Google, software per gestire siti e campagne

Il motore di ricerca sforna un servizio online per chi vuole massimizzare gli introiti pubblicitari. Il software offre analisi gratuite per tutti gli aderenti al programma AdWords


Mountain View (USA) – Instancabile, innovativo, dinamico: Google continua la sua strategia d’espansione per spiccare nel panorama del Web 2.0 e sforna un tool per l’analisi di marketing . Il nuovo strumento si chiama Analytics ed è destinato a diventare la nuova lente d’ingrandimento nella borsa degli attrezzi dei molti affiliati ai programmi pubblicitari del motore di ricerca.

Google Analytics, disponibile in 16 versioni localizzate, è una versione aggiornata di Urchin , programma di statistiche ed analisi del traffico web largamente utilizzato dai professionisti del marketing online. Il software, disponibile gratuitamente per tutti i partner commerciali di Google, si integra perfettamente con le altre applicazioni pensate per gli utenti registrati.

Per accedere al servizio basta accettare le condizioni d’uso ed acconsentire affinché Google possa tenere sotto controllo il flusso di visitatori di un determinato sito. Un tracker non invasivo va quindi inserito nel codice HTML, et voilà , è possibile accedere alle funzioni dell’ analista digitale .

Analytics è veloce, colorato, accurato: dall’analisi geografica del traffico online fino alle ultime news riguardo i siti più visitati, il servizio fornisce tutte le fondamenta necessarie all’avvio di un business online . Tanto che i creatori dell’ analista vantano “la fiducia del 20% delle più grandi aziende Internet”: una dichiarazione importante, in grado di tracciare sommariamente i contorni del successo del motore di Mountain View, il quale riesce a guadagnare somme astronomiche attraverso la raccolta pubblicitaria sul web.

Il nuovo prodotto della multinazionale californiana soddisfa a suo dire le esigenze dei professionisti ma sposa la semplicità di una interfaccia grafica intuitiva: “sofisticato ma semplice da usare”, appuntano i portavoce dell’azienda. “Vogliamo portare l’analisi di marketing a tutti gli editori che lavorano in ambito telematico”, dichiara Paul Muret, responsabile del progetto: “Con le informazioni di Analytics è possibile massimizzare le entrate pubblicitarie e creare siti migliori”.

Analytics sfida Amazon ? Questo Google Analytics potrebbe sottrarre una buona fetta di utenti al popolare Alexa , uno strumento molto in voga per effettuare analisi del traffico e per la pianificazione del marketing telematico. Non manca, invece, chi vede nel nuovo servizio di bigG l’ennesimo allungo del grande motore di ricerca verso i dati di traffico dei propri inserzionisti, informazioni che in futuro, maligna qualcuno, potrebbero regalare a Google un ruolo ancora più centrale nel grande business della pubblicità online.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AnyFile scrive:
    Cosa ne pensa l'utilizzatore finale?
    Ma l'utilizzatore finale vede il consumo elettrico dei pc come un problema?Quanto consuma un pc?Quanto e' la spesa per l'elettricita' dei pc rispetto a tute le altre spese in elettricita' (o altre fonti energetiche)? In riscaldamento, ascensori, motori elettrici, ecc. si spende talemtne tanto di piu' che il risparmio sarebbe ben opca cosa.Con questo non voglio dire che non bisogna risparmiare energia, anzi ... ma appunto in genere bisognerebbe partire dalla cose piu' dispendiose... invece in certi edifici (anche pubblici) sembra sia impossibile avere una temperatura inferiore ai 32 gradi C in inverno e superiore ai 17 gradi C in estate .... chi paga tutto questo?Passando ad una considerazione piu' tecnica: quali svantaggi e vantaggi danno i componenti elettrici che consumano meno energia? Si deteriorano piu' facilmente o al contrario durano piu' a lugo?Tornando a considerazioni politiche, non dimentichiamoci che ogni riduzione dei consumi elettrici/energetici va contro gli interessi delle industrie energetiche e petrolifere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa ne pensa l'utilizzatore finale?
      Se tu sei una ditta con installato un 100-150 pc, server esclusi, non credi che ti farebbe piacere avere un risparimo del 60%?A me sì.
  • Anonimo scrive:
    Risparmio energetico...
    Andatelòo a dire alla INTEL, ormai per utilzzareun loro processore serve una centrale lettrica dedicata....
Chiudi i commenti