione attuale è ingestibile [...]La gestione era stata affrontata in parecchi modi con framework alternativi, come la VCL, oltre al fatto che, sempre se non erro, una simile impostazione è presente in altri sistemi operativi dove questa difficoltà non sussiste.
            A chi usa linguaggi ad alto livello come java,
            visual basic o delphi non cambierà quasi nienteE' proprio questo il punto. ;)Togli Visual Basic, e siamo a posto. :D
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows
            - Scritto da: Alka

            Beh visto l'impegno che la MS ci sta mettendo

            tanto da fare di NETFX già parte abbastanza

            integrante di Vista direi che gli impegni ha

            intenzione di mantenerli.

            Non vorrei sbagliarmi, ma sono certo di aver
            letto che .NET FX è il "wrapper" delle
            funzionalità di Vista, basate comunque su una
            piattaforma
            nativa.Beh sì è parte integrante ma non è nativo quello succederà in là nel futuro.


            Si ma la situazione attuale è ingestibile [...]

            La gestione era stata affrontata in parecchi modi
            con framework alternativi, come la VCL, oltre al
            fatto che, sempre se non erro, una simile
            impostazione è presente in altri sistemi
            operativi dove questa difficoltà non
            sussiste.Si ma gli altri sistemi operativi non hanno l'infinità di linee di codice che ha Vista. E' una cosa ingestibile sia per la MS sia per i programmatori.

            A chi usa linguaggi ad alto livello come java,

            visual basic o delphi non cambierà quasi niente

            E' proprio questo il punto. ;)

            Togli Visual Basic, e siamo a posto. :DE perchè andrebbe tolto? Non vedo perchè la MS dovrebbe tagliare il supporto al VB.
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows

            Beh ma scusa come ti ho già detto chi usa VB e
            chi usa Delphi usano tuttavia un linguaggio che
            non si affida direttamente alle API quindi non ci
            perdono niente. Chi ci perde sono per lo più i
            programmatori
            C/C++.Vuoi dire quelli che hanno i linguaggi più portabili e veloci in assoluto?Che fortuna! :|
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows
            - Scritto da:

            Beh ma scusa come ti ho già detto chi usa VB e

            chi usa Delphi usano tuttavia un linguaggio che

            non si affida direttamente alle API quindi non
            ci

            perdono niente. Chi ci perde sono per lo più i

            programmatori

            C/C++.
            Vuoi dire quelli che hanno i linguaggi più
            portabili e veloci in
            assoluto?
            Che fortuna! :|Beh le chiamate alle funzioni .NET sono più lente di circa il 15% per il resto su c# la velocità rimane quasi invariata.
          • Alka scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows

            Beh le chiamate alle funzioni .NET sono più lente
            di circa il 15% per il resto su c# la velocità
            rimane quasi
            invariata.Non è del tutto vero, o meglio sì, è vero in parte, c'è un "contrattempo" dato dalla necessità del CLR di caricarsi e compilare JIT il codice intermedio per poterlo eseguire, ma ciò avviene "una tantum", quando il metodo di una classe viene invocato. Le chiamate successive sono direttamente indirizzate a codice nativo, quindi molto più veloci.Il problema del "benchmarking" in .NET è dato dal fatto che non è un sistema lineare: ad esempio, hai un controllo limitato sul Garbage Collector ed eseguendo magari un'applicazione di test delle performance, non puoi mai sapere con precisione quando e con quali condizioni, interne ed esterne, il GC entrerà in azione, e magari potrai avere un tempo alla prima esecuzione, più rapida la seconda, più lenta la terza...In generale, però, il .NET Framework si inquadra bene in un sistema di condivisione di componenti e logica, magari con Web Service oltreché normali applicazioni Windows... insomma, si inserisce in realtà dove le "prestazioni brucianti" non sono tutto, o comunque dove si preferisce ottimizzare in altro modo pur di ricorrere alle semplificazioni (dal punto di vista progettuale) del disegno dell'architettura nei suoi componenti e nelle rispettive funzionalità.Concludendo questo noioso intervento, secondo me molto spesso i problemi di performance sono dovuti ad un errato utilizzo del framework e delle sue classi, piuttosto che ad un difetto congenito del framework stesso. ;)Ciao, Marco.
          • Alka scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows

