Homepage.A, nuovo virus ad attacco rapido

Da Trend Micro ieri pomeriggio arriva l'allarme al massimo livello: il nuovo worm si diffonde rapidamente ed è classificato ad alto rischio. Intasa la rete di email infette e apre siti pornografici. Problemi solo per gli utenti Windows
Da Trend Micro ieri pomeriggio arriva l'allarme al massimo livello: il nuovo worm si diffonde rapidamente ed è classificato ad alto rischio. Intasa la rete di email infette e apre siti pornografici. Problemi solo per gli utenti Windows


Roma – L’allarme è scattato ieri pomeriggio quando da Trend Micro è arrivato un annuncio ufficiale relativo ad una nuova “epidemia” da virus. Il colpevole è VBS_Homepage.A , worm che gli esperti dell’azienda antivirus classificano come ad alto rischio.

Trend Micro, società specializzata nella sicurezza antivirus, ha rilevato una rapida diffusione per il virus nonostante che le modalità utilizzate per la sua moltiplicazione sono quelle più note. Segnalazioni di infezione giungono all’azienda da tutto il mondo.

Il worm attacca i sistemi Windows arrivando come allegato di una email infetta. L’utente Windows che apra il file allegato viene colpito dal virus che, una volta dentro il sistema, sfrutta Outlook o Outlook Express per inviare l’email infetta a tutti i destinatari presenti in rubrica senza che l’utente se ne possa accorgere facilmente.

Modalità tipiche di diffusione, dunque, che non sembrano però fermare la velocità di moltiplicazione del worm realizzato in Visual Basic script con un tool di creazione virus già molto noto, “Worm Generator”, di cui si è lungamente parlato e che da tempo circola online.


Secondo Raimund Genes, dirigente di Trend Micro in Europa, c’è da sorprendersi per la diffusione di questo worm: “Sono molto sorpreso che gli utenti vengano ancora infettati da Visual Basic Script; questo indica che la protezione dai virus non è ancora presa abbastanza sul serio dalla maggior parte degli utenti internet.”

Dopo essersi installato nel sistema – spiega Trend Micro – il worm tenta anche di aprire alcuni siti pornografici avviando Internet Explorer e indirizzando il browser su alcune URL.

L’email con cui il virus si “autodistribuisce” è facilmente riconoscibile perché ha come subject il termine “Homepage” e nel corpo del messaggio una frase: “Hi! Yoùve got to see this page! It’s really cool;O)”. Lo stesso attachment dovrebbe insospettire l’utente più esperto: HOMEPAGE.HTML.VBS.

HOMEPAGE.HTML.VBS può essere rilevato dal pattern file #886 di Trend Micro o superiore. Un test gratuito online consente di scansionare il proprio PC per sapere se questo o altri virus sono presenti nel sistema.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 05 2001
Link copiato negli appunti