Hanno hackato l'USB

Spesso le flash drive USB sono vere e proprie banche di dati sensibili, un posto sicuro dove tenere tutto ciò che serve a portata di mano, sempre e comunque. Capita però che qualche buontempone decida di rubare il prezioso device. Come dissuadere le

Spesso le flash drive USB sono vere e proprie banche di dati sensibili, un posto sicuro dove tenere tutto ciò che serve a portata di mano, sempre e comunque. Capita però che qualche buontempone decida di rubare il prezioso device. Come dissuadere le manoleste? Un’idea è Hacked! the OH! *#% flash drive .



La sua forza sta proprio nell’aspetto. Si presenta come un normale cavo USB tranciato a metà, con tanto di fili in bella vista. L’idea è che i 2 gigabyte che nasconde non facciano gola a nessuno o, quantomeno, a coloro che non frequentano gadget blog o, ancora, a chi ritiene normale che qualcuno se ne stia lì col suo portatile agganciato ad una USB tranciata.
Sia come sia, il suo designer Windell Oskay ritiene che la tattica del qui sono già passati sarà un successone. Per il momento non sono ancora disponibili info relative alla commercializzazione e al prezzo del device sul sito del produttore Fred&Friends. Chi proprio non sa aspettare può sempre far fuori qualche cavo, magari l’impazienza si placa.

[ Fred&Friends ]

[via CoolestGadgets ] [ Ubergizmo ]

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lufo88 scrive:
    perche' non si parla del copyright?
    la commissione ha fatto anche una cavolata pero'http://www.corriere.it/economia/08_luglio_16/Dir_autore_esteso_8976beb6-536c-11dd-a364-00144f02aabc.shtml
    • anonimo scrive:
      Re: perche' non si parla del copyright?
      L'articolo del corriere è impreciso, si tratta di una proposta della commissione e deve essere approvata dall'europarlamento.
  • il tonto winaro scrive:
    ESISTE LA SIAE DEL BURUNDI?
    Magari a loro va bene qualche pietra colorata (geek)
  • Nathaniel Hornblower scrive:
    Via alla musica in streaming
    Servizi in streaming come Pandora, Deezer, Last.FM avevano incontrato non pochi problemi di interfacciamento con le società locali per la tutela di autori ed editori europee. Pandora è diventanta fruibile solo dagli americani, Deezer è funzionale al 100% solo dai francesi e Last.FM è partita con gli USA, UK e Germania. Spero che questa nuova direttiva possa finalmente portare anche da noi facilmente queste splendide realtà.
  • Cippo Lippo scrive:
    L'equo compenso ora chi lo prende?
    la siae se non sbaglio prende soldi da quella tassa che è stata aggiunta sui supporti digitali perchè a priori si presuppone che con dvd, cd e hd si faranno degi illeciti a danno dei musicisti.adesso chi intascherà quella tassa se la siae presto non sarà più l'unica detentrice dei diritti d'autore?
    • Io Io scrive:
      Re: L'equo compenso ora chi lo prende?
      qualcosa mi dice che li prendera' sempre la siae
    • frk scrive:
      Re: L'equo compenso ora chi lo prende?

      adesso chi intascherà quella tassa se la siae
      presto non sarà più l'unica detentrice dei
      diritti
      d'autore?Guarda che si parla solo dei diritti di cavo e satellite... oltre che Internet.Tutto il resto non cambia!
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: L'equo compenso ora chi lo prende?
        - Scritto da: frk
        Guarda che si parla solo dei diritti di cavo e
        satellite... oltre che Internet.