            Vuoi dire quelli che hanno i linguaggi più
            portabili e veloci in
            assoluto?...oltre ad essere la maggioranza.Questo dovrebbe dirla lunga sulle difficoltà che Microsoft avrà obiettivamente a rendere il .NET Framework lo "standard de facto". :)Onestamente, credo che gli sviluppatori C++ abbiano ben poco da temere. ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows

            Onestamente, credo che gli sviluppatori C++
            abbiano ben poco da temere.
            ;)Allora torni a risostenere la MIA tesi: delphi è un giocattolo, i programmi veri si scrivono in C?Deciditi una buona volta ;)
          • Alka scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows

            Allora torni a risostenere la MIA tesi: delphi è
            un giocattolo, i programmi veri si scrivono in
            C? Deciditi una buona volta ;)Azz... fantastici questi "troll"... ti inseguono ovunque. :DNon ho mai sostenuto che "programmi veri" si scrivono solo in C, non ho scritto nulla del genere, e penso che tu debba trovare qualche battuta o appiglio migliore per poter avviare il tuo bel litigio e occupare il tuo tempo (per tua unica fortuna) troppo libero.
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows


            Allora torni a risostenere la MIA tesi: delphi è

            un giocattolo, i programmi veri si scrivono in

            C? Deciditi una buona volta ;)

            Azz... fantastici questi "troll"... ti inseguono
            ovunque.
            :DMa ti ricordi quello che scrivi o dove darti il link?
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows
            - Scritto da: Alka

            Vuoi dire quelli che hanno i linguaggi più

            portabili e veloci in

            assoluto?

            ...oltre ad essere la maggioranza.

            Questo dovrebbe dirla lunga sulle difficoltà che
            Microsoft avrà obiettivamente a rendere il .NET
            Framework lo "standard de facto".
            :)

            Onestamente, credo che gli sviluppatori C++
            abbiano ben poco da temere.
            ;)Err hai visto il grafico di quel sito di prima? Mostra c# in vantaggio su c/c++. Vuol dire che qualcosa da temere ce l'hanno.
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows

            Se è VB6, suggerirei di passare a Delphi per
            eludere il problema in
            futuro.Cosa rapida e indolore, ed affidarti ad una casa come Borland con un piede nella fossa!Sei proprio un genio, non ci sarei mai arrivato da solo :@
          • Alka scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows
            - Scritto da:
            Cosa rapida e indolore, ed affidarti ad una casa
            come Borland con un piede nella fossa!Fonte?
          • Anonimo scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows


            Cosa rapida e indolore, ed affidarti ad una casa

            come Borland con un piede nella fossa!

            Fonte?www.borland.com ovviamente :D
          • Alka scrive:
            Re: .NET è essenziale per windows
            - Scritto da:

            Fonte?
            www.borland.com ovviamente :DOk, era solo per vedere se si trattava di una risposta seria oppure no, e direi che così non è. ;)
  • TADsince1995 scrive:
    Mitica Borland!!!
    E' l'unica azienda "pc-ista" che ho sempre amato sin dai tempi della scuola e, nel post-amiga, dell'università.Come dice l'articolo, i suoi TurboPascal e Turbo C++ erano assolutamente il non plus ultra per studenti e appassionati, una scelta naturale, addirittura il primo libro di C++ che ho comprato si chiamava proprio "Borland C++ 4.5" del grande Cantù.Questa è decisamente una buona notizia!!! Peccato siano prodotti only-windows...TAD (amiga)
    • Anonimo scrive:
      Re: Mitica Borland!!!
      - Scritto da: TADsince1995
      Peccato
      siano prodotti
      only-windows...kylix creava degli hello world da una decina di mega :'( quindi meglio ce si limitino a fae poche cose ma buone
      • Alka scrive:
        Re: Mitica Borland!!!

        kylix creava degli hello world da una decina di
        mega :'( quindi meglio ce si limitino a fae poche
        cose ma
        buoneMmm... sicuro che non si trattasse di Lazarus , che è un'altra cosa? :o
        • Anonimo scrive:
          Re: Mitica Borland!!!
          - Scritto da: Alka

          kylix creava degli hello world da una decina di

          mega :'( quindi meglio ce si limitino a fae
          poche

          cose ma

          buone

          Mmm... sicuro che non si trattasse di
          Lazarus , che è un'altra cosa?
          :oIn ogni caso dovevi portarti dietro le librerie... e quelli erano megabyte anche per una form con un solo pulsante!Perché non fare qualcosa che si basi sulle tante librerie standard che sono presenti in ogni distro anziché crearsi i propri shared object?
          • VITRIOL scrive:
            Re: Mitica Borland!!!
            - Scritto da: Alka
            Il vantaggio principale consiste nel fatto che
            VCL.NET permette di usare sia la libreria stessa,
            sia le classi Microsoft, nella medesima
            applicazione. In sostanza, come si suol dire,
            "capra e cavoli".
            :)Permette anche di ricompilare le applicazioni VCL Win32, semlificando al massimo il porting.
          • Alka scrive:
            Re: Mitica Borland!!!
            - Scritto da: VITRIOL
            Permette anche di ricompilare le applicazioni VCL
            Win32, semlificando al massimo il
            porting.Ottima precisazione. ;)
    • pippo75 scrive:
      Re: Mitica Borland!!!

      Questa è decisamente una buona notizia!!!
      Peccato
      siano prodotti
      only-windows...

      TAD (amiga)Se continuo ad utilizzare windows ci saranno di motivi, uno si chiama Delphi :-).
      • Anonimo scrive:
        Re: Mitica Borland!!!
        - Scritto da: pippo75

        Questa è decisamente una buona notizia!!!

        Peccato

        siano prodotti

        only-windows...



        TAD (amiga)

        Se continuo ad utilizzare windows ci saranno di
        motivi, uno si chiama Delphi
        :-).io se continuo ad usare windows è solo per un motivo: Delphi! :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Mitica Borland!!!
          Se ci fosse Access per linux ....
          • Anonimo scrive:
            Re: Mitica Borland!!!
            e come no... ci sono cresciuto!non ti nascondo che mi stavano per scendere due lacrimucce alla notizia..ciao
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Mitica Borland!!!
            - Scritto da:
            Se ci fosse Access per linux ....Mio Dio nooo!!! Proprio volersi fare del male! Su linux ci sono fior fiori di db professionali e vogliamo una roba come access!?!?!? :| :|Perchè mai?TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: Mitica Borland!!!

            Ma che stai dicendo?
            Una applicazione DB e' necessariamente una
            applicazione client-server(rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Un database consiste di un server che contiene
            una base dati, dell'ordine di decine di tabelle e
            decine di migliaia di record, e tanti client che
            ci accedono utilizzando un protocollo e un
            linguaggio (SQL), recuperano i dati e li
            visualizzano in interfacce
            utente.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Alla luce di questo, access non intendo usarlo
            neppure come carta igienica (per quanto ce ne
            sarebbe bisogno
            usandolo).Ma quanti dottoroni su questi forum...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mitica Borland!!!

            Ma che stai dicendo?
            Una applicazione DB e' necessariamente una
            applicazione client-server, a meno che tu non
            intenda con DB una rubrichetta telefonica con al
            massimo 200 record che risiede su un file
            locale.E' evidente che il tipo che ha risposto a tad era solo uno sparagestionaliVBA...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mitica Borland!!!

            E' evidente che il tipo che ha risposto a tad era
            solo uno
            sparagestionaliVBA...Ho una laurea in informatica. Oltre ai gestionali ho fatto sistemi multimediali, siti dinamici con PHP, grafica 3D con Maya e poi, se vuoi, ti mando il mio curriculum. Sono programmatore da 2 decenni e faccio quello che mi chiedono, principalmente piccoli/medi gestionali.Ho usato diversi strumenti, ma ho riscontrato che con MSAccess sono più produttivo, e quindi lo uso e ne sono abbastanza contento.
          • mda scrive:
            Re:
            - Scritto da:


            E' evidente che il tipo che ha risposto a tad
            era

            solo uno

            sparagestionaliVBA...

            Ho una laurea in informatica. Oltre ai gestionali
            ho fatto sistemi multimediali, siti dinamici con
            PHP, grafica 3D con Maya e poi, se vuoi, ti mando
            il mio curriculum.


