I progetti del Mono Project

Prima inaspettata beta di Moonlight 4, il succedaneo di Silverlight, e aggiornamento 2.10 per l'alternativa open source del .NET framework

Roma – Update a sorpresa in casa Mono. Il team di sviluppo guidato da Miguel de Icaza ha già rilasciato la prima beta di Moonlight 4.0 . Il corrispettivo open source di Microsoft Silverlight , dedicato ai browser che operano in ambiente Linux, si aggiorna in tempo record per non rimanere troppo indietro sull’ambiente di runtime originale.

Il plug-in 3.0 includeva le stesse funzionalità di Silverlight 3 ma dato che Microsoft sta già lavorando su Silverlight 5, il Mono Project ha deciso di accelerare i tempi. A conti fatti Moonlight passerà dalla release 2.4 alla 4.0, senza completare fino in fondo il percorso iniziato con la terza versione dell’implementazione.

La nuova beta del software per Rich Internet Application introduce la possibilità di sfruttare l’accelerazione hardware via GPU per velocizzare la riproduzione dei video e sostenere il rendering degli effetti tridimensionali. Grazie ad un lavoro di reverse engineering gli sviluppatori hanno ricostruito quasi tutte le API di Silverlight 4. Tra le altre novità introdotte si segnala anche il supporto ai codec H.264 e AAC.

In questi giorni il team Momo ha anche rilasciato un aggiornamento dell’alternativa open source a Microsoft.NET Framework. La versione 2.10 della piattaforma Mono corregge diversi bug, include una nuova versione del compilatore C # e il supporto alla tecnologia sandbox Native Client di Google.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Marco scrive:
    Netsukuku??
    Ma netsukuku potrebbe essere la soluzione per problemi del genere?http://netsukuku.freaknet.org/http://it.wikipedia.org/wiki/NetsukukuSecondo me se lo sviluppa bene il progetto può dare i suoi frutti
  • Vindicator scrive:
    ma che si desse fuoco
    non è mica una novità che non possono controllare le vpn.infatti ho sempre trovato divertente l'idea che i cinesini che lavorano per la mia azienda possano accedere, attraverso la nostra vpn, a tutti i contenuti che desiderano.
    • Marco scrive:
      Re: ma che si desse fuoco
      - Scritto da: Vindicator
      non è mica una novità che non possono controllare
      le
      vpn.
      infatti ho sempre trovato divertente l'idea che i
      cinesini che lavorano per la mia azienda possano
      accedere, attraverso la nostra vpn, a tutti i
      contenuti che
      desiderano.Anche voi avete permesso la navigazione web ai "vostri" cinesi tramite vpn?Lo ha fatto anche la mia ditta: e' bello sapere di poter contribuire alla diffusione di una consapevolezza dei prorpi diritti in altre culture
      • Vindicator scrive:
        Re: ma che si desse fuoco
        - Scritto da: Marco
        Anche voi avete permesso la navigazione web ai
        "vostri" cinesi tramite
        vpn?
        Lo ha fatto anche la mia ditta: e' bello sapere
        di poter contribuire alla diffusione di una
        consapevolezza dei prorpi diritti in altre
        cultureè una cosa incredibile.pensa che non sanno *niente* di quanto sucXXXXX a piazza tienanmen. ma proprio niente.è tristemente orwelliana questa cosa, sono riusciti a tenere nascosti fatti conosciuti globalmente a millioni di persone.
      • Ruppolo scrive:
        Re: ma che si desse fuoco
        Ah! Dannati comunisti che non siete altro!sent from my iPhone
Chiudi i commenti