Google: siamo solo postini

Si è concluso il primo atto del processo a Google Video: rischiano il carcere in quattro. Mentre Vittorio Sgarbi chiede i danni a Google per aver dato spazio a video ritenuti diffamatori
Si è concluso il primo atto del processo a Google Video: rischiano il carcere in quattro. Mentre Vittorio Sgarbi chiede i danni a Google per aver dato spazio a video ritenuti diffamatori

Google si ritiene come un postino. Un postino, recapitando semplicemente una missiva, non può rischiare di violare la privacy di nessuno, non può rischiare di diffamare nessuno: è un semplice intermediario. Ma quattro dirigenti di Mountain View rischiano il carcere: ieri, presso la quarta sezione penale del tribunale di Milano, è iniziato il processo per dirimere il caso in cui è stata coinvolta la Grande G, accusata di aver attentato alla privacy e alla reputazione del soggetto di un video postato dai suoi utenti.

David Carl Drummond e George De Los Reies, rappresentanti legali di Google Italia, Peter Fleischer, responsabile europeo della privacy e Arvind Desikan di Google Video, nei mesi scorsi sono stati iscritti nel registro degli indagati. Nel 2006 aveva suscitato scalpore un video pubblicato sulla piattaforma di Mountain View: e Google, che opera da semplice intermediario, che offre spazio e visibilità a contenuti messi a disposizione dei cittadini della rete , era stato chiamata in causa per non essere intervenuta. La clip, stralci di angherie esercitate su un ragazzo down, aveva innescato la denuncia dell’associazione Vividown e un’indagine della Procura di Milano.

Sui quattro dirigenti di Google pende l’accusa di corresponsabilità nella diffamazione e violazione della privacy ai danni di un ragazzo down, una corresponsabilità aggravata dalla componente del lucro: la Grande G avrebbe messo a frutto le violenze raffigurate nella clip con la pubblicità che costella i propri servizi.

Nella udienza di ieri si sono costituite parte civile sia l’associazione Vividown sia il Comune di Milano. Il procedimento è stato rimandato al 19 febbraio. Il 19 febbraio, osservano in molti dentro e fuori dall’Italia, entrerà nel vivo un processo che costituisce una cartina di tornasole dell’orientamento con cui si guarda agli operatori della rete: editori o postini, controllori o inerti canali.

Google, che mette a disposizione una piattaforma il cui controllo e la cui gestione sono affidati alla community che la popola, ritiene di aver collaborato per quanto era in suo potere e in suo dovere fare: “Ci teniamo a ribadire, ancora una volta, la nostra più sentita e sincera solidarietà nei confronti del ragazzo e della sua famiglia – spiega Google in una nota inviata a Punto Informatico – Grazie al nostro contributo, i protagonisti del filmato incriminato sono stati individuati e puniti”. Ma la Grande G non è disposta ad interpretare un ruolo diverso da quello del mero intermediario, ritiene che il processo sia “assolutamente ingiustificato”: “È come perseguire gli impiegati delle poste per via di lettere minatorie spedite per posta”.

La rete “dovrebbe essere libera, aperta e democratica”, denunciano da Google: “Il voler attribuire la responsabilità dei contenuti a piattaforme neutrali è un attacco diretto alla Rete”. È possibile che la Grande G debba trovarsi a difendere il proprio ruolo e con esso quello di tutti i postini della rete: Vittorio Sgarbi , sentitosi diffamato da parole che Marco Travaglio avrebbe pronunciato a Pisa nel maggio scorso e che sarebbero poi rimbalzate su YouTube, ha citato per danni non solo il giornalista, ma anche Google Italia . Google, contattata da Punto Informatico in merito alla vicenda, dichiara di non aver ricevuto ancora alcuna comunicazione ufficiale.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 02 2009
Link copiato negli appunti