I Pearl Jam danno lezioni alle major

Dopo la conclusione del contratto con Sony la band vende su web il suo ultimo singolo e ottiene risultati insperati. In due giorni vendute un numero di copie che rivaleggia con i top distribuiti nei negozi
Dopo la conclusione del contratto con Sony la band vende su web il suo ultimo singolo e ottiene risultati insperati. In due giorni vendute un numero di copie che rivaleggia con i top distribuiti nei negozi


Roma – C’è qualcuno che ha senz’altro qualcosa su cui riflettere dopo che la celebre band Pearl Jam ha dimostrato che vendere musica su web senza l’intermediazione di una casa discografica non solo si può, ma può anche portare ad ottimi profitti.

La band il 10 novembre scorso ha iniziato a vendere il CD con il suo ultimo singolo “Man of the Hour” sul proprio sito internet e in due giorni ha piazzato 4.800 copie. Secondo i dati di Nielsen SoundScan, nelle due settimane conclusesi il nove novembre la band MercyMe al top delle classifiche americane aveva venduto “solo” 7.000 copie.

Questi dati vanno letti con attenzione, anche perché i Pearl Jam sono una storica formazione musicale che può contare su un seguito vastissimo, certo più ampio di quello di molti artisti che cercano fortuna online. Ma proprio la loro popolarità e la capacità di diffondere il CD via internet costituisce un dato di grande rilievo per chi studia il mercato musicale nell’era digitale e, in primis, per le grandi major della musica.

Va anche detto che a questo passo la band è giunta dopo la conclusione del contratto discografico che la legava a Sony e dopo aver iniziato a tastare il terreno diffondendo gratuitamente il pezzo in streaming, cioè solo per l’ascolto “in diretta”, sul sito dedicato di Real Networks. Non sarà dunque un caso se nelle prossime ore il singolo verrà messo in vendita anche presso iTunes , lo shop musicale online di Apple.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 11 2003
Link copiato negli appunti