I migliori anni dello streaming

Secondo ABI Research i servizi di streaming musicali conosceranno una rapida crescita nei prossimi cinque anni. Merito degli smartphone e dei gadget mobile in uso soprattutto nei mercati emergenti
Secondo ABI Research i servizi di streaming musicali conosceranno una rapida crescita nei prossimi cinque anni. Merito degli smartphone e dei gadget mobile in uso soprattutto nei mercati emergenti

Se i servizi di streaming continuano a collezionare un successo dopo l’altro, c’è chi sostiene che il bello debba ancora arrivare. Secondo uno studio di ABI Research, lo streaming di musica conoscerà una rapida espansione nei prossimi cinque anni .

Sarà l’uso degli smartphone a incentivare il flusso online di video e musica. Entro la fine quest’anno, secondo le stime dell’organizzazione di ricerca, gli abbonati ai servizi di streaming musicale che accederanno ai contenuti via cellulare saranno circa 5,9 milioni in tutto il mondo, mentre, per il 2016, le stime saliranno fino a 161 milioni, rispondendo a una crescita annua del 95 per cento.

Se il segno positivo sorride allo streaming, lo stesso non sembra potersi dire delle vendite del digitale e nei negozi. Secondo un rapporto di Nielsen SoundScan, condotto precedentemente a quello di ABI Research, le vendite del comparto musicale statunitense sono calate del 2,4 per cento nello scorso anno.

Le stime proposte da ABI sono per molti dense di ottimismo, dal momento che Rhapsody conta solamente 750mila utenti a pagamento, mentre Spotify possiede più di 10 milioni di utilizzatori non paganti, pur superando la quota di un milione di sottoscrittori a pagamento. Gli altri servizi, tra cui MOG e Rdio , presentano dimensioni modeste.

Neil Strother, direttore delle ricerche di ABI Research, spiega che il successo dello streaming è dovuto alla rapida diffusione dei gadget mobile . In Asia, ad esempio, gran parte della popolazione (India e Cina in particolare) non possiede un computer o non ha accesso a Internet, ma l’uso degli smartphone è ben distribuito. I network WiFi, inoltre, conosceranno grande sviluppo secondo la ricerca, rendendo, in questo modo, più efficienti i servizi di trasmissione.

Inoltre, i dispositivi mobile come gli smarthphone avrebbero arricchito le opzioni dedicate ai servizi di streaming per permettere la ricerca dei contenuti. Le componenti social, poi, rappresentano una tendenza di successo sulla quale i servizi punteranno sempre di più.

Cristina Sciannamblo

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti