IDC, vendite tablet ancora in calo

Nonostante il declino che dura da tredici trimestri, Apple è ancora leader del mercato. Balza in avanti Huawei, che guadagna il 31,7 per cento posizionandosi al terzo posto dopo Samsung

Roma – Ancora una contrazione per il mercato mondiale dei tablet. Secondo i dati forniti da IDC (International Data Corporation), nel primo trimestre di quest’anno il totale delle vendite ha raggiunto i 36,2 milioni di pezzi, con un calo anno su anno dell’8,5 per cento. Si tratta del decimo trimestre consecutivo in cui questi dispositivi fanno registrare una diminuzione nelle vendite . Il mercato dei tablet si compone di due differenti categorie di prodotti: i dispositivi muniti di tastiera staccabile, che continuano a crescere, mentre gli altri sono in declino dopo avere toccato l’apice nel 2014.


“Il tasso al quale è cresciuto il mercato dei tablet dal 2010 al 2013 è a differenza di molti altri prodotti customer oriented, mai visto prima. Comunque, sembra che per molte ragioni i consumatori siano diventati meno ansiosi di rinnovare i propri dispositivi, o in alcuni casi di acquistarli del tutto”.
A questa affermazione, IDC aggiunge la previsione che i tablet detachable continueranno a dominare sui convertibili nelle vendite, ma il pendolo del mercato sembra oscillare in favore di questi ultimi. Inoltre, il mercato dei detachable ha visto un maggior numero di lanci di prodotti nel 2017 e Microsoft e Apple devono ancora muoversi.

Descrizione immagine

Entrando nel dettaglio marchio per marchio, fra i top five Apple fa peggio della media, facendo registrare il tredicesimo trimestre consecutivo in calo, nonostante sia leader di mercato e secondo le previsioni di IDC sia destinata a rimanerlo. Samsung resta saldamente al secondo posto, anche se accusa un calo nelle vendite dell’1,1 per cento anno su anno nel primo trimestre 2017. La società ha lanciato tre nuovi prodotti, quest’anno, in occasione del Mobile World Congress di Barcellona.

Huawei è l’unico produttore, tra i primi cinque, a veder crescere le vendite dei propri tablet nel primo trimestre di quest’anno. Vendite in aumento del 31,7 per cento, da 2 milioni di unità del 2016 a 2,7 milioni. Amazon.com prosegue sull’ottovolante, continuando ad andare su e giù nelle vendite. Nel primo trimestre la società ha venduto 2,2 milioni di unità. Lenovo è entrata nei primi cinque produttori di tablet con 2,1 milioni di pezzi venduti nel primo trimestre 2017; delle top five è la meglio posizionata in termini di strategia di crescita nel business dei tablet: nel primo trimestre 2017 ha conquistato una fetta del 5,7 per cento del mercato, lo scorso anno la sua quota era del 5,5.

I dati forniti da IDC per il primo trimestre 2017 a livello globale per i tablet seguono di alcune settimane quelli relativi ai PC , che hanno invece mostrato una ripresa dopo cinque anni di segno meno.

Pierluigi Sandonnini

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • controlli a campione scrive:
    Tutti i messaggi sono scritti dalla stes
    Tutti i messaggi di questo forum sono scritti dalla stessa persona che si autorisponde! Ne sono sicuro!
    • ... scrive:
      Re: Tutti i messaggi sono scritti dalla stes
      - Scritto da: controlli a campione
      Tutti i messaggi di questo forum sono scritti
      dalla stessa persona che si autorisponde! Ne sono
      sicuro!Dici? MMhh allora sei sempre tu con migliaia di alias, compreso il mio, cioè tu ed io siamo la stessa persona e non me ne sono mai accortoAzz che botta di shizofrenia (rotfl)
    • ... scrive:
      Re: Tutti i messaggi sono scritti dalla stes
      - Scritto da: controlli a campione
      Tutti i messaggi di questo forum sono scritti
      dalla stessa persona che si autorisponde! Ne sono
      sicuro!Si e sei tu. :)
  • Twit scrive:
    Twittato
    #SS7#violato#criminaliprosciugano#conti#tedeschi
  • xx tt scrive:
    Hanno anche intercettato i cellulari
    " intercettare i codici per l'autenticazione a doppio fattore mettendo sotto controllo i numeri cellulari delle vittime"Quindi non basta l'ISP cialtrone...bisogna anche farsi intercettare il traffico del cellulare. E immagino che questi utonti geniali usino lo stesso smartphone dove installano qualsiasi cosa anche per farsi dare i codici di autenticazione della banca. Complimentoni.X gli utonti in ascolto: Volete evitare di farvi XXXXXXX i soldi dalla banca com descritto nell'articolo? 1) Compratevi un cellulare "della nonna", di quelli SENZA INTERNET, che mandano al massimo gli SMS. Tipo il 3310, che si compra e NON si aggiorna mai e col quale NON CI SI COLLEGA MAI A INTERNET.2) Fatevi mandare gli SMS di autenticazione solamente lì3) (opzionale) Quando sentite qualcuno dire "ma io ho pagato 800 Euro per il cellulare facendo la coda col contante in mano. Non è possibile che mi capiti, con quello che ho pagato! Vuoi che siano tutti deficienti quelli in coda?" ...fate come disse Virgilio: "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa"
    • 335258a1554 scrive:
      Re: Hanno anche intercettato i cellulari
      Queste sono cose a cui dovrebbe pensare chi progetta il protocollo di comunicazione.Chi ha deciso che siccome tutti gli italiani hanno lo smartphone sempre appresso la cosa più sicura è l'autenticazione via SMS è un incompetente.Il fatto che ci vogliano i troll per urlare ai quattro venti nei forum che è meglio usare un feature phone è solo la prova di quanto sia vulnerabile lo schema, perchè sappiamo tutti che tra milioni di persone alla fine ad usare il feature phone saranno quattro gatti.
    • Skywalker scrive:
      Re: Hanno anche intercettato i cellulari
      ...studiare è importante.La compromisssione del SS7, vulnerabilità spiegata già nel 2014, consente proprio di intercettare gli SMS, senza bisogno di avere acXXXXX al terminale (smart, feature or dumb phone). Quindi un 3310 è vulnerabile come un Galaxy S6, perché la vulnerabilità è sulla RETE, non sui terminali.Per assurdo, un Token Generator su Smartphone o un sistema di comunicazione della OTP direttamente alla App, ammesso che lo smartphone non sia compromesso, non sarebbe stato vulnerabile.E' proprio l'autenticazione a due fattori di cui uno dei fattori usa l'SMS come trasporto che è fallato, come da tempo indicato nelle linee guida del NIST.
      • cd7dcd8ec08 scrive:
        Re: Hanno anche intercettato i cellulari
        Quello che dici è valido pr il caso dell'articolo.Peró uno smartphone è vulnerabile a tanti tipi di attacco. Già il malware che fa screen capture ad intervalli regolari mette l'utente a rischio.
      • xx tt scrive:
        Re: Hanno anche intercettato i cellulari
        Credo che non ci siamo capiti.Per XXXXXXX i soldi agli utonti hanno bisogno di DUE cose: l'acXXXXX ai dati bancari PIU' gli SMS di controllo.Se io uso: -un PC/smartphone per collegarmi alla banca con un ISP-un feature phone separato (con SIM di un altro provider, ovviamente) per ricevere gli SMSalla fine devono craccarli entrambi (smartphone + rete) per rubarmi i soldi. Non basta rubare gli SMS, così come non basta craccarmi lo smartphone.Se invece l'utonto fa tutto con lo stesso smartphone, la vita per i farabutti è più facile anche in questo caso.Ecco perché è comunque meglio separare le due cose.Se parlo al v...ehm...cerco di istruire gli utonti è perché spero sempre che qualcuno di loro si svegli, rendendo la vita meno facile ai truffatori di ogni risma.Basterebbe mettere su una sezione di Best Practice per utonti (coi disegnini) su tutti i siti di tecnologia e avremmo già risolto molti problemi.
    • Tartina Velenosa scrive:
      Re: Hanno anche intercettato i cellulari
      Guarda che intercettano proprio gli sms, quindi anche il cellulare della nonna, anzi specialmente quello visto che l'ss7 è particolarmente usato sulle reti 2f e 3g...mi sembra che l'utonto sia proprio tu...
  • umby scrive:
    Si, peró...
    http://www.leggo.it/tecnologia/news/roma_agganciano_facebook_svuotano_conto_on_line-1631728.html... anche questo é bello !!!
    • xte scrive:
      Re: Si, peró...
      Mh, dalle mie parti o ci lavori o nessuno ti fa un duplicato della SIM (ovvero cancella la vecchia, altrimenti dicesi SIM clonata, e nel caso devi lavorare proprio nel backoffice di una compagnia o aver le mani molto in pasta) senza un documento che corrisponda alla tua faccia e si verifichi e normalmente le bache han un'autenticazione a due fattori, quindi l'unico scenario possibile è che la banca in oggetto abbia come seconda autenticazione un codice via SMS e loro sian riusciti ad avere l'SMS, cosa che mi pare difficile da remoto.A parte ciò se anche arrivi all'internet bancking e fai un bonifico è un po' dura riscuotere senza farsi notare, puoi scegliere un paese di comodo ma o la vittima opera abitualmente su quel paese o la banca normalmente non autorizza attività extra-SEPA alla leggera e comunque non fa il bonifico immediatamente. Ricarichi una carta? Di nuovo sei tracciato. 'Somma mi pare una bufala...
      • umby scrive:
        Re: Si, peró...
        Lo pensavo anch';io, ma leggendo questi altri post...Mi pare realistico.http://www.finanzaonline.com/forum/banking-carte-di-credito-conti-deposito-e-correnti/1744410-truffatori-entrati-nel-conto-widiba.html
        • xte scrive:
          Re: Si, peró...
          Continuo a vederlo comunque come improbabile o come cavolata, non si deve mai sottovalutare la pirlitudine umana ma se è XXXXX chi si fa XXXXXXX credenziali in questo modo (che ancora non mi è comunque molto chiaro) è anche XXXXX chi si fa delle ricariche da un conto rubato: trattasi di operazioni allegramente tracciabili, finisce in galera in molto poco tempo o comunque non godi dei frutti della tua truffa che per poche ore...
          • 335258a1554 scrive:
            Re: Si, peró...
            Stavo commentando nell'altro thread e ho visto dopo questa conversazione, ma è proprio a tema.Puoi anche dubitare del fatto che siano veramente riuscit a clonare la SIM. Ma magari il giornalista non voleva scrivere che hanno trovato qualche vulnerabilità per intercettare le comunicazioni.Resettare le password una dopo l'altra richiede un po' di tempo, ma se lo fanno la sera tardi magari il proprietario ha lasciato il telefono incustodito e non nota il traffico che ci passa sopra.
          • 335258a1554 scrive:
            Re: Si, peró...
            Rapida ricerca su google (cercavo screen capture malware) e al terzo link:https://motherboard.vice.com/en_us/article/i-tracked-myself-with-dollar170-smartphone-spyware-that-anyone-can-buy
          • xte scrive:
            Re: Si, peró...
            Si, però oltre al link vai solo a googlare il "prodotto" linkato: - The software supports Android 4.0-6.0 systems - The SpyPhone has to be installed in the target phone, the one you want to "spy". You need to have a physical access the target mobile phone in order to install the software. Remote installation is not possible.Quale sarebbe allora lo spionaggio? Ti installo ssh (FOSS, supporta praticamente ogni os, assai più "fidato") e faccio anche di più. Mi vengono i mente le ads che giravano un tempo "spia qualsiasi telefono nell'UK"...
  • xte scrive:
    Mmm
    Le vulnerabilità nei protocolli di comunicazione sono by design per permettere l'intercettabilità: argomento spinoso poiché da un lato è enormemente utile contro il crimine in genere, dall'altro è un potente strumento per commettere crimini.SS7 si usa in tutto il mondo praticamente in ogni rete PSTN tradizionale, non è una "vulnerabilità specifica" di un qualche sistema di phone/internet banking tedesco...
    • 1f1d3d0137e scrive:
      Re: Mmm
      - Scritto da: xte
      Le vulnerabilità nei protocolli di comunicazione
      sono by design per permettere l'intercettabilità:
      argomento spinoso poiché da un lato è enormemente
      utile contro il crimine in genere, dall'altro è
      un potente strumento per commettere
      crimini.

      SS7 si usa in tutto il mondo praticamente in ogni
      rete PSTN tradizionale, non è una "vulnerabilità
      specifica" di un qualche sistema di
      phone/internet banking
      tedesco...In ogni caso affidarsi a questo protocollo per autorizzare transazioni finanziarie è un errore grave.Un generatore di codici come un token o il Chip Authentication Program è nettamente più sicuro.
      • xte scrive:
        Re: Mmm
        Per quanto mi riguarda il phone banking non dovrebbe proprio esistere e le vecchie soluzioni tipo i pos analogici manco, ma questo è un'altra storia...Il mondo evolve a velocità differenti e purtroppo più ci si allontana dal primato della tecnica per passare a quello dell'amministrazione più lenta e peggiore è l'evoluzione...
        • 335258a1554 scrive:
          Re: Mmm
          - Scritto da: xte
          Per quanto mi riguarda il phone banking non
          dovrebbe proprio esistere e le vecchie soluzioni
          tipo i pos analogici manco, ma questo è un'altra
          storia...

          Il mondo evolve a velocità differenti e purtroppo
          più ci si allontana dal primato della tecnica per
          passare a quello dell'amministrazione più lenta e
          peggiore è
          l'evoluzione...Purtroppo l'autorizzazione a due fattori viene usata anche per l'online banking.Quando vedo una banca italiana che dice che d'ora in poi è obbligatorio il codice ricevuto via SMS per autorizzare i bonifici e poi ti dice che non si può mandare il codice via mail perchè il sistema non funziona mi cadono le braccia.Ovviamente la maggior parte delle persone userà lo smartphone per ricevere l'SMS visto che hanno solo quello, quindi la banca li costringe a tenere sullo smartphone informazioni relative al loro conto corrente, non è tanto, ma abbastanza per mettere su un attacco di phishing.
          • xte scrive:
            Re: Mmm
            Che informazioni? Ricevi un sms dal numero di una banca, quindi si suppone tu sia cliente di essa. Il codice che ricevi è un'OTP quindi di nessuna utilità...Se poi usi l'app dedicata "per cetriol^H^H^H^H^H^H^H pagare in un tap", vabbé quello è un altro discorso e rientra nell'insieme di quelli che usan la data di nascita come password, che tengono il pin sul retro della carta o quello del cellulare in un pezzo di carta scotchato sulla cover, quelli che lascian le chiavi di casa nel sasso finto compranto da una nota catena di supermercati ecc...
          • 335258a1554 scrive:
            Re: Mmm
            - Scritto da: xte
            Che informazioni? Ricevi un sms dal numero di una
            banca, quindi si suppone tu sia cliente di essa.Per uno che mette un'app su uno store e pesca informazioni a caso da milioni di utenti questo è già qualcosa per partire con un tentativo di phishing.

            Se poi usi l'app dedicata "per
            cetriol^H^H^H^H^H^H^H pagare in un tap", vabbé
            quello è un altro discorso e rientra nell'insieme
            di quelli che usan la data di nascita come
            password,...Una banca ha milioni di clienti e statisticamente tra loro di quelli che si scrivono la password sul post it attaccato al telefono ce ne sono tanti.Solo che tu ci puoi fare le battute sopra una banca no, una banca si suppone sappia gestire le cose in maniera responsabile e deve prevedere le vulnerabilità a cui espone i clienti. Almeno questo è quello che si dice nel mondo dei sogni perchè gli incompetenti che gestiscono la banca hanno deciso che funzionerà cosi e hanno fatto partire il sistema.
          • xte scrive:
            Re: Mmm
            Il postit richiede cmq acXXXXX fisico al telefono, non lo "leggi" con la telecamera :-)Cmq sulle banche... Pensa al caso del bancoposta qualche anno fa (pasticcio dei saldi in vari conti correnti, bancomat che si fregavano soldi ecc) o quello del SanPaolo Imprese (login passwordless col solo id per alcuni giorni, sia pur impossibilità a realizzare operazioni dispositive senza token)... I "sistemisti" e "code monk^w^wsviluppatori" a cottimo ci sono anche li, sia pur non al livello descritto di questa "truffa"...Comunque vi sono norme varie a tema security e ad altre a tema "pecuniario" in caso di problemi e un utente XXXXX come quello descritto nei link non è coperto di sicuro :D'Somma, non son convinto, mica vuol dire che la notizia sia falsa, semplicemente non mi suona plausibile!
  • ... scrive:
    Hanno prosciugato SOLO conti tedeschi?
    Perchè allora è una bella notizia. 8)
  • nick..... nick scrive:
    Ma che faccia...
    Quarda te che faccia che ha quello dell'articolo (rotfl)
  • ... scrive:
    perche' "cyber-criminali"?
    guardate che questi Cavalieri Digitali" Sono solo degli imprenditori del web, fanno le stesse cose che fa l'onestissima NSA: aggirano protezioni, penetano sistemi, agiscono dietro le quint. Quindi perche' tanto astio nelle parole? Maruccia ancora una volta impreparato e di parte.
    • Hisashi scrive:
      Re: perche' "cyber-criminali"?

      Quindi perche' tanto astio nelle parole? Mah, forse perché sono dei DELINQUENTI che rubano ? Così, è un'ipotesi, eh...
      • ... scrive:
        Re: perche' "cyber-criminali"?
        - Scritto da: Hisashi

        Quindi perche' tanto astio nelle parole?

        Mah, forse perché sono dei DELINQUENTI che rubano
        ? Così, è un'ipotesi,
        eh...tipo i criminali di stato che rastrellano illegalmente miliardi di dati in tutto il mondo senza autorizzazione da parte degli interessati?l'informazione e' potere, il potere e' denaro. sottrarre l'uno o l'altro non fa differenza.
    • ..4 puntini scrive:
      Re: perche' "cyber-criminali"?
      - Scritto da: ...
      guardate che questi Cavalieri Digitali" Sono solo
      degli imprenditori del web, fanno le stesse cose
      che fa l'onestissima NSA: aggirano protezioni,
      penetano sistemi, agiscono dietro le quint.
      Quindi perche' tanto astio nelle parole? Maruccia
      ancora una volta impreparato e di
      parte.Ha , la NSA , rubato soldi ?Datti una risposta e vergognati della XXXXXXXta che hai scritto.
      • ... scrive:
        Re: perche' "cyber-criminali"?
        - Scritto da: ..4 puntini
        - Scritto da: ...

        guardate che questi Cavalieri Digitali" Sono
        solo

        degli imprenditori del web, fanno le stesse
        cose

        che fa l'onestissima NSA: aggirano
        protezioni,

        penetano sistemi, agiscono dietro le quint.

        Quindi perche' tanto astio nelle parole?
        Maruccia

        ancora una volta impreparato e di

        parte.

        Ha , la NSA , rubato soldi ?molto peggio: l'NSA ha arrecato danni per miliardi, e chi danneggia senza rimborsare e' come se rubasse. quindi si, lnsa ha rubato soldi, e nemmeno pochi spicci come i dilettanti tedeschi.Qui trovi tutti i dettagli.https://en.wikipedia.org/wiki/Stuxnet
        Datti una risposta e vergognati della XXXXXXXta
        che hai scritto.tu invece sfilati il cervello dal XXXX, dagli una bella lavata e vedi se c'e' qualche pezzo ancora sano, il resto dallo pure al cane.
        • ..4 puntini scrive:
          Re: perche' "cyber-criminali"?
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: ..4 puntini

          - Scritto da: ...


          guardate che questi Cavalieri Digitali"
          Sono

          solo


          degli imprenditori del web, fanno le stesse

          cose


          che fa l'onestissima NSA: aggirano

          protezioni,


          penetano sistemi, agiscono dietro le quint.


          Quindi perche' tanto astio nelle parole?

          Maruccia


          ancora una volta impreparato e di


          parte.



          Ha , la NSA , rubato soldi ?

          molto peggio: l'NSA ha arrecato danni per
          miliardi, e chi danneggia senza rimborsare e'
          come se rubasse. quindi si, lnsa ha rubato soldi,
          e nemmeno pochi spicci come i dilettanti
          tedeschi.