        Tutto il resto non cambia!???Si parla di concorrenza nella gestione dei diritti di copia. Ovvero un artista potrà scegliere a quale società affidare la tutela e la gestione delle proprie opere. La suddivisione dei diritti sulla base del mezzo di diffusione sarebbe un caos ingestibile, e comunque, dove l'hai letto?
  • Gabriele scrive:
    Licenza paneuropea: bene per iTunes :)
    Che sia la volta buona di vedere anche sullo store italiano film e video? Per Apple adesso dovrebbe esser molto più agevole praticare una politica unica di vendita in tutta Europa.A parte questo, forse così vedremo anche delle licenze più chiare e meno onerose per la diffusione via web di audio e video ?G.
    • next scrive:
      Re: Licenza paneuropea: bene per iTunes :)
      Ma per itunes cosa cambierebbe?Non mi pare che sia colpa dell'europa se i servizi di noleggio/vendita filmati non siano arrivati qui
      • anonimo scrive:
        Re: Licenza paneuropea: bene per iTunes :)
        - Scritto da: next
        Ma per itunes cosa cambierebbe?
        Non mi pare che sia colpa dell'europa se i
        servizi di noleggio/vendita filmati non siano
        arrivati
        quiItunes ha dovuto fare in modo che non si potesse accedere agli altri itunes store presenti in Europa per questioni di diritti.Ora che hanno liberalizzato credo che potranno fare uno store unico europeo.
        • next scrive:
          Re: Licenza paneuropea: bene per iTunes :)
          Ma speriamo allora!Più che altro ero interessato al discorso noleggio film con apple tv.
  • Lord Kap scrive:
    FIMI contenta
    Ma non vi preoccupa un po' il fatto che la FIMI sia così contenta della cosa? A me puzza parecchio...-- Saluti, Kap
    • Colite scrive:
      Re: FIMI contenta
      - Scritto da: Lord Kap
      Ma non vi preoccupa un po' il fatto che la FIMI
      sia così contenta della cosa? A me puzza
      parecchio...

      --
      Saluti, Kapbeh è chiaro che lo sono ora possono trattare con chi gli pare e non più solo con siae e possono vendere licenze panereuropee senza dover sottostare a niente
      • MrVain scrive:
        Re: FIMI contenta
        In questi anni è stata la Siae a bloccare la crescita del mercato digitale per tutelare solo i vecchi artisti che prendono ancora soldi della musica dei giovani. In questo modo anche la Siae sarà obbligata a tutelare i nuovi autori altrimenti non avranno più gli stessi introiti di adesso.....In questo la FIMI ha cento volte ragione.Se in Italia non ci sono molti stores digitali è solo per l'ostruzionismo della Siae.
  • FuSioNmAn scrive:
    SUISA
    Finalmente forse è possibile tutelarsi da una società seria e bypassare i vampiri.Guardate questa...se ne parlava gia alcuni anni fa su un famoso forum musicale:http://www.suisa.ch/it/membri/autori/domande-e-risposte/100 franchi all'anno e niente più.Ripartizione EQUA dei diritti riscossi.La SIAE invece arraffa da tutte le parti: canone annuo, registrazione canzone, esecuzione in pubblico e chisà quanto altro.Per non parlare poi della ripartizione casadei style.C'è voluta l'europa per fare qualcosa. Menomale che ne facciamo parte.
    • sono commosso scrive:
      Re: SUISA
      - Scritto da: FuSioNmAn
      C'è voluta l'europa per fare qualcosa.bhè potremmo iniziare a fare qualcosa pure noi eh... basterebbe imparare andare a votare, basterebbe andare tutti a roma per mandare a casa i 16 condannati in via definitiva che ci stanno governando eh, ecc.ecc.ecc.
      • Homer S. scrive:
        Re: SUISA
        Già.Basterebbe alzare il culo dalla sedia e smettere di trollare su PI...
      • FuSioNmAn scrive:
        Re: SUISA
        - Scritto da: sono commosso
        - Scritto da: FuSioNmAn

        C'è voluta l'europa per fare qualcosa.

        bhè potremmo iniziare a fare qualcosa pure noi
        eh... basterebbe imparare andare a votare,
        basterebbe andare tutti a roma per mandare a casa
        i 16 condannati in via definitiva che ci stanno
        governando eh,
        ecc.ecc.ecc.No basta mandare a quel paese chi non merita attenzione e sottoscrivere presso chi invece merita.Per iscriversi bastano 5 minuti.Adesso c'è anche l'appoggio dell'europa quindi non si possono più temere ritorsioni locali.Quindi oggi non sono più obbligato a farmi tutelare dalla SIAE.Tanto per citare un esempio direttamente dalla SUISA:"Chi utilizza un'opera a scopo privato, non deve alcun compenso all'autore. Questo vale ad esempio per feste di matrimonio e di compleanno non pubbliche, non però per feste d'associazione e d'azienda, esecuzioni nelle scuole, musica di sottofondo nei centri commerciali, ecc."Significa che al nostro compleanno non avremo la tassa strozzinaggio per mettere qualche canzone.P.s. Anche se mandassimo via i 16 condannati non cambierebbe una ceppa. E' nel nostro DNA italiota
        • sono commosso scrive:
          Re: SUISA
          - Scritto da: FuSioNmAn
          - Scritto da: sono commosso