            Sono programmatore da 2 decenni e faccio quello
            che mi chiedono, principalmente piccoli/medi
            gestionali.
            Ho usato diversi strumenti, ma ho riscontrato che
            con MSAccess sono più produttivo, e quindi lo uso
            e ne sono abbastanza
            contento.
            Se vuoi usa DBase (www.dbase.com) o FoxBase. Con questi strumenti si convertono i programmi scritti inizialmente in Access. Per farli funzionare bene non solo nei test, ma nella realtà ! Un programmatore in una giornata rifà l'applicazione (ex-access) di un teem di 5 persone / mese !Access (NON è un db vero) serve per le rubrichette e progetti simili. Vuol dire che sono mini-mini-mini-mini-gestionali i tuoi o imbrogli i clienti.Ciao-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 settembre 2006 12.32-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re:

            Se vuoi usa FoxBase.ORRORE! un prodotto Microsoft :$
          • Anonimo scrive:
            Re:

            Se vuoi usa DBase (www.dbase.com) o FoxBase. FoxBase?????"Archaic predecessor of FoxPro, a clone of dBaseIII. Famous for its speed."DBase????Lo acquistai a scatola chiusa quando usci', era la versione per win del glorioso db3plus (che ho usato ed apprezzato). Era una ciofeca pazzesca. Forse adesso sarà migliorato, ma in giro non se ne sente parlare da un bel po'.E me li vuoi confrontare con MSAccess?Questo mi da' la misura del mio interlocutore.
            Con
            questi strumenti si convertono i programmi
            scritti inizialmente in Access. Per farli
            funzionare bene non solo nei test, ma nella
            realtà ! Un programmatore in una giornata rifà
            l'applicazione (ex-access) di un teem di 5
            persone / mese
            !BOOOOOOOOOMMMMMMMMMMMM
            Access (NON è un db vero) serve per le
            rubrichette e progetti simili. Vuol dire che sono
            mini-mini-mini-mini-gestionali i tuoi o imbrogli
            i
            clienti.Vista la tua grande autorevolezza .... meglio stendere un velo pietoso sul tuo post.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mitica Borland!!!

            Una applicazione DB e' necessariamente una
            applicazione client-server, a meno che tu non
            intenda con DB una rubrichetta telefonica con al
            massimo 200 record che risiede su un file
            locale.Con MSAccess puoi ben fare dei semplici Client-Server. Comincia a soffrire quando le tabelle si avvicinano a mezzo milione di righe (ma dipende) o quando gli accessi contemporanei degli utenti sono significativi (visto che il motore è volutamente limitato)
            E sotto questo aspetto Access non e' ne' client
            ne'
            server.
            E' un pastrocchio tuttuno, che non serve a niente.E' un pastrocchio tuttuno, se vuoi, ma che non serve a niente ho i miei dubbi. Qui lo usiamo molto e fa il suo sporco dovere.
            Un database consiste di un server che contiene
            una base dati, dell'ordine di decine di tabelle e
            decine di migliaia di record, e tanti client che
            ci accedono utilizzando un protocollo e un
            linguaggio (SQL), recuperano i dati e li
            visualizzano in interfacce
            utente.Guarda, io access lo uso da parecchio, mentre tu mi sembra che parli un po' per sentito dire.Adesso per esempio sto modificando una app. con maschere fatte in access ma che appoggia su MySQL.L'accoppiata non è affiatatissima, ma con access ho fatto delle maschere che me le scordavo con Java o C.
            Alla luce di questo, access non intendo usarlo ...Alla luce delle stupidaggini che hai detto era meglio se non postavi nemmeno.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Mitica Borland!!!

            ma con access
            ho fatto delle maschere che me le scordavo con
            Java o
            C.Non ho capito bene questa frase. Quale interfaccia che puoi fare con Access non è possibile fare con Java (Swing) o con C/C++ (gtk/Qt o anche le api di Windows)???Forse ci metti un po' più di tempo, ma lo stesso Access sarà scritto in C++ e appoggia sulle api di Windows scritte in C/C++...TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: Mitica Borland!!!

            ....
            Forse ci metti un po' più di tempo, ma lo stesso
            Access sarà scritto in C++ e appoggia sulle api
            di Windows scritte in
            C/C++...Ovviamente. Anche in assembly potrei rifarle. Ti garantisco però che ho fatto form molto complesse da realizzare in Java o C. Poi la nuova implementazione delle Query Pivot su Access 2003 a me salva la vita quotidianamente, quando gli utenti mi chiedono aggregazioni o statistiche.Certo, potrei usare BIRT ma non è la stessa cosa. Fidati.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Mitica Borland!!!

            Ovviamente. Anche in assembly potrei rifarle.
            Ti garantisco però che ho fatto form molto
            complesse da realizzare in Java o C.

