Google, un tool contro il malware?

Websense sfrutta la funzione di ricerca sui file binari offerta da BigG per creare una sorta di antivirus per Internet, che scava tra i file pubblicati sul web alla ricerca di quelli potenzialmente dannosi
Websense sfrutta la funzione di ricerca sui file binari offerta da BigG per creare una sorta di antivirus per Internet, che scava tra i file pubblicati sul web alla ricerca di quelli potenzialmente dannosi

San Francisco (USA) – Gli esperti di sicurezza di Websense hanno trasformato una funzione semisconosciuta di Google in un ingranaggio fondamentale per un software che setaccia il Web alla ricerca di virus e worm . Una sorta di antivirus: attraverso la funzione di ricerca sui file binari , Websense ha infatti realizzato un tool per individuare file contenenti varie forme di malware.

Lo strumento, ancora in fase sperimentale, è riuscito a rintracciare 2mila siti web che ospitavano o diffondevano vari worm. La funzione ” binary search ” di Google, spiega Dan Hubbard di Websense in un’intervista rilasciata a PC World , “può essere utilizzata per guardare all’interno dei file.exe e scovare stringhe sospette di codice”.

Il principio di funzionamento del software di Websense è del tutto simile a quello degli antivirus tradizionali. Tuttavia, come ha voluto specificare Hubbard, l’azienda non ha ancora intenzione di rilasciare al pubblico questo programma: “Sarebbe un rischio troppo grande”, ha detto l’esperto, “perché un utente malintenzionato potrebbe sfruttare questo servizio per ricercare e scaricare file dannosi da modificare e ridistribuire”.

Altri rischi legati agli abusi di questo software, secondo Hubbard, sono legati alla possibilità che qualcuno possa utilizzare le informazioni estrapolate da Google per “ingannare il motore di ricerca e manipolare direttamente i file contenenti codice malevolo, così da falsare i risultati di ricerca e magari spingere gli utenti al download di contenuti fasulli”.

La parte più interessante di questa funzione di search binario, secondo molti osservatori, non è strettamente correlata alle possibili ricadute positive e negative nel settore della sicurezza informatica. Google, in base a quanto messo in luce da Websense, potrebbe essere sul punto di varare un motore di ricerca solo per file binari : “Google sta chiaramente espandendo gli orizzonti dei propri crawler “, ha detto Johnny Long, autore di numerosi libri su Google e sull’open source.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 07 2006
Link copiato negli appunti