Hashtag, parola dell'anno

Le popolari etichette di Twitter incoronate come parola più popolare del 2012. Un termine che è progressivamente entrato nell'uso comune della lingua

Roma – Ha sconfitto le concorrenti “YOLO,” “Fiscal cliff” e “Gangnam style”: l’ American Dialect Society ha incoronato “hashtag” come parola dell’anno.

Si tratta di “un fenomeno onnipresente nelle conversazioni online del 2012” secondo la valutazione di Ben Zimmer, presidente della sezione New Words Committee che fa capo all’ organizzazione impegnata nello studio del linguaggio nel Nord America.

Il termine , esploso nell’ambiente di Twitter per designare le parole chiave precedute dal simbolo “#” (cancelletto), si è progressivamente ritagliato il proprio spazio nell’uso comune , culminando con la presenza sulla copertina dell’ultimo numero cartaceo del settimanale Newsweek .

Zimmer ha aggiunto che il termine “hashtag può a volte essere presente nella comunicazione orale per introdurre un commento stringato rispetto a qualcosa che è già stato detto”.

Si tratta, a ben vedere , del terzo anno consecutivo in cui trionfa un vocabolo appartenente all’universo tecnologico : in precedenza a trionfare fu “app”, preceduto al primo posto dal termine “tweet”. ( C.S. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Esprit scrive:
    In Italia
    Visto che l'Italia è ormai una Repubblica fondata sull Rotonde, temo che gli ingegneri dovranno riprogettare questa auto per la nostra penisola.
    • qualcuno scrive:
      Re: In Italia
      Non c'é bisogno. Con tanti studi che stanno adando avanti contemporaneamente prima o poi si potrebbe mettere su un servizio di taxi collettivi senza autista a prezzi molto bassi, quindi la mafia dei tassisti non permetterá mai ad auto simili di circolare in Italia.
      • marco scrive:
        Re: In Italia
        - Scritto da: qualcuno
        Non c'é bisogno. Con tanti studi che stanno
        adando avanti contemporaneamente prima o poi si
        potrebbe mettere su un servizio di taxi
        collettivi senza autista a prezzi molto bassi,
        quindi la mafia dei tassisti non permetterá
        mai ad auto simili di circolare in
        Italia.Secondo te quanto durerebbe un simile mezzo senza autista prima che qualche bravo cittadino non lo consideri un bagno d'emergenza?
        • krane scrive:
          Re: In Italia
          - Scritto da: marco
          - Scritto da: qualcuno

          Non c'é bisogno. Con tanti studi che stanno

          adando avanti contemporaneamente prima o poi si

          potrebbe mettere su un servizio di taxi

          collettivi senza autista a prezzi molto bassi,

          quindi la mafia dei tassisti non permetterá

          mai ad auto simili di circolare in

          Italia.
          Secondo te quanto durerebbe un simile mezzo senza
          autista prima che qualche bravo cittadino non lo
          consideri un bagno d'emergenza?E tu non metteresti un sistema di controllo simil kinect dentro e fuori ??
  • attonito scrive:
    manca solo un dettaglio
    aspetto quella che si paga da sola, poi e' fatta.
Chiudi i commenti