Green Pass europeo: c'è la proroga di un anno

Green Pass europeo: c'è la proroga di un anno

Il Parlamento Europeo ha approvato la proroga del Green Pass per un ulteriore anno: sarà la Commissione Europea a poterlo abrogare in anticipo.
Il Parlamento Europeo ha approvato la proroga del Green Pass per un ulteriore anno: sarà la Commissione Europea a poterlo abrogare in anticipo.

Il Parlamento Europeo ha approvato in via definitiva la proroga dell’istituto del Green Pass per un altro anno ancora. Dodici mesi in più, non inizialmente preventivati, saranno utili a garantire uno strumento di interdialogo tra i diversi Paesi europei affinché si possa proseguire nella necessaria tutela rispetto alla possibile ascesa di una nuova ondata di Covid in tutto il continente. In epoca di pandemia, guerre e siccità, tornare a parlare di emergenza Covid sarebbe deleterio, ma soltanto una debita prevenzione potrà evitare il riaccendersi di un pericolo che già per due anni ha percorso il mondo in lungo e in largo.

Green Pass, si va avanti

Il Green Pass servirà a garantire la piena e tranquilla circolazione delle persone vaccinate o guarite, per le quali potranno vigere regole omogenee e sulle quali il rischio di ospedalizzazione dovrebbe gravare in modo meno importante. Non solo: l’arrivo di un nuovo vaccino calibrato sull’Omicron andrà a dar forza all’istituto del Green Pass, poiché andrà a migliorare l’efficacia della copertura e sarà più radicale la difesa contro le nuove varianti e la loro contagiosità.

Vasta la maggioranza che ha approvato in sede europea il nuovo rinvio. Spiega il Parlamento che sarà la Commissione a dover valutare l’eventuale abrogazione del Green Pass a tempo debito:

Entro la fine del 2022, la Commissione europea valuterà l’impatto dell’EUDCC sulla libera circolazione e sui diritti fondamentali e potrà proporne la revoca nel caso in cui la situazione della salute pubblica lo consenta, sulla base dei più recenti pareri scientifici del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Torna il Covid e torna il Green Pass, dunque. I due aspetti sono irrimediabilmente legati, ormai: soltanto quando il pericolo sanitario potrà dirsi scongiurato, allora lo strumento tecnico di controllo potrà essere messo definitivamente da parte. Per custodie porta-Green Pass e lettori di Green Pass, insomma, il mercato resta aperto: la parentesi non è chiusa fin quando io dati di morte e di ricovero non potranno davvero argomentare un reale “è solo un’influenza“.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 24 giu 2022
Link copiato negli appunti