            Poi la nuova implementazione delle Query Pivot su
            Access 2003 a me salva la vita quotidianamente,
            quando gli utenti mi chiedono aggregazioni o
            statistiche.
            Certo, potrei usare BIRT ma non è la stessa cosa.
            Fidati.Capisco. Beh, in fondo Access è stato concepito per questo specifico genere di applicazioni... Java, ad esempio, è più general purpose, però non ho mai avuto grosse difficoltà a fare interfacce con Swing che è orribile graficamente, ma è uno dei migliori esempi di buona progettazione a oggetti. (a parte alcune cosette che proprio non mi vanno giù con cui mi sono scontrato). :)TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: Mitica Borland!!!

            Una applicazione DB e' necessariamente una
            applicazione client-server, a meno che tu non
            intenda con DB una rubrichetta telefonica con al
            massimo 200 record che risiede su un file
            locale.

            E sotto questo aspetto Access non e' ne' client
            ne'
            server.Non hai le idee ben chiare. Access non è un server, ma principalmente un'IDE potentissima, mediante la quale è possibile sviluppare applicazioni database in tempi brevissimi.Io, ad esempio, ho sistemi da svariati milioni di record su MySQL e interfaccia fatta in Access (con tabelle collegate odbc).
            E' un pastrocchio tuttuno, che non serve a niente.Sono quelli che la pensano come te che fanno la mia fortuna professionale... ;-)

            Un database consiste di un server che contiene
            una base dati, dell'ordine di decine di tabelle e
            decine di migliaia di record, e tanti client che
            ci accedono utilizzando un protocollo e un
            linguaggio (SQL), recuperano i dati e li
            visualizzano in interfacce
            utente.E secondo te Access con le tabelle odbc si comporta diversamente da come dici?

            Alla luce di questo, access non intendo usarlo
            neppure come carta igienica (per quanto ce ne
            sarebbe bisogno
            usandolo).Sei solo spocchioso. E la spocchia non va daccordo con la cultura
          • Anonimo scrive:
            Re: Mitica Borland!!!
            Concordo col fatto che Access sia poco più che un giochino se considerato in ambito di programmazione professionale, ma dire che non serve a niente è un po' ridicolo. Probabilmente non hai idea di quanti uffici pubblici e piccole (e non solo) aziende lo usano per i compiti più disparati, nè di quanto siano orgogliosi della loro opera gli impiegati che spesso si sono creati da soli la piccola applicazione.Bye, aTTILa
        • Anonimo scrive:
          Re: Mitica Borland!!!
          - Scritto da:

          - Scritto da: pippo75


          Questa è decisamente una buona notizia!!!


          Peccato


          siano prodotti


          only-windows...





          TAD (amiga)



          Se continuo ad utilizzare windows ci saranno di

          motivi, uno si chiama Delphi

          :-).

          io se continuo ad usare windows è solo per
          un motivo: Delphi!
          :)Io invece continuo ad usare windows per Heroes of Might & Magic
    • Anonimo scrive:
      Re: Mitica Borland!!!
      mitica davvero... anche se mi trovo benissimo con Dev-C++ lo installerò per principio, per rispetto, per ricordo, per devozione.
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Mitica Borland!!!
        - Scritto da:
        mitica davvero... anche se mi trovo benissimo con
        Dev-C++ lo installerò per principio, per
        rispetto, per ricordo, per
        devozione.E poi quell'ide a caratteri sotto DOS aveva un fascino davvero speciale... (geek)TAD
  • Anonimo scrive:
    500 euro
    alla faccia dell'explorer... te credo che s'è buttata... diciamo che borland non s'è buttata via per niente (rotfl)
    • Alka scrive:
      Re: 500 euro

      alla faccia dell'explorer... te credo che s'è
      buttata... diciamo che borland non s'è buttata
      via per nienteIl prezzo dovrebbe peraltro essere minore di quello segnalato: indicativamente, pari a circa 399 EURO in Italia, ma sono in attesa di conferme per questo dato... :)
    • VITRIOL scrive:
      Re: 500 euro

      alla faccia dell'explorer... te credo che s'è
      buttata... diciamo che borland non s'è buttata
      via per nienteLa Explorer è gratuita, e senza limitazioni di licenza. E' la Professional che costarà meno di 500 Dollari.
      • Anonimo scrive:
        Re: 500 euro

        Anche MS Visual Studio Express non ha limitazioni
        commerciali,non poteva farlo la
        Borlandnon può farlo nessuno (serio)!senno chi si metterebbe mai a scrivere in quel linguaggio?
Chiudi i commenti