I monitor LCD dominano il mercato

Il mercato dei monitor LCD sembra ormai pronto a spiccare il grande balzo e gettarsi nell'arena del mercato consumer. Per quest'anno la produzione raddoppierà con un conseguente e sensibile calo dei prezzi


Taipei (Taiwan) – Stando all’indagine del quotidiano asiatico Nikkei BP il mercato dei monitor LCD si prepara a suonare la carica e partire alla conquista della fascia consumer.

I monitor LCD venduti lo scorso anno ammonterebbero a 60.000 unità, una cifra che quest’anno, grazie soprattutto al continuo calo dei prezzi dei modelli a 15″, potrebbe facilmente raddoppiare. La riduzione dei prezzi dei monitor LCD potrebbe poi essere ulteriormente favorita dal calo della domanda sul mercato dei PC, un fenomeno che a Taiwan si fa particolarmente risentire.

Sembra inoltre che i PC di marca con monitor LCD integrato abbiano costi decisamente più competitivi se comparati all’acquisto di un monitor LCD separato.

Nikkei BP fa notare come già diverse tradizionali firme di monitor taiwanesi abbiano spostato la loro produzione dai monitor CRT a quelli LCD: le motivazioni consisterebbero nella ricerca di migliori margini di guadagno e nel tentativo di ritagliarsi fin d’ora un posto al sole in uno dei mercati chiave dei prossimi anni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    corsi di linux a scuola !!!
    A me sembra che per non capire alcune chiavi baseper far progredire un Paese bisogni essere davvero con una TONNELLATA di prosciutto sugli occhi.Immaginate che paradiso- ragazzi che studiano su programmi GRATUITI- che possono partecipare alla sua realizzazione- Stato che non SPERPERA i soldi in diritti per programmi americani (che fanno pure schifo e non vanno )- Stato che risparmia su "tecnici" ---
    ogni tanto infatti bisogna formattare e reinstallare Windows aaaaaaaaaahhhhh che paradiso ....
  • Anonimo scrive:
    Linux 2.4.0 in ritardo...
    ancora questa storia... Certo e' che in un mondo informatico dove i sistemi operativi hanno la data di scadenza (95, 98, 2000, millennium) nessuno capisce che e' meglio un software che esce tre mesi dopo che uno pieno di bug. Seppoi ha pochi bug, e' gratis, e' potente... cosa volete di piu'?
  • Anonimo scrive:
    Altro che XP
    Ibm mi pare stia puntando parecchio su Linux...Siamo agli albori di una nuova fase?Chi è che ci fa delle "indiscrezioni" (come le chiamano i giornalisti!)?CiuX
Chiudi i commenti