          - Scritto da: FuSioNmAn


          C'è voluta l'europa per fare qualcosa.



          bhè potremmo iniziare a fare qualcosa pure noi

          eh... basterebbe imparare andare a votare,

          basterebbe andare tutti a roma per mandare a
          casa

          i 16 condannati in via definitiva che ci stanno

          governando eh,

          ecc.ecc.ecc.
          No basta mandare a quel paese chi non merita
          attenzione e sottoscrivere presso chi invece
          merita.
          Per iscriversi bastano 5 minuti.
          Adesso c'è anche l'appoggio dell'europa quindi
          non si possono più temere ritorsioni
          locali.

          Quindi oggi non sono più obbligato a farmi
          tutelare dalla
          SIAE.

          Tanto per citare un esempio direttamente dalla
          SUISA:
          "Chi utilizza un'opera a scopo privato, non deve
          alcun compenso all'autore. Questo vale ad esempio
          per feste di matrimonio e di compleanno non
          pubbliche, non però per feste d'associazione e
          d'azienda, esecuzioni nelle scuole, musica di
          sottofondo nei centri commerciali,
          ecc."

          Significa che al nostro compleanno non avremo la
          tassa strozzinaggio per mettere qualche
          canzone.quoto
          P.s. Anche se mandassimo via i 16 condannati non
          cambierebbe una ceppa. E' nel nostro DNA
          italiotaNon è una giustificazione il dire "tanto non cambierebbe nulla". E' stata usata fin troppe volte e guarda in che situazione ci troviamo: noi (popolo) a far la fame e loro (vip da mettere in galera) a nell'oro e a fare leggi per pararsi il culo. Questa è una dittattura caro mio, bella e buona, magari sottoforma di pillola, ma meglio dire a forma di "supposta" giusto perchè questa sappiamo benissimo da che parte ce la si infila, no ?italianiiiii, sveglia!riprendiamoci almeno l'onore!
    • gelty scrive:
      Re: SUISA
      - Scritto da: FuSioNmAn

      http://www.suisa.ch/it/membri/autori/domande-e-ris
      100 franchi all'anno e niente più.
      Ripartizione EQUA dei diritti riscossi.Peccato che la svizzera non faccia parte della Comunità Europea.
      • FuSioNmAn scrive:
        Re: SUISA
        - Scritto da: gelty
        - Scritto da: FuSioNmAn




        http://www.suisa.ch/it/membri/autori/domande-e-ris

        100 franchi all'anno e niente più.

        Ripartizione EQUA dei diritti riscossi.

        Peccato che la svizzera non faccia parte della
        Comunità
        Europea.Ma non mi sembra di aver letto che deve essere per forza una società dell'unione europea...Ma anche se fosse all'esterno ce ne saranno altre sicuramente migliori di SIAE.Il mio è un esempio di una che conoscevo.
        • purtroppo la scrive:
          Re: SUISA
          purtroppo diventi membro della SUISA solo se hai cittadinanza scizzera o un domicilio svizzero...dai troviamo delle alternative!!!
          • ecco qui scrive:
            Re: SUISA
            basta trovare un editore svizzero affiliato alla SUISA per usufruire dei vantaggi della SUISA ma a questo punto quanto ne vale la pena??????
          • ecco qui scrive:
            Re: SUISA
            ad esempio www.amantinipublishing.chma quanto si prrendono??ce ne sono delle altre???
  • sono commosso scrive:
    finalmente li mando a hahare
    addio siae, domani porto i miei pezzi in europa !!!muahahahahahaha
    • Io blocco il p2p scrive:
      Re: finalmente li mando a hahare
      - Scritto da: sono commosso
      addio siae, domani porto i miei pezzi in europa
      !!!
      muahahahahahahaDai Blasco, domani, sicuro?
      • sono commosso scrive:
        Re: finalmente li mando a hahare
        se non è domani, sarà dopodomani, intanto mi sono già iscritto a quella Irlandese e ho iniziato a depositare i pezzi li e poi ho iniziato a non pagare più la quota d'iscrizione annuale alla siae e poi ho anche iniziato a fare pezzi in creative commonsche vadino tutti a hahare sti strozzini dell'intelletto!PS: "Gli angeli sanno, che troppi tipi pratici mangiano il pane, grazie al sudore della fronte dei sognatori".(Gibran)
  • Nilok scrive:
    Dividi et Impera
    Augh,è dai tempo dei "Cesari" che si conosce e si applica questa MASSIMA.Il fatto che esisterà una "concorrenza per la raccolta dei danari", significa solo che si MOLTIPLICHERANNO a dismisura i controlli e tutto quello che ne consegue.Ho parlatoNilok
    • Paguro scrive:
      Re: Dividi et Impera
      Per me puoi anche parlare, ma prima devi assicurarti di scrivere le cose correttamente."Divide et impera" mi suona molto più familiare...
  • Guido La Vespa scrive:
    SIAE al tappeto
    scusate ma non ho resistito :p
  • z f k scrive:
    balzello sulla diffusione a prescindere?
    sbaglio o chiunque diffonda opere musicali (radio, locali pubblici) e' tenuto a pagare la siae?come si pone la cosa, se la musica che diffonde e' esclusivamente prodotta da soggetti che hanno scelto di non farsi rappresentare da (ora) una di queste societa' (vuoi perche' si fidano che gli pagheranno i diritti direttamente o perche' hanno scelto di rinunciare a tali diritti per usi non commerciali o tout court )?Cioe', la societa' di rastr... raccolta si fa pagare i diritti su opere musicali prodotte da qualcuno che non rappresenta?sbaglio?CYA
    • sono commosso scrive:
      Re: balzello sulla diffusione a prescindere?
      quel tipo di pizzo, perchè è di questo che stiamo parliando, viene pagato in maniera forfettaria alla siae, la quale nell'impossibilità di capire a quali artisti ripartire i profitti di quel pizzo, se li tiene tutti per se.Mamma Mafia Siae, come ormai sappiamo, non didive il surplus tra tutti gli associati a fine anno, come invece accade in molte sue simili nei paesi europei.Mamma Mafia Siae è ampiamente documentata nelle varie puntate SCANDALO presentate agli italiani dalla redazione di REPORT.Mamma Mafia Siae è l'ennesima dimostrazione che in Italia ci governa un comitato d'affari e non dei politici.reset!V
  • pizza margherita scrive:
    ahi ahi...
    per il momento si prospetta solo un aumento dei controlli, perchéadesso oltre agli ispettori SIAE/EMPALS, ci saranno gli ispettori della GAMA, PRS, ecc...amplificando i già ben noti problemi, specie per i piccoli gruppi non professionisti...Bisogna mettere mano alla legge sul diritto d'autore!!!
    • XYZ scrive:
      Re: ahi ahi...
      - Scritto da: pizza margherita
      per il momento si prospetta solo un aumento dei
      controlli,
      perché
      adesso oltre agli ispettori SIAE/EMPALS, ci
      saranno gli ispettori della GAMA, PRS,
      ecc...
      amplificando i già ben noti problemi, specie per
      i piccoli gruppi non
      professionisti...

      Bisogna mettere mano alla legge sul diritto
      d'autore!!!quoto
    • FuSioNmAn scrive:
      Re: ahi ahi...
      - Scritto da: pizza margherita
      per il momento si prospetta solo un aumento dei
      controlli,
      perché
      adesso oltre agli ispettori SIAE/EMPALS, ci
      saranno gli ispettori della GAMA, PRS,
      ecc...
      amplificando i già ben noti problemi, specie per
      i piccoli gruppi non
      professionisti...

      Bisogna mettere mano alla legge sul diritto
      d'autore!!!Guarda come la metti tu è un problema se devi pagare cifre spropositate più volte e per ragioni diverse.Se però la cifra è equa e giusta e serve veramente a tutelarti e a farti maturare degli introiti in modo equo ben vengano i controlli serrati e le multe a chi non paga.Purtroppo noi abbiamo il dente avvelenato per questo ora siamo prevenuti. Ma esistono società in europa veramente serie e giuste.Sto cambiamento è EPOCALE
    • Morpheus255 scrive:
      Re: ahi ahi...
      a parte il fatto che credo che ciò non riguardi gli utilizzatori... ma perché continuate a chiamarla emplas?Forse perché ne avete solo sentito parlare in chissà quale misterioso bar?
  • Categorico scrive:
    O RIP furbetti, o RIP SIAE
    Chiunque abbia mai visto quella puntata di Report o letto la sua trascrizione sul sito RAI, saprà in che modo macchinoso e furbastro i diritti vengono ripartiti, beneficiando in maniera sproporzionata un gruppuscolo di "furbetti".Finalmente la SIAE dovrà scegliere fra continuare così e fallire o darsi una regolata.Immagino anche che una conseguenza automatica sia la fine dei "bollini" su tutto ciò di cui i diritti non siano detenuti da iscritti o clienti SIAE.
    • goldrakegrifondoro scrive:
      Re: O RIP furbetti, o RIP SIAE
      ma immaginate tutti gli esercizi commerciali che finalmente potranno scegliere le offerte di altre societa'....immaginate gli autori che finalmente potranno scegliere da chi farsi rappresentare e ricevere equamente quello che gli spetta e non con meccanismi "fantascentifici" (vedi post prima)...forse l'era della siae e' davvero verso il tramonto, almeno di come la conoscevamo. sempre a meno che le suddette societa' non si mettano poi daccordo "di fatto" ...all'italiana insomma.....
      • Ricky scrive:
        Re: O RIP furbetti, o RIP SIAE
        In Italia abbiamo una classe politica "esperta" e un capobanda "inciucioso" e vedrete che le cose andranno "leggermente in controtendenza".Qui si recepisce SUBITO quello che permette di rastrellare soldi e MAI quello che invece lede gli interessi dei soliti...Staremo a vedere...
        • pippo scrive:
          Re: O RIP furbetti, o RIP SIAE

          In Italia abbiamo una classe politica "esperta" e
          un capobanda "inciucioso" e vedrete che le cose
          andranno "leggermente in
          controtendenza".
          Qui si recepisce SUBITO quello che permette di
          rastrellare soldi e MAI quello che invece lede
          gli interessi dei
          soliti...
          Staremo a vedere...Sempre in nome dei bambini e delle famiglie, ovviamente :D
          • sono commosso scrive:
            Re: O RIP furbetti, o RIP SIAE
            opppure dei cani abbandonati di italia1 ... ^_^
        • Categorico scrive:
          Re: O RIP furbetti, o RIP SIAE
          Non dubito che qualche inciucio possano farlo, ma almeno non sulla ripartizione dei diritti, dato che gli omologhi SIAE nei paesi dove già da tempo non c'è monopolio o addirittura non è mai esistito, se ripartissero i diritti come la SIAE, perderebbero immediatamente tutti gli iscritti non truffaldini e fallirebbero all'istante.
      • sono commosso scrive:
        Re: O RIP furbetti, o RIP SIAE
        Precisazione: è da quando è nata la comunità europea che un artista poteva iscriversi ad una siae straniera.La notizia è invece che da oggi, si potranno "spostare" pezzi tutelati dalla siae verso altre società, e questa è in effetti una grande novità.La siae ha già iniziato a fare campagna protezionistica dicendo che ci sarà più confusione... si ma non da parte degli utenti, ma all'interno della loro organizzazione che è piena di incapaci, e messi li come scambio di voto... sono stato alla siae a roma, da mettersi le mani sui capelli, altro che Brunetta...La prossima mossa della siae, sarà quella di commissionare un bel servizio costruito ad hoc sui telegiornali (controllati ovviamente) e alla RAI sarà presentata con la solita morale del direttore di turno che inizierà sicuramente dicendo :"Gli Italiani sanno che..."reset!V
  • pasticcio scrive:
    fanculo siae
    cultura libera accessibile gratis per tutti subito e ovunque, musica e film come libri nelle biblioteche tutto disponibile in rete, facile e veloce.questa è la mia idea di progresso.
    • Andrea Gardini scrive:
      Re: fanculo siae
      aggiugni anche prostitute e birra a litri! GRATIS ovviamente! Aggiungi anche che domani ti svegli per andare a lavorare gratis...questo si che è progresso!
      • pasticcio scrive:
        Re: fanculo siae
        non devi mai essere entrato tu in una biblioteca. mi dispiace per te.
        • ipconfig scrive:
          Re: fanculo siae
          e mi sa che tu devi avere un concetto un po' distorto di come funzionano le biblioteche...i libri e tutto quello che ci trovi dentro LO PAGHI CON LE TUE TASSE.
      • Paolino scrive:
        Re: fanculo siae
        A gratis non è corretto, il lavoro degli altri si paga.Diciamo che è il sistema di ora che non va bene. Per la musica, il guadagno deve venire dai concerti o dai cd ma solo nel caso che uno lo voglia comprare. Sarebbe un modo per far andare avanti solo chi è apprezzato.Spendereste soldi per un concerto di Dragonstea Dintei? E chi fa una canzone una volta nella vita non si ritrova milioni di volte.Per i film dovrebbe valere il concetto del:"Se sono passati in TV si possono scaricare". Anche perchè vederlo al cinema ti da un qualcosa in più che vederlo a casa. Quindi al cinema si andrebbe ugualemente. BlockBuster? Deve fallire, non è più un modello di business sostenibile al giorno di oggi.I libri, sono libri e vanno comprati, nel senso che con le tecnologie attuali leggersi un libro su schermo non è ancora pensabile. Per cui l'idea di darli on line gratis non sarebbe male.Certo se poi si decidessero a fare delle flat, sarebbe vero progresso. Un film, una musica. 10-15 al mese per ognuna. Io sinceramente non spendo più di 120-180 (240-360 per tutti e due)per musica o film. Ad oggi tra equo compenso e altre stupidaggini che si sono inventati, paghiamo tutti comunque. Sui masterizzatori si paga la TASSA, su gli hd si paga la TASSA anche se io devo utilizzarlo solo per le mie cose e non per metterci la musica.
        • www.aleksfalcone.org scrive:
          Re: fanculo siae
          - Scritto da: Paolino
          BlockBuster? Deve fallire, non è più un modello
          di business sostenibile al giorno di oggi.Se non fallisce, è evidente che il modello di business funziona.
          • gymvideo scrive:
            Re: fanculo siae
            Sta chiudendo pian piano ovunque, blockbuster sta cambiando per sopravvvivere.
        • anonimo scrive:
          Re: fanculo siae
          - Scritto da: Paolino
          I libri, sono libri e vanno comprati, nel senso
          che con le tecnologie attuali leggersi un libro
          su schermo non è ancora pensabile. Per cui l'idea
          di darli on line gratis non sarebbe
          male.ultimamente me so portata in vacanza una cinquantina di libri... in formato elettronico ovviamente, nella memoria del mio lettore ebook a inchiostro elettronico, ingombrante quanto un dvd e pesante quanto un telefonino.Saluti dalle tecnologie attuali, che esistono da svariati anni.
