Green Pass su carta: si può, ma occhio alla stampa

È possibile conservare il Green Pass su carta, ma bisogna far attenzione alla qualità della stampa o potrebbe non essere riconosciuto come valido.
È possibile conservare il Green Pass su carta, ma bisogna far attenzione alla qualità della stampa o potrebbe non essere riconosciuto come valido.

Come noto, uno dei metodi a disposizione per conservare il Green Pass è quello che prevede l'utilizzo di un supporto fisico: va bene anche cartaceo, purché la qualità della stampa sia buona. Si tratta pur sempre di un codice QR che dev'essere sottoposto a scansione, se i dei riquadri che lo compongono sono poco definiti è possibile che si verifichino errori durante la lettura da parte dell'applicazione VerificaC19.

Green Pass stampato: occhio alla qualità

Il primo consiglio è quello, se possibile, di impiegare una stampante laser e non un modello a getto d'inchiostro. Si otterrà così una copia su carta della Certificazione Verde fedele a quella digitale, evitando il rischio di essere rimbalzati all'ingresso dei locali o del luogo di lavoro (dove sarà obbligatorio dal 15 ottobre). Se non disponibile, ci si può rivolgere a una copisteria o a una cartoleria con una spesa irrisoria.

La versione cartacea del Green Pass

Anche ricorrere all'utilizzo di un portadocumenti per proteggerlo è buona norma, si evita così che l'usura o l'accidentale contatto con un liquido possano rovinarlo, rendendo il Green Pass impossibile da scansionare. Per rispondere all'esigenza sono nati servizi che consentono di stamparlo su tessera in PVC o addirittura di includerlo in un portachiavi. Tutto questo, ovviamente, come alternativa al formato digitale.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.
11 10 2021
Link copiato negli appunti