          Qui trovi tutti i dettagli.
          https://en.wikipedia.org/wiki/Stuxnet
          Dimostra che l'NSA ha rubato soldi dal conto bancario di un ignaro cittadino (Stuxnet in questo caso non c'entra un beneamato XXXXX di niente) o taci per sempre che ti stai rendendo solo ridicolo.
          • iRoby scrive:
            Re: perche' "cyber-criminali"?
            Ma se ti ha spiegato che li ha fatti perdere indirettamente i soldi...
          • ..4 puntini scrive:
            Re: perche' "cyber-criminali"?
            - Scritto da: iRoby
            Ma se ti ha spiegato che li ha fatti perdere
            indirettamente i
            soldi...E si che era scritta semplice , ma visto che non ci arrivo la riscrivo per tutti quelli al tuo livello."Ha , la NSA , rubato soldi da un conto corrente ?" Non ce ne frega un XXXXX dell'Iran e non hanno svuotato conto bancari di ignari cittadini iraniani. Non confondere il civile col militare.
          • xte scrive:
            Re: perche' "cyber-criminali"?
            Per esempio si dice abbian usato conti ed identità di vari narcos per finanziare operazioni (insieme o in concorrenza alla CIA) e arrivare ad altri narcos... Rubare a ladri o cmq criminali sempre rubare è o no?
          • iRoby scrive:
            Re: perche' "cyber-criminali"?
            Dovresti prima processarli e poi riconosciuti colpevoli, confiscare.
          • xte scrive:
            Re: perche' "cyber-criminali"?
            Ah beh, allora no, son tutti innocenti :-)Anche perché "un proXXXXX" non sarebbe diverso da aver denunciato e processato Hitler in Germania nel suo momento di maggior popolarità...
    • I lFuddaro scrive:
      Re: perche' "cyber-criminali"?
      - Scritto da: ...
      guardate che questi Cavalieri Digitali" Sono solo
      degli imprenditori del web, fanno le stesse cose
      che fa l'onestissima NSA: aggirano protezioni,
      penetano sistemi, agiscono dietro le quint.
      Quindi perche' tanto astio nelle parole? Maruccia
      ancora una volta impreparato e di
      parte.Devo sempre farti la scuola caro tre puntini! E non parlo della grammatica tanto cara a voi professorini, ma parlo di scuola di vita.Se tu oppure io stesso 'forzo' una persona oppure una società a darmi qualcosa oppure dei soldi, beh, allora quello si chiama ESTORSIONE!E i primi che puntano il dito sono persone che fanno parte del famoso 'popolino'. Mentre se per caso quei soldi li 'estorcessero' una società od una persona 'rispettabile' tipo un politicante, beh allora quello è il famoso SISTEMA, e il popolino in primis, ci fa credere che è tutto limpido e legale. Certo è il sistema!E poi stiamo sempre a puntare i soliti noti ma mai noi stessi.Buona giornata ... puntini. o)
    • Risposta al commento scrive:
      Re: perche' "cyber-criminali"?
      Infatti notoriamente l'NSA entra nel computer e procede a prosciugare il conto in banca di cittadini a caso. (rotfl)
      • Il Fuddaro scrive:
        Re: perche' "cyber-criminali"?
        - Scritto da: Risposta al commento
        Infatti notoriamente l'NSA entra nel computer e
        procede a prosciugare il conto in banca di
        cittadini a caso.
        (rotfl)Controrisposta al tuo commento.Certo perché tu sai effettivamente le XXXXXte che fanno i dipendenti della citata agenzia vero? Allora raccontaci cosa farebbero nella realtà quei santerelli, che stalkeravano le loro ex fidanzate, non rubavano soldi ma disatruggevano la vita REALE del 'poveraccio' preso di mira con distruzzione anche della vita economica delle stesse, ma giustamente noi non sappiamo un ciufolo, quindi raccontacelo tu per favore. :O
        • Risposta al commento scrive:
          Re: perche' "cyber-criminali"?
          [img]http://m.memegen.com/8hs6ko.jpg[/img]
        • Ma va scrive:
          Re: perche' "cyber-criminali"?
          , quindi raccontacelo tu per favore.
          :OIo ascolto volentieri entrambe le versioni, tu cosa ci racconti? Ma soprattutto, se un poliziotto commette un reato abusando della sua posizione, tutti i poliziotti sono criminali?
          • ... scrive:
            Re: perche' "cyber-criminali"?
            - Scritto da: Ma va
            , quindi raccontacelo tu per favore.

            :O

            Io ascolto volentieri entrambe le versioni, tu
            cosa ci racconti?Ovviamente nulla, come sempre. Appena gli si chiede di scrivere qualcosa di sensato o portare esempi concreti smette di scrivere.
        • ..4 puntini scrive:
          Re: perche' "cyber-criminali"?
          - Scritto da: Il Fuddaro
          - Scritto da: Risposta al commento

          Infatti notoriamente l'NSA entra nel computer e

          procede a prosciugare il conto in banca di

          cittadini a caso.

          (rotfl)

          Controrisposta al tuo commento.

          Certo perché tu sai effettivamente le XXXXXte che
          fanno i dipendenti della citata agenzia vero?
          Allora raccontaci cosa farebbero nella realtà
          quei santerelli, che stalkeravano le loro ex
          fidanzate, non rubavano soldi ma disatruggevano
          la vita REALE del 'poveraccio' preso di mira con
          distruzzione anche della vita economica delle
          stesse, ma giustamente noi non sappiamo un
          ciufolo, quindi raccontacelo tu per favore.
          :O"Ciao Marta , eccoti il cd che ti avevo promesso con le nostre foto"Difficile ?
  • e27a4ae9459 scrive:
    semplice soluzione
    L'autenticazione via telefono deve essere rimpiazzata. E' e sempre sarà insicura.https://en.wikipedia.org/wiki/Chip_Authentication_Program
  • panda rossa scrive:
    Si fa presto a incolpare i provider
    Si fa presto a incolpare i provider, quando invece la causa prima e' scritta tra le righe dell'articolo: Prima, però, i cyber-criminali si sono curati di infettare i PC delle suddette vittime con malware capaci di rubare le credenziali di acXXXXX ai conti bancari. Ora, per infettare il client di una vittima occorrono due cose:1) la vittima e' un utonto2) la vittima usa winsozz(Spesso e volentieri le due cose coincidono)Nessun utente skillato e nessun utente con linux e' stato vittima del malware che ha sottratto le credenziali.Altro che SS7 e providers.
    • ... scrive:
      Re: Si fa presto a incolpare i provider
      Ma non bastava un buon antivirus? (rotfl)[img]http://media.tenor.co/images/2b8fbc909fc56592183692fabc3fcbf7/tenor.gif[/img]
    • Hisashi scrive:
      Re: Si fa presto a incolpare i provider
      - Scritto da: panda rossa
      Nessun utente skillato e nessun utente con linux
      e' stato vittima del malware che ha sottratto le
      credenziali.Nessun utente skillato con linux ha mai subito del malware (comunque, tutto da dimostrare) soprattutto perché dei quattro gatti che usano Linux non frega una cippa a nessuno. Nel momento in cui l'utenza supera il 30-40%, vedrai come fioccano virus e malware...
      • panda rossa scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        - Scritto da: Hisashi
        - Scritto da: panda rossa

        Nessun utente skillato e nessun utente con linux

        e' stato vittima del malware che ha sottratto le

        credenziali.

        Nessun utente skillato con linux ha mai subito
        del malware (comunque, tutto da dimostrare)
        soprattutto perché dei quattro gatti che usano
        Linux non frega una cippa a nessuno.Disse la volpe all'uva!
        Nel momento
        in cui l'utenza supera il 30-40%, vedrai come
        fioccano virus e
        malware...Nel momento in cui l'utenza superera' il 30-40% vorra' dire che l'umanita' ha raggiunto una consapevolezza tecnologica tale da poter neutralizzare questi malfattori!
        • ..4 puntini scrive:
          Re: Si fa presto a incolpare i provider
          - Scritto da: panda rossa
          Nel momento in cui l'utenza superera' il 30-40%
          vorra' dire che l'umanita' ha raggiunto una
          consapevolezza tecnologica tale da poter
          neutralizzare questi
          malfattori!Android dimostra esattamente il contrario.
          • Il Fuddaro scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: ..4 puntini
            - Scritto da: panda rossa

            Nel momento in cui l'utenza superera' il
            30-40%

            vorra' dire che l'umanita' ha raggiunto una

            consapevolezza tecnologica tale da poter

            neutralizzare questi

            malfattori!

            Android dimostra esattamente il contrario.Infatti ha la stessa accozzaglia, messa su di un kernel linux che fa quasi se non uguale accozzaglia windows!Ma i rosiconi non vogliono caXXXXX questa differenza vero?
          • ... scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: Il Fuddaro
            Ma i rosiconi non vogliono caXXXXX questa
            differenzaQuindi rosica tranquillo che nessuno ti disturberà
          • 3punti e mezzo scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: Il Fuddaro
            - Scritto da: ..4 puntini

            - Scritto da: panda rossa


            Nel momento in cui l'utenza superera' il

            30-40%


            vorra' dire che l'umanita' ha raggiunto una


            consapevolezza tecnologica tale da poter


            neutralizzare questi


            malfattori!



            Android dimostra esattamente il contrario.

            Infatti ha la stessa accozzaglia, messa su di un
            kernel linux che fa quasi se non uguale
            accozzaglia
            windows!

            Ma i rosiconi non vogliono caXXXXX questa
            differenza
            vero?Mi dici cosa co puoi fare con un kernel linux senza nessuna accozzaglia sopra?
          • Ma va scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider

            Mi dici cosa co puoi fare con un kernel linux
            senza nessuna accozzaglia
            sopra?Può compilarlo
          • grizzo scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            Ahahaha
          • ... scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: Ma va

            Mi dici cosa co puoi fare con un kernel linux

            senza nessuna accozzaglia

            sopra?

            Può compilarlo+1
          • ... scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: 3punti e mezzo
            - Scritto da: Il Fuddaro

            - Scritto da: ..4 puntini


            - Scritto da: panda rossa



            Nel momento in cui l'utenza
            superera'
            il


            30-40%



            vorra' dire che l'umanita' ha
            raggiunto
            una



            consapevolezza tecnologica tale da
            poter



            neutralizzare questi



            malfattori!





            Android dimostra esattamente il
            contrario.



            Infatti ha la stessa accozzaglia, messa su
            di
            un

            kernel linux che fa quasi se non uguale

            accozzaglia

            windows!



            Ma i rosiconi non vogliono caXXXXX questa

            differenza

            vero?
            Mi dici cosa co puoi fare con un kernel linux
            senza nessuna accozzaglia
            sopra?in bel firewall con iptables?
          • 3punti e mezzo scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: ...
            in bel firewall con iptables?Ok grazie, pensavo a qualcosa di più interattivo e utile per l'utente finale sai, tipo quello che dovrebe usare l'homebanking
          • panda rossa scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: 3punti e mezzo
            - Scritto da: ...


            in bel firewall con iptables?

            Ok grazie, pensavo a qualcosa di più interattivo
            e utile per l'utente finale sai, tipo quello che
            dovrebe usare
            l'homebankingPuoi sempre andare a chiedere sul forum di punto-utontoignorante.itQui si parla di iptables, e se tu fai parte dei fessi che si sono fatti babbare il conto corrente, peggio per te.
          • 3punti e mezzo scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 3punti e mezzo

            - Scritto da: ...




            in bel firewall con iptables?



            Ok grazie, pensavo a qualcosa di più
            interattivo

            e utile per l'utente finale sai, tipo quello
            che

            dovrebe usare

            l'homebanking

            Puoi sempre andare a chiedere sul forum di
            punto-utontoignorante.it

            Qui si parla di iptables, e se tu fai parte dei
            fessi che si sono fatti babbare il conto
            corrente, peggio per
            te.Nervosetto oggi vedo. Non è che sei tu uno di quelli a cui hanno piallato il conto invece?Di iptables ha parlato solo ... rispondendo ad una mia domanda quindi se hai da aggiungere a "cosa puoi fare con il solo kernel linux" (e aggiungo anche "realtivamente all'uso di homebanking" per chiarificare meglio lo scope della domanda) bene, altrimenit non fai altro che aumentare il rumore
          • panda rossa scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: 3punti e mezzo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: 3punti e mezzo


            - Scritto da: ...






            in bel firewall con iptables?





            Ok grazie, pensavo a qualcosa di più

            interattivo


            e utile per l'utente finale sai, tipo
            quello

            che


            dovrebe usare


            l'homebanking



            Puoi sempre andare a chiedere sul forum di

            punto-utontoignorante.it



            Qui si parla di iptables, e se tu fai parte
            dei

            fessi che si sono fatti babbare il conto

            corrente, peggio per

            te.

