IDC: giù la tavoletta, speranza per il PC

Per il 2014 IDC prevede un crollo verticale della crescita nel mercato dei tablet, e Apple iPad è il prodotto che soffrirà di più. L'era post-PC appare ora meno entusiasmante, con il settore informatico tradizionale che contiene sempre più il declino

I trionfalismi con cui si celebrava l’avvento dell’era post-PC si sono sgonfiati nel giro di poche stagioni, almeno stando a quelli che IDC prevede saranno i risultati di mercato complessivi entro la fine dell’anno in corso: un crollo a picco delle vendite di tablet, una ripresa lenta ma apparentemente costante dei dispositivi informatici tradizionali.

La società di analisi stima, per il 2014 , una crescita della commercializzazione di tavolette pari al 7,2 per cento, positiva ma pur sempre lontana anni luce dal +52,5 per cento fatto registrare nel 2013. A farne le spese sarà soprattutto iPad, il gadget con cui Apple voleva sostituire i PC e che alla fine dell’anno sperimenterà – secondo IDC – il suo primo declino con un calo del 12,7 per cento delle vendite rispetto al 2013.

Il numero di iPad venduti nel 2014 dovrebbe essere pari a 64,7 milioni, mentre il mercato di tablet complessivo si assesterà sui 235,7 milioni di unità. IDC spiega il tracollo dei gadget a tavoletta con un ciclo vitale molto diverso rispetto a quello che ha caratterizzato il debutto della categoria, qualche anno fa, quando l’aspettativa di “ricambio” e acquisto di un modello più recente era di un terminale all’anno.

Ora gli utenti che ancora usano i tablet mantengono lo stesso dispositivo per due, tre anni, spiega IDC, le app più recenti girano anche sul vecchio hardware e quindi la corsa all’upgrade sta a zero. Le stime per il futuro sono incerte, sostiene la società di analisi, per via dell’arrivo di Windows 10, dei nuovi iPad e della potenziale crescita dei tablet Android.

E i PC? Il mercato informatico se la passa meglio del previsto, sempre secondo IDC : la riduzione nelle vendite (ai negozi) per il 2014, inizialmente stimato in un calo del 3,7 per cento, viene ridotta ulteriormente ad un -2,7 per cento. Gli utenti non fanno a meno del computer per usare un tablet, pare, e l’OS Microsoft prossimo venturo, il succitato Windows 10, potrebbe migliorare ulteriormente la situazione di mercato.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Nessuno sfugge a questo adagio
    Claudio carissimo, riguardo le cose di Windows, io me ne sono pienamente liberato. E pure riguardo la morte, ma questo è un altro discorso.Riguardo le tasse, le tasse vanno pagate, sempre.
    • cicciobello scrive:
      Re: Nessuno sfugge a questo adagio
      - Scritto da: ruppolo
      Claudio carissimo, riguardo le cose di Windows,
      io me ne sono pienamente liberato.Pure io, se è per questo, che ci vuole?
      E pure
      riguardo la morte, ma questo è un altro
      discorso.E come? Sei già morto?
      Riguardo le tasse, le tasse vanno pagate, sempre.Ci sono tanti modi per evitarle (essere nullatenente, abitare in un paradiso fiscale...)
Chiudi i commenti