    • bubu scrive:
      Re: fanculo siae
      la cultura libera e' gia' accessibile. finche' non arrivano i brevetti.Se uno vuole pubblicare cose non a pagamento e blindate, faccia pure.Solo che non e' proprio giusto. Per essere giusto: dovrebbe essere tutta farina del suo sacco (voglio proprio vedere), e dovrebbe essere SEMPRE a pagamento. Non e' giusto usare radio film e pubblicita' per promuovere qualcosa e poi non solo far pagare la copia ma impedire di prestarla agli amici o di vederla in ospedali o piattaforme petrolifere (PIATTAFORME PETROLIFERE? spero che l'ispettore che va a visitarle abbia un bel giubbottino salvagente)
    • hari scrive:
      Re: fanculo siae
      Le biblioteche le finanziano i cittadini con le tasse....almeno chi le paga (dubbio d'obbligo visto che siamo in Italia) Nulla è dovuto e nessuno lavora gratis, nemmeno tu suppongo.
      • Kivron scrive:
        Re: fanculo siae
        La musica l'ascoltiamo tutti, ed i film li vediamo tutti.Alziamo le tasse, e mettiamo tutto gratuito.Fermo restando che la musica viene finanziata (e parecchio) da Radio e Tv, così come i film.Il mondo sta cambiando, e si sta (giustamente) stufando di artisti divenuti miliardari per 1 sola canzone... idem per gli attori.Che si facciano il mazzo pure loro (concerti...) se vogliono guadagnare.
        • napodano scrive:
          Re: fanculo siae
          - Scritto da: Kivron
          La musica l'ascoltiamo tutti, ed i film li
          vediamo
          tutti.
          Alziamo le tasse, e mettiamo tutto gratuito.qualcosa mi dice che tu le tasse non le paghi..
          • Kivron scrive:
            Re: fanculo siae
            Qualcosa mi dice che non mi conosci, quindi sarebbe meglio non facessi illazioni.
          • Kivron scrive:
            Re: fanculo siae
            - Scritto da: Kivron
            Qualcosa mi dice che non mi conosci, quindi
            sarebbe meglio non facessi
            illazioni.Aggiungo: io non solo pago le tasse, ma compro anche diverse "opere artistiche" originali, quindi credo di sapere di cosa parlo.Forse quello che non paga proprio tutto non sono io... eh? ;)
    • Poldo scrive:
      Re: fanculo siae
      Il lavoro si paga! Nessuno lavora gratuitamente, certo è che da eliminare sono tutti coloro che mangiano alle spalle di chi lavora davvero, e sono tantissimi, nascosti sotto tanti buoni propositi di giusto compenso, salvaguardia del diritto d'autore ecc, circondati da burocrazia complessa ed inutile, persone nullafacenti da mattina a sera assetate di soldi (non parlo dei poveri peoni, ma delle alte sfere) e ruoli più o meno politici il cui solo intento è "avere potere".Un film al cinema tutto sommato ci sta bene al costo di 7,50 medi, ma spendere 25 per un cacchio di dvd proprio no! Spendere 20/30/40 per un concertone di un bravo musicista ci sta bene, ma 20 per un cd audio con 10 brani (se ci si arriva ai 10) proprio no!!!La siae è esattamente quell'ente che, nascosto sotto i buoni propositi di cui dicevo prima, ha fatto il bello e cattivo tempo fra artisti, consumatori e mercato, ora è giusto che questo pallone gonfiato soccomba ad altri palloni gonfiati, sperando che prima o poi siano i consumatori e gli artisti in primis a giovare di questo "sgonfiamento generale" (perdonate le metafore ma mi sembravano azzeccate! ^__^)
    • pinco pallo scrive:
      Re: fanculo siae
      certo e chi fa il musicista o lo scrittore come campa?ma ci pensate prima di dire ste cazzate?
      • pasticcio scrive:
        Re: fanculo siae
        anche tu potresti pensare prima di scrivere vaccate.che domanda del cazzo è come fanno a campare gli artisti, musicisti o scrittori che siano?se tu vai in qualsiasi biblioteca lo puoi prendere il libro di dan marrone o di harry popper? si giusto e lo prendi gratis se non sbaglio, cioè non gli devi dare soldi nel momento in cui lo prendi, pensa che in biblioteca trovi un sacco di libri, ma non solo, trovi anche cd con musica dentro e anche dvd con film dentro e li puoi prendere guardare masterizzare fotocopiare, ci puoi fare quello che vuoi.c'è sempre cmq qualcuno che si vuole comprare il libro in libreria o il disco, in ogni caso i musicisti i soldi li fanno con i concerti e gli scrittori vendendo libri a chi li vuole comprare.se il modello biblioteca libreria esiste senza nessun problema non vedo perchè non dovrebbe funzionare anche con la musica e i film, semplicemente trovare musica e film in internet senza dover passare dalla biblioteca è più comodo, le biblioteche dovrebbero spostarsi su torrent, rilasciare tutti i libri in pdf o come ebook, musica e film disponibili. a padova c'è il copy riot che va in questa direzione, organizza anche proiezioni pubbliche gratuite di film appena usciti al cinema.
      • Kivron scrive:
        Re: fanculo siae
        Concerti? Radio? Tv? Interviste? Pubblicità?Devo andare avanti?
  • Gauss scrive:
    Bene!
    Sperando che un monopolio di fatto non si trasformi in un cartello occulto...vedremo chi per primo romperà i confini dei rivali!
Chiudi i commenti