            Nervosetto oggi vedo. Non è che sei tu uno di
            quelli a cui hanno piallato il conto
            invece?Ti piacerebbe pensarlo, ma caschi male.Io potrei invece essere uno di quelli che ha ripulito il tuo.
            Di iptables ha parlato solo ... rispondendo ad
            una mia domandaE tu, invece di colmare la tua ignoranza ti sei messo a denigrare qualcosa che ti rifiuti di voler capire.
            quindi se hai da aggiungere a
            "cosa puoi fare con il solo kernel linux" (e
            aggiungo anche "realtivamente all'uso di
            homebanking" per chiarificare meglio lo scope
            della domanda) bene, altrimenit non fai altro che
            aumentare il
            rumoreSi puo' fare di tutto con il solo kernel linux: ci hanno fatto GNU/Linux per esempio, e tutto quello che ne consegue.
          • 3punti e mezzo scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: panda rossa
            Ti piacerebbe pensarlo, ma caschi male.
            Io potrei invece essere uno di quelli che ha
            ripulito il
            tuo.No, tutto a posto

            Di iptables ha parlato solo ... rispondendo
            ad

            una mia domanda

            E tu, invece di colmare la tua ignoranza ti sei
            messo a denigrare qualcosa che ti rifiuti di
            voler
            capire.Che diavolo stai dicendo? Dimmi dove e cosa ho denigrato

            quindi se hai da aggiungere a

            "cosa puoi fare con il solo kernel linux" (e

            aggiungo anche "realtivamente all'uso di

            homebanking" per chiarificare meglio lo scope

            della domanda) bene, altrimenit non fai
            altro
            che

            aumentare il

            rumore

            Si puo' fare di tutto con il solo kernel linux:
            ci hanno fatto GNU/Linux per esempio, e tutto
            quello che ne
            consegue.Ripeto la domanda, è molto semplice:Con il SOLO kernel linux e niente di più, as is, può l'utente comune (per capirci, quello che usa windows e che dovrebbe "usare linux" per stare al sicuro) andare sul sito di homebanking? risposte possibili si, no
          • ..4 puntini scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: panda rossa

            Ti piacerebbe pensarlo, ma caschi male.
            Io potrei invece essere uno di quelli che ha
            ripulito il
            tuo.
            L'unica cosa che potresti ripulire tu é l'ingresso delle sala macchine.
          • 4punteggi scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: panda rossa
            Puoi sempre andare a chiedere sul forum
            di punto-utontoignorante.itEd ecco a voi il solito grillino senza argomenti punto sul nervo
            fessi che si sono fatti babbare il conto
            corrente, peggio per te.Hai hai, troppa umidità in cantina
            Ti piacerebbe pensarlo, ma caschi male.
            Io potrei invece essere uno di quelli che ha
            ripulito il tuo.Sedere? ah, quindi alla fine si è scoperto il tuo lavoro, fai il badante ma nondi server di incontinenti ...
            Si puo' fare di tutto con il solo kernel linux:
            ci hanno fatto GNU/Linux per esempio, e tutto
            quello che ne consegue.Cioè niente ... come al solito nelle tue risposte, c'è la fuffa, ma tolta quella ... vuoto pneumatico
          • ... scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: panda rossa
            Si puo' fare di tutto con il solo kernel linux:
            ci hanno fatto GNU/Linux per esempio, e tutto
            quello che ne consegue.Compreso farci girare virus ... hai ragione ci si può far di tuttoMa allora è un portento, quasi meglio di quella ciofeca di win (rotfl)
          • ..4 puntini scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: panda rossa
            Qui si parla di iptables, e se tu fai parte dei
            fessi che si sono fatti babbare il conto
            corrente, peggio per
            te.Qui si fa cosa ??? (rotfl)(rotfl)(rotfl)Quindi se io scrivo ... "neutrino" ... qui si parla fisica subatomica ? Ma vai a nasconderti va.
          • Shiba scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: ..4 puntini
            - Scritto da: panda rossa

            Nel momento in cui l'utenza superera' il
            30-40%

            vorra' dire che l'umanita' ha raggiunto una

            consapevolezza tecnologica tale da poter

            neutralizzare questi malfattori!

            Android dimostra esattamente il contrario.E questa è l'opzione due, quella che nessuno mai considera e per cui mi danno del talebano quando dico che voglio Linux (GNU/Linux, prima che ricominci il solito meme dei perdigiorno) fermo sotto il 5%: adattare il sistema alla mediocrità dell'utenza comune.
        • ... scrive:
          Re: Si fa presto a incolpare i provider
          - Scritto da: panda rossa
          Disse la volpe all'uva!Ti consideri una volpe?

          Nel momento in cui l'utenza superera' il 30-40%
          vorra' dire che l'umanita' ha raggiunto una
          consapevolezza tecnologica tale da poter
          neutralizzare questi malfattori!Puoi dimostrarlo? No? Ah scusa, era la tua solito commento scemo.Ok, tarnquillo, continua così, nel frattempo noi viviamo felici
          • ... scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider

            Ok, tarnquillo, continua così, nel frattempo noi
            viviamo
            feliciahahahahahahahahahahahahhahaahah
      • Il Fuddaro scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        - Scritto da: Hisashi
        - Scritto da: panda rossa

        Nessun utente skillato e nessun utente con linux

        e' stato vittima del malware che ha sottratto le

        credenziali.

        Nessun utente skillato con linux ha mai subito
        del malware (comunque, tutto da dimostrare)
        soprattutto perché dei quattro gatti che usano
        Linux non frega una cippa a nessuno. Nel momento
        in cui l'utenza supera il 30-40%, vedrai come
        fioccano virus e
        malware...Vedrai quando inizierai a CAPIRE che il funzionamento di un sistema Unix like e tanto diverso dalla cozzaglieria messa su windows, vedrai come capirai perché non può succedere!
      • ... scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        Infatti la microzzoz usa linux per i suoi server !!!
      • Shiba scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        - Scritto da: Hisashi
        - Scritto da: panda rossa

        Nessun utente skillato e nessun utente con linux

        e' stato vittima del malware che ha sottratto le

        credenziali.

        Nessun utente skillato con linux ha mai subito
        del malware (comunque, tutto da dimostrare)
        soprattutto perché dei quattro gatti che usano
        Linux non frega una cippa a nessuno. Nel momento
        in cui l'utenza supera il 30-40%, vedrai come
        fioccano virus e malware...L'utente skillato controlla ciò che installa, prima di averlo installato...
      • xte scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        Mh, la stragrande maggioranza dei server sono GNU/Linux e se controlli un server controlli moooolti "client" quindi boccio il tuo ragionamento. Invece ne propongo un altro: si attaccano i client perché più vulnerabili (quanti leggono i log dei loro desktop, o anche solo installano qualsiasi cosa che li tenga d'occhio spedendo qualche alert, per dire?) ed in particolare si attacca Windows, OSX, roba mobile, roba embedded ecc perché è la più vulnerabile. Anche i leoni quando puntan alle gazzelle prendono le più facili.
        • 3punti e mezzo scrive:
          Re: Si fa presto a incolpare i provider
          - Scritto da: xte
          Mh, la stragrande maggioranza dei server sono
          GNU/Linux e se controlli un server controlli
          moooolti "client" quindi boccio il tuo
          ragionamento. Invece ne propongo un altro: si
          attaccano i client perché più vulnerabili (quanti
          leggono i log dei loro desktop, o anche solo
          installano qualsiasi cosa che li tenga d'occhio
          spedendo qualche alert, per dire?) ed in
          particolare si attacca Windows, OSX, roba mobile,
          roba embedded ecc perché è la più vulnerabile.
          Anche i leoni quando puntan alle gazzelle
          prendono le più
          facili.Ti ricordo che la "roba mobile" e la "roba embedded" sono praticamente sinonimo di linux.Si attaccano i client perchè è infinitamente più probabile trovare un utente imbranato con in mano un client che un sysadmin imbranato su un server, sia per questione di preparazione tecnica, che di numeri in gioco. Fai che per 1 server ci sono 100 client, e che N server sono gestiti da 1 sysadmin mentre di solito è 1 client = 1 utente e fai presto a capire dove conviene buttare la rete, e questo indipendentemente dal sistema usato, perchè il beota che finisce nel phishing o installa qualsiasi cosa veda c'è dappertutto
          • xte scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            Yep, ma almeno ad oggi, con "concentrazioni variabili" in base all'OS e al dispositivo usato :-)
    • ..4 puntini scrive:
      Re: Si fa presto a incolpare i provider
      - Scritto da: panda rossa
      Si fa presto a incolpare i provider, quando
      invece la causa prima e' scritta tra le righe
      dell'articolo:

      <i
      Prima, però, i cyber-criminali si sono curati
      di infettare i PC delle suddette vittime con
      malware capaci di rubare le credenziali di
      acXXXXX ai conti bancari.
      </i


      Ora, per infettare il client di una vittima
      occorrono due
      cose:
      1) la vittima e' un utonto
      2) la vittima usa winsozz

      (Spesso e volentieri le due cose coincidono)

      Nessun utente skillato e nessun utente con linux
      e' stato vittima del malware che ha sottratto le
      credenziali.

      Altro che SS7 e providers.Oggi é uno di quei giorni per cui Android non fa parte della famiglia linux. Domani quando le statistiche confermeranno le percentuali di diffusione di Android .... é l'anno di Linux !!Sei patetico.
      • Il Fuddaro scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        - Scritto da: ..4 puntini
        - Scritto da: panda rossa

        Si fa presto a incolpare i provider, quando

        invece la causa prima e' scritta tra le righe

        dell'articolo:



        <i
        Prima, però, i cyber-criminali si
        sono
        curati

        di infettare i PC delle suddette vittime con

        malware capaci di rubare le credenziali di

        acXXXXX ai conti bancari.

        </i




        Ora, per infettare il client di una vittima

        occorrono due

        cose:

        1) la vittima e' un utonto

        2) la vittima usa winsozz



        (Spesso e volentieri le due cose coincidono)



        Nessun utente skillato e nessun utente con
        linux

        e' stato vittima del malware che ha
        sottratto
        le

        credenziali.



        Altro che SS7 e providers.

        Oggi é uno di quei giorni per cui Android non fa
        parte della famiglia linux.

        Domani quando le statistiche confermeranno le
        percentuali di diffusione di Android .... é
        l'anno di Linux
        !!
        Sei patetico.Se non avesse tutta l'accozzaglia descritta sopra, sarebbe linux sistema Unix-like, con tutta quella XXXXX, rimane qualcosa con sepolta sotto una marea di melma.Ma tu sei tre puntini quindi va bene. Di nuovo buona giornata.
      • panda rossa scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        - Scritto da: ..4 puntini
        - Scritto da: panda rossa

        Si fa presto a incolpare i provider, quando

        invece la causa prima e' scritta tra le righe

        dell'articolo:



        <i
        Prima, però, i cyber-criminali si
        sono
        curati

        di infettare i PC delle suddette vittime con

        malware capaci di rubare le credenziali di

        acXXXXX ai conti bancari.

        </i




        Ora, per infettare il client di una vittima

        occorrono due

        cose:

        1) la vittima e' un utonto

        2) la vittima usa winsozz



        (Spesso e volentieri le due cose coincidono)



        Nessun utente skillato e nessun utente con
        linux

        e' stato vittima del malware che ha
        sottratto
        le

        credenziali.



        Altro che SS7 e providers.

        Oggi é uno di quei giorni per cui Android non fa
        parte della famiglia linux.XXXXXXXmoscia rileggi l'articolo.Si parla di PC!
        • ..4 puntini scrive:
          Re: Si fa presto a incolpare i provider
          - Scritto da: panda rossa
          XXXXXXXmoscia rileggi l'articolo.
          Si parla di PC!XXXXXXX !! Ma sei proprio un tipo sveglissimo , te la devo anche spiegare o ci arrivi da solo ?PS: Se non altro android va molto veloce , circa 350 all'ora. Lascio a te scoprire di cosa si tratta.
          • ... scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: ..4 puntini
            XXXXXXX !! Ma sei proprio un tipo sveglissimo ,
            te la devo anche spiegare o ci arrivi da solo?Ci è arrivato ma non ammetterà mai di aver torto, nega come fa il suo capo
    • Ma va scrive:
      Re: Si fa presto a incolpare i provider

      Ora, per infettare il client di una vittima
      occorrono due
      cose:
      1) la vittima e' un utonto
      2) la vittima usa winsozz
      C'è anche da dire che gli attaccanti, che sono tecnicamente molto preparati, sono anch'essi utenti winsozz ma non utonti evidentemente. Lo possiamo affermare perché recenti studi hanno dimostrato che un utente linux non riesce neppure a creare un utente durante una installazione di windows 10, non conosce il sistema di Microsoft insomma, come è normale che sia dedicandosi ad altro.Adesso, appurato che il punto 2) tra attancanti e attaccati è comune, verrebbe da dire che l'unica differenza è appunto se uno ha un po' di cervello e capacità, ma questo farebbe cadere il castello di carte di qualche frustrato di di turno e non si può dire.
      • nick..... nick scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        - Scritto da: Ma va

        Ora, per infettare il client di una vittima

        occorrono due

        cose:

