Il caldo Natale di Windows Vista

Entro la fine dell'anno i tester potranno mettere le mani su una release che, anticipando il rilascio della Beta 2, sarà completa di tutte le caratteristiche che si troveranno nella versione finale
Entro la fine dell'anno i tester potranno mettere le mani su una release che, anticipando il rilascio della Beta 2, sarà completa di tutte le caratteristiche che si troveranno nella versione finale


Redmond (USA) – Windows Vista dovrebbe arrivare sugli scaffali fra meno di un anno e, in previsione dell’uscita, il suo team di sviluppo conta di rilasciarne una release funzionalmente completa entro la fine di questo mese. Ciò significa che nelle prossime settimane la lista delle funzionalità del nuovo Windows verrà “congelata”, e gli sviluppatori potranno dedicare il tempo rimanente – ovvero buona parte del 2006 – a limare il codice e sistemare i bug segnalati dai beta tester.

Se dunque la fisionomia di Vista è ormai definita, Microsoft non ha ancora stabilito una data di rilascio per la seconda beta. Gli osservatori sono tuttavia concordi nel collocarla all’inizio del prossimo anno: prima è assai improbabile, visto che il big di Redmond ha appena rinviato la distribuzione della terza Community Technology Preview (CTP), originariamente attesa per novembre, alle prossime settimane. Tali ritardi erano del resto già stati pronosticati da WindowsITpro alcune settimane fa: secondo il noto sito americano la Beta 2 non arriverà prima di febbraio, facendo eventualmente scivolare in avanti anche il debutto della release finale.

Ieri Microsoft, durante una conferenza stampa, ha tuttavia ribadito il proprio impegno a completare il testing di Windows Vista durante la seconda metà del 2006: il suo obiettivo, come si può ben immaginare, è quello di lanciare il prodotto sul mercato in tempo per le festività natalizie.

L’ ultima CTP di Windows Vista è stata distribuita da Microsoft poco dopo metà ottobre, mentre la prima beta risale alla fine di luglio. La CTP di novembre avrebbe dovuto essere la build 5259, consegnata da Microsoft ai propri tester la scorsa settimana. Alcuni problemi hanno però convinto il colosso a conferire lo status di CTP ad una delle prossime build: le indiscrezioni vedono come probabile candidata la 5270, che rispetto all’attuale 5259 include un nuovo modulo per il defrag, completa l’integrazione con Windows Defender , fornisce una funzione per il parental control e migliora le performance.

Amitabh Shrivastava, corporate vice president dello sviluppo di Windows, ha spiegato che la tempistica con cui Microsoft rilascerà la prossima versione beta di Vista riveste un’importanza inferiore rispetto al passato: il nuovo programma CTP, infatti, consente a Microsoft di ricevere il feedback dei clienti anche tra il rilascio di una beta e l’altra. La Beta 2 rimane tuttavia importante perché amplia in modo significativo il numero delle persone coinvolte nel testing di Windows Vista.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 11 2005
Link copiato negli appunti