Il Bacio di Klimt è ora parte di un'opera d'arte NFT

Il Bacio di Klimt è ora parte di un'opera d'arte NFT

Tutti gli amanti dell'arte potrebbero possedere una parte de Il Bacio di Klimt in NFT grazie all'iniziativa "Dichiarazione d'amore digitale".
Tutti gli amanti dell'arte potrebbero possedere una parte de Il Bacio di Klimt in NFT grazie all'iniziativa "Dichiarazione d'amore digitale".

Belvedere di Vienna è il museo con la più importante e grande collezione al mondo di dipinti realizzati dal celebre pittore Gustav Klimt. In occasione della festa di San Valentino, per celebrare il giorno degli innamorati, ha deciso di realizzare un NFT del famoso dipinto Il Bacio di Klimt. Chiunque, amante dell’arte, grazie a questa iniziativa “Dichiarazione d’amore digitale” potrebbe possederne una parte.

Il Bacio di Klimt in 10.000 pezzi NFT

In pratica, il museo del Belvedere di Vienna, ha deciso di suddividere Il Bacio di Klimt in un’opera NTF di 10.000 pezzi singoli in token non fungibili. Si tratta di una copia digitale che celebra il famoso pittore nel Metaverso. Per ottenere questo risultato, la rappresentazione della coppia di amanti, realizzata agli inizi del XX secolo, è stata suddivisa in una griglia 100×100.

Il costo di ogni singolo NFT de Il Bacio di Klimt, in token non fungibili, è di circa 1.850 euro convertiti in ETH. Ecco come il museo del Belvedere ha annunciato questo speciale evento di vendita, proprio sul sito ufficiale:

Possiedi un NFT unico di The Kiss
Questo NFT drop va oltre la possibilità di possedere una frazione dell’immagine digitalizzata di The Kiss. Si tratta di creare una connessione personale con il capolavoro. Entrare a far parte di una comunità che sarà scritta nelle pagine della storia dell’arte e vista come una pioniera del metaverso.
Il drop esclusivo è limitato a 10.000 pezzi e ognuno è una parte unica dell’immagine ad alta risoluzione di The Kiss. Il costo di una NFT è stimato in 1.850 €, su ciascuna è impresso il numero e le sue coordinate distintive.

L’arte digitale non appassiona gli utenti

Pare però che questo evento non abbia raggiunto l’esito sperato. Infatti, stando ad alcune informazioni interne, il giorno del debutto era stato venduto poco meno del 20% dell’opera d’arte NFT. Molto probabilmente l’arte digitale non appassiona gli utenti legati al metaverso. Allo stesso modo, gli appassionati di arte sembrano non essere attualmente interessati al metaverso.

Wolfgang Bergmann, amministratore delegato del Belvedere, poco prima dell’evento NFT “Dichiarazione d’amore digitale“, realizzato in collaborazione con artéQ, aveva dichiarato:

Il numero molto ridotto di azioni per il mercato mondiale e il fatto che ogni pezzo sia unico è ciò che rende questi gettoni così preziosi.

Chissà se ci potrà essere un futuro più radioso per quest’opera d’arte NFT, come l’ha avuto e continua ad averlo la sua controparte reale, Il Bacio di Klimt.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 16 feb 2022
Link copiato negli appunti