        1) la vittima e' un utonto

        2) la vittima usa winsozz



        C'è anche da dire che gli attaccanti, che sono
        tecnicamente molto preparati, sono anch'essi
        utenti winsozz ma non utonti evidentemente. Lo
        possiamo affermare perché recenti studi hanno
        dimostrato che un utente linux non riesce neppure
        a creare un utente durante una installazione di
        windows 10, non conosce il sistema di Microsoft
        insomma, come è normale che sia dedicandosi ad
        altro.
        Adesso, appurato che il punto 2) tra attancanti e
        attaccati è comune, verrebbe da dire che l'unica
        differenza è appunto se uno ha un po' di cervello
        e capacità, ma questo farebbe cadere il castello
        di carte di qualche frustrato di di turno e non
        si può
        dire.E te continui ancora nel cambiare nick, ma sei scemo?
    • FsF scrive:
      Re: Si fa presto a incolpare i provider
      - Scritto da: panda rossa
      Nessun utente skillato e nessun utente con linux
      e' stato vittima del malware che ha sottratto le
      credenziali.I'd just like to interject for a moment. What you're referring to as Linux, is in fact, GNU/Linux, or as I've recently taken to calling it, GNU plus Linux. Linux is not an operating system unto itself, but rather another free component of a fully functioning GNU system made useful by the GNU corelibs, shell utilities and vital system components comprising a full OS as defined by POSIX. Many computer users run a modified version of the GNU system every day, without realizing it. Through a peculiar turn of events, the version of GNU which is widely used today is often called "Linux", and many of its users are not aware that it is basically the GNU system, developed by the GNU Project. There really is a Linux, and these people are using it, but it is just a part of the system they use. Linux is the kernel: the program in the system that allocates the machine's resources to the other programs that you run. The kernel is an essential part of an operating system, but useless by itself; it can only function in the context of a complete operating system. Linux is normally used in combination with the GNU operating system: the whole system is basically GNU with Linux added, or GNU/Linux. All the so-called "Linux" distributions are really distributions of GNU/Linux.
      • Shiba scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        - Scritto da: FsF
        - Scritto da: panda rossa

        Nessun utente skillato e nessun utente con
        linux

        e' stato vittima del malware che ha
        sottratto
        le

        credenziali.

        I'd just like to interject for a moment. What
        you're referring to as Linux, is in fact,
        GNU/Linux, or as I've recently taken to calling
        it, GNU plus Linux. Linux is not an operating
        system unto itself, but rather another free
        component of a fully functioning GNU system made
        useful by the GNU corelibs, shell utilities and
        vital system components comprising a full OS as
        defined by POSIX.
        Many computer users run a modified version of
        the GNU system every day, without realizing it.
        Through a peculiar turn of events, the version of
        GNU which is widely used today is often called
        "Linux", and many of its users are not aware that
        it is basically the GNU system, developed by the
        GNU Project. There really is a Linux, and these
        people are using it, but it is just a part of the
        system they use.
        Linux is the kernel: the program in the
        system that allocates the machine's resources to
        the other programs that you run. The kernel is an
        essential part of an operating system, but
        useless by itself; it can only function in the
        context of a complete operating system. Linux is
        normally used in combination with the GNU
        operating system: the whole system is basically
        GNU with Linux added, or GNU/Linux. All the
        so-called "Linux" distributions are really
        distributions of GNU/Linux.[img]http://i.imgur.com/jAjPoEp.png[/img]Non ti preoccupare, entro domani ritorna su.
    • zeta beta scrive:
      Re: Si fa presto a incolpare i provider
      - Scritto da: panda rossa
      Si fa presto a incolpare i provider, quando
      invece la causa prima e' scritta tra le righe
      dell'articolo:

      <i
      Prima, però, i cyber-criminali si sono curati
      di infettare i PC delle suddette vittime con
      malware capaci di rubare le credenziali di
      acXXXXX ai conti bancari.
      </i


      Ora, per infettare il client di una vittima
      occorrono due
      cose:
      1) la vittima e' un utonto
      2) la vittima usa winsozz

      (Spesso e volentieri le due cose coincidono)

      Nessun utente skillato e nessun utente con linux
      e' stato vittima del malware che ha sottratto le
      credenziali.

      Altro che SS7 e providers.Leggi meglio: <i
      i criminali interessati hanno guadagnato l'acXXXXX interno a un provider di telecomunicazioni poco interessato a rispettare la legge, riuscendo quindi a intercettare i codici per l'autenticazione a doppio fattore mettendo sotto controllo i numeri cellulari delle vittime </i
      Forse questo provider usa server Linux:Vulnerabilità 2017: Windows 10: 68 Linux Kernel ( <u
      solo il kernel </u
      ): 269Saluti
      • simimimimim i simi hit monacom scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        Fonte:[img]https://farm8.static.flickr.com/7426/27301100924_c3772f5d2d_b.jpg[/img]
      • xte scrive:
        Re: Si fa presto a incolpare i provider
        Leggi però anche che permettono di fare quelle vulnerabilità: su Windows in genere la maggior parte si può usare da remoto ed avere un qualche acXXXXX, su GNU/Linux la maggior parte si può usare in locale e provocare qualche crash...Cmq nota anche l'evoluzione delle vulnerabilità nel tempo e i commit che l'han inserite :-)
        • zeta beta scrive:
          Re: Si fa presto a incolpare i provider
          - Scritto da: xte
          Leggi però anche che permettono di fare quelle
          vulnerabilità: su Windows in genere la maggior
          parte si può usare da remoto ed avere un qualche
          acXXXXX, su GNU/Linux la maggior parte si può
          usare in locale e provocare qualche
          crash...Balla colossale: la maggior parte delle vulnerabilità Linux Kernel riescono ad ottenere controllo remoto, sono rare quelle locali.Contale da te a mano, poi ne riparliamo.PS: il fanatismo rende ciechi.
          • xte scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            Mi linki un po' di vulnerabilità sfruttabili da remoto che non siano DOS?Perché a ben guardare gli advisor non ne trovo che rari esempi...Sul fanatismo siam d'accordo, infatti in genere mi documento come si deve.
          • zeta beta scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: xte
            Mi linki un po' di vulnerabilità sfruttabili da
            remoto che non siano
            DOS?Tanto per cominciare hai esordito dicendo: <i
            su GNU/Linux la maggior parte si può usare in locale e provocare qualche crash... </i
            il che è assolutamente falso visto che solo poche prevedono un acXXXXX locale.
            Perché a ben guardare gli advisor non ne trovo
            che rari
            esempi...Raro per te quanto è ? Su 269 vulnerabilità quanto ? Uno ? Due ? Dieci ?Se vuoi sapere quante e quali vai sul sito cve, ce ne sono ben 269 da sfogliare.

            Sul fanatismo siam d'accordo, infatti in genere
            mi documento come si
            deve.Allora vai sul sito cve.
          • xte scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            Ribadisco, puoi portare prove a sostegno di quanto affermi?Perché a leggere la usn, securityfocus ecc quel che affermi risulta falso...Ps potresti spiegarmi cos'è "il sito cve"? C'ho un piccolo dubbio...
          • zeta beta scrive:
            Re: Si fa presto a incolpare i provider
            - Scritto da: xte
            Ribadisco, puoi portare prove a sostegno di
            quanto
            affermi?Non è la prima volta che dici balle facendole passare per verità, piantala una volta per tutte.Sei tu che devi portare prove di quello che dici non gli altri.
            Perché a leggere la usn, securityfocus ecc quel
            che affermi risulta
            falso...Chissenefrega, c'è il sito che raccoglie la lista di tutte le vulnerabilità, se non lo conosci informati.
            Ps potresti spiegarmi cos'è "il sito cve"? C'ho
            un piccolo
            dubbio...Allora fattelo chiarire da qualcuno che ne sa e non intervenire dicendo cose false.
Chiudi i commenti